Agli inizi del 2017, le orecchie degli appassionati di cannabis di tutto il mondo si sono drizzate all'annuncio comunicato dall'Agenzia Britannica di Regolamentazione dei Prodotti Medico-farmaceutici (MHRA). L'organizzazione ha dichiarato il cannabidiolo (CBD) una medicina, e l'ha ufficialmente riclassificata come tale. Questa decisione senza precedenti viene annunciata in un momento delicato e agrodolce per il Regno Unito. Anche se ai cannabinoidi è stato finalmente riconosciuto un valore terapeutico, gli attuali pazienti ora rischiano di perdere l'accesso ai prodotti al CBD su cui facevano affidamento.

E ORA?

Questo cambiamento indica un'imminente riorganizzazione dei processi di produzione del CBD. I prodotti al CBD infatti richiederanno una supervisione aggiuntiva da parte di comitati di regolamentazione medica. Queste misure vengono rafforzate per garantire che i produttori rispettino tutte le normative indicate nel The Human Medicines Regulations 2012. L'MHRA ha reso noto che la principale preoccupazione causata da questa svolta epocale è quella di migliorare la sicurezza del paziente, favorendo lo svolgimento coerente e trasparente delle procedure di produzione e marketing che riguardano il CBD.

CBD: PANORAMICA

Il cannabidiolo è il secondo cannabinoide più presente nella Cannabis sativa L., i generi e le specie delle varietà di cannabis psicoattive e non. Il CBD è prodotto dalle ghiandole resinose chiamate tricomi, ed è presente in diverse concentrazioni a seconda della varietà. Questo cannabinoide è noto per produrre effetti sinergici se usato insieme al THC, riducendo gli effetti collaterali della reazione psicotropa. 
Spesso ritenuto il cannabinoide con il più alto potenziale terapeutico, il CBD continua a stupire gli scienziati man mano che viene studiato.

Oltre alla sua potenzialità come trattamento per disturbi fisici quali infiammazione e dolore cronico, il CBD sembra essere promettente come ingrediente per curare disturbi legati all'ansia e altre condizioni mentali. Questi esempi mostrano solo alcune delle potenzialità terapeutiche determinate in studi preliminari sul CBD con cavie animali e soggetti umani.

cbd oil texture thc effect entourage

I FATTI ESSENZIALI

Se si considera la storica mancanza di regolamentazione sul tema della cannabis nel Regno Unito, la decisione della MHRA di classificare il CBD a livello medico è decisamente sorprendente. Le ragioni sono due: la scelta è stata fatta principalmente in risposta ad un preoccupante trend di incauti produttori di CBD che pubblicizzavano i grandiosi effetti medicinali dei loro prodotti. Ad ogni modo, l'MHRA alla fine ha ammesso di aver riconosciuto e legittimato il potenziale del CBD per la salute umana sulla base di dettagliate ricerche scientifiche durate anni.

Ora, l'MHRA richiede che tutti i prodotti medicinali autorizzati rispettino standard di "sicurezza, qualità ed efficacia", per garantire la salute dei consumatori. Questa è una manovra efficace per evitare che produttori irresponsabili distribuiscano prodotti ingannevoli. Tuttavia, in questo modo i produttori di qualità rischiano di perdere i loro affari.

UNA MANOVRA COSTOSA

Le nuove regole sono state inaugurate con una riclassificazione che ha coinvolto 18 aziende produttrici di CBD in tutto il Paese, che hanno ricevuto la documentazione dell'MHRA. Ciò ha costretto i produttori ad interrompere le attività di produzione. D'ora in avanti, ogni azienda dovrà fare richiesta per ottenere una licenza o "autorizzazione all'immissione" per produrre prodotti terapeutici al CBD. A ciò si unisce l'enorme tassa di £103,000 da sostenere per ottenere le nuove autorizzazioni mediche.

L'MHRA concederà alcune speciali esenzioni dall'autorizzazione, che verranno gestite paziente per paziente.
Inoltre, ai produttori è proibito pubblicizzare qualsiasi prodotto non autorizzato, anche quelli consentiti per esenzione.

Con queste linee guida più rigide, l'efficacia terapeutica del CBD stabilita dal MHRA probabilmente sarà applicata ad un'area di trattamento più ristretta, per il momento. 
Per ora, l'organizzazione non ha lasciato trapelare per quale condizione il CBD sia maggiormente efficace. Ad ogni modo, ha rilasciato una dichiarazione generica in cui rivela che il CBD ha effetti di "ripristino, correzione o modifica" sulle "funzionalità fisiologiche" umane.

cbd oil bottle CONSUMATORI SENZA CBD

Un difetto evidente della nuova regolamentazione è la mancanza di ordinanze temporanee che permettano ai consumatori di continuare ad acquistare prodotti al CBD con facilità. L'MHRA sta ammettendo la potenzialità terapeutica del CBD, ma allo stesso tempo non tiene conto dei pazienti che ne fanno già uso, limitando loro l'accesso al CBD con pochissimo preavviso.

Ci vorrà del tempo per risolvere tutti gli inconvenienti associati a questa riorganizzazione, specialmente per effettuare i nuovi test clinici e i test di produzione su tutti i farmaci al CBD. Alcuni pazienti sono preoccupati per la lunga attesa prima che i nuovi farmaci regolamentati siano disponibili al pubblico. Per coloro che utilizzano il CBD per gravi problemi di salute come la sindrome di Dravet, il mancato accesso al CBD può avere conseguenze estremamente dannose.

PRO & CONTRO

Ci sono alcune obiezioni riguardo la possibilità che grossi enti possano indurre un aumento nei prezzi del CBD, causando una minore accessibilità ai prodotti a chi ha un reddito basso. Finora, il CBD era stato classificato come integratore alimentare nel Regno Unito, purché non contenesse cannabinoidi psicoattivi. In questa limitata classificazione, c'era meno supervisione ed una mancanza di controlli di qualità. Con le nuove leggi, i produttori non potranno prendere scorciatoie, né vendere CBD di qualità inferiore con gli stessi ritmi.

È IN ARRIVO LA LEGALIZZAZIONE DELLA CANNABIS?

L'accettazione del CBD come sostanza terapeutica è un passo in avanti nell'eliminare la cattiva reputazione che circonda la cannabis in generale. La speranza è che il CBD favorisca un dibattito aperto sulla depenalizzazione e la legalizzazione. Anche se il THC, il composto psicoattivo più abbondante, deve ancora essere riconosciuto a livello medico, questa decisione potrebbe segnare un passo nella giusta direzione, verso la regolarizzazione della cannabis terapeutica in un prossimo futuro.

 

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out