È un'esperienza sfuggevole e altamente ricercata, che di solito risulta essere piuttosto divertente, sebbene possa presentare anche degli inconvenienti imbarazzanti. Un sondaggio del 2015 indica che 1 genitore su 10 in tutti gli Stati Uniti è un consumatore abituale di cannabis (6 o più volte all'anno), e di questi, il 47% affermano di averne consumato in presenza dei propri figli, di aver fumato con loro, o entrambe le cose.

Donna Che Fuma Marijuana

I PRO

Siccome qui alla Royal Queen Seeds siamo ottimisti, cominciamo con gli aspetti positivi. Se siete un genitore, fumare con i vostri figli (adulti) può sembrare un'idea bizzarra e un controsenso, quasi come se steste esercitando una cattiva influenza. Il consumo pesante di alcool e di altre droghe sono decisamente un problema, ma quando si tratta di fumare con la vostra progenie è piuttosto vero il contrario.

Il più delle volte è un'esperienza che stringe i legami, costruisce fiducia ed apre le linee di comunicazione fra le persone. “Se si faranno le canne, fatevele con loro”, esorta l'imprenditore e filantropo britannico Richard Branson nel corso del suo discorso d'apertura del Sage Summit al McCormick Place di Chicago. “Non lasciate che si nascondano a farlo per conto loro”.

Un altro aspetto positivo da attendersi con impazienza è il rinnovato livello del legame che si forma quando si fuma con dei familiari. Può trattarsi di qualunque cosa, dal condividere vecchie storie del passato all'apprendere una nuova tecnica per fumare o una dritta per rollare le canne, o farsi una risata per una barzelletta spassosa che non conoscevate. Allo stesso tempo, crea una sensazione di giovinezza nei familiari più anziani, e di maturità in quelli più giovani. I più giovani si sentono liberi e degni di fiducia, mentre i genitori si sentono maggiormente accettati dai propri figli.

I CONTRO

Molta gente non percepisce quest'aspetto negativo, e tuttavia appare essere il più comune fra coloro che non amano fumare con i propri genitori: un puro e semplice imbarazzo. Per molte persone, specialmente coloro che sono cresciuti con genitori più severi o conservatori, stonarsi insieme è una linea che non si arriva mai a oltrepassare agevolmente.

A prescindere dalla prossimità che avete con la vostra famiglia, ci sono certe cose che potreste non voler mai dire o rivelare loro a proposito di voi stessi, come per esempio fareste invece con un amico. E dato che certe persone tendono ad allargarsi un po' e a sciogliere la parlantina quando si stonano, la cosa potrebbe creare delle situazioni spinose.

I genitori devono dal canto loro affrontare altri problemi specifici quando scelgono di condividere una sessione di fumo con i propri figli. A parte il già citato imbarazzo, i genitori devono confrontarsi con molti pregiudizi e reazioni negative per il fatto di fumare in generale, ma soprattutto se lo fanno con i figli. E sì, questo accade anche in aree dove la cannabis è ora legale per l'uso ricreativo.

COS'HANNO DA DIRE GLI SBALLONI A QUESTO PROPOSITO?

Abbiamo raccolto alcune citazioni di sballoni, alcuni conosciuti ed altri da internet, per dare un'idea di ciò che alcune persone reali pensano della questione:

“La cosa è durata in tutto tre minuti, è stato molto imbarazzante, e non ne abbiamo più parlato”, così descrive il 26enne Eric la prima ed unica volta che ha fumato erba con la sua mamma. “Non mi è piaciuto. Pensavo fosse divertente, ma è proprio una parte della vita che non abbiamo bisogno di condividere insieme”.

Altri però si son sentiti più contenti della situazione, come la 25enne Lindsay, che afferma che fumare erba con i suoi genitori glieli ha fatti apparire come persone più reali. “Con l'erba son venuti racconti di come erano prima di avere figli”, dice. “Prima tenevano per sé quest'aspetto di loro stessi. Penso che anche loro abbiano cominciato a vederci come adulti”.

Considerazioni analoghe da Steven, un 27enne degli Stati Uniti. “Di solito, i tuoi genitori si sentono in dovere di assumere il ruolo di tutori maturi, ma quando sei sballato, il filtro viene un po' allentato”, afferma. “Sarebbe grandioso trovarsi nello stesso stato mentale dei tuoi genitori ed avere una vera conversazione faccia a faccia, senza argomenti tabù”.

Melissa Etheridge, cantautrice e madre, ha avuto una percezione serena e positiva della sua esperienza. “Da principio è stato divertente, e poi si sono resi conto che in fin dei conti è una cosa naturalissima... E che vi avvicina moltissimo. Preferirei di gran lunga farmi una fumata con i miei figli adulti, che non una bevuta”.

Ragazza Che Fuma Cannabis

E ALLORA, QUAL È IL PROSSIMO PASSO?

Ora è tempo di parlarne a quel familiare – che sia figlio/a, genitore, zio/a, fratello o sorella, ecc. ecc. – e di programmarsi una fumata insieme il più presto possibile. Certo, nessuno può garantire che accoglieranno di buon grado queste attività extra, ma ci sono comunque certi scenari che possono assicurare che l'informazione venga recepita al meglio. Prima di entrare in argomento, è meglio disporre di ragioni valide, ed in grado di stimolare la riflessione, sul perché fumate (qualcosa meglio di un semplice “perché mi piace”).

La reazione del vostro familiare dipenderà anche molto dalla vostra attuale situazione di vita, e da quanto siano sane le vostre abitudini rispetto al fumare. Se non avete un lavoro, vivete nella sporcizia, e non fate altro che star seduti tutto il giorno a fumare, è più che probabile che i vostri familiari non saranno interessati ad appicciarne una insieme a voi – e questo, perfino se è qualcosa che loro stessi fanno nel loro tempo libero.

Per riassumere, è tutta una questione di caso per caso. Quindi fate un passo indietro per osservare la situazione, e se le probabilità sono in vostro favore, fatevi avanti e proponete ai vostri familiari di stonarsi con voi al prossimo pranzo o riunione di famiglia. Chissà, magari saranno pure capaci di sorprendervi tirando fuori dell'ottima erba per accompagnare!

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out