Come la marijuana medicinale salva la vita ai veterani di guerra

Published :
Categories : la marijuana medica

Come la marijuana medicinale salva la vita ai veterani di guerra

E' sempre più evidente che l'uso della marijuana medicinale è estremamente benefico per i veterani di guerra.


Secondo i veterani e DPTS, circa il 20 percento dei veterani dell'Iraq e dell'Afghanistan soffrono del Disturbo post-traumatico da stress (DPTS), uno delle malattie qualificanti le quali consentono ai veterani di ottenere una prescrizione per marijuana medicinale. In aggiunta al frequente DPTS tra veterani, molti soffrono di traumi cerebrali ed altre lesioni, lasciandoli con dolori cronici i quali li autorizzano anche all'uso di marijuana medicinale. I medici spesso prescrivono alte quantità di diversi medicinali per combattere i vari sintomi dei veterani a causa di lesioni o DPTS, e spesso le droghe comportano degli effetti collaterali talmente debilitanti che i veterani evitano a prenderli.  I veterani in possesso di una prescrizione per la marijuana medicinale attestano che addirittura delle piccole quantità di marijuana diminuiscono l'ansia e il dolore, con dei minori effetti collaterali rispetto alle medicazioni tradizionali.

Medical Marijuana and PTSD

Marijuana medicinale e dolore cronico
I veterani con lesioni causate dal combattimento, come i traumi cerebrali, lottano ogni giorno contro i dolori cronici. Un ricercatore canadese ha scoperto nel 2010 che tre soffi di marijuana al giorno aiutano queste persone a diminuire il dolore e a dormire meglio. Inoltre veterani di guerra soffrono spesso di un disturbo del sonno. La ricerca conclude che il cannabis diminuisce il dolore ai pazienti i quali non trovano sollievo in altri medicinali, un problema ricorrente per i veterani. Scott Murphy di Newton, Massachusetts ha iniziato ad usare la marijuana medicinale quando le lesioni subite in un incidente con la moto durante il suo servizio militare erano peggiorate. Il dolore era talmente forte da influenzare la sua mobilità. Lui attesta che la marijuana diminuisce il dolore in un modo unico. 

Marijuana medicinale e DPTS
Secondo Murphy il DPTS è il motivo principale per cui la marijuana medicinale potrebbe essere un medicinale salvavita per i veterani di guerra. Racconta la storia di un collega veterano, licenziato dall'esercito per cattiva condotta, il quale soffriva chiaramente di DPTS. All'età di 22 anni questo amico e collega soldato di Murphy si è suicidato. Murphy crede che un trattamento di marijuana gli poteva salvare la vita. Il compagno di Susan Tackitt, Lynn Morse di 30 anni, dice di aver conosciuto la marijuana durante il suo servizio negli anni sessanta, e di averlo portato a termine grazie a questa droga. In occasione di un sequestro di droga nella sua città si è recato al suo ospedale locale per veterani, dove gli hanno prescritto dei farmaci psicotici. I farmaci prescritti dall'ospedale per i veterani gli hanno portato della depressione. Morse ha perso la forza per lottare ed è morto il 19 ottobre 2006 sulla terapia intensiva. Tackitt ritiene che con l'uso della marijuana medicinale forse sarebbe sopravvissuto, ed oggi è una promotrice dei benefici di questa droga.

War veterans use cannabis to deal with PTSD
Marijuana medicinale e suicidio
Le statistiche dimostrano che i suicidi tra i veterani militari statunitensi sono in aumento, e che la frequenza è aumentata del 20 percento dal 2007. Un motivo spesso indicato dagli esperti per le statistiche aumentate di suicidi è la prescrizione più frequente di droghe che alterano l'umore, come Lorazepam, le quali spesso dimostrano degli effetti collaterali pericolosi tra i quali un aumentato rischio di suicidio. Un altro motivo è che i veterani provenienti da Iraq, Afghanastan, Korea, Vietnam o altri paesi tendono ad autocurarsi. Questo risulta spesso in delle combinazioni letali di alcool e delle multiple prescrizioni di medicinali. In molti di questi casi la marijuana medicinale potrebbe eliminare l'esigenza di autocurarsi. Molti veterani si preoccupano delle politiche di zero-tolerance nel settore militare, le quali li fanno perdere anche il diritto di altri trattamenti medicinali a causa dell'uso di cannabis.  Dai report attuali risulta che il settore militare sta valutando l'uso di marijuana medicinale come trattamento valido per DPTS nella luce di studi recenti che dimostrano i grandi vantaggi del cannabis per pazienti con questo disturbo.
Veterans with PTSD
Con l'aumento delle ricerche dei vantaggi della marijuana medicinale sono in aumento anche i vantaggi salvavita per gli utenti. Essendo una sostanza naturale che combatte il dolore cronico e i sintomi  del DPTS, con la decisione recente dell'Amministrazione dei Veterani di modificare le politiche sull'uso della droga  da parte di veterani, la marijuana medicinale come trattamento è sempre più comune per i veterani in condizioni debilitanti.

Cultivez votre propre marijuana médicale


Responsabilité Médicale

Les informations listées, référencées ou liées à ce site internet le sont uniquement dans un but informatif et ne fournissent pas de conseils professionnels, médicaux ou légaux. Royal Queen Seeds n’approuve pas, ne prônent pas et ne fait pas la promotion de l’usage licite ou illicite de drogues. Royal Queen Seeds ne peut être tenu pour responsable de matériel provenant des références présentes sur nos pages ou sur des pages vers lesquels nous fournissons des liens et qui approuveraient, prôneraient ou feraient la promotion de l’usage licite ou illicite de drogues ou d’activités illégales. Merci de consulter votre médecin avant d’utiliser tout produit/ toute méthode listé, référencé ou lié à ce site internet.