Nell'ultimo decennio, molte persone si sono rivolte alla marijuana terapeutica per trattare i propri problemi di salute fisica e mentale. Dal dolore cronico alle infiammazioni, dal glaucoma fino al cancro, sempre più gente sta trovando sollievo grazie alle proprietà di questa pianta.

L'elenco delle malattie potenzialmente trattabili con la marijuana aumenta di giorno in giorno e la sindrome di Tourette potrebbe essere la prossima ad aggiungersi alla lista. È ancora troppo presto per dire qualcosa di preciso, ma le prospettive sono buone.

COS'È LA SINDROME DI TOURETTE?

Nonostante il suo nome sia ben noto a molti, circolano idee sbagliate sulla vera natura della sindrome di Tourette (ST). In sostanza, si tratta di un disturbo dello sviluppo neurologico che provoca spasmi e movimenti muscolari involontari, portando a tic motori e vocali (che approfondiremo più avanti).

I ricercatori non hanno ancora individuato una causa precisa, ma è chiaro che entrano in gioco fattori genetici ed ambientali. Detto questo, è stato dimostrato che nella gran parte dei casi si tratta di un disturbo ereditario. Tuttavia, l'esatto gene responsabile della trasmissione non è stato ancora scoperto.

QUALI SONO I SINTOMI DELLA SINDROME DI TOURETTE?

Dopo aver menzionato Tourette, a molti di voi potrebbero venire in mente quei servizi televisivi su persone colte da improvvisi attacchi di collera, incapaci di trattenere urla e gesti. Tuttavia, nonostante questa impellente necessità di urlare frasi oscene e volgari sia effettivamente connessa a questo disturbo, la stragrande maggioranza delle persone affette da ST non mostra questo comportamento.

Chi è affetto da ST mostra piuttosto una combinazione di tic motori e vocali[1]. Questi possono essere più o meno evidenti, ma molti possono manifestarsi regolarmente senza che nessuno se ne accorga. I tic motori come battere le palpebre, scrollare le spalle o roteare gli occhi, ad esempio, rientrano nel comportamento standard. Alcuni tic vocali, come schiarirsi la gola, tossire e far schioccare la lingua, possono persino manifestarsi senza mettere troppo a disagio le persone vicine.

Chi invece deve fare i conti con altri tipi di tic potrebbe non essere così fortunato. Alcuni sentono l'impulso di saltare o volteggiare, muovendo a scatti arti e testa. Altri potrebbero essere addirittura colti dall'irresistibile voglia di toccare determinati oggetti o le persone circostanti. Alcuni tic vocali possono inoltre rendere la situazione piuttosto imbarazzante, soprattutto nei casi in cui si inizia improvvisamente a fischiettare, a ripetere frasi, a pronunciare parole casuali, a simulare versi di animali e, naturalmente, ad imprecare. Quest'ultimo sintomo, vi ricordiamo, colpisce solo 1 malato su 10, ma gli altri sono molto più comuni.

 

TOURETTE SYNDRME SYMPTOMS
Attention deficit Dysfunction in sensory integration
Executive disfunction Visual perception motor disabilities
Learning disabilities Mood disorders
Social skills deficits Obsessive-compulsive disorder
Memory deficits Panic disorder

 

COME VIENE TRATTATA LA SINDROME DI TOURETTE?

Oggi, possiamo contare su un'ampia varietà di terapie contro la ST[2], che agiscono a diversi livelli. I trattamenti più comuni, tuttavia, rimangono le terapie comportamentali, di cui quella più conosciuta è il “training di inversione delle abitudini” (Habit reversal training, HRT). Questo metodo si basa sul principio che i tic nervosi sono normalmente preceduti da un impulso premonitore.

Quando una persona avverte questo impulso, un terapista comportamentale la “allena” affinché possa mettere in atto una risposta capace di placare il tic. Questa specifica strategia è chiamata intervento comportamentale completo per i tic (Comprehensive Behavioral Intervention for Tics, CBIT) e finora ha dimostrato di essere il trattamento più efficace in circolazione.

Questa terapia, tuttavia, rappresenta solo il “primo avamposto di difesa” e coloro che hanno a che fare con sintomi più gravi devono rivolgersi ad altri trattamenti. Non esiste un farmaco specifico contro i tic, ma quelli normalmente prescritti dai medici riescono almeno a gestire i sintomi.

Gli antipsicotici come il pimozide, ad esempio, sono stati approvati dalla FDA per trattare questa sindrome. Questo, insieme all'aloperidolo (altro antipsicotico), ha dimostrato di essere il farmaco più efficace contro i tic. Questi medicinali, tuttavia, agiscono inibendo i recettori della dopamina e gli effetti collaterali possono portare ad una nuova serie di problemi. Finché non verrà prodotto un farmaco specifico contro i tic, questa rimane la migliore opzione medica.

QUAL È IL RUOLO DEL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE NELLA SINDROME DI TOURETTE?

A questo punto, dovreste aver ormai capito che le cause della ST sono dei guasti nei meccanismi di elaborazione del cervello. Tuttavia, lo sapevate che anche il sistema endocannabinoide[3] può essere coinvolto? Permetteteci di spiegarvelo. Con la ST, si verificano dei problemi nei gangli basali, ma anche all'interno del talamo e della corteccia frontale. E siccome i recettori di cannabinoidi di tipo 1 (CB1) sono presenti in gran numero nei gangli basali, è chiaro che il sistema endocannabinoide (SEC) viene fortemente coinvolto nella loro funzione. Modulando questo sistema (insieme a molti altri), si sospetta che una disfunzione del SEC sia in parte responsabile della ST.

LA MARIJUANA TERAPEUTICA PUÒ TRATTARE LA SINDROME DI TOURETTE?

Chi ha familiarità con la scienza dietro la cannabis potrebbe aver già capito dove vogliamo andare a parare. Cerchiamo di analizzare la questione più nel dettaglio. Se la causa della ST è una disfunzione del SEC, la cannabis potrebbe essere efficace contro questa sindrome? Con sempre maggiore frequenza, la scienza sta dicendo sì, o almeno un deciso “forse”. Arrivando al nocciolo della questione, per decenni i ricercatori hanno sospettato che la cannabis potesse aiutare le persone affette da ST.

In uno studio del 1998 condotto su 64 persone affette da ST, una squadra di ricercatori tedeschi scoprì che su 17 pazienti che avevano riferito di fumare marijuana, 14 riportarono un sollievo parziale o totale[4] dai loro tic. I successivi studi condotti dallo stesso team mostrarono risultati coerenti con questa tendenza.

Medical Marijuana Treating Tourette

Tuttavia, la marijuana non si limiterebbe a ridurre solo i tic. Ciò che le persone neurotipiche (ovvero chiunque non abbia una condizione neurologica atipica) potrebbero non sapere è che molti pazienti affetti da ST manifestano anche problemi di sonno. Tuttavia, come molti di voi sapranno, la cannabis può rivelarsi un'ottima alleata per conciliare il sonno. Se da una parte la ST provoca una latenza del sonno, dall'altra la cannabis la attenuerebbe[5]. I tic tendono a manifestarsi con maggiore frequenza durante il sonno REM, ma la cannabis ha la capacità di ridurre notevolmente il sonno REM. Quindi, quando i malati hanno difficoltà a dormire, la cannabis potrebbe metterli fuori combattimento per tutta la notte. Ha inoltre la capacità di contrastare i sintomi del DOC[6], disturbo ossessivo-compulsivo, che sono spesso associati a condizioni di comorbidità. A sua volta, riduce anche l'ansia e l'aggressività[7] che molte persone affette da ST devono affrontare ogni giorno.

ST E CANNABIS: COSA RISERVA IL FUTURO?

Nonostante siano già state condotte numerose ricerche, solo il futuro saprà dirci se la cannabis è una vera alleata per i pazienti con ST. Sono in corso studi clinici, tra cui una ricerca ufficiale del governo degli Stati Uniti che si concluderà nel 2020[8]. Dopo tutti i dati riportati in questo articolo, abbiamo buoni motivi per essere ottimisti, ma non è ancora il momento di lasciarsi trasportare dall'entusiasmo. I ricercatori dovranno assicurarsi che il THC non causi effetti collaterali a lungo termine e che la riduzione dei tic in altri studi non sia stata solo un colpo di fortuna. In fin dei conti, l'importante è che le persone affette da ST riescano presto ad accedere ad un trattamento davvero efficace.

External Resources:
  1. Tourette's syndrome - NHS https://www.nhs.uk
  2. Management of Tourette syndrome https://en.wikipedia.org
  3. Possible Role of the Endocannabinoid System in Tourette Syndrome https://www.intechopen.com
  4. Cannabinoids: possible role in patho-physiology and therapy of Gilles de la Tourette syndrome. - PubMed - NCBI https://www.ncbi.nlm.nih.gov
  5. Decreased sleep quality and increased sleep related movements in patients with Tourette’s syndrome https://www.ncbi.nlm.nih.gov
  6. Delta 9-tetrahydrocannabinol (THC) is effective in the treatment of tics in Tourette syndrome: a 6-week randomized trial. - PubMed - NCBI https://www.ncbi.nlm.nih.gov
  7. Psychiatry Online https://neuro.psychiatryonline.org
  8. Safety and Efficacy of Cannabis in Tourette Syndrome - Full Text View - ClinicalTrials.gov https://clinicaltrials.gov
Liberatoria:
Questo contenuto è solo per scopi didattici. Le informazioni fornite sono state tratte da fonti esterne.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.