Coltivare Piante di Cannabis: Semi vs. Cloni

Published :
Categories : coltivazione di cannabis

Coltivare Piante di Cannabis: Semi vs. Cloni

La coltivazione delle piante di cannabis è fonte di innumerevoli piaceri. Farle crescere richiede cura e pazienza, e un interesse casuale può facilmente diventare una vera passione. Se stai pensando di iniziare una coltivazione per la prima volta, hai fatto il primo passo lungo la strada per diventare un vero conoscitore della marijuana.

In qualità di coltivatore principiante, prima di intraprendere la tua nuova avventura devi prendere una decisione fondamentale. Intendi far crescere le tue piante dai semi o usando i cloni? Potresti non essere ancora a conoscenza del fatto che ci sono due metodi per coltivare le piante di cannabis, ognuno dei quali ha i suoi pro e i suoi contro. Scegliere l’opzione giusta può fare la differenza tra il successo e il fallimento. Le informazioni riportate qui di seguito dovrebbero aiutarti a fare la scelta corretta.

Coltivare utilizzando i Cloni
Un clone è una punta di un ramo tagliata da una pianta di cannabis matura, che può essere ripiantata e coltivata per produrre boccioli. Coltivare una pianta da un clone che si è già parzialmente sviluppato potrebbe sembrare un’attività semplice, ma in realtà può essere molto più difficile che far crescere un seme da zero. Innanzitutto, tutte le piante sono altamente suscettibili a malattie come funghi o infezioni causate dagli insetti. Un clone rappresenta l’esatta immagine genetica della pianta madre da cui proviene, pertanto se la madre soffriva di qualche problema di salute, ne soffrirà anche il ramo tagliato. Se sei un coltivatore alle prime armi, potresti non avere l’esperienza o le conoscenze necessarie per affrontare questi problemi, e la pianta potrebbe morire.

Semi di cannabis

La condizione del clone può porre altri ostacoli. Un clone appena tagliato ha bisogno di molte cure amorevoli, e quando viene ripiantato per la prima volta sarà estremamente sensibile. Si prevede un periodo iniziale di shock in seguito alla semina, e per superare questa fase saranno necessarie quantità molto specifiche di luce e nutrienti. L’insuccesso della semina è fin troppo comune, e un nuovo coltivatore può dover lottare per mantenere sani i giovani cloni.

Un altro grande problema connesso all’uso dei cloni è la difficoltà di rintracciarli. Dovrete aver accesso a una pianta madre matura e, ovviamente, il permesso di tagliarne un ramo. In tale circostanza, come è possibile garantire la varietà di cannabis che si produrrà? Sarà di buona qualità? Questo rimarrà un mistero finché non sarai pronto a provarla. Alcuni cloni possono essere acquistati online, ma questa è una maniera estremamente rischiosa di comprare le piante. Per i cloni il trasporto può essere traumatico, e si rischia di ricevere un clone in pessimo stato. Talvolta le piante messe in commercio sono trattate con pesticidi o fungicidi, e un clone proveniente da queste piante conterrà a sua volta tali elementi.

L’unico beneficio tangibile dell’uso dei cloni per un nuovo coltivatore è che la pianta si sviluppa più velocemente di quanto faccia con un seme, e si può sperare in un raccolto effettivo più rapido. Se non avete problemi di tempo, questo aspetto potrebbe non interessarvi, in quanto solitamente abbrevia l’intero ciclo di crescita di circa un mese. Inoltre, la maggior parte della gente apprezza davvero il fatto di poter apprendere come coltivare una pianta di cannabis fin dalle sue prime fasi. È un po’ come fare l’esperienza di una nascita, e potrai essere orgoglioso della tua pianta adulta quando fiorirà, poiché saprai di averla curata seme dopo seme da solo.

Scegliere i Semi per la Coltivazione
Probabilmente iniziare a coltivare nuove piante usando semi è un metodo garantito e più facile per i coltivatori inesperti. Se far crescere una pianta da un seme minuscolo suona come qualcosa di spaventoso, puoi dormire sonni tranquilli sul fatto che in realtà questo metodo presenta molte meno difficoltà di quando si utilizzano i cloni.

In primo luogo, esistono grandi banche dei semi come la Royal Queen Seeds, che offre un prodotto testato e autentico su cui si può fare affidamento, infatti non ci possono essere dubbi sui semi provenienti da una banca del seme. Potendo controllare la varietà che si acquista, si sa già con largo anticipo quale varietà di cannabis si otterrà, e ciò significa che non si perderà tempo con una pianta di scarsa qualità. La Royal Queen Seeds offre anche semi di cannabis femminizzati, che danno origine esclusivamente a piante femminili, e poiché soltanto le piante femminili producono boccioli, puoi star sicuro che i tuoi soldi non andranno sprecati con piante che non potrai utilizzare.

Un’altra ragione per cui si considera ottimale il metodo di coltivazione tramite i semi è che si tratta di quello più naturale per la pianta di cannabis stessa. La marijuana è, infatti, una pianta annuale, il che significa che la sua vita nel suo ambiente naturale dura circa un anno. Le piante di marijuana dunque non sono geneticamente progettate per rimanere attive e fiorire per periodi di tempo più lunghi, pertanto un clone da una pianta matura può già diventare vecchio, e generare meno boccioli di una piantina.

Se pensi che i cloni produrranno boccioli più rapidamente di una piantina, considera il fatto che la Royal Queen Seeds offre varietà di semi autofiorenti. I semi autofiorenti sono stati attentamente incrociati e climatizzati in una zona del mondo con prolungate ore di luce solare. Ciò significa che tali semi sono stati esposti a una quantità di luce superiore a quella di cui necessitano per fiorire, in un periodo compreso tra 2 e 4 settimane.

Giovani pianta di cannabis che cresce all'interno di una stanza di crescita

Infine, una pianta coltivata tramite i semi avrà un apparato radicale forte. Per quelli totalmente inesperti nel giardinaggio, un fittone è la parte centrale dell’intero apparato radicale di una pianta, che si estende a fondo nel terreno circostante e assorbe ampie quantità di nutrienti. Un clone non è in grado di far crescere un fittone e non può mai essere forte e sano come una pianta cresciuta dai semi, che invece svilupperà il suo fittone.

Anche se un tempo il metodo di coltivazione dai cloni ha guadagnato in popolarità, i coltivatori preoccupati della qualità individuale delle loro piante stanno ritornando al metodo di coltivazione tramite i semi. Uno sguardo all’ampio assortimento di semi di prima qualità disponibile online può convincervi del fatto che il metodo che utilizza i semi è il migliore per avere successo come coltivatore.

Acquista Semi di Cannabis AutofiorentiAcquista Semi di Cannabis Femminizzati Acquista Medical Semi di Cannabis