Chiunque bazzichi nel mondo della cannabis sa che la marijuana e i cartoni animati vanno a braccetto come le spiagge e la piña colada. La cannabis ha la capacità di far riemergere i ricordi più piacevoli dell'infanzia elevandoli ad un nuovo livello di ilarità, aiutandovi a cogliere concetti che da ragazzini non sareste mai riusciti a comprendere. Con la nuova rinascita dell'animazione, dove i personaggi animati sono realizzati con tale cura e raffinatezza che non sono più orientati soltanto al pubblico infantile, ma anche a quello adulto, non poteva esserci occasione migliore per accendersi una canna e guardare un bel cartone.

I seguenti film possono essere guardati in compagnia di un gruppo di amici e con qualcosa da sgranocchiare, ma offrono una piacevole visione anche ai consumatori d'erba più solitari. Una volta fatta la vostra scelta, sedetevi, accendetevene una e lasciate che il sipario si apra!

LA CITTÀ INCANTATA (2001)

Nel film d'animazione La città incantata, una ragazzina si trasferisce con i suoi genitori in un nuovo quartiere, che alla fine risulta essere un mondo di spiriti. Qui i genitori vengono trasformati in maiali da una malvagia strega e la bambina inizia a lavorare in un bagno pubblico della zona mentre elabora un piano per ripristinare la loro umanità e tornare nel mondo degli umani.

Creato dal celebre cineasta Hayao Miyazaki, il film proietta animazioni incredibilmente intricate eseguite con una strabiliante creatività, offrendo immagini che rimarranno impresse nella vostra memoria per molto tempo, anche dopo aver dimenticato parte della trama. Ci riferiamo soprattutto alle sottili espressioni del misterioso Senza-Volto, al maestoso drago-ragazzo Haku e alla trasformazione orrendamente affascinante dello spirito del fiume. Queste immagini sono di per sé già avvincenti, ma se le combinate con lo stupore aggiunto dagli effetti della cannabis, potreste vivere un'esperienza quasi religiosa.

Inoltre, la storia è molto commovente. Propone una narrativa particolarmente strutturata basata sul concetto di crescere e diventare grandi, in cui la trasformazione tra bambino e adulto consente di superare il regno degli spiriti. Traendo ispirazione dalle tradizioni giapponesi scintoiste e buddiste, con sottili allusioni all'influenza europea in Giappone, La città incantata è un ottimo film da accompagnare con le vostre varietà più visionarie e cerebrali.

LA CITTÀ INCANTATA

YELLOW SUBMARINE (1968)

Uscito nel 1968, Yellow Submarine è forse il primo film d'animazione di natura psichedelica del nostro cinema, ed ancora nel 2019 rimane un film di forte impatto.

Il film inizia a Pepelandia (Pepperland), una terra immaginaria protetta dalla Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band. Quando la terra viene attaccata da un'orda di Biechi Blu (Blue Meanies), il sindaco invia il capitano Fred (Old Fred), un vecchio marinaio, a Liverpool per cercare aiuto. Lì, persuade Ringo, John, Paul e George a recarsi a Pepelandia in un sottomarino giallo per rimettere in sesto le cose.

Tra una scena e l'altra, i Beatles suonano molte delle loro migliori canzoni interpretate da animazioni psichedeliche: When I’m Sixty-Four rappresenta il favoloso quartetto di musicisti con lunghe barbe bianche mentre rimbalzano all'interno del sottomarino. Se avete una varietà che migliora la percezione della buona musica, Yellow Submarine è sicuramente un film da vedere.

Lo stile surreale del film, con i suoi colori vivaci, le lettere che galleggiano come bolle e le proporzioni flessibili, è entrato in profondità nello spirito culturale di tutti noi, influenzando intere generazioni di artisti psichedelici. Il film rappresenta uno dei primi casi di animazione orientati verso il pubblico adulto, dove i più moderni ed apprezzati film di Miyazaki e Adventure Time sono in forte debito con questo grande classico dell'animazione. Inoltre, il film è molto divertente, con una storia affascinante, un'animazione molto particolare ed una musica capace di cambiare il mondo, di cui tutti i fumatori d'erba vanno matti.

Yellow Submarine

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE (1951)

Nel cartone animato Alice nel Paese delle Meraviglie, una ragazzina di nome Alice canta e brama di vivere nuove avventure, quando all'improvviso le passa vicino un coniglio bianco con panciotto. Lo segue fino ad entrare in una tana, dove avrà inizio un incredibile viaggio tra pastiglie che la faranno crescere e rimpicciolire a dismisura, bizzarri incontri con l'enigmatico Stregatto ed una dura lotta con la tirannica Regina di Cuori.

Alice nel Paese delle Meraviglie si basa sul libro di Lewis Carroll e rimane piuttosto fedele alla storia originale. Il film adotta uno stile di animazione classico della "età dell'oro" della Disney, ma lo applica ad un contenuto così vivace che l'effetto risulta ancora più bizzarro e surreale. È per questo che il film ha riacquistato una certa popolarità negli psichedelici anni '60. La storia è ricca di umorismo fine ed intelligente, con sequenze surreali e sottili allusioni sociali, una combinazione che va a genio con qualsiasi consumatore d'erba, a prescindere da quanto sia sballato o alterato mentalmente.

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

PAPRIKA – SOGNANDO UN SOGNO (2006)

Paprika - Sognando un sogno si svolge in un futuro dove gli psicoterapeuti eseguono una nuova forma di terapia attraverso l'ausilio di dispositivi con cui riescono ad entrare nei sogni dei loro pazienti. La dottoressa Atsuko Chiba, capo della squadra che lavora al progetto, si cela nel mondo dei sogni con il suo alter-ego Paprika per trattare illegalmente i pazienti in una struttura psichiatrica vicina. Man mano che il film avanza, il confine tra sogno e realtà inizia a sbiadirsi, così come la linea psicologica tra Paprika e i suoi pazienti.

Il film si basa su un genere d'animazione intricatamente dettagliato, definendo un tono adulto che fa da sfondo a questa complessa storia. Usa i colori e i movimenti per spostarsi tra i diversi livelli tematici della storia, contrastando l'oscurità, i toni tenui e l'immobilità con colori forti, immagini esplosive, con zoom e panoramiche accelerati. Paprika è stato un traguardo molto importante per l'animazione per adulti, dove una storia commovente si fonde con immagini spettacolari. Se state cercando un film da guardare sotto l'effetto di una buona varietà cerebrale, certi di poter instaurare una lunga conversazione una volta terminato il film, con Paprika non potete sbagliare.

Paprika

FANTASIA (1940)

Fantasia è il terzo film d'animazione con cui la Disney riuscì a superare se stessa. Composto da otto episodi animati accompagnati dalla musica classica diretta da Leopold Stokowski, nel film compaiono creature fantastiche che danzano e giocano allegramente, si viaggia alle origini della vita sulla terra, ma soprattutto appare la magica sequenza de L'Apprendista Stregone, in cui Topolino trasforma una scopa nel suo servitore personale, con risultati disastrosi.

Quando uscì nelle sale cinematografiche, Fantasia fu acclamato sia dalla critica che dagli spettatori. Ma pochi sapevano che le famose sequenze musicali possono essere elevate ad un livello completamente nuovo grazie alla cannabis. Se scegliete una varietà visionaria, i cartoni allegri e fantastici assumono nuovi significati, permettendovi di perdervi nella storia di Topolino e della scopa impazzita. Guardare Fantasia sotto gli effetti della marijuana è quasi come un rito di passaggio a cui dovrebbero sottoporsi tutti gli appassionati d'erba, oltre ad essere un'esperienza assolutamente da non perdere.

Walt Disney - Fantasia

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.