Il CBD è uno dei tanti cannabinoidi presenti nella cannabis. A differenza del principale componente psicoattivo THC, il CBD non altera le capacità cognitive o psicomotorie. Ci sono studi che suggeriscono il suo uso per la gestione del dolore e come potenziale trattamento per condizioni come l'epilessia, l'ansia, i disturbi neurologici e molte altre. Il CBD è attualmente un argomento molto caldo. Se avete un gatto, potreste essere interessati a sapere che il CBD può anche essere di beneficio per il vostro amico a quattro zampe!

COME FUNZIONA IL CBD PER I GATTI?

Come nel caso degli esseri umani, i gatti hanno un sistema endocannabinoide che regola importanti funzioni fisiologiche, come le risposte immunitarie, l’umore, il sonno e il dolore. I recettori dei cannabinoidi si trovano in tutto il corpo, compreso il cervello, il sistema nervoso e il sistema immunitario. Ciò che rende la cannabis così speciale è che i suoi composti attivi possono legarsi a questi recettori e influenzarne il funzionamento. E allo stesso modo gli umani possono beneficiare degli effetti del CBD, così come i nostri amici felini!

Gato Recettori Dei Cannabinoidi

COME PUÒ IL CBD AIUTARE IL TUO GATTO?

Nonostante il crescente numero di prove sugli effetti positivi e le potenziali applicazioni del CBD, il campo della ricerca medica correlata alla cannabis è ancora nuovo. È finalmente opinione diffusa che una sostanza prima demonizzata si debba oggi accettare anche per la sua ampia gamma di applicazioni terapeutiche. Ci sono pochi studi “in vivo” sul CBD nei gatti, ma esiste un’ampia raccolta di aneddoti e ricerche preliminari che supportano la sua azione terapeutica.

Tra le condizioni che il CBD può aiutare ad alleviare nei gatti troviamo:

  • Aggressività
  • Perdita di appetito
  • Ansia
  • Stress
  • Mancanza di energia
  • Infiammazioni
  • Infezioni

Ci sono anche condizioni di salute più gravi nelle quali i proprietari di gatti hanno riferito di aver visto buoni risultati dopo la somministrazione di oli con CBD. Queste condizioni comprendono comuni malattie feline come l'artrite, la pancreatite, le malattia infiammatorie intestinali e l’asma, che sono le condizioni dove l'infiammazione è spesso la causa principale. Il CBD è ampiamente riconosciuto per le sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche, e aiuta a combattere sia le cause alla radice, sia i sintomi delle varie condizioni.

Nei pazienti umani, il CBD viene utilizzato per il trattamento delle convulsioni, come quelle sperimentate dai pazienti affetti da una rara forma di epilessia nota come sindrome di Dravet. Esistono prove del fatto che il CBD sia efficace anche per ridurre le convulsioni nei gatti.

COME DOSARE IL CBD PER I GATTI

I gatti sono ovviamente molto più piccoli degli umani. Questo significa che normalmente richiedono dosi molto più basse di CBD rispetto a noi.

Se acquistate un prodotto a base di olio di CBD specifico per gatti, assicuratevi di leggere le raccomandazioni fornite con il prodotto per il corretto dosaggio. È anche possibile utilizzare gli oli di CBD destinati alle persone, purché ci si assicuri di utilizzarli nella giusta dose.

Secondo alcuni veterinari, la dose consigliata va da 0,1 a 0,5mg di CBD per ogni chilogrammo di peso del gatto. Le dosi individuali possono variare a seconda delle condizioni specifiche dell’animale. Ricorda che meno può essere di più. È sempre meglio iniziare con basse dosi per vedere come reagisce il vostro gatto.

Gatti e CBD

DOSAGGIO RACCOMANDATO PER I PROBLEMI DI SALUTE PIÙ COMUNI DI UN GATTO

  • Artrite: 0,5mg/kg due volte al giorno
  • Asma: 0,5mg/kg due volte al giorno
  • Malattia infiammatoria intestinale: 0,2mg/kg due volte al giorno
  • Pancreatite: 0,1mg/kg due volte al giorno, aumentando gradualmente fino a 0,5mg/kg due volte al giorno
  • Infezioni croniche del tratto respiratorio superiore: 5mg/kg due volte al giorno
  • Convulsioni: 0,5mg/kg due volte al giorno e poi aumentare gradualmente. Il dosaggio massimo per il trattamento delle crisi convulsive può arrivare fino a 3mg di CBD per kg di peso del gatto

Sappiate che il CBD normalmente non funziona da un giorno all'altro. A volte possono essere necessarie diverse settimane per osservare i suoi effetti sul tuo animale domestico. Pertanto, quando si somministra il CBD serve pazienza e costanza, osservando attentamente gli effetti sul gatto in modo da poter trovare il dosaggio ottimale nel corso del tempo.

Di norma è una buona idea aspettare una settimana o due prima di alzare il dosaggio. Ripetere questa procedura come raccomandato fino a quando si notano degli effetti.

L'OLIO DI CBD HA EFFETTI COLLATERALI SUI GATTI?

Non dovrebbero esserci effetti collaterali negativi quando somministrate olio di CBD al vostro gatto in dosi appropriate. Una dose eccessiva può sedare il tuo gatto, ma questo non è pericoloso per la sua vita.

Il CBD è generalmente sicuro, ma se la cannabis o i suoi derivati contengono THC non potranno mai essere somministrati agli animali. I gatti sono ancora più sensibili al THC degli umani. Noi potremmo apprezzare l’effetto psicoattivo del THC, ma il tuo gatto lo troverebbe molto spiacevole.

Molti proprietari di animali domestici affermano che il CBD ha contribuito notevolmente a migliorare la salute e il benessere dei loro gatti e cani. Questo suggerisce che l'olio di CBD può essere un modo efficace e sicuro per curare il tuo gatto in varie condizioni di salute. Offri olio di CBD al tuo gatto e lascia che i risultati parlino da soli!

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out