Le proprietà terapeutiche della cannabis sono state scoperte diversi secoli fa. Fin da allora, la pianta è stata utilizzata dall'uomo come trattamento per gestire i sintomi di svariati disturbi. Il cannabidiolo, o CBD, è il principale composto non psicoattivo presente nella marijuana. Può essere utilizzato per ridurre dolore e nausea. È efficace anche per gestire ansia, infiammazioni, insonnia e depressione.

Recentemente è stato scoperto che la cannabis può essere usata con successo anche sui pazienti affetti da malattia di Lyme. Ma in che modo agisce la cannabis su questa patologia? In questo articolo, spiegheremo come la marijuana può incidere sul trattamento del morbo di Lyme. Scopriremo inoltre se la cannabis è davvero una soluzione innovativa per curare questa malattia.

COS'È LA MALATTIA DI LYME?

Se vi capita di essere morsi da una zecca, e nei giorni successivi sviluppate eruzioni cutanee, mal di testa, dolori articolari, brividi e nausea, molto probabilmente siete affetti dalla malattia di Lyme. Quando la zecca viene a contatto con la pelle umana, inietta una sostanza anestetica che inizialmente impedisce alla vittima di percepire dolore.

Idealmente, questa malattia va trattata con antibiotici per alcune settimane. Se ignorata, può provocare dolore articolare cronico e, nel peggiore dei casi, persino la meningite. Se la zecca viene staccata dalla pelle nel giro di 36 ore, è meno probabile che la malattia si manifesti.

LA CANNABIS COME TRATTAMENTO ALTERNATIVO

Quando si tratta di condizioni come la malattia di Lyme, i medici generalmente si orientano sui trattamenti farmacologici. Ad ogni modo, sono state svolte alcune ricerche per dimostrare che la cannabis può rappresentare un trattamento aggiuntivo.

Questo studio del 2008, ad esempio, evidenzia che la cannabis può essere efficace contro un ceppo di Staphylococcus aureus resistente alla meticillina. L'indagine mostra anche che l'opinione obsoleta secondo la quale la cannabis aumenta la vulnerabilità alle infezioni, è a dir poco paradossale. Infatti, i ricercatori sottolineano le notevoli proprietà antibatteriche di vari cannabinoidi, tra cui CBC, THC e, ovviamente, CBD.

Allo stesso tempo, le testimonianze dirette dei soggetti colpiti da morbo di Lyme rivelano in che modo essi hanno usato la cannabis per combattere i sintomi dell'infezione.
I malati hanno scelto soprattutto varietà di cannabis ricche di CBD, in alternativa ai tradizionali farmaci anti-infiammatori. Un paziente ha dichiarato che fumando marijuana è riuscito a placare le convulsioni causate dalla malattia. Questa notizia non desta particolare stupore, dal momento che l'azione anti-infiammatoria e anti-convulsiva del CBD è ormai nota da tempo.

AZIONE TERAPEUTICA DELLA CANNABIS SULLA MALATTIA DI LYME

Nei casi di infezioni o altre malattie, spesso il CBD viene considerato più efficace rispetto al THC. L'olio di CBD è infatti il metodo più pratico e affidabile per somministrare i principi attivi contenuti nella pianta, rispetto al fumo prodotto da spinelli o bong. Anche lo studio del 2008, citato in precedenza, afferma che inalare il fumo di marijuana può causare immunodepressione e altri effetti collaterali avversi. Inoltre, gli esperti suggeriscono ai pazienti di usare la cannabis per alleviare i sintomi del morbo di Lyme, senza interrompere il trattamento con gli antibiotici.

Altre ricerche indicano che la cannabis è in grado di eliminare ogni traccia di spirochete, il batterio che causa la malattia di Lyme. Questo studio è stato svolto dal Dott. Ernie Murakami, esperto in medicina alla British Columbia, che ha descritto gli effetti dell'olio di CBD per il trattamento di questa malattia.

Cbd Oil Treatment Per La Malattia Di Lyme

IN CONCLUSIONE

Purtroppo non possiamo affermare in modo certo e definitivo che la malattia di Lyme possa essere trattata o curata efficacemente con la cannabis. Sulla base degli studi attuali, il CBD dimostra sicuramente un'azione positiva sull'infezione. Tuttavia, è necessario svolgere ricerche più approfondite in merito. È comunque importante segnalare che sempre più medici stanno appoggiando la sperimentazione di prodotti contenenti CBD, purché i pazienti non interrompano l'assunzione dei farmaci tradizionali.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out