Trova la tua varietà ideale con il nostro Seedfinder

By Luke Sumpter


Durante la sua recente impennata di popolarità, il CBD è comparso un po’ ovunque, dalle caramelle ai tè, fino ai prodotti cosmetici. L’infusione di massa di questo cannabinoide non psicotropo nei prodotti di uso quotidiano è arrivata a coinvolgere persino i bocconcini per cani, gli stuzzicadenti e le patatine fritte. Affannandosi nella ricerca di nuovi mercati di nicchia dove implementare il cannabidiolo, i produttori non si sono dimenticati di uno dei bisogni vitali per la sopravvivenza umana: l’acqua.

A prima vista, l’idea dell’acqua di CBD potrebbe sembrare infallibile. Tutti dipendiamo dall’acqua. I consumatori britannici hanno acquistato oltre 2,5 milioni di litri di acqua in bottiglia[1] solo nel 2020. Di fronte ad uno scaffale refrigerato di un supermercato, non preferireste optare per una bottiglia di H₂O infusa con CBD (magari arricchita con aromi ed ingredienti di origine vegetale) piuttosto che comprare dell'acqua normale? I protagonisti del settore del CBD riusciranno ad assicurarsi un pezzo di questa grande torta?

L’acqua di CBD sembrava un prodotto davvero promettente, ma se non l’avete mai vista, assaggiata o non ne avete mai sentito parlare ci sono dei motivi. La discutibile elaborazione del prodotto ed i prezzi elevati hanno contribuito a far crollare il mercato e la natura volatile del cannabidiolo ha ulteriormente peggiorato la situazione. Scoprite tutto quello che c’è da sapere sull’acqua di CBD, se è all’altezza di tutto il clamore che ha sollevato e se questo mercato di nicchia merita o meno di essere rianimato.

Cos’è l’acqua di CBD?

L’acqua di CBD è esattamente ciò che riporta la sua etichetta. Ma perché infondere dell’acqua con del CBD quando oggi i consumatori hanno già accesso alle infiorescenze di cannabis ad alto contenuto di CBD, oli di CBD, isolati ed edibili?

Ebbene, l’acqua di CBD ha il potenziale di brillare laddove altri prodotti non lo fanno. In base alla sua stessa natura, potrebbe offrire vantaggi in qualsiasi situazione in cui venga richiesta l’idratazione, dagli atleti che bevono litri d’acqua dopo un allenamento ai “guerrieri” del fine settimana e ai frequentatori di palestre che spingono al limite i loro corpi nel tempo libero. Una bottiglia d’acqua fornisce anche un mezzo “socialmente più a norma” per assumere cannabidiolo sul posto di lavoro rispetto, ad esempio, ad un flaconcino di tintura da svitare nel bel mezzo di una corrispondenza via e-mail o ad un vaporizzatore da riempire di infiorescenze durante una pausa caffè.

Le prove in corso sull’efficacia del CBD contro modelli di dolore[2], infiammazione[3], ansia[4] ed una miriade di altri disturbi hanno suscitato un certo interesse nei confronti dei nuovi prodotti a base di CBD. Sebbene questi studi rimangano inconcludenti, c’è un urgente bisogno di sperimentazioni cliniche. I consumatori vogliono capire quale ruolo potrebbe avere il CBD nelle loro vite.

Tutto ciò è fantastico, ma il sostegno verso l’acqua di CBD non sembra voler decollare. Prima di dare un’occhiata ai fattori che stanno ostacolando questo mercato, scopriamo come funziona l’acqua di CBD come prodotto.

Cos’è l’acqua di CBD?

Il CBD non è solubile in acqua: Problema risolto

Se avete già usato la cannabis in cucina per preparare brownie o qualsiasi altro piatto più sofisticato, probabilmente saprete che i cannabinoidi sono liposolubili. La maggior parte delle ricette richiede una generosa quantità di burro o olio di cocco per consentire a THC, CBD ed altri costituenti chiave di amalgamarsi correttamente in una miscela.

Essendo la migliore bevanda a basso contenuto calorico, l’acqua non contiene alcuna traccia di grasso. Inoltre, il CBD assunto per via orale ha la cattiva reputazione di avere una scarsa biodisponibilità. Solo il 13–19% del CBD assunto per via orale[5] arriva alle cellule bersaglio. Quindi, come funziona l’acqua di CBD? Il CBD galleggia sulla superficie dell'acqua formando una pellicola di grasso? E perché i consumatori dovrebbero pagare per un CBD che viene in gran parte eliminato dal corpo? Le aziende si sono rese conto di quanto fosse poco attraente questo prodotto ed hanno trovato un modo per aggirare il problema.

I ricercatori hanno sviluppato delle formulazioni di nanoemulsioni[6] con cui i produttori sperano di poter dare all'acqua di CBD una nuova opportunità. Questa tecnica usa emulsionanti per racchiudere il CBD in minuscole goccioline, rendendo il cannabinoide compatibile con l’acqua. Ciò non solo consente ai produttori di mescolare con relativo successo le due parti, ma rende il CBD più biodisponibile. Alcune aziende di bioscienze stanno facendo un ulteriore passo avanti, adottando tecniche brevettate che uniscono il CBD compatibile con l’acqua con preparazioni altamente solubili in acqua[7].

Olio di CBD 15% (1500mg)
THC: 0.2%
CBD: 15%
CBD per goccia: 7,5mg
Vettore: Olive Oil

Acquista Olio di CBD 15% (1500mg)

I veri problemi dell’acqua di CBD

E questo è quanto. Alcune menti brillanti hanno trovato il modo di aggiungere i cannabinoidi idrofobici nelle bottiglie d’acqua. Ma ci sono altri problemi che ostacolano l’acqua di CBD e la sua diffusione.

  • L’acqua di CBD contiene quantità minime di cannabidiolo

L’acqua di CBD è entrata nel mercato molto più tardi rispetto ad oli, estratti ed isolati di CBD. Questa tipologia di prodotto alza la posta in gioco, condizionando i clienti ad aspettarsi una buona quantità di cannabinoide in cambio dei loro sudati guadagni. Ad esempio, un olio di CBD a spettro completo di media potenza offre 2.000mg di CBD per flacone e ben 10mg per goccia.

In confronto, la maggior parte delle acque di CBD sono piuttosto diluite, per usare un eufemismo. La maggior parte dei prodotti contiene 2–5mg di CBD per lattina. Ciò significa che i consumatori devono bere almeno due lattine d’acqua di CBD per ottenere la stessa quantità di cannabidiolo contenuta in una sola goccia di olio di CBD. Tuttavia, alcune bevande a base di CBD offrono un contenuto superiore ai 10mg. Sebbene sia un aspetto positivo, alla fine continua ad essere solo l’equivalente di una singola goccia di olio di CBD di media potenza.

Ovviamente, i produttori si affidano alla novità e all’utilità dell’acqua di CBD. La comodità di bere una bottiglia mentre si passa davanti ad un negozio durante la pausa pranzo potrebbe attirare molte persone ma, dando una rapida occhiata al contenuto di CBD, un buon numero di consumatori perderà l'interesse e non vorrà più prenderla.

  • L’acqua di CBD è costosa

Ed anche se non doveste dare troppa importanza alle piccole quantità di CBD contenute nell’acqua, probabilmente il cartellino del prezzo vi farà subito desistere dal comprarla. Una bevanda in lattina da 250ml con 10mg di CBD può costare sui 2 € e mezzo nel Regno Unito. Tuttavia, un flacone da 10ml di olio di CBD a spettro completo di bassa potenza contenente 500mg di cannabidiolo può aggirarsi intorno ai 30 €. Pertanto, optare per l’olio vi costerà circa 0,60 € ogni 10mg.

  • Il CBD si degrada se esposto all’aria e alla luce

Sebbene le etichette siano spesso decorate con opere d’arte e storie molto affascinanti, la maggior parte delle acque in bottiglia vendute in commercio hanno una cosa in comune: la plastica trasparente. Per quanto riguarda l’acqua normale, viene confezionata in questo modo per una giusta causa (a parte l’inquinamento di massa e la lisciviazione di sostanze plastiche nei terreni). La luce del sole e l’aria non alterano lo stato dell’acqua (al di là dell’influenza della temperatura). Tuttavia, non si può dire lo stesso per il CBD.

Essendo un meroterpene (in parte terpene e in parte fenolo), il CBD non reagisce bene all’esposizione alla luce e all’aria, soprattutto per periodi prolungati. Le concentrazioni di CBD in una cassa di bottiglie sotto le luci di un supermercato inizieranno a diminuire molto prima che il cliente abbia il tempo di assaggiarne il contenuto.

Tuttavia, alcune aziende hanno aggirato questo problema optando per lattine opache. Sebbene sia un passo avanti, i clienti non possono richiudere le lattine, il che lascia il contenuto esposto all’aria se non viene consumato abbastanza rapidamente (altro fattore che incide sulla composizione del CBD). Probabilmente, in futuro vedremo molti altri prodotti con acqua di CBD in bottiglie di vetro opaco per risolvere questo problema (anche se questo farà aumentare ulteriormente i prezzi).

L’acqua di CBD merita di essere bevuta?

Dipende soltanto da voi. Se preferite la praticità e non vi dispiace spendere qualcosa in più di tanto in tanto, fatevi subito avanti. Probabilmente vi innamorerete di questi prodotti se li usate prima di andare in palestra o a correre. Provate ad introdurre l’acqua di CBD in queste situazioni e valutate come vi fa sentire. Tuttavia, se non volete spendere troppi soldi e avete una certa esperienza con altri prodotti a base di CBD, il prezzo e le concentrazioni di CBD contenute nell'acqua probabilmente non stuzzicheranno il vostro interesse.

External Resources:
  1. Bottled water consumption volume 2013-2020 | Statista https://www.statista.com
  2. The Role of Cannabidiol (CBD) in Chronic Pain Management: An Assessment of Current Evidence | SpringerLink https://link.springer.com
  3. Cannabidiol (CBD) and its analogs: a review of their effects on inflammation https://www.sciencedirect.com
  4. Cannabidiol as a Potential Treatment for Anxiety Disorders | SpringerLink https://link.springer.com
  5. A Systematic Review on the Pharmacokinetics of Cannabidiol in Humans https://www.ncbi.nlm.nih.gov
  6. Development of a Novel Nano­emulsion Formulation to Improve Intestinal Absorption of Cannabidiol - FullText - Medical Cannabis and Cannabinoids 2019, Vol. 2, No. 1 - Karger Publishers https://www.karger.com
  7. Water-Soluble CBD: A Game Changer for Consumer Packaged Goods https://www.visualcapitalist.com
Liberatoria:
Questo contenuto è solo per scopi didattici. Le informazioni fornite sono state tratte da fonti esterne.