L'arte della scrittura può portare a due estremi opposti. Può essere un'esperienza di pura gioia, dove la mente raggiunge uno stato di flusso (anche conosciuto come "stato di flow"), o una completa frustrazione. Nel migliore dei casi, sembra che le parole vengano evocate dalle punte delle dita in un'inarrestabile raffica di comunicazione chiara e concisa. Ma la scrittura non è sempre così fluida e piacevole. A volte, il solo gesto di toccare il foglio con la penna può creare un forte affaticamento mentale. Ogni singola parola è forzata, le frasi diventano sconnesse e disgregate e le bozze risultano così brutte da essere cestinate una dietro l'altra. Infatti, a volte la penna non arriva nemmeno a toccare il foglio, né le dita si avvicinano alla tastiera. La mente dello scrittore può avere serie difficoltà ad evocare pensieri lucidi, per non parlare di trasmutarli in forma scritta.

Quest'ultimo stato è anche conosciuto come "blocco dello scrittore" e può essere una realtà estremamente frustrante e fastidiosa. Ma per fortuna, non dura per sempre. Tuttavia, non c'è alcuna garanzia che non torni alla ribalta. Ci sono diversi trucchi da adottare per superare questa fase, inclusa l'assunzione di cannabis, una pianta che ha influenzato numerosi scrittori nel corso dei secoli. Ma la marijuana non dev'essere esclusivamente usata nei momenti di conflitto creativo. Fumare marijuana durante il picco di "stato di flusso" (quando si è completamente immersi nella scrittura) può anche aiutare ad elevare le proprie abilità di scrittura ad un livello completamente nuovo. Può infatti rivoluzionare il vostro normale stile narrativo e contribuire a spingere i vostri limiti verso l'eccellenza.

CANNABIS E CREATIVITÀ

Gli effetti della cannabis sono stati a lungo associati ad una maggiore creatività. Il fatto che decine di musicisti, artisti, scrittori ed attori facciano uso di cannabis non sembra per nulla casuale. Da una prospettiva più aneddotica, dopo aver assunto cannabis la mente sembra percepire il mondo attraverso una nuova lente. Le modalità predefinite di analisi del mondo svaniscono e vengono rapidamente sostituite da pensieri più intriganti ed affascinanti, con sentimenti di meraviglia e stupore. Le emozioni come rabbia, gelosia e risentimento sembrano evaporare, lasciando spazio alla spensieratezza, alla comprensione e all'apprezzamento. Questo rinnovato stato mentale sembra essere fantastico quando si tratta di immergersi in un processo creativo. I sentimenti di empatia ed una maggiore attenzione rendono più fluidi i processi mentali.

Quante volte vi sarà capitato di sentire un consumatore di cannabis affermare che l'erba "apre la mente" o "apre gli occhi". Queste descrizioni archetipiche scavalcano qualsiasi cliché e danno una dimensione più reale alle idee. C'è davvero un'enorme differenza nello stato mentale quando ci si siede con carta e penna completamente sobri, rispetto a quando lo si fa dopo aver fumato un bong o una canna.

CANNABIS E CREATIVITÀ

Il principio secondo cui la cannabis ha la capacità di migliorare la creatività non è solo una giustificazione per hippie pigri che non vogliono smettere di fumare la loro pipa. L'impatto della cannabis sulle nostre facoltà creative è così evidente che è stato ampiamente studiato dai ricercatori scientifici.

In un documento del 2012 pubblicato sulla rivista Consciousness and Cognition si è cercato di definire il legame tra cannabis e creatività. Gli autori di questo studio riconoscono la mancanza di ricerca in questo campo, semplicemente perché la creatività è un parametro difficile da definire o da misurare oggettivamente. I ricercatori hanno scelto di usare un modello di pensiero creativo per concettualizzare la creatività come una separazione tra pensiero divergente e convergente. Il pensiero convergente è collegato alla risoluzione dei problemi concreti e alla raccolta di conoscenze focalizzata su un'unica soluzione. Invece, il pensiero divergente è associato a nuove idee e soluzioni e ad una maggiore fluidità e flessibilità.

Le 160 persone che parteciparono a questo studio furono osservate un giorno da sobrie ed un altro sotto gli effetti del THC. Dai risultati emerse che la cannabis aumentava la fluidità verbale nei partecipanti classificati come "di bassa creatività", ma anche in quelli classificati "di alta creatività". Gli autori di questo studio conclusero che l'uso occasionale di cannabis può aumentare il pensiero divergente come indicizzato dalla fluidità verbale delle persone "di bassa creatività".

L'USO DELLA CANNABIS PUÒ MIGLIORARE LE ABILITÀ DI SCRITTURA?

A quanto pare, la cannabis avrebbe quindi la capacità di aumentare la creatività e il pensiero divergente in alcuni individui, ma come possiamo applicare tale tesi alla scrittura? Lo studio appena menzionato documenta come l'erba sia capace di migliorare la fluidità verbale nei partecipanti, un tratto che può anche riflettersi nella scrittura.

Sebbene l'uso della cannabis possa essere correlato a certi elementi della creatività, la vera questione da definire è se la cannabis stessa abbia la capacità di aumentare la creatività, o se le persone più creative siano semplicemente più propense ad usare questa pianta. Secondo un **documento pubblicato nel 2017 sulla rivista Consciousness and Cognition, il tipo di personalità gioca sicuramente un ruolo molto importante nella creatività di una persona. Alcuni elementi della nostra personalità, come l'apertura verso nuove esperienze, potrebbero spiegare la maggiore creatività dei consumatori di cannabis. Dallo studio è emerso che i consumatori di cannabis sobri mostravano una maggiore creatività auto-segnalata rispetto ai non consumatori, suggerendo che la personalità potrebbe essere la causa alla radice di tale comportamento.
**documento - https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1053810017303744

Molti dei più famosi e grandi scrittori fumavano ed ingerivano cannabis, tra cui ricordiamo Carl Sagan, Stephen King, Hunter S. Thompson e Quentin Tarantino. Secondo alcuni scritti, anche William Shakespeare era, molto probabilmente, un consumatore occasionale di marijuana.

L'USO DELLA CANNABIS PUÒ MIGLIORARE LE ABILITÀ DI SCRITTURA?

IN CHE MODO LA CANNABIS PUÒ AGIRE NEGATIVAMENTE SULLA SCRITTURA

Sebbene la cannabis sia molto benefica per la scrittura creativa, non tutte le scritture richiedono creatività. Il processo di scrittura richiede sempre idee nuove ed originali e la cannabis può aiutare notevolmente in questo senso. Tuttavia, avere la mente completamente annebbiata dai suoi effetti potrebbe rivelarsi controproducente quando si tratta di scrivere con una grammatica ed una struttura di qualità. Inoltre, ci sono molte scritture che non richiedono particolari doti creative e privilegiano invece i fatti e la chiarezza nella comunicazione. Non fraintendeteci, la cannabis può essere d'aiuto anche in questi stili di scrittura, soprattutto perché stimola ed aumenta la concentrazione. Tuttavia, potrebbe far perdere ad alcuni scrittori il punto centrale dell'argomento ed avere conseguenze sulla memoria a breve termine.

SPERIMENTAZIONE, MICRODOSAGGIO E CBD

Il segreto per scrivere sotto gli effetti della cannabis è l'auto-sperimentazione. Non esiste un libro con le regole precise da seguire e l'esperienza può variare enormemente da una persona all'altra. Provate ad assumere diverse dosi e varietà e scoprite quali funzionano meglio per voi. Nella maggior parte dei casi, meno sarà sempre meglio. La pratica del microdosaggio comporta l'assunzione di dosi molto piccole, a volte quasi impercettibili. Tuttavia, alcuni consumatori ritengono che siano proprio queste piccole quantità ad accrescere la loro creatività e concentrazione, senza mai risultare troppo inebrianti.

Se il THC vi fa sognare ad occhi aperti o vi rende troppo sonnolenti per mantenere un solido flusso di lavoro, potete provare anche altre varietà o estratti ad alto contenuto di CBD. Il cannabidiolo offre infatti esperienze più lucide, che possono migliorare la concentrazione ed immergere i consumatori nel momento presente. Il CBD è anche un'eccellente alternativa da usare quando siete troppo fusi al momento di scrivere, essendo una molecola capace di ridurre alcuni degli effetti del THC.

ALCUNE VARIETÀ DA PROVARE MENTRE STATE SCRIVENDO

Queste varietà possono essere un'ottima scelta se state pensando di accompagnare la vostra scrittura con un po' d'erba. Contengono concentrazioni moderate di THC ed alte di CBD, provocando un effetto leggero, ma efficace.

La Euphoria è un'eccellente varietà di cannabis da usare per scrivere. Questa varietà autofiorente a predominanza indica rilassa il corpo e consente alla mente di svolgere il suo lavoro. Le sue infiorescenze contengono un 9% di THC ed alte concentrazioni di CBD, provocando un effetto leggero ma efficace, che non arriverà mai a sopraffarvi.

Euphoria

Euphoria

Euphoria

Genetic background Great White Shark x CBD dominant plant
Yield indoor 450 - 5002
Height indoor 60 - 100
Flowering time 8 weeks
THC strength THC: 9%(aprox.) / CBD: High
Blend 20% Sativa, 80% Indica, 00% Ruderalis
Yield outdoor 450 - 500 g/per plant (dried)
Height outdoor 120 - 150 cm
Harvest time Early October
Effect A motivating and inspiring feeling
 

Buy Euphoria

 

La Fast Eddy è un'altra fantastica varietà con cui scrivere. È un'autofiorente a predominanza sativa anch'essa con concentrazioni di THC del 9% ed un contenuto di CBD piuttosto alto. Qualche boccata di fumo di queste infiorescenze vi aiuteranno ad ottenere un "high" lucido che risolleva l'umore. I sapori di agrumi accompagnano questo stato d'animo motivante.

Fast Eddy

Fast Eddy Automatic

Fast Eddy Automatic

Genetic background Cheese x Juanita la Lagrimosa x Ruderalis
Yield indoor 80 - 1302
Height indoor 60 - 100
Flowering time 6 - 7 weeks
THC strength THC: 9%(aprox.) / CBD: High
Blend 50% Sativa, 40% Indica, 10% Ruderalis
Yield outdoor 80 - 130 g/per plant (dried)
Height outdoor 80 - 120 cm
Harvest time 8 - 9 weeks after sprouting
Effect Clear, Painrelief
 

Buy Fast Eddy Automatic

 

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.