Royal Haze Automatic: Report di Coltivazione

Royal Haze Automatic

Report di coltivazione, settimana per settimana, della Royal Haze Automatic.


Royal Haze Automatic combina i tratti migliori di Amnesia Haze e Skunk con l'efficacia e versatilità della ruderalis. Induce uno sballo cerebrale con una tavolozza di terpeni fruttati e terrosi. Quest'ibrida robusta regala rendimenti generosi senza occupare molto spazio, il che la rende ideale per chi coltiva in discrezione e chi dispone di spazi limitati. Continuate la lettura del nostro report di coltivazione della Royal Haze Automatic, prima di passare alle sue genetiche ed effetti.

Royal Haze Automatic
Amnesia Haze x Skunk x Ruderalis
300 - 350 gr/m2
65 - 85 cm
8 - 9 Settimane
THC: 15%
Sativa 50% Indica 20% Ruderalis 30%
130 - 180 gr/plant
120 - 150 cm
12 - 13 after sprouting
Confortante, Lucido

Acquista Royal Haze Automatic

Elenco dei materiali

  • Box: Secret Jardin DS120W 120 × 60 × 178
  • Luci: MIGRO 200+
  • Ventilatore: Blauberg Turbo — E 100
  • Ventilazione: 2x Ventilatore Oscillante Monkey 20W
  • Terriccio — mix leggero
  • AirPot: 12,5 litri
  • Igrometro

Royal Haze Automatic, Report di Coltivazione: fase di plantula (settimana 1)

Medium di coltura: Per cominciare, abbiamo preso il nostro AirPot da 12,5 litri e preparato un medium di coltura nutriente per accompagnare la nostra pianta durante il ciclo di crescita. Abbiamo aggiunto 12 litri di mix di terriccio leggero e abbiamo sparso 6 grammi di funghi micorrizici prima di mischiare bene il tutto a mani nude. Quest'ultima aggiunta serve a favorire un miglior stato di salute futuro del sistema delle radici.

Germinazione: Abbiamo saturato il medium di coltura con 1,5 litri d'acqua, e proprio al centro abbiamo fatto un buco di 10–15mm di profondità. Dopo aver deposto delicatamente il seme nel buco, l'abbiamo coperto leggermente con della terra. Quattro giorni dopo è emerso un germoglio.

Illuminazione: Aspettando che spuntasse la plantula, abbiamo concentrato la nostra attenzione sull'illuminazione. Abbiamo scelto per i nostri scopi il MIGRO 200+. Fornisce sufficiente potenza per stimolare una crescita ottimale, rilascia pochissimo calore e consuma molto poco. Abbiamo assicurato l'apparecchio al soffitto del box di coltura, sospendendolo ad una distanza di 40cm dal bordo superiore dell'AirPot. Azionato l'interruttore, abbiamo optato per un ciclo di luce di 24h per favorire una crescita rapida.

Nutrienti: Dopo che la plantula è spuntata, abbiamo composto la nostra miscela di nutrienti. Per ogni litro d'acqua abbiamo usato la seguente formula:

  • 2ml di potenziatore organico per radici
  • 2ml di estratto di aloe vera
  • 2ml di formula di amminoacidi

Una volta composta la nostra formula, abbiamo annaffiato la pianta con 1,5 litri due giorni dopo la comparsa del germoglio, e con 0,7 litri due giorni più tardi.

Ambiente circostante: Per i primi cinque giorni, l'umidità relativa continuava a scendere intorno al 40%. Volevamo prevenire un'eccessiva secchezza dell'aria, così abbiamo messo nel box di coltura un grosso recipiente pieno d'acqua, e siamo riusciti ad ottenere un livello costante di umidità relativa del 50%.

Stato della pianta: Verso la fine dello stadio di plantula, la nostra piantina si ergeva robusta a 9cm, con un fusto spesso e solido e varie serie di foglie vere che cominciavano ad apparire.

Settimana 1

Royal Haze Automatic, Report di Coltivazione: Fase Vegetativa

La fase vegetativa si è svolta nel corso delle due settimane seguenti. In quest'arco di tempo, la nostra pianta si è sviluppata rapidamente, da una piccola pianticella a una pianta cespugliosa che produceva dei pre-fiori ben visibili.

Settimana 2

Illuminazione: Abbiamo riposizionato la luce a 40cm dalla sommità della nostra giovane pianticella in fase di vegetazione. Questa distanza è apparsa ottimale per provocare la fotosintesi e massimizzare l'esposizione alla luce.

Nutrienti: Abbiamo fertilizzato la nostra pianta con la stessa formula della settimana precedente, con in più 2ml di estratto di barbabietola da zucchero per ogni litro d'acqua per aiutare a nutrire i microrganismi benefici presenti nel medium di coltura. Abbiamo somministrato una porzione di 1,5 litri all'inizio della settimana, e 0,7 litri della soluzione verso metà settimana.

Innaffiatura: Visto che la pianta cominciava ad assumere dimensioni rispettabili, abbiamo deciso di innaffiarla al di fuori del programma di innaffiatura stabilito, per tenere il passo delle sue esigenze metaboliche. Abbiamo saturato il medium di coltura con 1,5 litri di acqua durante la settimana quando il terreno è diventato secco.

Ambiente circostante: Il clima secco ha fatto sì che l'umidità continuasse a calare. Abbiamo fatto bollire un tegame d'acqua e l'abbiamo messo nello spazio di coltura, per mantenere un valore igrometrico del 45%.

Stato della pianta: La nostra pianta misurava ora 19cm d'altezza, con varie serie di foglie a ventaglio completamente formate. Abbiamo notato alcune macchioline scure che si erano formate su due delle foglie inferiori; per fortuna, abbiamo capito che questo era dovuto a goccioline d'acqua che intensificavano la luce e stavano provocando una leggera bruciatura, e non era invece prodotto da carenze nutrizionali.

Settimana 2
Settimana 2

Settimana 3

Illuminazione: Per adeguarci alla rapida crescita della pianta, abbiamo sollevato la nostra luce LED fino a 35cm al di sopra della canopia.

Nutrienti: Ora che la nostra pianta ha sviluppato un più esteso sistema di radici, abbiamo eliminato la formula per fortificare le radici. Abbiamo fertilizzato il nostro esemplare una volta all'inizio della settimana, con 1,5 litri di soluzione.

Innaffiatura: Abbiamo innaffiato la pianta con 2 litri d'acqua verso la fine della settimana, dopo che lo strato superiore del terreno si era completamente seccato.

Ambiente circostante: Un clima più fresco ha prodotto un ambiente più stabile all'interno del box di coltura. Siamo riusciti a mantenere un livello di umidità relativa del 45% senza ulteriori sforzi.

Stato della pianta: La canopia si è fatta cespugliosa e densa, rendendo opportuna qualche leggera aggiustatura. A questo punto la pianta misurava 50cm e cominciava a diventare alquanto odorosa. Piccoli pistilli bianchi hanno cominciato a svilupparsi dai nodi, rivelando i primi segnali dell'inizio della fioritura.

Settimana 3
Settimana 3

Royal Haze Automatic, Report di Coltivazione: Fase di Fioritura

La fase di fioritura si è svolta nell'arco di sette settimane. Durante questo tempo, la nostra pianta cespugliosa in fase di vegetazione si è allungata, sviluppando un'ampia canopia di fiori maturi. Considerando le dimensioni del vaso, il risultato finale ci ha davvero sorpreso.

Settimane 4 & 5

Illuminazione: Abbiamo ridotto il ciclo di luce della prima settimana della fase di fioritura a 20 ore di luce e 4 di buio. Tipicamente, le piante di cannabis fioriscono in condizioni di minor illuminazione, e abbiamo voluto dare alla pianta un periodo di riposo nel corso della giornata. La luce LED è rimasta a 35cm al di sopra della canopia.

Nutrienti: Nel corso di questo periodo abbiamo cambiato drasticamente la formula, dato che le esigenze metaboliche della pianta cambiano durante la fase di fioritura. Pertanto, la nostra formula vedeva un incremento di potassio e fosforo, per dare un corretto supporto alla formazione dei fiori. Abbiamo usato la seguente formula per ogni litro d'acqua:

  • 2ml di estratto di aloe vera
  • 2ml di formula di amminoacidi
  • 2ml di estratto di barbabietola da zucchero
  • 1ml di estratto di alghe
  • 2ml di fertilizzante organico per la fioritura
  • 1ml di formula di acido umico e acido fulvico

Abbiamo somministrato 1,5 di soluzione nutriente tre volte alla settimana, con delle pause fra le somministrazioni.

Innaffiatura: La nostra pianta in fioritura si è fatta sempre più assetata. Abbiamo somministrato 1,5 litri d'acqua alla sera nei giorni di pausa dalla fertilizzazione.

Ambiente circostante: Con il ritorno di un clima più caldo, ci siamo trovati di nuovo a combattere per mantenere un'umidità costante. Alle piante di cannabis piace un clima piuttosto umido durante i primi stadi della fase di fioritura. Ma nel corso di queste due settimane abbiamo registrato livelli di umidità attorno al 33%. Siamo riusciti a rialzarla fino a circa il 42%, e la nostra pianta appariva sana e felice.

Stato della pianta: La nostra bestiolina cespugliosa continuava a pompare fuori foglie a ventaglio, e aveva bisogno di una sfoltita. Prese le forbicine per potare, abbiamo cominciato a defogliare. In tutto, abbiamo eliminato circa il 25% delle foglie a ventaglio, soprattutto dalla parte inferiore della pianta. Ciò ha consentito di migliorare la circolazione dell'aria e la penetrazione della luce. A questo punto, hanno cominciato ad apparire in forze densi agglomerati di pistilli.

Settimane 4 & 5
Settimane 4 & 5

Settimana 6

Nutrienti: Nel corso della sesta settimana abbiamo deciso di incrementare il dosaggio dei nutrienti. Abbiamo cominciato con la stessa formula usata nelle due settimane precedenti, ma applicando le seguenti modifiche:

  • 4ml di estratto di aloe vera
  • 4ml di formula di amminoacidi
  • 3ml di estratto di barbabietola da zucchero
  • 3ml di estratto di alghe
  • 3ml di fertilizzante organico per la fioritura
  • 1ml di formula di acido umico e acido fulvico

Stato della pianta: Alla fine di questa settimana abbiamo osservato qualche segno preoccupante. Delle macchie giallo chiaro hanno cominciato ad apparire su alcune delle foglie a ventaglio, e sono poi diventate brune. Risulta che abbiamo esagerato un po' con i nutrienti. Per le settimane seguenti abbiamo preparato una diversa strategia in modo da rimediare a quest'errore.

Settimana 6
Settimana 6

Settimana 7

Nutrienti: Per risolvere i problemi che si sono verificati la settimana precedente, abbiamo lasciato da parte la formula nutriente e applicato sali di Epsom per riequilibrare il mezzo di coltura. Abbiamo aggiunto 3ml di sali di Epsom per 1 litro d'acqua e somministrato 1,7 litri d'acqua a giorni alterni per tenere la pianta nutrita ed idratata.

Ambiente circostante: Nel corso della settima settimana abbiamo cercato di ridurre l'umidità per minimizzare le probabilità di formazione di muffa attorno ai fiori. Siamo stati contenti di vedere che registrava il 35%, e abbiamo cercato di mantenere questo livello per tutto il resto della crescita.

Stato della pianta: Alla fine di questa settimana, la nostra pianta cominciava ad avere un aspetto migliore. A questo punto la sua altezza era di 87cm. Per fortuna da qui in poi ha smesso di crescere, proprio quando cominciava a diventare troppo grande per il box di coltura.

Settimana 7

Settimana 8

Nutrienti: Nel corso di questa settimana abbiamo cominciato a introdurre una formula alleggerita per somministrare di nuovo dei nutrienti chiave senza esporre la pianta ad ulteriore stress. La combinazione comprendeva dei sali, per sciacquare via eventuali residui, e alghe per fornire alla pianta un ampio spettro di nutrienti. Abbiamo impiegato la seguente formula per ogni litro di soluzione:

  • 2ml di soluzione di sali purificante
  • 4ml di estratto di alghe

Abbiamo applicato ciascuno di questi due prodotti separatamente, somministrando la soluzione purificante il secondo giorno della prima settimana, seguita dall'estratto di alghe due giorni dopo.

Settimana 8

Settimane 9 & 10

Risciacquo: Nel corso delle ultime due settimane abbiamo completamente ridotto i nutrienti per ottenere il massimo di aroma e morbidezza. Abbiamo semplicemente saturato il terreno con 3 litri d'acqua due volte alla settimana, quando diventava notevolmente secco.

Stato della pianta: Il nostro esemplare continuava ad emanare forti odori di agrumi e terra, mentre la canopia mostrava un denso assortimento di lunghe cime, ciascuna carica di uno spesso strato di resina.

Settimane 9 & 10

Raccolto (Fine della 10ª Settimana)

Abbiamo cominciato il raccolto dopo il nostro risciacquo di due settimane, tagliando la pianta alla base e appendendola ad asciugare per un totale di 7 giorni. Abbiamo proceduto a fare la potatura a secco delle cime, e messo le infiorescenze dentro barattoli di vetro per la concia. Eravamo estremamente contenti del risultato: dense infiorescenze piene di tricomi e cariche di deliziosi terpeni fruttati.

Raccolto (Fine della 10ª Settimana)

Caratteristiche Genetiche di Royal Haze Automatic

Royal Haze Automatic discende dalle leggendarie varietà cannabiche Amnesia Haze e Skunk. Questi due pesi massimi le hanno trasmesso terpeni aciduli, uno sballo elettrificante e livelli medi di CBD. L'aggiunta di genetiche ruderalis le garantisce sviluppo rapido e resilienza. Royal Haze Automatic è nata da questo progetto riproduttivo con un profilo genetico composto al 50% da sativa, 20% indica e 30% ruderalis.

Caratteristiche di Crescita di Royal Haze Automatic

Royal Haze Automatic cresce quasi ovunque senza tanti problemi. Prospera in serre e polytunnel, ma starà altrettanto bene outdoor in climi più freschi. Le piante indoor raggiungono un'altezza di circa 65–85cm e producono gratificanti rendimenti di 300–350g/m². Le piante coltivate outdoor raggiungono altezze maggiori, fino a 120–150cm, e producono fino a 180g/pianta. Royal Haze Automatic compie il suo intero ciclo di crescita in appena dieci settimane.

Effetti e Aromi di Royal Haze Automatic

Royal Haze Automatic induce uno sballo energizzante e motivante. Le sue genetiche sativa e i terpeni cerebrali accendono il sistema nervoso centrale, aprendo la strada a pensieri creativi e una concentrazione affilata come un laser. Fate il miglior uso di questi fiori godendoveli al mattino con una bella tazza di caffè. Un livello di THC del 15% dà come risultato uno sballo euforico ma non travolgente. Gusti di agrumi, dolciumi ed erbe rendono ogni boccata saporita e invitante.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.