COS'È L'ACQUAPONICA?

Usando parole semplici e di facile comprensione, l'acquaponica può essere definita come la combinazione della coltivazione idroponica con la piscicoltura. Invece di seguire i tradizionali percorsi colturali, si crea una specie di "Bio-ecosistema" per la cannabis totalmente autosufficiente. I residui di scarto dei pesci diventano concime per le piante di cannabis, mentre gli apparati radicali di queste ultime agiscono come un filtro biologico per depurare l'acqua dei pesci. In questo modo si forma una relazione simbiotica tra animali e piante. Gli impianti acquaponici possono essere installati sia indoor che outdoor.

LE RADICI DELL'ACQUAPONICA MODERNA

Il merito per lo sviluppo di un sistema di "flusso e riflusso" così efficace, costituito da orti adagiati su letti di ghiaia ed acque reflue del pesce tilapia, va agli agricoltori del Missouri Tom e Paula Speraneo. I sistemi acquaponici con serra perfezionati e migliorati dagli Speraneo nei primi anni '90 cambiarono per sempre l'agricoltura biologica. Il loro efficientissimo sistema per coltivare piante più produttive piuttosto di aumentare la quantità di pesci divenne il modello per l'acquaponica commerciale in ambito agricolo.

Come Funziona La Cannabis Aquaponics

COME COLTIVARE CON GLI IMPIANTI ACQUAPONICI

Se coltivate già con sistemi idroponici e avete sufficiente esperienza alle spalle, allora siete già a metà strada. Un coltivatore idroponico standard su piccola scala può passare all'acquaponica realizzando un piccolo investimento iniziale. Su internet si possono trovare diversi kit personalizzati che convertono un tipico acquario da 50l in un sistema acquaponico completamente autosufficiente.

In alternativa, se avete già una acquario in casa potete fare alcune modifice con l'aiuto di uno dei tanti tutorial sull'acquaponica fai-da-te che potete trovare su YouTube. Un acquario può essere facilmente integrato con un comune sistema idroponico, come quello a flusso e riflusso e l'NFT. La classica argilla espansa per coltivare idroponicamente è il substrato perfetto anche per le colture acquaponiche.

I robusti pesci tilapia, capaci di sopravvivere nelle acque più torbide delle loro terre d'origine, potrebbero non essere facili da trovare. Tuttavia, i pesci ornamentali come il pesce rosso possono essere acquistati in qualsiasi negozio di animali domestici e funzionano altrettanto bene nei sistemi acquaponici.

SPECIFICHE INTEGRAZIONI PER LA CANNABIS

SISTEMA A DOPPIA ZONA RADICALE

La creazione di un ecosistema autosufficiente richiede tempo. I batteri nitrificanti devono entrare a far parte del sistema o le piante andranno incontro ai problemi nutrizionali più svariati. Creare una colonia microbica benefica per le zone radicali non è un processo immediato. È per questo che la maggior parte dei coltivatori di cannabis che usa l'acquaponica preferisce creare due zone radicali.

Normalmente, il vaso viene adagiato su un letto di argilla espansa dove andrà a svilupparsi l'apparato radicale. La zona radicale superiore e quella inferiore vengono generalmente divise da una barriera in tessuto, come un pezzo di tela tagliata secondo le dimensioni del vaso. Il coltivatore può così apportare integratori per la crescita nella zona radicale superiore senza uccidere i pesci. Poco a poco, l'apporto di concimi sarà una preoccupazione in meno, in quando il sistema diverrà autosufficiente. Alcuni coltivatori aggiungono terriccio ricco di sostanze nutritive nella parte superiore del vaso, per concimare adeguatamente la zona radicale superiore.

Perché L'Acquaponica Funziona E I Suoi Benefici Quando Si Coltiva La Cannabis

PIÙ CAMBIERANNO LE COSE E PIÙ SI MANTERRANNO INVARIATE

Con il passare del tempo, man mano che acquisirete familiarità con il lavoro quotidiano richiesto e maturerete una certa esperienza, potrete finalmente adottare questa tecnica. Sono necessari molti meno fertilizzanti e stimolatori ed il sistema diventa completamente, o quasi, automatizzato.

Dopo i primi esperimenti e, probabilmente, alcuni tentativi ed errori, riuscirete a capire le sfumature di questa tecnica. L'obiettivo è creare un sistema a circuito chiuso capace di realizzare la maggior parte del lavoro per voi, riducendo al minimo gli interventi di manutenzione. Le luci a LED Full Spectrum garantiscono l'efficacia energetica e si adattano perfettamente alla cannabis.

I VANTAGGI DELL'ACQUAPONICA

Esistono degli ovvi vantaggi nel convertire una normale coltura idroponica in acquaponica. Sarà sufficiente un minimo di esperienza in questo campo e il passaggio in sé non comporterà particolari spese. I coltivatori biologici saranno sicuramente attratti dall'acquaponica, uno stile di coltivazione al 100% naturale che funziona indipendentemente da qualsiasi fertilizzante chimico.

Non esistono altri metodi di coltivazione della cannabis capaci di produrre così tante cime con così poche risorse. Essenzialmente, l'acquaponica ha tutti i requisiti per diventare il punto zero della coltivazione della cannabis.

Il Miglior Pesce Per Acquaponica E Cannabis

QUALI SONO GLI OSTACOLI E LE DIFFICOLTÀ?

L'acquaponica non è per tutti. I coltivatori principianti o coloro che non hanno esperienza nella coltura idroponica dovrebbero evitare questa tecnica. Chi coltiva in terra apprezzerà sicuramente il suo potenziale, ma non necessariamente vorrà metterla in pratica. Per non parlare della totale mancanza di nozioni sull'allevamento ittico. Anche i coltivatori idroponici più esperti dovranno rispolverare alcune nozioni sulla materia organica e smettere di fare affidamento sui fertilizzanti chimici. Ricerche e studi personali saranno essenziali per acquisire una solida base di conoscenze.

I sistemi acquaponici a zattera sono sconsigliati per la coltura della marijuana. Non provateci nemmeno. Non potrete mai ottenere cime di buona qualità in un ambiente paludoso. Piuttosto avviate una coltura idroponica, già ampiamente collaudata tra i coltivatori di cannabis. Per evitare di ostruire il circuito idraulico dovrete installare condotti più grandi e di alta qualità ed un sistema aggiuntivo di depurazione acqua. Dovrete valutare il rapporto ottimale tra pesci e piante per il vostro impianto o la quantità di sostanze nutritive da somministrare alle piante non potrà essere controllata e diverrà il principale ostacolo da superare.

La coltivazione acquaponica a lungo termine richiede un secondo impianto, se si intendono usare talee e/o ruotare le colture. Un sistema dovrà funzionare in sintonia con il programma di illuminazione della fase di crescita vegetativa e con le sue specifiche esigenze nutrizionali, mentre il secondo dovrà essere adattato per il ciclo di fioritura.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out