Come individuare, trattare ed impedire che la muffa danneggi le tue piante di cannabis.


Che tu stia coltivando cannabis o qualsiasi altro tipo di pianta, la muffa rappresenta una grande minaccia per le operazioni di coltivazione, sia indoor che outdoor. Questo nemico inizialmente invisibile può rapidamente ottenere un punto d'appoggio nel tuo giardino, ridurre i raccolti e persino rovinare i fiori dopo la raccolta. Man mano che procediamo, tratteremo che cos'è la muffa, ti presenteremo le specie più comuni, come prevenirla e come trattare le tue piante se si presenta.

Che Cos'è la Muffa?

Se pensi alla parola “muffa” probabilmente ti verranno in mente immagini desolate di marciume e decomposizione. Anche se la muffa non sembra qualcosa di bello quando divora le piante di cannabis, svolge uno dei ruoli più importanti in natura.

La muffa è un tipo di fungo che fa parte di un grande gruppo di specie dalla tassonomia differente. Proprio come gli altri funghi, si ramifica formando una rete multicellulare di piccoli filamenti (ife) per formare una densa massa di fibre nota come micelio.

Le muffe non possiedono un sistema digestivo. Invece, pompano enzimi che scompongono sostanze come la materia vegetale ed il legno che si trovano all'esterno dei loro corpi. Grazie a queste caratteristiche, svolgono il ruolo di grandi decompositori della natura. Scompongono i rifiuti, la materia vegetale e gli animali morti in particelle più piccole, riportandoli nel terreno per continuare il cerchio della vita.

Da Dove Provengono le Muffe

Le muffe appartengono al regno dei funghi e sono emerse come una diramazione specializzata di questo albero genealogico circa 1,5 miliardi di anni fa. Da allora, le 100.000 specie diverse che sono apparse si sono adattate al loro ambiente singolare.

Tuttavia, la maggior parte delle muffe ama l'umidità e andrà ovunque finché troverà le condizioni ottimali. Ciò vale anche per molte piante, ma la differenza è che le muffe non eseguono la fotosintesi. Invece, hanno bisogno di materia organica come fonte di cibo esterna, tra cui troviamo anche i fiori di cannabis. Molte prediligono anche l'aria stagnante, quindi questo è il motivo della proliferazione delle muffe in luoghi come bagni e armadietti della cucina.

Spore e Riproduzione

Le muffe si riproducono emanando le spore nell'aria. Queste, possono essere paragonate ai semi di una pianta, anche se si comportano in modo molto differente. Invece di “spedire” veri e propri semi, aspettano il momento in cui atterrano in un ambiente privilegiato. Quando arriva quel momento, inviano ife per andare in cerca di cibo.

Alcune spore sono asessuate e si accoppiano tra di esse con successo dando origine alla generazione successiva. Altre spore creano ife che richiedono un partner di accoppiamento. Le cellule ifali di due spore differenti si incontrano ed accoppiano, unendo i loro nuclei per creare uno zigote in grado di continuare a riprodursi.

Spore e Riproduzione

Cosa Provoca la Muffa

Come accennato in precedenza, con le condizioni giuste la muffa inizierà a infestare, decomporre e danneggiare le piante di cannabis. Le spore della muffa sono onnipresenti nell'aria intorno a noi ed alle nostre piante.

Alcune specie possono rimanere inattive ed agire solo quando le condizioni sono a loro favore. Altre specie si nascondono nel terreno aspettando la possibilità di potersi nutrire di apparati radicali sensibili. Come sapranno i coltivatori esperti di cannabis, molte occupano terreni che favoriscono la loro proliferazione, rendendole molto difficili da affrontare.

I Pericoli

Sebbene la muffa sembri innocua (come se potessi pulirla e dimenticartene), alcune specie rappresentano una vera minaccia per la salute umana.

Le muffe sono presenti ovunque, al punto che tutti i fiori di cannabis ne conterranno un po' (a parte quelli coltivati in spazi indoor igienizzati). Sebbene sia per lo più inerte in quantità trascurabili, anche piccole quantità di muffa tossica possono causare problemi.

Ora, la maggior parte delle persone possiede un sistema immunitario completamente funzionale in grado di difendersi dall'esposizione occasionale alla muffa. Tuttavia, quando esposti alla muffa, gli individui con il sistema immunitario compromesso sono particolarmente sensibili ed inclini a problemi come le infezioni polmonari.

Tipi Comuni di Muffa

Anche se preferiremmo doverci preoccupare di un solo tipo di muffa, le specie che possono attaccare le tue piante di cannabis sono diverse. Per garantire che le tue piante rimangano al sicuro, tu e tutti gli altri coltivatori di cannabis dovrete familiarizzare con questi tipi comuni nella cannabis. Anche una conoscenza di base delle caratteristiche, segni e sintomi di queste muffe aiuterà i coltivatori a prevenirli e trattarli in caso si presentassero.

Botrite (Marciume delle Cime)

La botrite, conosciuta anche come muffa grigia, entra spesso nelle piante attraverso ferite ed aperture, sebbene anche gli esemplari sani siano vulnerabili.

La botrite si diffonde attraverso la trasmissione per via aerea e le sue spore sono quasi sempre presenti nell'aria. Una ferita aperta o determinate altre condizioni permetteranno alle spore di proliferare, con il potenziale di infettare piante intere e quelle che si trovano in prossimità.

Botrite (Marciume delle Cime)

Sintomi:

  • Formazione di piccoli punti neri sulle zone infette.
  • Formazione di grandi macchie grigie lanuginose.
  • Le parti della pianta situate fuori dalla terra (come le cime e le foglie) inizieranno ad appassire, diventando marroni per poi morire.
  • Man mano che procede, le punte delle foglie cambieranno il colore da verde a giallo e marrone.
  • La botrite cresce rapidamente in ambienti umidi.

Cause:

  • Danni che provocano ferite aperte sensibili.
  • Le condizioni fredde ed umide permettono la sua diffusione, soprattutto in primavera ed autunno.
  • Può verificarsi a causa di cattive condizioni di conservazione.

Prevenzione:

  • Mantieni puliti gli strumenti di coltivazione, soprattutto prima della defogliazione e della potatura.
  • Controlla i livelli di umidità indoor e serra mediante ventole e sensori di umidità.

Trattamento:

  • Rimuovi le parti visibilmente infette.
  • Rimuovi le parti infette dal giardino/terreno e bruciale o seppelliscile.
  • Sterilizza gli strumenti di potatura dopo il trattamento.
  • Installa nell'area di coltivazione una ventola, un igrometro ed un sensore per evitare che l’umidità raggiunga livelli pericolosi.

Oidio

Anche se vengono tutti indicati con un solo nome, in realtà ci sono molti tipi di oidio. Tuttavia, qualunque sia la specie, si presenta spesso sul fogliame delle piante di cannabis, creando uno strato sottile di spore simile alla polvere. Inizialmente, l'infezione apparirà come piccoli punti di ife, che infine si trasformeranno in grandi macchie che dominano le foglie inferiori.

Con il passare del tempo, il micelio inizia a diffondersi entrando in contatto con i rami, gli steli e persino i fiori. Nelle fasi avanzate dell'infezione, inizierà a produrre spore sulle foglie più compromesse.

Oidio

Sintomi:

  • Formazione di macchie bianche e polverose di micelio sulle foglie a ventaglio.
  • La crescita diventa stentata e le foglie distorte.
  • Il tessuto vegetale si scolorisce.
  • Le foglie e i fiori nuovi hanno un aspetto infetto.

Cause:

  • I fattori ambientali consentono alle spore di germinare e le ife iniziano a infettare le piante.
  • L'oidio prospera in condizioni di umidità elevata e temperature calde. Ad esempio, le serre forniscono l'ambiente perfetto per l'infezione.

Prevenzione:

  • Mantieni uno spazio sufficiente tra le piante per impedire il contatto tra di loro (il quale può favorire la trasmissione della muffa).
  • Mantieni la tua stanza di coltivazione o serra ben ventilata per mantenere l'umidità bassa.
  • Usa un deumidificatore se stai coltivando in un ambiente particolarmente ricco di umidità.
  • Se possibile, coltiva all'aperto alla luce del sole.
  • Garantisci un buon drenaggio del suolo ed evita l'irrigazione a pioggia.

Trattamento:

  • Pulisci le foglie infette con un tovagliolo di carta bagnato.
  • Utilizza lo spray fogliare di olio di neem.

Fumaggine

La fumaggine, che prende il nome del suo aspetto scuro e friabile, in realtà non attacca direttamente le piante di cannabis. Invece, si ciba degli escrementi prodotti da insetti che succhiano la linfa.

A causa delle abitudini alimentari della muffa, sono le infestazioni dei parassiti a gettare le basi per l’ambiente ideale. Un buon indicatore sono gli insetti come afidi, cavallette e mosche bianche, poiché espellono una particolare sostanza chiamata melata. Attirerà la muffa fuligginosa con successo ed un rifornimento costante gli permetterà di prendere piede nella coltivazione.

Fortunatamente è facile da identificare dato che assume letteralmente l’aspetto della fuliggine. Piccole macchie nere si diffonderanno fino a dominare le superfici delle foglie a ventaglio, interrompendo la fotosintesi e impedendo la crescita delle piante. Le infezioni da fumaggine si possono trattare tanto veloce quanto la loro identificazione.

Fumaggine

Fusarium

Il fusarium è un fungo particolarmente devastante che ha il potenziale di rovinare un'intera coltivazione di cannabis. Questa specie può rimanere dormiente per anni, prima di attivarsi e mostrare i segni (il che la rende molto più difficile da rilevare rispetto ad altre muffe).

Quando attacca, lo fa con ferocia. Questo agente patogeno attacca prima le radici, facendole marcire. Infine, il sistema radicale perde la capacità di inviare sostanze nutritive ed acqua alla pianta, causando un evidente avvizzimento. Quando il fusarium si fa strada nella coltivazione, ai coltivatori rimangono poche opzioni. Quindi, l'adozione di misure preventive rimane assolutamente fondamentale.

Fusarium

Muffa nel Terreno

Senza un microscopio e una conoscenza approfondita della microbiologia, è difficile determinare con esattezza quali forme di vita vivono nel tuo terreno. Fortunatamente, i coltivatori possono prendere misure per ridurre la presenza di funghi e microbi parassiti.

Muffa nel Terreno

Queste strategie includono:

  • Inoculazione di Bacillus subtilis: Questa specie di batteri del suolo possiede proprietà antifungine e combatte contro la botrite e l'oidio.
  • Rame: La cannabis ha bisogno di questo micronutriente per svolgere diverse funzioni fisiologiche importanti. Può anche aiutare a tenere a bada le muffe dannose grazie alle sue proprietà fungicide.
  • Gliocladium: Questo fungo benefico agisce come un parassita e produce composti tossici per le specie fungine dannose.
  • Trichoderma: Questo pratico fungo pattuglia il suolo e può inibire le malattie causate dal fusarium.

Quando la Muffa Tende ad Apparire

Quando l'ambiente soddisfa le loro preferenze, queste spore fungine onnipresenti compaiono in modo straziante. È anche importante notare che le infezioni da muffa possono verificarsi in qualsiasi momento durante il ciclo di coltivazione della cannabis.

Fase Vegetativa

La fase vegetativa inizia quando le piantine maturano ed avviano la fioritura. Implica una crescita rapida e lo sviluppo delle foglie a ventaglio (i motori della fotosintesi della cannabis).

Solitamente, l'oidio appare quando le piante iniziano a diventare più grandi e sviluppano foglie grandi e larghe (il loro ambiente ideale). Le piante più sensibili sono quelle coltivate in stanze di coltivazione affollate e serre compatte.

Durante questo periodo, i coltivatori devono garantire bassi livelli di umidità e fare tutto il possibile per promuovere un flusso d'aria e una ventilazione adeguata. Questo, non solo ridurrà l'umidità, ma aiuterà ad impedire alle spore presenti nell’aria di atterrare sulle piante.

Fase di Fioritura

Nelle varietà autofiorenti, la fase di fioritura inizia intorno alla terza settimana. Nelle varietà a fotoperiodo avviene quando il ciclo di luce viene impostato su circa 12/12 oppure quando le stagioni cambiano all'aperto. A differenza delle foglie a ventaglio, i fiori maturi sono densi, appiccicosi e presentano sacche d'aria stagnante, il che li rende un territorio fertile per la muffa.

In un ambiente non ottimale, i fiori di cannabis forniscono un territorio ideale sia per il marciume delle cime che per l'oidio. Tuttavia, la strategia per il trattamento e la prevenzione è costante: ridurre l'umidità e mantenere l'aria fresca.

Inoltre, assicurati di annaffiare le tue piante alla base del gambo, direttamente nel terreno. L'irrigazione dall'alto soddisfa le condizioni di proliferazione di queste specie di muffe.

Concia

La concia avviene dopo la raccolta e l'essiccazione dei fiori di cannabis. Viene tipicamente eseguita nei barattoli di vetro ed aiuta le cime a rimanere fresche, migliorandone il sapore e la morbidezza. Tuttavia, anche in queste condizioni apparentemente sicure non dovrai abbassare la guardia contro la muffa. Dopotutto, niente spezzerà il cuore di un coltivatore più di un'infestazione dopo essere arrivato al traguardo.

Per prevenire il disastro, i coltivatori devono assicurarsi di seguire i processi per conciare le cime correttamente, prevenendo la formazione di muffe. Se hai la possibilità, inserisci un igrometro nel tuo barattolo di vetro per monitorare i livelli di umidità, fai “respirare” i barattoli ogni giorno (fai cambiare l’aria) e controlla le tue cime per assicurarti che non ci sia qualche contaminazione.

Concia

Come Prevenire la Muffa

Ovvio, prevenire è meglio che curare. Ecco alcuni modi semplici ed efficaci per assicurarti che la muffa non abbia un punto d'appoggio nella tua coltivazione di cannabis.

Indoor

I coltivatori indoor hanno il lusso di controllare quasi ogni aspetto del loro ambiente di coltivazione. Segui questi suggerimenti per mantenere le piante prive di muffe.

  • Posiziona un igrometro nel tuo spazio di coltivazione per monitorare la temperatura e l'umidità.
  • Installa una ventola ed un estrattore per promuovere il ricambio d’aria.
  • Se i livelli di umidità diventano troppo alti installa un deumidificatore.
  • Ispeziona le piante quotidianamente per rilevare eventuali segni di malattie.
  • Ove possibile, mantieni una temperatura di circa 24°C.
  • Esegui la defogliazione verso la fine della fase vegetativa per aumentare il flusso d'aria nella chioma.
  • Coltiva le varietà note per la loro resistenza alla muffa.

Outdoor

I coltivatori outdoor hanno molto meno controllo sul loro ambiente di coltivazione. Dato che sei soggetto agli agenti atmosferici, le cose possono diventare un po' più impegnative. Tuttavia, non è impossibile! Utilizza queste strategie per ridurre al minimo le possibilità di un'infestazione da funghi.

  • Se possibile, coltiva in un punto ben illuminato dalla luce del sole.
  • • Pianta in contenitori portatili che si possano spostare in sicurezza durante le condizioni climatiche avverse.
  • Monta dei teloni temporanei durante i periodi di pioggia prolungata.
  • Installa ventilatori ed estrattori nelle serre.
  • Distanzia le piante in modo che non si tocchino tra di loro.
  • Inocula le aiuole e contenitori con trichoderma per ridurre il rischio di fusarium.
  • Scegli le genetiche che sono note per resistere alle infezioni fungine.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.