Una Guida alle Ultime Settimane di Fioritura della Cannabis

X

Indice:

Dopo settimane di crescente eccitazione, il momento tanto atteso del raccolto è finalmente a portata di mano. Le piante si sono mosse rapidamente durante le prime tre settimane di fioritura, subendo una vera trasformazione. I pistilli bianchi si stanno ingrandendo e i fiori ti stanno ti stanno già facendo venire l’acquolina in bocca.

Dopo aver fiorito per circa cinque settimane, sulle tue piante ci sono adesso solide infiorescenze che gocciolano cannabinoidi. Ora sono ancora in via di sviluppo, ma la maggior parte della loro crescita è già alle spalle. Le tue piante fiorite dovrebbero essere ancora belle verdi poiché stanno pompando al massimo la loro produzione di THC. Anche le foglie intorno ai fiori stanno diventando più appiccicose, e i loro numerosi tricomi ricchi di THC saranno poi utilizzati per creare una bella palla di hashish.

Dato che il raccolto è proprio dietro l'angolo, è bene evitare che le foglie a ventaglio vengano tagliate e gettate via, poiché contengono anch'esse THC e possono essere utilizzate in seguito per produrre hash o kief. Maggiori informazioni nella nostra sezione dedicata al raccolto.

UTILIZZO DI BOOSTER DELLA FIORITURA

Finché ti sei preso cura delle tue piante, annaffiandole bene e non somministrando loro troppi nutrienti, la sola vista del tuo giardino dovrebbe essere già sufficiente per far venire l'acquolina in bocca. Non importa se stai coltivando indoor usando una lampada da coltivazione, o all'aperto sotto il sole: tantissime ghiandole di resina in tutta la tua pianta brillano mentre danzano nella luce.

Le piante di cannabis in fiore hanno maggiori esigenze di fosforo e potassio, quindi vale la pena dare loro PK 13/14 come ulteriore stimolazione per lo sviluppo dei fiori. Queste sostanze si trovano già in ogni mix nutritivo di base, ma in quantità inferiori. Con un’aggiunta di PK 13/14 puoi ottenere fiori più densi e compatti. Se sei nuovo alla coltivazione, può essere utile iniziare solo con i nutrienti per la cannabis di base contenenti NPK (azoto, fosforo e potassio), oltre ad un additivo PK 13/14 per la fioritura e uno stimolatore delle radici.

Con questi prodotti basilari, sarai in grado di coltivare puntando ad un grande raccolto. Se le tue piante sono sane, puoi anche usare una serie di altri prodotti, come uno stimolatore di fioritura e degli enzimi. Se le tue piante sono in difficoltà, non ha invece molto senso aggiungere questi prodotti, spesso costosi, in quanto possono aiutare solo se tutto il resto procede senza problemi. Dato che i nuovi arrivati tendono sempre a commettere errori, con ogni probabilità questi prodotti saranno eccessivi e non realmente necessari.

Gli enzimi si occupano di ridurre l'accumulo di sale nel terreno che può derivare da un eccesso di nutrienti. Dopo aver usato la stessa bottiglia di nutrienti per un po' di tempo, potresti notare un deposito bianco e cristallino. Questi sono gli stessi sali che si accumulano nel corso del tempo anche nel tuo vaso. Se coltivi con nutrienti organici, puoi ridurre l'accumulo dei sali poiché questi nutrienti ne contengono livelli notevolmente inferiori rispetto ai fertilizzanti minerali.

I BOOSTER DELLA FIORITURA: PRO E CONTRO

Pro

  • Possono favorire lo sviluppo dei fiori
  • Possono massimizzare la resa
  • Possono migliorare la potenza e il sapore

Contro

  • Non molto utili per i principianti
  • Non necessari se stai già utilizzando buoni nutrienti di base per la cannabis
  • Possono aumentare la possibilità di sovralimentazione
  • Aumentano i costi

CALCOLO DEL PERIODO DI FIORITURA IN BASE ALLA DIMENSIONE DEL VASO

La dimensione ideale del vaso dipenderà da quante piante stai coltivando e dal numero di settimane di fase vegetativa che dai loro. Questi due fattori sono spesso collegati: se hai un numero maggiore di piante da mettere in una piccola stanza, allora devi usare vasi più piccoli e dare alle piante meno tempo di crescita. Ad esempio, se hai 16 piante in un metro quadrato e dai loro un periodo di vegetazione tra 5 e 9 giorni, le piante saranno felici con vasi da 5 litri.

Se dovessi ridurre quel numero a 10 piante e consentire loro un periodo di crescita un po' più lungo fra 10 e 14 giorni, allora le piante avranno bisogno di vasi da 7–11 litri. Meno piante coltivi, più grandi sono i vasi che puoi usare e più tempo puoi dedicare alla crescita. In definitiva, i rendimenti saranno più o meno simili qualsiasi metodo tu usi. L'unica differenza sta nella quantità di tempo necessaria per raggiungere il raccolto.

Qualcuno con 16 piante che hanno tutte un tempo di fioritura di 8 settimane avrà bisogno di circa due mesi e cinque giorni dall'inizio alla fine.

Se hai 10 piante, ci vorranno circa due mesi e due settimane. In altre parole, ci vorrà più tempo per ottenere la stessa resa. I coltivatori commerciali, in particolare, ritengono importante riuscire a raccogliere nel minor tempo possibile. Ecco perché spesso stipano 20 piante in un metro quadrato e danno loro solo 1–3 giorni per la fase vegetativa, a seconda del substrato che stanno usando. In questo modo possono raccogliere ogni due mesi se usano una varietà che fa tutto il lavoro in 8 settimane. In generale, le piante con una maggiore influenza sativa impiegano più tempo a fiorire rispetto a quelle dominate dai geni indica.

La tua selezione di semi di cannabis potrebbe essere guidata dal tempo di fioritura richiesto, oltre che da altri fattori come il gusto o l’effetto. Se preferisci un effetto più energizzante piuttosto che sedativo, probabilmente vorrai un incrocio a dominanza sativa che impiega un po' più di tempo a fiorire, in genere tra le 8 e le 12 settimane. Anche in questo caso però non dimenticare che ogni pianta è unica: ci possono sempre essere esemplari a fioritura precoce, a fioritura medio-lunga e a fioritura tardiva all’interno della tua coltivazione di cannabis, anche della stessa varietà e stessi semi.

Se leggi da qualche parte che una particolare varietà è “molto uniforme”, ciò significa che ci sarà poca differenza nel tempo di raccolta tra lo stesso lotto. In questo caso puoi aspettarti che l'80% delle piante sia pronto nello stesso momento. Ma ci sono anche ceppi con meno uniformità e maggiori differenze nel tempo di fioritura. Dovresti tener conto anche di questo quando scegli una particolare varietà di cannabis.

CONTROLLO DEL CLIMA

Le piante di cannabis in fiore richiedono un insieme specifico di condizioni climatiche per vivere bene. Indipendentemente dallo stadio di vita, la cannabis ha bisogno di una buona ventilazione per garantire che resti sana e robusta. In termini di umidità, le piante in fiore hanno bisogno di molta meno umidità nell'aria rispetto alle plantule e alle piante nella prima fase vegetativa.

UMIDITÀ IDEALE

Per la fase di fioritura dovresti puntare ad un'umidità relativa di circa il 40–55%. Il modo più semplice per raggiungere questo obiettivo senza un umidificatore è collegare un dimmer alle ventole di estrazione dell’aria. Con un dimmer, puoi variare la velocità dell'estrazione dell'aria e quindi influenzare il clima nella tua grow room. Inoltre, un estrattore senza potenziometro funziona sempre alla massima velocità anche se non è necessario. Questo non solo sprecherà elettricità, ma creerà anche più rumore del necessario.

Con un semplice dimmer, puoi impostare l’estrattore in modo che aspiri meno aria umida durante le prime settimane di crescita vegetativa, in modo che le tue giovani piante si sviluppino più rapidamente. Non appena le piante diventano più grandi, puoi lasciare che la ventola faccia un po' più di lavoro poiché ora iniziano a produrre più umidità. Infine, una volta che le tue piante sono in piena fioritura, intorno alla quarta settimana di fioritura, dovresti assicurarti che non ricevano più del 50–55% di umidità relativa.

CONTROLLO DELLA MUFFA

Un'umidità troppo elevata nelle ultime settimane di crescita vegetativa può portare allo sviluppo di muffe e funghi sui fiori. Questo perché l'umidità rimane intrappolata all'interno, creando un terreno fertile ideale per una serie di agenti patogeni. Vale la pena notare che i ceppi che sviluppano gemme particolarmente compatte hanno un rischio maggiore di sviluppare muffe rispetto a quelli con una struttura più ariosa.

Se hai individuato la muffa su un fiore puoi considerarlo perso poiché la muffa ha provocato il caos all'interno prima che diventasse visibile all'esterno. Quando hai un fiore ben sviluppato e vedi una strana foglia di colore giallo che sporge dal centro, è meglio tirarla fuori con attenzione. Se la foglia si libera facilmente è probabile che il fiore sia infetto. Assicurati quindi di avere un buon flusso d'aria intorno alle tue piante nelle ultime settimane di fioritura. In caso di dubbio, investi in un deumidificatore.

VENTILAZIONE

A parte il livello di umidità, in generale l'aria in movimento fa una grande differenza sulla salute delle tue piante. I sistemi di estrazione dell’aria e i ventilatori non solo assicurano la rimozione dell'aria calda e umida, ma possono anche garantire che l'aria fresca e ricca di CO₂ venga continuamente aspirata nello spazio di coltivazione. Le piante hanno bisogno di quest’aria fresca per continuare a crescere e fiorire ad un ritmo ottimale. Se coltivi in un armadio o in un grow box potresti non avere nemmeno spazio per un ventilatore, ma puoi almeno tenere l’apertura socchiusa per consentire un più rapido ricambio d'aria.

Con un estrattore collegato a un dimmer, puoi gestire molto meglio le condizioni ambientali nella tua grow room, ottenendo rese più elevate e un raccolto di migliore qualità.

Ventilazione

SUGGERIMENTI PER MANTENERE BASSO IL RUMORE

Se stai coltivando indoor, il rumore proveniente dalle ventole di estrazione potrebbe essere un problema, ma non preoccuparti: ci sono molti modi per ridurlo. Come già accennato, la prima cosa che puoi fare è usare un dimmer per controllare la velocità (e quindi il rumore) dei tuoi ventilatori. Ridurla semplicemente al 75–80% può fare una grande differenza.

Ciò significa anche che è sempre meglio usare una ventola con una capacità leggermente superiore rispetto a una con bassa potenza. Se hai un estrattore di grandi dimensioni puoi semplicemente abbassarlo a metà della velocità in modo da non fare molto rumore. Se questo non aiuta, puoi anche provare a mettere i tuoi estrattori d’aria in una scatola isolata. Anche collegare un tubo alla ventola può fare una grande differenza poiché il suono non viene immediatamente disperso, ma prima corre lungo il tubo.

Se tutte queste cose non aiutano ancora a contenere il rumore, puoi anche montare un silenziatore sulla ventola. È simile ad un filtro a carbone, con un tubo metallico che si collega alla ventola. È poi possibile montare un normale condotto dell’aria sul silenziatore per essere finalmente in grado di godersi un rumore notevolmente ridotto.

LE ULTIME 2 SETTIMANE DI FIORITURA

Se coltivi varietà con un tempo di fioritura medio, la maggior parte dello sviluppo dei fiori avverrà entro la sesta settimana di fioritura. Nelle ultime due settimane, le cime principalmente matureranno e non cresceranno molto in dimensioni. A questo punto, i pistilli sui fiori che prima erano bianchi diventano lentamente di colore marrone ambrato. A seconda della varietà che si sta coltivando e dei fattori ambientali, la maturazione dei fiori può richiedere un tempo variabile per il suo completamento.

CONTROLLO DI PISTILLI E TRICOMI

Ispezionare i pistilli è un modo per farsi un'idea di quando è il momento di raccogliere. Una volta che circa l'80% dei pistilli è passato dal bianco al marrone, è probabile che la tua erba sia pronta per il raccolto. Tieni presente però che altri fattori possono influenzare la doratura dei pistilli, quindi se desideri una maggiore precisione, considera di verificare anche i tricomi. Controllare i tricomi è il modo più sicuro per sapere quando è il momento del raccolto.

I tricomi sono le minuscole escrescenze appiccicose e cristalline sui fiori e sulle foglie che producono le buone cose dalla cannabis come cannabinoidi e terpeni. I tricomi sono piccoli, quindi hai bisogno di una lente di ingrandimento o di un microscopio per vederli. Sembrano mini funghi con una piccola bolla su uno stelo.

Mentre la tua cannabis sta fiorendo, questi tricomi cambiano colore passando da cristallino a bianco latte, e poi infine ad un colore ambrato. Se le minuscole teste a “fungo” sono ancora tutte chiare e trasparenti, allora c'è ancora da aspettare. Quando la maggior parte dei tricomi ha assunto un colore bianco latte, la tua cannabis dovrebbe essere quasi pronta, ma sappi che la tua scelta sul momento del raccolto può influire anche sull’effetto che offrirà il tuo prodotto. Un raccolto fatto quando i tricomi sono per lo più lattiginosi, con solo poche teste ambrate, di solito si traduce in un effetto più “mentale” o cerebrale. Se attendi che compaiano più teste ambrate, l'effetto diventerà più corporeo e sedativo. Molti coltivatori scelgono di raccogliere quando circa il 15% dei tricomi è diventato ambrato e il resto è bianco latte.

Tricomi e pistilli nella pianta di cannabis

FINE DEL CICLO DEI NUTRIENTI E RISCIACQUO

Alla fine della fioritura, potrebbero esserci ancora molti nutrienti nel terreno di coltura e nelle foglie. Per evitare che sapori aspri e sgradevoli o sostanze chimiche si insinuino nel prodotto, puoi semplicemente smettere di fornire qualsiasi sostanza nutritiva nelle ultime 1½–2 settimane di fioritura. Se hai una coltivazione idroponica, non dovresti smettere il nutrimento fino agli ultimi cinque giorni, quando le piante vivranno di sola acqua. Se invece coltivi in vasi con terra o cocco, possono essere rimasti molti nutrienti che le piante devono ancora consumare.

Una volta che smetti di fornire nutrienti, le tue piante di cannabis assorbiranno qualsiasi sostanza nutritiva sia rimasta nel substrato di coltivazione, e quindi inizieranno a succhiare dalle foglie per estrarre tutte le loro sostanze nutritive. Ecco perché la tua pianta di cannabis diventerà gialla verso la fine della fioritura. Non aver bisogno di nutrire la tua pianta nelle ultime due settimane offre un ulteriore vantaggio: ti consente di risparmiare denaro.

Durante questo periodo di due settimane, è possibile lavare periodicamente il terreno con acqua pura e a pH bilanciato per eliminare eventuali depositi minerali che restano nel terreno. Assicurati di inzuppare il terreno a piena capacità in modo che i nutrienti si disciolgano, quindi inzuppalo di nuovo e lascialo drenare dal fondo per un paio di minuti. Ma non annaffiare troppo frequentemente per non annegare la tua pianta proprio a pochi giorni dal raccolto.

Pianta di cannabis pronta per il lavaggio

TRIMMING

Quando le foglie diventano gialle a fine fioritura, non devi preoccuparti che qualcosa non vada. È del tutto normale. In realtà è un buon segno, poiché mostra che le tue piante stanno consumando tutti i nutrienti in eccesso.

Alcuni coltivatori iniziano a togliere lentamente le foglie nelle ultime settimane o giorni prima del raccolto, rimuovendo alcune delle foglie più grandi per consentire alla luce di raggiungere meglio i fiori più bassi. Le foglie gialle normalmente si avvizziscono e cadono da sole, e quindi ti fanno risparmiare un po' di lavoro. Altrimenti, in questa fase avanzata della fioritura, sentiti libero di tagliare eventuali foglie ingiallite quando hanno raggiunto il loro scopo. Questo ti faciliterà anche il raccolto.

Buona coltivazione!


Parte. 1: La Germinazione. Guida Completa alla Germinazione dei Semi di Cannabis

Parte. 2: La crescita o fase vegetativa. I semi germogliati spuntano dal terreno e si aprono immediatamente

Parte. 3: La fase di fioritura. La fine è quasi in vista e, fra soltanto un paio di mesi di fioritura

Parte. 5: Tempo di raccolta. Scoprite tutte le fasi della raccolta della cannabis e le operazioni successive..

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.