La "Weed Revolution" sta crescendo ogni giorno di più e le Americhe sembrano voler capitanare questo movimento. Ciò potrebbe avere conseguenze positive anche qui in Europa.

Stiamo assistendo ad importanti e positivi cambiamenti nel mondo della Cannabis. Ormai sta accadendo a ritmi così frenetici che ogni mese ci giungono notizie da diverse parti del mondo su nuove riforme e/o proposte di legge riguardanti la marijuana. Ma non sono solo le leggi e l'approccio verso la marijuana a cambiare, molti Paesi sono desiderosi di vedere quale Stato sarà disposto a fare il successivo passo. Alcune Nazioni stanno seguendo l'esempio dei loro vicini legalizzando l'erba o, al contrario, opponendosi e rendendo ancora più restrittive le proprie leggi. Di tutti i Paesi che stanno avanzando nelle politiche sulla Cannabis, gli Stati Uniti ed i Paesi limitrofi sono sicuramente i più rappresentativi.

I nostri semi autofiorenti!

RAPIDI CAMBIAMENTI NELLE AMERICHE

Di tutti i progressi a cui stiamo assistendo a livello globale, le Americhe stanno attraversando i cambiamenti più profondi, portando avanti un'imponente "Weed Revolution", cresciuta in modo esponenziale nel giro di pochi anni. Alcuni Stati che non avevano mai inserito la legalizzazione della Cannabis tra i programmi della propria agenda, oggi stanno valutando nuovi approcci politici pro-Cannabis. Ma oltre alle leggi, anche gli stessi cittadini stanno mostrando una mentalità più aperta. Gran parte dell'opinione pubblica, infatti, non approva più i governi che appoggiano il proibizionismo, in quanto sempre più consapevole delle proprietà terapeutiche e degli interessanti risvolti economici dell'erba. I cittadini di alcuni Stati si stanno mobilitando per richiedere le opportune modifiche a queste politiche.

legislazione cambiamento cannabis America

SUD AMERICA: UN MISCUGLIO DI LEGGI

In Sud America, ogni Paese sta vivendo la propria battaglia per normalizzare l'erba e il suo uso. Un viaggiatore potrebbe, ad esempio, visitare il Venezuela ed avere in tasca fino a 20g senza commettere alcun reato. Se però dovesse passare in Paraguay, il possesso torna ad essere illegale. In Sud America, infatti, Venezuela, Uruguay, Perù, Colombia, Cile e Argentina hanno approvato qualche tipo di norma per depenalizzare la Cannabis. Si tratta di Paesi che hanno subito importanti cambiamenti dopo le riforme sull'erba, creando un effetto domino che si è rapidamente diffuso tra Paese a Paese. Dall'altra parte, invece, troviamo Bolivia, Brasile, Ecuador e Paraguay, dove la Cannabis è tuttora illegale. La buona notizia è che i Paesi proibizionisti stanno ricevendo pressione dai loro vicini e dagli stessi cittadini, che esigono sostanziali cambiamenti in questo ambito. I popoli si stanno svegliando!

USA: CAPEGGIANDO IL CAMBIAMENTO

marijuana Us modifiche della legislazioneE poi troviamo gli Stati Uniti, dove negli ultimi anni abbiamo assistito ad un susseguirsi di riforme a livello statale che ha permesso alla marijuana di arrivare dove non era mai arrivata. Non solo l'erba è stata legalizzata in alcuni Stati, ma i riscontri sull'economia stanno mostrando risultati sorprendenti. In Colorado, ad esempio, le leggi approvate di recente non solo hanno legalizzato la Cannabis, ma hanno fatto anche guadagnare alle casse dello Stato centinaia di milioni di dollari in tasse, senza alcun aumento in criminalità, consumo o altre problematiche di rilievo. Queste ingenti somme di denaro e la mancanza di effetti negativi sulla società ha attirato l'attenzione di tutti gli Stati Uniti, dove ogni Stato sta seguendo da vicino ed imparando queste nuove manovre riformiste. La ArcView Group, un'azienda che si occupa di ricerca ed investimento nel settore della Cannabis con sede ad Oakland, California, ha riferito che l'industria della Cannabis crescerà enormemente nel corso dei prossimi cinque anni. Attualmente, è uno dei settori in più rapida crescita del Paese. Più di 14 Stati legalizzeranno la marijuana a fini ricreativi e più di due lo faranno a fini terapeutici.

Le compagnie statunitensi operative in questo settore si stanno muovendo a livello internazionale, stabilendo fondazioni in altri Paesi in attesa che altri Stati degli USA legalizzino la Cannabis. Ad esempio, alcune società statunitensi stanno già esplorando gli eventuali spiragli di mercato in Paesi europei come Spagna, Portogallo, Germania, Repubblica Ceca e Italia. Si tratta di Nazioni interessate ad ampliare i propri campi d'applicazione attraverso nuove riforme sulla Cannabis. Ciò dimostra come il movimento statunitense non solo sta influenzando il mercato Europeo, ma sta diventando un vero e proprio business. Una cosa è certa, dalla Cannabis si guadagnano ingenti somme di denaro e ciò le consentirà di attirare sempre più attenzioni.

IL CANADA SI MUOVE VERSO LA PIENA LEGALIZZAZIONE

Dopo tutti questi cambiamenti in corso negli Stati Uniti, troviamo altri Paesi limitrofi più progressisti come il Canada, dove sono già in funzione programmi nazionali per l'uso a fini terapeutici e si stanno delineando le basi per lanciare nuovi programmi nazionali sull'uso a fini ricreativi, entro il prossimo anno. Inoltre, il Canada sta per superare gli Stati Uniti nel campo della ricerca sulla Cannabis e sui suoi usi medicinali. Apollo Research, una rete di cliniche canadesi che lavora con la Cannabis e la prescrive con fini terapeutici, ha dichiarato che: "Attualmente, negli Stati Uniti, gli studi sono in stallo per la mancata approvazione a livello federale dell'uso della Cannabis, che impedisce di procedere con i test. Le varietà di Cannabis terapeutica rientrano ancora nella Schedule 1, una categoria strettamente controllata dalla Food and Drug Administration". Il governo degli Stati Uniti sta osservando da vicino il Canada, interessato a seguire il suo esempio finanziando ulteriori studi, soprattutto per quanto riguarda i trattamenti contro il DSPT (Disturbo da Stress Post-Traumatico), un disturbo molto diffuso tra gli ex-militari statunitensi rientrati dagli scontri bellici.

legislazione Canada ricreativo di marijuana medica

È ORMAI DIVENTATA UNA TENDENZA GLOBALE

Stanno avvenendo grandi cambiamenti in tutto il mondo. Ormai sembra chiaro, le Americhe vogliono aprire la strada a questa grande rivoluzione, ma anche da noi sembra che qualcosa si stia muovendo. Ogni Paese sta aspettando di vedere la reazione del mondo a questo nuovo approccio verso la Cannabis. Questa tendenza globale si sta diffondendo ovunque, non solo dal punto di vista politico, ma anche da quello industriale. Si tratta di un movimento mondiale in piena espansione, pur rimanendo un settore relativamente nuovo. Queste nuove leggi avranno importanti conseguenze nei prossimi anni. Finora questa tendenza sembra essere positiva e speriamo che continui in questa direzione.

 

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out