Le canne rollate col tabacco (chiamate in inglese “spliff”) sono un fenomeno comune in molte parti del mondo, specialmente nei Paesi europei. L'aggiunta di tabacco permette alla canna di bruciare più lentamente ed in maniera più uniforme. Molti fumatori inoltre apprezzano il contrasto fra l'effetto stimolante della nicotina, accompagnato alle sensazioni calmanti e rilassanti offerte dalla cannabis.

Malgrado questi aspetti positivi, il tabacco è notoriamente la causa di molte diverse condizioni patologiche, come il cancro, e può provocare danni gravissimi al sistema cardiovascolare quando se ne consuma regolarmente. Coloro che amano aggiungere tabacco nelle loro canne saranno contenti di sapere che esiste una pletora di alternative, che assicurano ugualmente quella combustione lenta e regolare. Per di più, molte di esse offrono altri effetti, che apportano un complemento all'esperienza del fumo.

Eccovi una lista di 10 fra le migliori alternative all'uso del tabacco nelle canne.

1. DAMIANA

La Damiana è un'erba interessante, con una ricca storia. Era usata in origine dagli Aztechi come rimedio per l'impotenza, e ne vengono segnalati gli effetti afrodisiaci e di potenziamento del desiderio e della carica sessuale. La damiana viene usata tradizionalmente anche per curare mal di testa, depressione, incontinenza, e costipazione.

A quest'erba si associa anche un leggero effetto psicoattivo, che si ritiene un tiramisù per chi ne consuma, grazie alla presenza di sostanze che potrebbero agire sul sistema nervoso e sul cervello. La prossima volta che avrete voglia di entrare nell'atmosfera con il/la vostro/a partner, cospargete un po' di damiana essiccata nel vostro cannone, come alternativa al tabacco.

Damiana

2. KRATOM

Il Kratom, noto con il nome scientifico di Mitragyna speciosa, è un membro della famiglia del caffè, originario del sudest asiatico. Questa pianta si è guadagnata notevoli attenzioni per la sua capacità di offrire aiuto ai consumatori di oppiacei in caso di astinenza. Il kratom è noto come valido sostituto degli oppiacei, e ciò significa che potrebbe essere efficace anche nella gestione del dolore cronico.

Il kratom è stato utilizzato tradizionalmente per centinaia di anni, ed ha svolto un ruolo nella medicina tradizionale. Le foglie vengono tuttora masticate allo scopo di alleviare i dolori e stimolare l'energia.

Gli effetti suscitati dal kratom dipendono dai dosaggi. Basse dosi della pianta, fra 1 e 5 grammi, provocano effetti stimolanti che vengono avvertiti entro 10 minuti e possono durare fino a 90 minuti. Questi effetti possono tradursi in un aumento dell'energia e dell'attenzione.

Dosaggi medi della pianta, fra 5 e 15 grammi, hanno effetti simili a quelli degli oppiacei. Gli effetti dei dosaggi compresi in questa fascia possono protrarsi per diverse ore, e possono produrre sollievo dal dolore, stati di calma mentale, ed una attenuazione dei sintomi di astinenza da oppiacei.

Il kratom si può cospargere nelle canne, tenendo conto dei dosaggi in modo da ottenere gli effetti desiderati. Chi la volesse utilizzare dovrebbe comunque fare sulla pianta qualche ricerca preliminare, per assicurarsi che sia compatibile con le proprie eventuali condizioni di salute o i farmaci che si stanno assumendo, poiché complicazioni ed effetti secondari sono possibili e sono stati segnalati.

Mytragna

3. KANNA

Kanna, o Sceletium tortuosum, è un'erba cui si attribuiscono le virtù di sollevare l'umore e allentare stress, tensione ed ansia. Si segnala che i dosaggi più bassi inducono stimolazione, mentre dosi più elevate sono associate con effetti più sedativi. Quest'azione, dipendente dal dosaggio, rende la kanna un'aggiunta piuttosto versatile ad una sessione di fumo, e chi la consuma avrà la possibilità di modulare gli effetti in funzione dell'occasione e dell'umore generale.

Alcuni utilizzatori riferiscono che la kanna accresce la loro fiducia in sé stessi nelle occasioni sociali, e potrebbe dunque aiutare ad arricchire le conversazioni ed attenuare l'ansia sociale. Per tale ragione, potrebbe anche aiutare a contrastare eventuali stati d'ansia associati al consumo di cannabis. Peraltro, si dice anche che la kanna amplifichi certi effetti della cannabis.

Ancora una volta, non mancate di svolgere qualche ricerca sulla pianta prima di aggiungerne alle vostre canne, per accertarvi che per voi, individualmente, il suo consumo sia sicuro. Per esempio, quest'erba può temporaneamente far aumentare la pressione sanguigna.

Kanna

4. LAVANDA

Questa celebre erba dalle virtù terapeutiche è facile da procurarsi, e la si trova come abitante di tanti giardini di tutto il mondo. I sensazionali aromi che si ricavano da questa specie si devono in parte alla presenza del terpene linalolo, che si trova anche in molte varietà cannabiche. Questo terpene può aggiungere alle canne un gusto davvero delizioso.

Ma il ruolo della lavanda in una canna va molto al di là del sapore; il cosiddetto “effetto entourage” rende evidente che i cannabinoidi come THC e CBD agiscono in sinergia con i terpeni, potenziando gli effetti e modificando lo sballo.

Si riporta che fumare lavanda possa essere d'aiuto in casi di nervosità ed insonnia, ed offra una fruizione del fumo più armoniosa.

Lavender

5. ROSMARINO

Spesso presente in molte squisite ricette gastronomiche, il rosmarino è un'altra erba che si incontra di frequente nei giardini. Oltre che con un appetitoso sapore, il rosmarino è anche associato con miglioramenti cognitivi e della memoria, a causa dei componenti attivi presenti all'interno della pianta. Quest'erba può essere d'aiuto anche in caso di infiammazione e nel funzionamento del sistema immunitario.

Rosemary

6. LUPPOLO

Quest'erba si trova comunemente in un'ampia varietà di birre, ma può tuttavia avere un ruolo da svolgere anche nelle canne. Il luppolo fa in effetti parte della stessa famiglia vegetale della cannabis. Il luppolo contiene il terpene mircene, presente ugualmente in numerose varietà cannabiche. Questo terpene è associato con effetti sia sedativi che antidepressivi, che ne fanno un ingrediente aggiuntivo gradevole e complementare dello sballo della cannabis.

Si ritiene che il luppolo sia pericoloso se fumato ad alte temperature, quindi quest'erba costituisce un'aggiunta più adatta alle misture destinate alla vaporizzazione.

Hops

7. ERBA GATTA

L'erba gatta, o Nepeta cataria, la fa da protagonista in numerosi video su internet, dove si vedono dei gatti che ne consumano, e poco dopo manifestano forti effetti psicoattivi. Quest'erba induce effetti interessanti anche negli umani, soltanto leggermente meno intensi. L'aggiunta di erba gatta ad una canna può contribuire ad un effetto sedativo, stimolando sensazioni di rilassamento e di sollievo dallo stress.

Catnip

8. GREENGO

Greengo” è un'alternativa al tabacco molto più salutare, ed aiuta le canne a bruciare in maniera regolare. La miscela è una combinazione di papaia, menta, foglie di nocciolo ed eucalipto. Greengo non contiene nicotina, e non provoca assolutamente alcuna dipendenza. E produce anche molto meno catrame del tabacco.

Greengo

9. SCUTELLARIA

La scutellaria funziona in modo eccellente come sostituto del tabacco, quando si desidera uno sballo morbido e rilassante. Quest'erba viene usata tradizionalmente per attenuare l'ansia, e ridurre la tensione nervosa e lo stress. Ciò la rende un'ottima aggiunta per le varietà indica. Esistono parecchie specie di scutellaria, con distinti effetti, quindi assicuratevi di cercare quella che fa per voi.

Skullcap

10. SALVIA

La salvia è un'altra erba presente in molti giardini, e nella credenza di tante cucine. Chi si immaginava che potesse anche essere aggiunta alle canne, per aumentare gli effetti rilassanti e calmanti! La “salvia bianca”, in particolare, è nota per provocare questi effetti. L'erba essiccata aiuta anche a rimpinguare le canne, e facilita una migliore combustione.

Sage

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out