L'Irlanda ha lasciato il segno nel mondo in numerosi campi. William Brooke O'Shaughnessy è stato uno dei primi medici europei a studiare le proprietà mediche della cannabis. Ha scoperto la pianta di cannabis e la sua efficacia come medicina contro vari disturbi mentre lavorava per l'impero britannico in India nel 1830. L'intenso interesse che seguì portò a un suo uso diffuso in tutte le società europee. Poi, nel 20° secolo, iniziò il proibizionismo internazionale sulla cannabis.

L'Irlanda ora rappresenta un perfetto esempio del fallimento di questo proibizionismo. L'uso di cannabis è ancora diffuso, nonostante una stringente criminalizzazione e l'intensificarsi della violenza fra gang. L'Irlanda è stata una delle prime nazioni a mostrare un interesse scientifico per la cannabis. Potrebbe ora essere sul punto di cambiare le sue leggi?

LA LEGGE SULLA CANNABIS IN IRLANDA

L'Irlanda è notoriamente lenta nei cambiamenti. Qui si introdusse il divieto sulla cannabis negli anni '30 per rispettare vari accordi internazionali. Negli anni '70, molti Paesi hanno iniziato a chiedersi se questi trattati internazionali contro il traffico di droga avessero ragione di includere la cannabis. È noto che l'Olanda ha chiesto alla polizia di tollerare i coffeeshop che vendono cannabis per separare i consumatori di cannabis dal mercato delle droghe pesanti. Questa politica si è rivelata efficace e prosegue ancora oggi fin dalla sua introduzione nel 1976. Un anno dopo, in Irlanda è stata approvata la legge sull'abuso di droghe del 1977, distinguendo tra cannabis e droghe pesanti.

La distinzione legale consiste solo nel fatto che per la cannabis il possesso è punito penalmente solo dopo la seconda volta. Il primo reato per possesso di cannabis potrebbe portare a una multa fino a 1.270€. La multa per il secondo reato relativo alla cannabis può ammontare fino a 2.540€. Al terzo reato si va incontro a una potenziale ammenda di classe C e/o fino a un anno di prigione. Coltivare le tue piante di cannabis potrebbe anche portarti a dover pagare un'enorme multa, e anche fino a 14 anni di carcere. L'opportunità di porre fine alla criminalizzazione dei consumatori di cannabis è scivolata via. Come molti Paesi, l'Irlanda ha pagato un costo pesante per la persistenza della War on Drugs.

Coffee Shop Amsterdam

LE DROGHE IN IRLANDA

In Irlanda le risorse della polizia sono distratte da tantissimi sequestri di cannabis, segnalati continuamente. A volte vengono scoperte coltivazioni con lavoratori migranti sfruttati dal crimine organizzato. E il 2010 ha visto un'escalation di morti violente fra bande che vendono droga nelle città. Questo decennio ha anche visto l'Irlanda riconosciuta come il Paese maggior consumatore di droghe psicoattive illegali in Europa. Questo è stato il riconoscimento che l'Irlanda ha guadagnato per i suoi sforzi contro la droga, secondo il Drugs Market Report in Unione Europea del 2016. Il rapporto ha anche affermato che il 25,3% degli adulti irlandesi ha provato la cannabis almeno una volta, e il 10,3% degli adulti irlandesi l'ha usata nell’ultimo anno.

Improvvisamente, un’epidemia da oppiacei sta facendo gravi danni in diverse comunità in tutta l'Irlanda. Nelle strade delle città possono essere viste spesso siringhe usate dai consumatori di eroina. Con il crescente fallimento della guerra alla droga, anche il governo irlandese ha riflettuto su tutto questo ed è ora in procinto di istituire a Dublino il primo centro per l'assunzione controllata di eroina, una misura di riduzione del danno praticata in molti Paesi. Si è anche ripetutamente parlato di piani per emulare la politica sulle droghe attuata dal Portogallo. A partire dal 2001, le riforme in Portogallo prevedono che il possesso di una fornitura pari a dieci giorni di utilizzo di sostanze illecite non sia più un reato penale. I benefici per la salute pubblica finora osservati costituiscono una valida argomentazione a favore della politica scelta dal Portogallo, ma l'Irlanda non ha ancora attuato questa riforma. Quando si parla di cannabis, una nuova ondata di cambiamento nell’opinione pubblica può forzare la mano del governo.

CANNABIS TERAPEUTICA IN IRLANDA

Nel dicembre 2016, un sondaggio condotto da Irish Times e Ipsos ha stimato fino all'81% il sostegno pubblico per la prescrivibilità della cannabis medica in Irlanda. Un sondaggio Red C pubblicato un mese prima ha visto livelli di supporto ancora più elevati, al 92%. I cittadini irlandesi sembrano essere molto favorevoli all'utilizzo della cannabis in un contesto medico controllato. Sembrerebbe ovvio per il governo introdurre questa riforma, visti soprattutto i potenziali benefici medici della cannabis. Eppure il governo sta ancora progredendo lentamente e con incertezza su questo tema.

Il governo irlandese afferma di raccogliere consigli di esperti su come stabilire un programma per la cannabis medica. Un rapporto della Health Products Regulatory Authority raccomanda il trattamento con cannabis solo per le condizioni con efficacia clinica maggiormente dimostrata. La ricerca parla di epilessia, chemioterapia e spasticità da sclerosi multipla. Se le prescrizioni saranno ammesse per altre condizioni è attualmente a discrezione del Ministro della Salute, Simon Harris, che deve approvare le prescrizioni mediche sulla cannabis caso per caso. Per troppi irlandesi, questo non è sufficiente.

Vera Twomey

VERA TWOMEY

Il governo, guidato dal partito conservatore Fine Gael, è sotto crescente pressione per una soluzione legislativa alla questione della cannabis medica. Un certo numero di famiglie ha condotto campagne per chiedere modifiche alla legge attuale. Il caso più di alto profilo riguarda Ava Barry, una ragazza della contea di Cork. Le crisi epilettiche delle quali lei soffre a causa della sindrome di Dravet vengono trattate efficacemente solo con olio di cannabis ricco di CBD. L'olio di CBD è legale in Irlanda, ma non se è presente THC psicoattivo. La madre di Ava, Vera Twomey, ha ripetutamente invitato il governo a concedere maggiore flessibilità per quanto riguarda i farmaci a base di cannabis.

Twomey ha marciato dalla contea di Cork attraverso il Paese fino al palazzo del parlamento irlandese a Leinster House, a Dublino. Si è quindi accampata all'esterno, anche se era malata. Dopo che questa protesta fu ignorata, la famiglia dovette quindi trasferirsi in Olanda per accedere alla medicina di Ava. Nel novembre 2017, il ministro Simon Harris ha finalmente rilasciato una prescrizione per la loro medicina in Irlanda. Twomey ha vinto il premio People of the Year per il suo impegno, in una cerimonia alla quale ha partecipato anche Leo Varadkar, l'attuale Primo Ministro o "Taoiseach" d'Irlanda.

Twomey ha usato il suo discorso pubblico per rivolgersi direttamente al Taoiseach e ai cittadini, chiedendo un maggiore impegno per approvare leggi migliori sulla cannabis medica. È stata accolta da una standing ovation.

L'emittente nazionale RTÉ ha pubblicato online uno spezzone del suo intervento. Questo ha portato a un'ampia condivisione del suo discorso attraverso i social media irlandesi e ha posto ancora più pressione su Varadkar per legiferare sulla riforma della cannabis. Sono già state avanzate alcune proposte, tra cui una che è oggi all’esame del governo.

CAMBIAMENTI IN VISTA PER LA CANNABIS MEDICA?

Il discorso di Twomey ha citato specificamente un disegno di legge del parlamento irlandese, il Cannabis for Medicinal Use Regulation del 1999, che è stata avanzata da Gino Kenny, un politico e "TD" per il collegio elettorale del Mid-West di Dublino. Sebbene questo disegno di legge legalizzi la cannabis medica, Fine Gael era riluttante a consentirlo a causa delle possibili complicazioni che si potrebbero presentare. Fine Gael non possiede attualmente la maggioranza in parlamento, e il parlamento ha votato a favore di una revisione ulteriore della legge. Non ci sono però stati progressi su questo disegno di legge da oltre un anno.

Coltivazione Indoor Di Marijuana

CAMBIAMENTI IN VISTA PER LA CANNABIS RICREATIVA?

Un altro piccolo partito politico ha annunciato una riforma ancora più ambiziosa durante il weekend del discorso di Vera Twomey. Il partito dei Verdi detiene solo due seggi nell'attuale parlamento di 158 seggi. Sono già stati al governo e potrebbero potenzialmente far parte di un governo di coalizione dopo le prossime elezioni. Parte della loro piattaforma politica si baserà sarà questo documento che delinea la loro politica sulla cannabis. Un'altra coincidenza è che questo annuncio è stato reso pubblico lo stesso fine settimana in cui l'Australian Green Party ha annunciato la sua politica per legalizzare la cannabis.

L'Irish Green Party sostiene l'adozione del modello olandese, ma con licenze per la coltivazione domestica regolamentata. Questo evita la trappola olandese del coinvolgimento della criminalità organizzata nella fornitura di cannabis ai coffeeshop. Per il resto è molto simile al modello olandese, con i coffeeshop per soli adulti adibiti alla vendita e all'uso di cannabis. Non ci sarebbe reato per possesso di meno di cinque grammi di cannabis. Ci sarebbe anche accesso ai farmaci a base di cannabis attraverso le farmacie, in modo simile alle recenti riforme entrate in vigore in Germania.

Il leader del Green Party ed ex ministro del governo, Eamon Ryan, afferma che le giurisdizioni che hanno introdotto la regolamentazione della cannabis hanno visto esiti positivi. Dice che l'attuale sistema sta "alimentando la cultura delle gang" e che la regolamentazione della cannabis sarebbe la soluzione migliore per la riduzione complessiva del danno. La risposta iniziale a questa nuova politica del Green Party è stata sorprendentemente positiva. Sondaggi indipendenti hanno indicato un sostegno pubblico alle loro proposte pari al 76% su Newstalk e al 91% sull'Irish Independent.

ALCOL IN IRLANDA

La riforma delle leggi sulla cannabis sembra quindi essere un argomento caldo in Irlanda. Questo è certamente vero per la cannabis medica, dove anche i più anziani e più conservatori la supportano. Anche se il pensiero comune sta cambiando, potrebbe esserci però ancora opposizione a qualsiasi tentativo di liberalizzare la cannabis ricreativa. Ci sono decenni di disinformazione sulla cannabis, con persone che temono che i suoi effetti sarebbero simili all'alcol. L'Irlanda ha enormi problemi con l'alcol. Come non bevitore irlandese, so che questo è uno stereotipo dannoso. Ed è anche osservabile nelle città irlandesi ogni fine settimana. Quello che potrebbe essere interessante è la potenziale scena sociale alternativa in Irlanda.

Ovunque si apra l'accesso alla cannabis, una comunità emerge attorno al suo uso responsabile. Un ambiente più rilassato come il coffeeshop potrebbe essere più sicuro dell'atmosfera amplificata di bar, pub e locali notturni. Il contrasto tra comportamento sotto l’effetto di cannabis e di alcol è stato evidenziato persino nella storica campagna per la legalizzazione in Colorado. E se invece di peggiorare la vita notturna irlandese, la cannabis effettivamente aiutasse a ridurre i problemi alcolici dell'Irlanda? È anche possibile che la cannabis possa curare la dipendenza da alcol e altre sostanze! Ma è probabile che questo succeda anche in Irlanda?

L'IRLANDA È PRONTA?

L'Irlanda è tradizionalmente un Paese socialmente conservatore. Ha anche un sistema politico in cui il governo presenta sempre uno dei due partiti politici conservatori con politiche quasi identiche. Solo nel 2013, un disegno di legge di Luke "Ming" Flanagan per legalizzare la cannabis è stato respinto in Parlamento con un margine schiacciante di 111 a 8. In questo scenario, l'approvazione della cannabis ricreativa non sembra probabile. Flanagan è stato però eletto al Parlamento europeo, e oggi l'Irlanda sembra capace di cambiamenti sociali più rapidi di prima.

Ci sono voluti molti anni, fino al 1993, prima che l'omosessualità fosse depenalizzata in Irlanda. Nel 2015 gli elettori irlandesi hanno approvato il matrimonio tra persone dello stesso sesso in uno storico referendum. Ho già scritto che Taoiseach Leo Varadkar è gay, e questo non viene quasi mai detto in Irlanda? I movimenti sociali sono emersi per sfidare i pregiudizi, i tabù e il silenzio. In Irlanda quest'anno ci sarà persino un referendum per eliminare il divieto di abortire. Forse anche i consumatori di cannabis irlandesi racconteranno le loro storie. Forse il cambiamento è più vicino di quanto pensiamo.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out