DECARBOSSILAZIONE: CHE COS'È?

Il THCA (acido tetraidrocannabinolico) è l'acido precursore del THC. Pertanto, senza il THCA, il THC non esisterebbe. Tuttavia, il THCA non genera i famosi effetti psicologici provocati dal THC. Occorre infatti un processo di decarbossilazione (applicazione di calore), per rimuovere un gruppo carbossilico (la “A”) e trasformare il THCA in THC utilizzabile.

Ad ogni modo, anche il THCA sembra avere una sua utilità. Si ipotizza infatti che, in natura, il THCA agisca come deterrente contro i predatori e parassiti della pianta. Inoltre, diverse ricerche suggeriscono che il THCA potrebbe persino racchiudere proprietà terapeutiche, inclusi effetti antinfiammatori e neuroprotettivi. Impiegato correttamente, il THCA potrebbe quindi esibire gli stessi effetti terapeutici del THC—ma senza sballare il consumatore.

COME DECARBOSSILARE LA CANNABIS

Quando la cannabis viene fumata o vaporizzata, la decarbossilazione avviene normalmente ogni volta che si aspira una boccata. Pur essendo un metodo meno raffinato rispetto a quello descritto successivamente, l'applicazione diretta di una fiamma consente di decarbossilare immediatamente terpeni e cannabinoidi della cannabis e di assorbirli rapidamente per trarne beneficio. Tuttavia, il calore eccessivo generato da questo metodo può distruggere alcune delle molecole più volatili. La vaporizzazione è una tecnica leggermente più raffinata: il dispositivo si riscalda fino a raggiungere il punto di evaporazione dei terpeni e dei cannabinoidi, permettendo di assimilare in modo quasi completo ciascuna sostanza.

  • METODO DEL FORNO

Il modo più comune per decarbossilare la cannabis, soprattutto quando si vogliono preparare degli edibili, è “cuocerla” in forno. Per questa procedura occorre seguire diversi passaggi:

1. Tritate la cannabis fino ad ottenere una consistenza abbastanza omogenea da distribuire su una superficie sottile.
2. Rivestite una teglia con carta da forno.
3. Versate la cannabis tritata sulla carta da forno, distribuendola in modo uniforme.
4. Pre-riscaldate il forno a 115℃ e inserite la teglia. Cuocete per circa 45 minuti, mescolando la cannabis a metà cottura.

È fondamentale tenere d'occhio la temperatura del forno durante l'intera procedura. Potreste decidere di accelerare il processo cuocendo a temperatura più alta, ma così rischiereste di danneggiare i cannabinoidi e i terpeni, rendendo la ganja potenzialmente inutilizzabile. Il modo più semplice ed efficace per decarbossilare la cannabis è cuocerla a bassa temperatura per un periodo di tempo prolungato.

Anche se questa è la tecnica più utilizzata (e per alcuni anche la più semplice), esistono molti altri modi per decarbossilare la marijuana.

Decarbossilazione
Decarbossilazione
Decarbossilazione
  • METODO DEL MICROONDE

Se non avete 45 minuti di tempo per cuocere la vostra erba in forno, questo è un metodo perfetto. Sebbene sia un approccio più pragmatico, potete decarbossilare la vostra cannabis in pochi minuti grazie al vostro vecchio ed affidabile forno a microonde. Ecco come:

1. Come nei precedenti metodi, macinate l'erba fino ad ottenere una consistenza media. Riponetela in una ciotola o in un contenitore per microonde.
2. Impostate il microonde alla massima potenza per circa 90 secondi.
3. Ritirate l'erba ed annusatela. Dovrebbe avere un odore pungente, ma non di bruciato. Se vi sembra che non sia ancora pronta, mescolatela e rimettetela nel microonde per altri 60–90 secondi.

Decarbossilare la cannabis nel microonde è un processo un po' più complicato rispetto al forno, poiché non si ha alcun controllo sulle temperature. Inoltre, i microonde variano molto da modello a modello e, di conseguenza, dovrete un po' improvvisare a seconda della marca e del modello che avete in casa.

Se avete paura di bruciare l'erba con questo metodo, impostate al minimo il vostro microonde e cuocete le cime un po' più a lungo. Tenetele sempre d'occhio per evitare che si brucino ed usate il naso per valutare se sono state decarbossilate correttamente.

Qualunque metodo adottiate per decarbossilare la vostra erba, ricordate: basso e lento. Usando temperature troppo alte per riscaldare più velocemente la cannabis rischierete solo di bruciare sia i cannabinoidi che i terpeni, andando così a rovinare la potenza e gli aromi della vostra erba. Mantenetevi su temperature più basse e prendetevi tutto il tempo di cui avete bisogno. Solo così riuscirete ad ottenere una cannabis perfettamente attivata e pronta per essere usata in una delle vostre ricette preferite.

  • METODO DEL SOTTOVUOTO

Dopo il forno, questo è probabilmente il nostro secondo metodo preferito per decarbossilare la cannabis. Poiché l'acqua bolle a 100℃, è letteralmente impossibile bruciare l'erba usando questo metodo. Inoltre, con l'ausilio di un termometro, avrete anche un controllo molto preciso sulla temperatura. Ciò vi garantirà che tutti i cannabinoidi delle vostre cime verranno attivati.

Ecco come decarbossilare la cannabis usando la cottura sottovuoto (anche chiamata sous-vide):

1. Macinate le vostre cime fino ad ottenere una consistenza media. Mettetele in un sacchetto per la cottura sous-vide e sigillatelo sottovuoto.
2. Se disponete di un forno ad acqua per la cottura sottovuoto, impostatelo per cuocere a 95℃. Inserite il sacchetto nel forno e cuocete per circa 1 ora. Se invece non avete un forno sous-vide, riempite una pentola con acqua e portate ad ebollizione a fuoco alto.
3. Una volta che inizia a bollire, abbassate il fuoco ed usate un termometro per mantenere la temperatura dell'acqua tra 95 e 100℃.
4. Mettete il sacchetto d'erba sottovuoto nell'acqua e cuocete per circa 60 minuti.

Quando si usa il metodo sous-vide, la pazienza è la chiave. Richiede molto più tempo rispetto agli altri metodi di questo elenco, ma i risultati sono molto coerenti.

  • METODO NATURALE

È importante notare che il processo di decarbossilazione avviene naturalmente nella cannabis con il passare del tempo, senza necessità di interventi esterni. Gli elementi atmosferici trasformano progressivamente il THCA in THC e il THC nel cannabinoide CBN. Ad ogni modo, questo processo è estremamente lento e per velocizzarlo è indispensabile applicare il calore. Qualunque sia il metodo utilizzato, la decarbossilazione è fondamentale per “liberare” il potere psicotropo del nostro beneamato THC.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.