Sin dai tempi di “Reefer Madness”, i fumatori di marijuana son stati incasellati in una cornice stereotipata. Negli anni '30, quando questo film venne presentato al pubblico, il governo degli Stati Uniti stava iniziando a diffondere falsa propaganda riguardo alla cannabis. Quello che era cominciato come un modo per assecondare le mire di chi aveva interessi economici nei settori della carta stampata e del legname, si trasformò presto in una diffusione di disinformazione su scala mondiale.

La società veniva bombardata con manifesti che riportavano proclami come “Marijuana: cosa dirà tua madre quando scoprirà il tuo cadavere?”, oppure: “La verità ufficiale: se la fumi... ucciderai qualcuno”. Questo portò ad un effetto valanga sulle generazioni successive. Individui mal informati divennero dei genitori che educavano la loro prole a ciò che essi pensavano fosse la verità. Neanche il tempo di accorgersene, e i ragazzini a scuola stanno parlando di come un tiro di canna ti può uccidere. 20 anni dopo, questi ragazzini diventarono genitori a loro volta, e l'effetto valanga continuava a perpetuarsi. Come risultato, certi stereotipi hanno finito per essere strettamente associati ai fumatori di cannabis. Guardate semplicemente un qualsiasi “film di sballoni”, e vi farete un'idea precisa di come i fumatori, e l'erba stessa se è per quello, vengono rappresentati.

Stereotipi Negativi Per Fumatori Di Cannabis

GLI SBALLONI MANCANO DI MOTIVAZIONE

Gli sballoni sono spesso descritti come pigri. Lo sballone classico è ritratto come un legume da divano, che si limita a guardare la TV e mangiare patatine tutto il giorno. Sebbene questo possa effettivamente suonare per molti di noi come il perfetto sabato pomeriggio, non è però ciò che facciamo durante tutta la giornata. E l'industria cannabica ne è un ottimo esempio; vediamo degli sballoni che lavorano sodo sulle loro imprese, gettando una luce positiva sul settore. E perfino in lavori che non sono in relazione con la cannabis, ci sarà sempre qualcuno che la usa per migliorare le proprie prestazioni di lavoro.

GLI SBALLONI SONO SEMPRE IN PARANOIA

Oltre ad essere etichettati come pigri, i consumatori di cannabis vengono definiti anche paranoici. E per quanto in effetti il ragazzo delle pizze possa dar l'impressione di essere un agente di polizia quando suona il campanello, è improbabile che mi metta a gridare “Non c'è nessuno in casa!”. Ma la paranoia non è una caratteristica di tutte le varietà. Il THC può causare paranoia, ma il CBD, d'altra parte, la può ridurre. Perciò, un profilo di cannabinoidi ben equilibrato può fare molto per offrire sia una stimolazione psicoattiva, che sollievo fisiologico. Per non parlare del fatto che una delle ragioni per cui tanti sballoni sono considerati “paranoici” è che le forze dell'ordine son sempre state accanite nell'arrestarci e metterci in galera.

GLI SBALLONI SONO TONTI

Oh, e prima che ce ne scordiamo, degli sballoni si dice anche che abbiano cattiva memoria! Ci credereste? Mentre questo può essere vero nel breve termine, la stessa cosa sembra non possa dirsi sul lungo periodo. A tutti noi è successo di andare davanti al frigo e dimenticare cosa eravamo andati a prendere. Ma difficilmente dimenticheremo un evento o incombenza importante della nostra vita quando siamo sobri. La ricerca clinica a questo proposito è ancora molto limitata, e priva di risultati convincenti. Quello che possiamo dire, è che se avete imparato qualcosa da sobri, e cercate di ricordarvene da sobri, è probabile che non avrete alcuna difficoltà. Ma l'opposto non sembra funzionare nello stesso modo.

GLI SBALLONI NON LAVORANO

E per finire, ciò che tutti abbiamo probabilmente sentito dire ai nostri genitori, che cioè gli sballoni sono disoccupati. Ma vi riportiamo al primo punto della trattazione per avere di questo una confutazione obiettiva. Ci saranno sempre persone pigre che stanno tutto il giorno a ciondolare fumando erba. Ma la correlazione non significa causalità. Un gran numero di componenti della società son caduti nel tranello di questa conclusione. Ma non si può biasimare una pianta se questa rende qualcuno irresponsabile; se qualcuno di voi dovesse sentire che la cannabis vi sta rendendo meno produttivi e motivati, sta a voi ridurre il vostro consumo. Mantenete le vostre abitudini cannabiche ad un livello responsabile, e non c'è niente che non sarete capaci di fare.

Duro Lavoro Degli Studenti Prima Di Fumare

QUELLO CHE POTETE FARCI

Con l'attuale vasta ondata di legalizzazione, le persone stanno diventando sempre più aperte rispetto al proprio consumo di cannabis. Di pari passo, persone di successo e che costituiscono fonti d'ispirazione, stanno anch'esse parlando di quando e come si appicciano le loro canne. Ciò normalizza il consumo di cannabis agli occhi delle masse; ma niente cambierà, se lo sballone medio continua ad essere un perfetto esempio della stigmatizzazione.

MOTIVAZIONE ED ETICA PROFESSIONALE

Andate contro tutte le caratteristiche che vengono associate con gli sballoni. Se vorrete convincere le vostre persone care che l'erba non vi sta rendendo folli, dovrete lavorare ancora più sodo. Non soltanto dovrete provare che non siete pigri, ma anche mostrare quanto siete motivati. Se il vostro cugino Bobo può essere pigro e nessuno se ne preoccupa, perché “Bobo è fatto così”, voi non avrete questo privilegio se vi si associa con l'erba. Utilizzate la cannabis come motivazione, e non come scusa.

SALUTE E FORMA FISICA

Mantenete abitudini di vita sane. Benché una corsa al kebab all'angolo alle 4 del mattino possa essere il paradiso una volta ogni tanto, fate in modo che accada raramente. Non soltanto dovreste osservare una dieta quotidiana equilibrata, ma dovreste anche fare attività fisica 3 o 4 volte alla settimana. La gente noterà che avete un aspetto sano. La vostra pelle ed i vostri occhi avranno un aspetto abbastanza fresco perché vostra madre non manchi di notarlo. E in più vi sentirete smaglianti, il che è sempre positivo.

Motivazione, Lavoro Etico E Consumo Di Cannabis

INFRANGETE LO STIGMA

Nonostante lo “stigma dello sballone” stia svanendo, pure non è ancora scomparso del tutto. Sta ancora a noi fare in modo che cambi, nella maniera che tutti noi ci auguriamo. Proviamo soltanto ad essere degli esseri umani, e membri della società, ideali. Se sentite di esserlo, nessuno può biasimare il vostro consumo di cannabis se qualcosa nella vostra vita va male. In fin dei conti, in quanto consumatori di cannabis non vi sarà possibile piacere a tutti. Ma fintanto che vivete in un modo che vi fa sentire realizzati, e che non arreca danno a chi vi circonda, continuate pure a farvi le canne.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out