Molto spesso, la cannabis viene consumata come integratore alimentare per trattare vari disturbi legati alla salute femminile, come dolori mestruali e sintomi della menopausa. Alla fine del 2017, la BDS Analytics, un'azienda del Colorado che raccoglie dati sul business della cannabis, ha pubblicato uno studio intitolato "Women Regularly Choose Cannabis to Take Control of Their Health".

La BDS ha esaminato le abitudini legate al consumo di cannabis in 1.281 donne residenti nei quattro Stati americani dove la marijuana è legale: California, Colorado, Oregon e Washington. Durante la ricerca sono emersi dati molto interessanti. Per riassumere in una frase: "le donne con figli che vivono ancora a casa sono il segmento della popolazione più propenso a consumare cannabis per motivi sessuali e a scopo di automedicazione."

Madre Di Mezza Età Che Fuma Cannabis

MESTRUAZIONI

Le donne scelgono di consumare cannabis come sostanza medicinale principalmente per alleviare i crampi e i dolori mestruali. Secondo il Women’s Health Consumer Insight Survey, citato in precedenza, il 39% delle donne decide di usare la ganja per gestire i sintomi del ciclo mestruale. Dopo varie lamentele verso i farmaci da banco come Midol e Pamprin, accusati di essere inefficaci e di causare spiacevoli effetti collaterali, il settore della cannabis ha iniziato a concentrarsi maggiormente sulle necessità delle donne.

Basta una rapida ricerca online per trovare una vastità di prodotti come sali da bagno, capsule e persino tamponi interni arricchiti al THC, CBD, o con un mix di entrambi i cannabinoidi. L'attrice Whoopi Goldberg ha definito la cannabis "la nuova penicillina contro il dolore". Ha persino lanciato una sua linea personale di prodotti alla cannabis rivolti al pubblico femminile.

MENOPAUSA

Le giovani donne non sono le uniche ad usare la cannabis per scopi terapeutici. Anche le donne più mature scelgono la ganja per contrastare i sintomi della menopausa. Citando la BDS Analytics, "le donne mature che attraversano la menopausa potrebbero scegliere prodotti contenenti cannabis per integrare o sostituire la terapia ormonale. Il 35% delle donne in menopausa usa la cannabis per conciliare il sonno. Il 32% consuma ganja per alleviare i sintomi."

Uno dei sintomi più frequenti durante la menopausa è proprio l'insonnia. Tuttavia, molto spesso le donne tendono a soffrire di disturbi del sonno anche in giovane età. Per fortuna, i prodotti contenenti cannabis a dominanza indica favoriscono un riposo tranquillo e distensivo. Recenti studi indicano che in alcuni casi anche i prodotti al CBD possono aiutare a combattere l'insonnia.

Prodotto Medico Con Base Di Cannabis

GRAVIDANZA

Nuove ricerche pubblicate l'anno scorso nel Journal of American Medical Association indicano che quasi una donna su quattordici usa la cannabis per gestire i disturbi legati alla gravidanza, in particolare la nausea. Nell'arco di uno studio durato sette anni, lo psicologo clinico Kelley Young-Wolff ha analizzato 279.457 donne in stato di gravidanza partecipanti al sistema sanitario Kaiser Permanente tra il 2009 e il 2016.

Si è potuto constatare che nel 2009, ovvero all'inizio dell'indagine, solo il 4,2% delle future mamme consumava cannabis. Nel 2016, la percentuale era salita al 7,1%. Ma non c'è da meravigliarsi. Infatti, numerosi studi confermano che i medicinali soggetti a prescrizione medica, usati per trattare la nausea mattutina, possono creare pericolosi effetti collaterali nelle donne, e anche possibili difetti congeniti nel feto.

SESSO

Per molte donne è fondamentale avere una vita sessuale sana e soddisfacente, indipendentemente dal fatto che siano impegnate in una relazione o meno. Secondo il sondaggio della BDS, "Il ventisette percento delle donne consumatrici di cannabis afferma che la marijuana migliora i rapporti sessuali". Inoltre, è stato rilevato che le madri sono la parte della popolazione più propensa a consumare cannabis per aumentare la stimolazione sessuale.

Non si tratta di una semplice ipotesi. È ormai ampiamente documentato che la cannabis è una sostanza afrodisiaca. Un recente studio pubblicato nel Journal of Sexual Medicine ha scoperto che, su 28.000 donne, quelle che usavano cannabis quotidianamente avevano una media di 7,1 rapporti sessuali al mese. Chi invece non consumava ganja raggiungeva a malapena le 5 volte al mese. "Un consumo assiduo di marijuana non sembra influire negativamente sullo stimolo sessuale o sulla performance", ha commentato Michael Eisenberg, autore dello studio e assistente professore di urologia alla Stanford University. "Anzi, il consumo di marijuana è associato ad una maggior frequenza di rapporti sessuali."

Anoressia e cannabis

ANORESSIA

La cannabis è nota per stimolare l'appetito - la cosiddetta fame chimica. Pertanto, non è poi così strano che la ganja possa addirittura costituire un'ancora di salvezza in caso di disturbi dell'alimentazione, e in particolare anoressia. Alcuni Stati consentono la prescrizione di cannabis a pazienti affette da disordini alimentari. Purtroppo, tale pratica non è ancora diffusa come dovrebbe.

In questo campo non sono ancora state svolte ricerche approfondite. Tuttavia, varie prove aneddotiche confermano che la cannabis può essere davvero efficace. Nel 2014, un gruppo di neuroscienziati ha condotto un piccolo test su animali affetti da anoressia. Il team ha scoperto che la marijuana aiuta ad attivare i recettori CB1 del sistema endocannabinoide. Ciò amplifica la sensibilità ai sapori e agli odori e, di conseguenza, stimola l'appetito del soggetto.

Notizia Collegata
Cannabis e Anoressia

ANSIA/DEPRESSIONE

Secondo l'Anxiety and Depression Association of America, le donne hanno il doppio delle possibilità di soffrire di ansia. Inoltre, hanno una maggiore tendenza a sviluppare disturbi legati all'ansia in giovane età rispetto agli uomini. Alcuni psicologi canadesi hanno pubblicato uno studio dettagliato che evidenzia i vantaggi del consumo di cannabis per combattere l'ansia.

"Nel complesso, gli individui che usano cannabis affermano che la sostanza attenua l'ansia e aiuta a rilassarsi" ha dichiarato Zach Walsh, principale autore dello studio e professore di psicologia alla University of British Columbia. "Sappiamo anche che chi soffre di Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD) sceglie la cannabis per gestire i propri sintomi." Al giorno d'oggi negli Stati Uniti la marijuana viene prescritta sempre più spesso per curare ansia e depressione.

LE DONNE E LA GANJA

Ecco dunque tutte le principali motivazioni che spingono le donne a auto-medicarsi con la cannabis. Ma c'è anche un'altra ragione, molto comune, ma di cui non si parla spesso: alle donne piace la cannabis! E non potrebbe essere diversamente. La vita delle donne è frenetica e stressante. Quindi è giusto che esse abbiano il diritto di mettere da parte il classico bicchiere di vino e fumare invece uno spinello pieno di ganja, per rilassarsi dopo una lunga giornata. E comunque, per quanto ne sappiamo, la ganja è molto più sicura per la salute rispetto all'alcol.

Indipendentemente da come viene usata, è importante notare che, proprio come qualsiasi altra sostanza psicoattiva, la cannabis non è adatta a tutti e può avere effetti collaterali. Pertanto, prima di compiere scelte drastiche, è essenziale consultare il proprio medico di fiducia per ottenere un consiglio onesto e professionale.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out