Come Fare l'Olio di Cocco alla Cannabis

Published :
Categories : Cannabis Blogla marijuana medica

Come Fare l'Olio di Cocco alla Cannabis

Il processo d'estrazione dell'olio di cocco alla Cannabis è molto simile a quello del burro di Cannabis. 7 semplici passi da seguire, 50g di cime e l'aspirazione a diventare farmacista.

Quando si cucina con la Cannabis bisogna sempre valutare a priori i dosaggi da aggiungere alle proprie ricette. Sminuzzare enormi quantità di spettacolari cime, solo per realizzare "Edible" da sgranocchiare o concentrati, potrebbe risultare piuttosto azzardato e pericoloso. Nonostante ciò, l'obiettivo è sempre quello di ottenere un prodotto finale piuttosto potente. La nostra intenzione non è certo quella di ottenere un placebo o un rimedio omeopatico! Vogliamo qualcosa di efficace con cui trattare i nostri dolori più fastidiosi, dolori muscolari, problemi articolari e diverse disfunzioni dell'epidermide.

In circolazione si possono trovare numerose ricette che, solitamente, consigliano di utilizzare un quantitativo di Cannabis che può oscillare tra gli 8 e i 120 grammi, per ogni 250ml di olio di cocco. Pur trattandosi di un olio di cocco piuttosto potente, non viene quasi mai specificato se le cime debbano essere finemente macinate o no, lasciando i lettori in balìa dei dubbi. Per quanto il quantitativo da sacrificare rimanga ancora piuttosto alto, nella nostra ricetta consigliamo di usare 50g di fiori essiccati e finemente macinati. Solo in questo modo riuscirete ad ottenere un olio di cocco terapeutico ed efficace. In ogni caso, se usare così tante cime dovesse risultarvi troppo traumatico, potete sempre usare un mix di foglioline ricoperte di resina e cime di Cannabis. Ciò vi permetterà di ottenere un olio altrettanto potente, lasciandovi però qualche cima in più da fumare.

INGREDIENTI & ACCESSORI

• Pentola di cottura (dimensioni medio-grandi)

• 1,25l di acqua distillata (l'acqua ad osmosi inversa sarebbe l'ideale; come quella degli acquari, per intenderci)

• 50g di cime essiccate e finemente tritate (o un mix di scarti della manicure e cime vere e proprie)

• 250ml di olio di cocco biologico

• Garze, tessuti stamigna o altri colini con filtro a maglia fine (qualsiasi materiale a maglia fine va bene)

• Contenitore in plastica o vetro, con coperchio

Olio di Cocco alla Cannabis

IL PROCEDIMENTO

1. Sciogliere i 250ml di olio di cocco nella pentola di cottura e assicurarsi di scaldarlo a fuoco basso.

2. Aggiungere 1,25l d'acqua distillata nell'olio, solo quando quest'ultimo sarà completamente disciolto.

3. Aggiungere i 50g di cime finemente macinate nella miscela ed evitare di piangerci sopra.

4. Scaldare la miscela ad una temperatura piuttosto sostenuta per circa un'ora. Mescolare frequentemente. Dopo un'ora, ridurre drasticamente la temperatura e sobbollire a basse temperature per 8-24 ore. 120-135°C è già una buona escursione termica. Non superare mai i 150°C, altrimenti si rischia di degradare i componenti terapeutici della miscela.

5. Filtrare la miscela con la garza o qualsiasi altro tessuto simile alla stamigna con funzione di colino e versare in un contenitore. In questo modo la parte solida vegetale verrà separata da quella liquida.

6. Chiudere il contenitore e mettere in frigorifero a raffreddare.

7. Dopo circa 12 ore l'olio di cocco si sarà solidificato nella parte superficiale della miscela, lasciando la parte liquida sul fondo del contenitore.

Ed ecco fatto! Avete ora la possibilità di applicare da soli un olio di cocco alla Cannabis fatto in casa, su tutte le parti del corpo che abbiano bisogno dei suoi effetti medicinali.