Man mano che la cannabis guadagna popolarità, molte persone si rivolgono alla scienza per capire come questa sostanza agisce sul corpo umano. Tuttavia, la ricerca presenta una lacuna: gran parte degli studi sulla cannabis, infatti, sono stati condotti su soggetti di sesso maschile. Gli scienziati hanno utilizzato soprattutto ratti maschi, poiché i loro ormoni subiscono meno fluttuazioni.

Quindi, oggi la nostra comprensione degli effetti della cannabis sul corpo umano è incompleta. Non è una situazione ottimale, soprattutto perché la scienza ha rilevato che la cannabis interagisce direttamente con gli estrogeni del corpo femminile. L'interesse delle donne verso la cannabis cresce più rapidamente rispetto a quello degli uomini. Abbiamo dunque bisogno di informazioni più dettagliate sugli effetti della cannabis in entrambi i sessi. In questo articolo, esploriamo il legame chimico tra estrogeni e cannabinoidi, e la sua ripercussione sulle consumatrici.

MECCANISMO D'AZIONE

Gli estrogeni e i cannabinoidi interagiscono con gli stessi meccanismi fisiologici nel cervello e nel corpo umano. Uno studio ha evidenziato che uomini e donne possiedono una diversa concentrazione di recettori cannabinoidi di tipo 1 (CB1) in varie parti del cervello. I ricercatori hanno isolato gli estrogeni come probabile fattore responsabile di tale differenza. Le donne presentano una maggiore densità di CB1 nell'amigdala, area del cervello responsabile delle emozioni, ed una densità inferiore nell'ipotalamo, che regola lo stimolo della fame. Anche la differenza di recettori nell'ippocampo—sede della memoria—sembra essere piuttosto rilevante.

Appare quindi evidente che la cannabis agisce sul cervello femminile, o sul cervello sottoposto ad estrogeni, in modo diverso da quello maschile. In molte circostanze, il cervello femminile risulta più sensibile agli effetti della cannabis.

L'influenza di estrogeni e cannabis

SOLLIEVO DAL DOLORE E SOGLIA DI TOLLERANZA

Un recente studio della University of Washington ha dimostrato che gli estrogeni rendono le cavie animali di sesso femminile il 30% più sensibili agli effetti antidolorifici della cannabis. Inoltre, le femmine sviluppano una tolleranza alla sostanza molto più rapidamente. Le femmine dei roditori sono più propense ad assumere THC in modo compulsivo rispetto ai maschi. Si può ipotizzare che siano più soggette a sviluppare dipendenza.

Cosa significa tutto ciò per gli esseri umani? Può essere una buona notizia per le donne che usano la cannabis come antidolorifico. È infatti probabile che esse traggano vantaggio anche da dosi molto inferiori rispetto allo standard. Detto questo, le donne fumatrici dovrebbero fare attenzione alla loro soglia di tolleranza. Potrebbero aver bisogno di aumentare la dose più rapidamente rispetto alla controparte maschile, per ottenere gli stessi effetti. Gli scienziati hanno dichiarato che le donne potrebbero essere più suscettibili agli effetti negativi della cannabis, come ansia, paranoia e dipendenza.

Lo stesso studio ha rilevato che la sensibilità al THC dei ratti femmina varia in base al ciclo mestruale. I ratti erano infatti più sensibili durante l'ovulazione, quando il livello di estrogeni è al massimo.

EMOZIONI E MEMORIA

Nell'amigdala femminile c'è una maggiore concentrazione di recettori CB1. Quindi, la cannabis potrebbe produrre effetti diversi su uomini e donne, a livello emotivo. L'amigdala è associata a paura ed emozioni negative. Inoltre, le donne che fumano cannabis ricca di THC sono più propense a sviluppare ansia, rispetto agli uomini. Molte donne scelgono varietà ricche di CBD, che genera effetti opposti sui recettori CB1, e potrebbe quindi ridurre l'ansia.
In più, secondo alcune ricerche, le donne che fumano cannabis regolarmente durante l'adolescenza hanno un'amigdala più grande, e sono più soggette ad ansia ed emozioni negative.

La cannabis interagisce anche con il sistema ormonale femminile, fungendo da afrodisiaco—molte donne hanno dichiarato di sentirsi più eccitate dopo aver assunto cannabis. Un effetto opposto a quello rilevato sugli uomini, i quali talvolta soffrono di disfunzioni sessuali dopo aver consumato ganja. Tuttavia, una dose eccessiva di cannabis può creare scompiglio nel sistema ormonale femminile, e inibire la funzionalità sessuale.

Per finire, le donne sembrano essere più sensibili agli effetti deleteri della cannabis sulla memoria. Probabilmente ciò è dovuto agli estrogeni, che alterano la densità dei recettori CB1 nell'ippocampo.

Cannabis And Female Hormonal System

UN'ECCEZIONE

Ricordate l'ipotalamo? A quanto pare, è una delle poche aree in cui gli effetti della cannabis agiscono in misura inferiore sulle donne rispetto agli uomini. L'ipotalamo regola lo stimolo della fame, e gli uomini sviluppano una fame chimica molto più intensa rispetto alle donne. Uno studio su cavie da laboratorio ha evidenziato che i maschi consumavano il 62% di cibo in più, mentre le femmine solo il 23%.

Come mai? La cannabis attiva i recettori CB1 nell'ipotalamo, il quale rilascia gli ormoni che stimolano l'appetito. Gli estrogeni bloccano parzialmente l'attivazione dei recettori CB1 in questa zona del cervello, riducendo la fame chimica. La fame chimica è minima durante l'ovulazione, quando il livello di estrogeni è al suo apice.

Gli uomini tendono inoltre ad avere più freddo dopo aver consumato cannabis. Alcuni studi hanno rilevato che la temperatura delle donne subisce un calo minore rispetto a quella degli uomini. Ciò può essere ricondotto all'effetto degli estrogeni sull'ipotalamo.

GLI EFFETTI DELLA CANNABIS SULL'UTERO

Abbiamo analizzato in che modo gli estrogeni condizionano gli effetti della cannabis. Ma la ganja potrebbe invece incidere sul sistema riproduttivo femminile?

Secondo le ricerche, il fumo di marijuana condensato sembra influenzare il comportamento e l'aspetto delle cellule uterine e di altre cellule dell'apparato riproduttivo femminile, competendo con gli estrogeni per raggiungere i siti di legame nell'utero. Il THC in forma pura e vari altri cannabinoidi non hanno mostrato tale effetto. Solo il CBD e alcuni flavonoidi esibiscono questo comportamento in forma isolata.

L'estrogeno influenza gli effetti della cannabis

DIVERSITÀ DI PREFERENZE NELLA SCELTA DELLE VARIETÀ

Considerando l'interazione della cannabis con l'apparato riproduttivo femminile, non c'è da meravigliarsi che le donne preferiscano varietà di cannabis differenti. Una indagine condotta da Leafly ha evidenziato che le tre varietà più ricercate dalle donne sono Blue Dream, Girl Scout Cookies e Sour Diesel. A quanto pare le donne prediligono le genetiche sativa stimolanti e confortanti, piuttosto che le indica “rilassanti”. Inoltre, sembra che le donne apprezzino le varietà ricche di CBD: probabilmente preferiscono evitare gli sballi intensi, a favore di un'esperienza complessiva più equilibrata. Nel complesso, si direbbe che le donne preferiscano le varietà fruttate e confortanti, ad alto contenuto di CBD.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.