Studio Scientifico: I Consumatori Abituali di Cannabis Rischiano Meno l'Obesità

Published :
Categories : Cannabis Blogla marijuana medica

Studio Scientifico: I Consumatori Abituali di Cannabis Rischiano Meno l'Obesità

Una nuova ricerca suggerisce che i consumatori di Cannabis sarebbero meno predisposti all'obesità, nonostante l'insaziabile natura della "fame chimica"!

Gli intenditori di Cannabis sono molto spesso ben informati in merito alle conseguenze del loro consumo e sono ben consci del fatto che gli effetti positivi di questa pianta sono maggiori dei possibili rischi e svantaggi. Venendo al dunque, alcuni studi scientifici di recente pubblicazione ci hanno fornito ulteriori informazioni circa la correlazione tra il consumo di marijuana e l'obesità.

Uno stile di vita salutare può contribuire ad una vita felice. Questo lo sappiamo tutti. Fumare quantità esorbitanti di cime di qualità superiore può farvi sentire, allo stesso tempo, nel giusto ma anche terribilmente in errore. I primi dubbi sull'impatto positivo sulla qualità della vostra vita ci arrivano molto spesso quando ci troviamo di fronte alla cassiera del supermarket con una trentina di cibi spazzatura di cui sentiamo terribilmente di aver bisogno: la Cannabis provoca "fame chimica", questo è il vero problema.

Stando ai risultati di uno studio scientifico, condotto dai ricercatori del Quebec University Health Centers, i consumatori di Cannabis corrono, statisticamente, meno rischi di incorrere nell'obesità rispetto a chi non fuma marijuana. L'obesità, tristemente, è uno dei problemi di salute più diffusi in molti paesi di tutto il mondo. Stoner, consumatori abituali di marijuana e amanti dell'erba coltivata in casa, potete tirare un sospiro di sollievo: le statistiche sembrerebbero escluderci da questo tipo di problema.

I ricercatori del Quebec University Health Center hanno diffuso alcuni dati certi ed affidabili: hanno monitorato 700 adulti di età compresa fra i 18 e i 74 anni, analizzando il legame tra il consumo di Cannabis e l'indice di massa corporea, oltre a diversi altri indicatori. I soggetti che non erano soliti integrare dieta ed abitudini con la Cannabis, hanno manifestato un IMC (Indice di Massa Corporea) di 28,6. Noi, invece, letargici consumatori di Cannabis, abbiamo un IMC medio di 26,8. Un IMC sano deve rientrare fra il 18,5 e il 24,9, quindi qualcuno di noi deve perdere un po' di grasso!

obesita cannabis

Gli scienziati canadesi hanno pubblicato i loro risultati sul Journal Of Obesity (Rivista sull'Obesità): "Durante questa indagine a campione condotta su un ampio gruppo di adulti, sia avvezzi al consumo di sostanze che all'obesità, è emerso come il consumo di Cannabis negli ultimi anni sia associabile ad un IMC inferiore, con minori percentuali di massa grassa, insulinemia a digiuno e valori HOMA-IR (insulino resistenza) inferiori".

Altri studi sembrerebbero confermare quanto sin qui detto. I canoni per l'interpretazione di questi risultati scientifici sono condivisi e comprensibili per tutti i lettori dell'articolo in questione. Probabilmente non è affatto una buona idea consumare Cannabis senza sosta e mangiare qualsiasi tipo di cibo spazzatura possiamo acquistare: questa ricerca non afferma che la Cannabis prevenga l'obesità, ma ipotizza che i consumatori di Cannabis, tutto sommato, potrebbero essere nel giusto!

"Sarei sorpreso se il consumo di Cannabis venisse associato ad un grado maggiore di attività fisica", ha dichiarato uno dei ricercatori di questo studio, Yann Le Strat.

Allora cerchiamo di sorprendere questo ragazzo e tutti quelli che ci circondano!

Rollate qualche bella cima a predominanza Sativa in uno spinello ben fatto, e portatevela dietro in un viaggio alla scoperta del MONDO. Scalate le vette delle montagne, fate snowboard, o imparate a cavalcare le onde dell'oceano. Trascorrete del tempo in mezzo alla natura e scoprite la realtà e le persone che vi circondano. Tutto ciò è molto divertente e salutare.

Secondo un altro studio, pubblicato di recente dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l'alcool è responsabile del 5,9% dei decessi in tutto il pianeta. L'AIDS è responsabile del 2,7% e la tubercolosi dell'1,7%. Alcuni di noi sanno che alla marijuana non è direttamente imputabile anche un solo caso di mortalità.

Sarà molto interessante tenere sotto stretto controllo gli sviluppi politici in Europa, per vedere quali partiti e che politici cominceranno a prendere per primi seriamente in considerazione i fatti, quando il dibattito sulla legalizzazione di questa pianta prenderà il volo. Provate a approfondire il discorso politico, o parlatene con amici e parenti, per rendervi conto se il proibizionismo della Cannabis possa far parte della realtà del XXI secolo.

Ora non vi resta che uscire a fare una passeggiata, mantenervi in salute e, ancora più importante, godervi la VOSTRA vita!