Varietà di Marijuana Ricche in CBD e Sistema Endocannabinoide Umano

Se da una parte la popolarità della cannabis terapeutica è cresciuta nel mondo occidentale solo in questi ultimi anni, dall'altra l'ascesa del CBD nella coscienza collettiva è ancora più recente. Oggi, il CBD viene usato in tutto il mondo come ingrediente per produrre numerosi prodotti .

Neuron synapsis

IL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE

Scoperto dopo la pianta di cannabis stessa, il sistema endocannabinoide fu identificato studiando gli effetti della marijuana sugli esseri umani. Questo sistema è ricco di recettori distribuiti in tutto il sistema nervoso centrale e periferico, entrambi responsabili delle interazioni con i composti chimici conosciuti come "cannabinoidi". Questo legame tra cannabinoidi e sistema endocannabinoide provoca il tipico "sballo" associato al fumo di cannabis.

Il sistema endocannabinoide non è solo rilevante per la sua relazione con la cannabis, ma viene anche coinvolto in numerosi processi fisiologici che regolano il nostro appetito, sonno, umore e persino dolore. I cannabinoidi esogeni (ovvero quelli che si trovano al di fuori del corpo umano) attivano il sistema in misura maggiore rispetto ai cannabinoidi endogeni, o "interni". Quando viene esposto alla cannabis, il sistema endocannabinoide inizia a lavorare in modo più produttivo, efficiente e rapido. Questo meccanismo viene azionato anche dagli effetti psicoattivi indotti dai cannabinoidi assunti.

Sono queste funzioni a rendere così interessante il sistema endocannabinoide nel campo della medicina. Adesso che sappiamo come i cannabinoidi come THC e CBD interagiscono con il nostro corpo, possiamo sfruttare più consapevolmente le proprietà della cannabis per trattare diversi problemi di salute. Sebbene molti cannabinoidi abbiano dimostrato di avere promettenti proprietà terapeutiche, il CBD è forse il più interessante da questo punto di vista.

COME AGISCE IL CBD SUL NOSTRO SISTEMA ENDOCANNABINOIDE

Ciò che rende così speciale il CBD è la sua interazione con i nostri recettori di cannabinoidi, diversa da quella del THC. Invece di legarsi ai recettori CB1 o CB2, stimola solo la loro attività.

CBD molecule
CBD molecule

Il CBD agisce contrastando la produzione dell'enzima FAAH, o amide idrolasi degli acidi grassi. Questo enzima ha la funzione di sintetizzare l'anandamide, un cosiddetto endocannabinoide. Ciò significa che il CBD aumenta le concentrazioni di questo cannabinoide naturale all'interno del cervello, ma senza legarsi direttamente con i recettori di endocannabinoidi. A sua volta l'anandamide attiva gli stessi recettori del THC, con i conseguenti effetti terapeutici in tutto il corpo.

È per questo che il CBD non provoca alcun effetto psicoattivo ed è più rispettato dalle comunità mediche e, di conseguenza, di più facile accesso per i pazienti. Il suo uso terapeutico supera quello di qualsiasi altro cannabinoide finora conosciuto.

Il CBD è noto per agire su una vasta gamma di disturbi. Le persone affette da DPTS, schizofrenia, sindrome di Dravet e ansia possono trovare sollievo grazie al CBD. Ma le sue applicazioni vanno ben oltre questi esempi.

Anche le persone con i disturbi fisiologici più diversi fanno uso di CBD per alleviare i propri sintomi. Ampiamente usato per artriti, malattie cardiovascolari e spasmi muscolari, il CBD sta rivoluzionando il settore medico. I malesseri che fino a pochi anni fa venivano trattati solo con oppioidi e farmaci estremamente forti, oggi possono essere alleviati con qualcosa di più genuino e salutare come il CBD, privo di effetti psicoattivi e incapace di creare dipendenza. È inoltre continuamente sottoposto a studi preliminari per approfondire la sua supposta attività antitumorale.

CBD, THC ED EFFETTO ENTOURAGE

Il CBD ha anche la capacità di interferire sugli effetti psicoattivi del THC. Quando vengono assunti insieme, il CBD indebolisce il legame tra THC e recettore CB1, mediando così gli effetti psicoattivi. Si tratta di un meccanismo alquanto sorprendente. Come già indicato nell'articolo sull'effetto entourage, si tratta di uno degli aspetti più affascinanti nel mondo dei cannabinoidi. I composti della cannabis risultano essere più efficaci quando vengono assunti insieme piuttosto che separatamente nella loro forma isolata. Anche i consumatori ricreativi possono trarre vantaggi dal CBD che, ritardando e mediando gli effetti del THC, rende più piacevole l'esperienza complessiva.

COSA SONO LE VARIETÀ CBD?

Tutta questa ricerca sul CBD ha portato a nuovi sviluppi nel campo della coltura della cannabis. Ora, a differenza di questi ultimi decenni, le varietà di cannabis vengono ibridate per aumentare le concentrazioni di CBD e ridurre quelle di THC. Sebbene queste varietà non arrivino a sballare i consumatori, le loro proprietà possono essere estremamente utili.

RQS Painkiller CBD rich strain
RQS Painkiller CBD rich strain

Come accennato in precedenza, si possono trarre diversi benefici dal fumare o ingerire varietà ricche in CBD. Che si tratti della Euphoria, vincitrice di un High Times Cannabis Cup, o della straordinaria Painkiller, le varietà CBD sono perfette per gli amanti delle canne e dei bong. Spesso, le persone abituate a fumare infiorescenze preferiscono non essere travolte dalla potenza del THC. E se non amate il fumo, queste varietà possono essere usate anche in potenti edibili.

Molte persone usano le varietà ricche in CBD per rollare la loro routinaria "canna del primo mattino". Altri le usano come rimedio per migliorare la qualità del sonno. A quanto pare, il CBD ha anche la capacità di aumentare l'attenzione e di calmare l'ansia. Ideale per lo yoga e la meditazione. Ma come molti di voi già sapranno, ogni consumatore di cannabis è diverso. Potrete trovare gli usi più disparati e adatti alle vostre specifiche necessità. Sta a voi trovarli!

COME SI DIFFERENZIANO DALLE VARIETÀ RICCHE IN THC

Gli intenditori di cannabis hanno sempre considerato la potenza uno dei fattori più importanti di una genetica. Questa mentalità è probabilmente il frutto di un mercato illecito. Quando si compra da uno spacciatore di strada si preferisce sempre acquistare un'erba capace di travolgere con la sua potenza, per avere i massimi effetti al minor prezzo possibile. È per questo che il THC è diventato il cannabinoide più richiesto. Tuttavia, le varietà ad alto contenuto di CBD stanno guadagnando sempre più popolarità.

THC and CBD differences
THC and CBD differences

Gli effetti del CBD non alterano in alcun modo la mente. La sua azione è simile a quella di un buon massaggio o di una tazza di tè dalle proprietà rilassanti. Sono questi gli effetti che può dare il CBD. Invece di annebbiare la mente la rende più lucida. Non c'è quindi da stupirsi se molte persone fanno uso di varietà o estratti ricchi in CBD su base giornaliera.

Oggi, potete fumare una canna senza essere travolti dalle sensazioni paranoiche spesso associate alla marijuana. Ogni consumatore di cannabis ha le proprie preferenze sulle infiorescenze di CBD. Potreste coltivare la Royal Highness ed ottenere fino a 600g/m² di una magnifica marijuana ricca in CBD.

CONCLUSIONE

La decisione spetta a voi. Se vi piacciono gli effetti psicoattivi della cannabis, ma volete provare gli effetti del CBD, le varietà con rapporto CBD:THC di 1:1 o 1:2 sono le più indicate. In questo modo non dovrete rinunciare agli effetti psicoattivi, ma non verrete nemmeno sopraffatti dagli "high" più cerebrali. Se volete diventare coltivatori di marijuana a tuttotondo, dovete assolutamente provare una varietà CBD.

INFORMAZIONI BASILARI CHE DOVRESTE CONOSCERE RIGUARDO AI CANNABINOIDI