Nella loro eterna sfida per ottenere le migliori cime possibili, i coltivatori hanno sviluppato diverse strategie per ottimizzare le piantagioni di cannabis. Una di queste tecniche è la coltivazione e la manutenzione di piante di cannabis bonsai.

Proprio come i classici alberi bonsai, i bonsai di cannabis sono piante in miniatura, alte solo pochi centimetri. Questi esemplari forniscono al coltivatore un buon numero di talee, senza occupare spazio o consumare troppe risorse. In più, sono molto facili da creare e da gestire.

COS'È UN BONSAI?

Un bonsai è sostanzialmente un albero in miniatura. Tuttavia, il termine bonsai non si riferisce ad una particolare specie di albero, ma alla tecnica di coltivazione usata per limitare le dimensioni della pianta. L'obiettivo della coltivazione di un bonsai è ottenere una pianta sana e matura, che esibisce dimensioni molto inferiori rispetto a quelle naturali.

La pratica del coltivare bonsai è nata nell'antica Cina e in Giappone, e dura da oltre mille anni. La parola giapponese “bonsai” significa “piantato in un recipiente”. L'albero piantato in un piccolo contenitore, infatti, sarà in grado di assorbire le sostanze nutritive e sviluppare un apparato radicale più limitato, mantenendo così dimensioni ridotte.

ALBERI DI CANNABIS BONSAI

ALBERI DI CANNABIS BONSAI

Le persone scelgono di coltivare alberi di cannabis bonsai principalmente perché da essi possono ricavare delle talee. Le dimensioni di ogni pianta madre saranno compatte, e la cannabis bonsai occuperà molto meno spazio rispetto ad un esemplare madre a grandezza naturale.

Se volete coltivare molte piante in un ambiente ristretto, i bonsai vi permetteranno di ottimizzare lo spazio a vostra disposizione. Ad ogni modo, l'utilità di questi esemplari sarà più evidente nei grandi giardini di cannabis, dove numerose piante madri bonsai potranno fornire un ampio assortimento genetico all'intera piantagione. Creare e conservare piante madri bonsai da cui ricavare cloni è un'ottima soluzione per mantenere la diversità genetica nella piantagione, senza dover usare semi.

COME SI COLTIVA UNA PIANTA DI CANNABIS BONSAI?

Per piantare e coltivare un albero di cannabis bonsai occorre seguire diverse fasi.

FASE UNO: PREPARARE IL VASO

Per iniziare occorre preparare il vaso che ospiterà la pianta. Dal momento che state coltivando un bonsai, dovrete scegliere un recipiente abbastanza piccolo. Per facilitare il training, alcuni coltivatori creano dei fori attorno al perimetro del vaso, a cui agganciare corde e stringhe. Fate in modo che i fori siano sufficientemente ampi per potervi introdurre i lacci, in modo da evitare spiacevoli sorprese al momento di iniziare il training.

FASE DUE: PIANTARE LE TALEE

La seconda fase prevede l'installazione della pianta madre nel vaso. Scegliete una talea sana e robusta. Le talee possono essere prelevate dalla pianta madre varie volte all'anno, quindi è essenziale che l'esemplare madre sia in grado di produrre cime di alta qualità.

Dopo aver sistemato la pianta madre nel vaso, dovete inserire un palo di legno per guidare la crescita del fusto. Potete usare questo palo per dirigere il tronco del bonsai nella direzione che preferite. In questa fase è importante evitare qualsiasi potenziale danno alle radici. Infilate delicatamente il palo nel terreno, accanto al fusto, per non danneggiare l'apparato radicale. Successivamente, potrete usare i lacci per legare il fusto della pianta al palo, ancorandoli ai fori precedentemente creati sui bordi del vaso.

COME SI COLTIVA UNA PIANTA DI CANNABIS BONSAI?

FASE TRE: TRAINING

Nella terza fase si avvierà il training dei rami della cannabis bonsai. Allo stesso modo del fusto, è possibile guidare i rami della pianta legandoli con delle corde. Se volete che i rami crescano in modo orizzontale, tirateli con forza verso il basso usando i lacci. Se preferite lasciarli crescere più in verticale, legateli senza stringere troppo. Quando sistemate le corde, lasciate un po' di spazio ai rami, in modo che possano crescere senza eccessive costrizioni.

FASE QUATTRO: POTATURA

Ora è il momento di potare i rami. Man mano che la pianta cresce, i suoi rami devono essere guidati in modo da ottenere la forma e la dimensione di un bonsai classico, e mantenere un buon ricircolo d'aria a livello del fusto. È fondamentale tagliare solo le estensioni secondarie, poiché eliminando le diramazioni principali si rischia di compromettere la salute e la crescita complessiva dell'esemplare.

La durata di utilizzo di una pianta madre bonsai è ancora oggetto di acceso dibattito. I bonsai di cannabis vengono tenuti in fase vegetativa per periodi di tempo indefiniti, pertanto possono virtualmente essere utilizzati fin quando non muoiono. Molti coltivatori hanno notato che i bonsai indica si deteriorano più rapidamente rispetto ai ceppi sativa. In linea di massima, è consigliabile sostituire le piante bonsai indica ogni 3–4 anni, gli ibridi ogni 4–5 anni e le sativa ogni 5–6 anni. Ad ogni modo, questi tempi sono puramente indicativi. Tutto dipende dalla varietà e dal tipo di manutenzione che la pianta riceve durante il suo ciclo vitale.

QUALI SONO LE VARIETÀ PIÙ ADATTE PER OTTENERE UN ALBERO DI CANNABIS BONSAI?

Ogni ceppo è differente e alcune varietà di cannabis sono più adatte per essere trasformate in bonsai rispetto ad altre. Ecco un paio di genetiche che, grazie alle loro dimensioni ridotte, sono perfette per ricavare alberi di cannabis bonsai.

CRITICAL KUSH

Critical Kush è un ibrido a dominanza indica che cresce compatto e cespuglioso, grazie ad una proporzione di geni indica:sativa di 80:20. Inoltre, questa varietà è molto ricca di THC e produce effetti rilassanti e sedativi. Rappresenta dunque un'ottima fonte da cui prelevare talee indica.

Critical Kush

Critical Kush

Genetic background Critical x OG Kush
Yield indoor 500 - 550 gr/m2
Height indoor 60 - 100 cm
Flowering time 7 - 8 weeks
THC strength THC: 20% (aprox.) / CBD: Low
Blend 20% Sativa, 80% Indica, 0% Ruderalis
Yield outdoor 500 - 550 g/per plant (dried)
Height outdoor 100 - 140 cm
Harvest time Late September
Effect Extremely stoned long-lasting & body relaxing
 

Buy Critical Kush

 

WHITE WIDOW

White Widow è una varietà classica olandese, diventata una delle piante di cannabis più conosciute e apprezzate del pianeta. Questo ibrido ben equilibrato offre un potente mix di effetti indica e sativa e dosi di THC che raggiungono il 20%. Se volete coltivare un bonsai di cannabis ibrido, White Widow è una scelta eccellente.

White Widow

White Widow Royal Queen Seeds

Genetic background White Widow S1
Yield indoor 500 - 550 g/m2
Height indoor 60 - 100 cm
Flowering time 8 - 9 weeks
THC strength THC: 19% (aprox.) / CBD: Medium
Blend 50% Sativa, 50% Indica
Yield outdoor 500 - 550 g/per plant (dried)
Height outdoor 150 - 190 cm
Harvest time Late October
Effect Extremely stoned
 

Buy White Widow

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.