Il THC, noto anche come tetraidrocannabinolo, è il prodotto chimico che causa gli effetti psicologici della marijuana.


Che cosa fa il THC?

Il THC può modificare il comportamento di una persona collegandosi ai recettori delle cellule nervose e andando così ad alterarne l’attività. I recettori di cannabinoidi sono concentrati in alcune regioni del cervello collegate alla memoria, alla coordinazione, al pensiero, alla percezione del tempo ed al piacere. Anche i nervi presenti nelle altre regioni del nostro corpo sono provvisti di recettori di cannabinoidi. Il THC allevia il dolore, senza però legarsi ai recettori cerebrali (allo stesso modo in cui vi si legano oppioidi come la morfina, l’eroina ed altre sostanze stupefacenti provenienti dal papavero). Il THC crea euforia, stimolando le cellule cerebrali che rilasciano dopamina. Il THC influenza inoltre il modo in cui il cervello elabora e costruisce nuovi ricordi: così facendo può causare allucinazioni o illusioni nel soggetto che lo assume o modificarne il pensiero. Tutti questi effetti della marijuana sono alla base della sua popolarità, pur non senza destare qualche perplessità fra i paladini della salute mentale. Secondo il NIDA (istituto statunitense per la lotta alle tossicodipendenze) l’uso del THC può causare alcuni sintomi schizofrenici. Notoriamente il composto chimico THC suscita anche un certo “languorino” in quanto stimolatore dell’appetito. Induce inoltre uno stato di rilassamento in chi l’assume, andando anche ad influenzare il suo senso dell’olfatto, della vista e dell’udito. Può inoltre causare stanchezza e, in taluni soggetti, attenuare la risposta sintomatologica agli stimoli esterni. Alcuni studi mostrano che il THC è efficace per il trattamento del vomito e della nausea e presenta pertanto proprietà antiemetiche.

Effects of THC
La marijuana e la medicina
È attualmente in corso un dibattito sulla marijuana usata come farmaco a scopo benefico. I medici in rappresentanza dell’agenzia del farmaco statunitense (FDA), nel loro contributo del 2004 davanti al Congresso americano, hanno affermato che è difficile effettuare analisi per appurare la sicurezza e l’efficacia della marijuana, giacché il principio attivo può variare da pianta a pianta. Ciò può pertanto costituire un problema per un paziente cui si somministra marijuana. Hanno inoltre aggiunto che la FDA è aperta ad eventuali proposte di studi scientifici sull’uso della marijuana a scopo terapeutico. Il THC agisce alterando il rilascio dei neurotrasmettitori all’interno del midollo spinale e permettendo così di alleviare il dolore.
Medical Marijuana
Che cos’è il THC?
Il THC è solo uno dei tanti composti chimici secreti dalle ghiandole di una pianta di marijuana. Le ghiandole sono primariamente localizzate negli organi riproduttivi della stessa pianta. Alcuni degli altri composti contenuti nella marijuana, come i cannabinoidi, sono inoltre presenti nella resina e possono attenuare gli effetti del THC. Se esposto all’aria, il THC si degrada in un cannabinoide, con effetti caratteristici sulla psiche. Il livello di concentrazione del THC dipende dal metodo di coltura della marijuana. La cannabis contenente la quantità minima di THC, fino all’un percento, è coltivata come canapa comune. Il THC può essere separato dalla marijuana o sintetizzato per fabbricare farmaci come il dronabinol, autorizzato dalla FDA.
Trichomes
Che cosa s’intende per marijuana?
La parola marijuana è composta dai due nomi spagnoli “Maria” e “Juana” (Giovanna). L’etimologia riportata nell’Oxford Dictionary fa risalire la parola alla lingua nahuatl con il significato di “prigioniero”.
Cannabis Indica sativa
Che cos’è la cannabis?
Se usata come droga ricreativa, la cannabis si presenta in svariate forme: come erba essiccata, in polvere, o infine sotto forma di resina o olio. I termini gergali inglesi per designare la cannabis sono altrettanto variegati: dope, pot, hash, weed e grass (it. erba, fumo, paglia, foglia). La marijuana o cannabis è più comunemente nota come stupefacente illecito venduto per le strade. Viene arrotolata a mo’ di sigaretta (“spinello” o “canna”), fumata in pipe, usata come ingrediente negli alimenti o preparata come infuso caldo. Se consumata negli alimenti, ha effetti psicoattivi e psicologici. Perché produca un effetto psicoattivo sono necessari almeno 10 microgrammi di THC per chilo di peso corporeo.
Cannabis blunts usa flag
Quali forme di cannabis usano i consumatori?
Comunemente la marijuana si presenta grezza sotto forma di fiori, steli e foglie essiccate della pianta di canapa. Per finalità ricreative questa è la sua forma d’uso più diffusa e, più probabilmente, anche quella utilizzata a scopo medicinale. La marijuana da fumo è generalmente utilizzata in questa forma grezza. Le forme lavorate di marijuana sono invece:

• Hashish – in questa forma la marijuana può essere masticata o fumata, il prodotto non è che resina concentrata, ricavata dalla parte alta della pianta di canapa in fioritura.
• Olio di hashish – l’olio di hashish può essere fumato, assunto per bocca o vaporizzato; è ricavato per estrazione con l’uso di un solvente dalla canapa; il prodotto finale è un olio altamente concentrato.
• Resina – resina raccolta dai residui che si accumulano sulle pipe e sugli altri utensili utilizzati per fumare la marijuana. Nella maggior parte dei casi, se l’utente ha esaurito la marijuana, può esporre l’utensile al vapore proveniente dall’acqua calda (a temperatura contenuta) e quindi asportare dallo stesso utensile il contenuto di resina residua.
Cannabis hash
I benefici terapeutici della Cannabis
Molti studi dimostrano che la canapa utilizzata come marijuana medicinale presenta svariati benefici:
Cannabis for treating pain
• la marijuana è nota come stimolatore di appetito e di gusto nei pazienti affetti da tumore;
• la marijuana migliora la sintomatologia nella terapia del dolore neuropatico a lungo termine (dolore che si ripercuote sul sistema nervoso causando danni cronici);
la marijuana può alleviare il dolore dopo un intervento chirurgico di grossa entità;
• i composti chimici contenuti nella marijuana contribuiscono a rallentare la crescita del tumore prostatico;
• le sostanze presenti nella cannabis contribuiscono ad alleviare i sintomi della dermatite.

Oltre alle pubblicazioni esistenti, scienziati e specialisti continueranno in futuro a condurre ulteriori studi per stabilire quali sono i benefici della marijuana sugli esseri umani.

Cultivez votre propre marijuana médicale


Responsabilité Médicale

Les informations listées, référencées ou liées à ce site internet le sont uniquement dans un but informatif et ne fournissent pas de conseils professionnels, médicaux ou légaux. Royal Queen Seeds n’approuve pas, ne prônent pas et ne fait pas la promotion de l’usage licite ou illicite de drogues. Royal Queen Seeds ne peut être tenu pour responsable de matériel provenant des références présentes sur nos pages ou sur des pages vers lesquels nous fournissons des liens et qui approuveraient, prôneraient ou feraient la promotion de l’usage licite ou illicite de drogues ou d’activités illégales. Merci de consulter votre médecin avant d’utiliser tout produit/ toute méthode listé, référencé ou lié à ce site internet.