Silicio per Ottenere Piante di Cannabis Ancora più Vigorose

Published :
Categories : coltivazione di cannabis

Silicio per Ottenere Piante di Cannabis Ancora più Vigorose

Di tutti gli integratori per Cannabis, quelli a base di silicio sono i meno conosciuti. Tuttavia, potrebbe essere uno degli elementi più benefici da apportare a una pianta.

La Cannabis è una pianta piuttosto facile da coltivare che non richiede particolari attenzioni per crescere correttamente. Anche se il mercato è stato invaso da diversi fertilizzanti e integratori, non tutti sono indispensabili per ottenere una buona Cannabis. Tuttavia, anche se molti di questi prodotti non son essenziali per la coltivazione della marijuana, in alcuni casi può risultare alquanto vantaggioso prendere in considerazione il loro uso. Infatti, permettono di rendere più vigorosa la crescita di una pianta, offrendo raccolti più generosi grazie alla loro proprietà stimolante.

Il silicio rientra tra questi integratori benefici per la coltivazione della Cannabis, dagli interessanti risvolti. Il silicio, infatti, ha la capacità di aiutare le piante a crescere più forti, sane e grandi, fattori estremamente importanti che ci hanno spinto ad approfondire questo argomento.

Cos'è il silicio?

Ogni essere vivente è in costante contatto con il silicio. Stiamo parlando di uno degli elementi disponibili in maggiori concentrazioni sulla crosta terrestre. Infatti, il 90% della superficie del nostro pianeta è costituita da composti chiamati fillosilicati. Esistono un centinaio di diverse varianti di fillosilicati, tutti contenenti silicio, ossigeno e altri metalli o minerali secondari.

Le piante possono disporre di silicio, e quindi assorbirlo, quando questo viene estratto dai fillosilicati sotto forma di acido monosilicico. In natura ce n'è così tanto che le piante che crescono sul nostro pianeta possono contenere fino al 10% di silicio. Alcune specie vegetali contengono più silicio rispetto a qualsiasi altro elemento.

Quali sono i vantaggi nell'usare integratori al silicio?

Aggiungere acidi silicici in un piano di concimazione può avere effetti molto positivi sulla performance complessiva di una pianta:

1. Il silicio stimola una crescita più esuberante

Il silicio può contribuire a migliorare lo sviluppo delle cellule della Cannabis, accelerando la formazione delle pareti cellulari. Viene utilizzato per costruire una rete su cui andranno ad ancorarsi le cellule del silicio e della cellulosa. Queste "reti" vengono tese anche quando non viene apportata una quantità supplementare di silicio, ma, se questo fosse il caso, la pianta tende ad accelerare questo processo, data la maggiore disponibilità. Si tratta di un vero e proprio cemento su cui si fissano le cellule, il che si traduce in un sensibile miglioramento nelle prestazioni generali.

2. L'assorbimento dei macro e microelementi può migliorare grazie al silicio.

Il silicio, per natura, ha la capacità di aumentare la quantità di azoto disponibile nell'ambiente, evitando che si perda sotto forma di ammoniaca. Si tratta di una proprietà alquanto vantaggiosa. L'azoto è uno degli elementi più importanti per una pianta di Cannabis, soprattutto quando questa è in piena fase di crescita vegetativa. Inoltre, il silicio è in grado di bilanciare l'assimilazione di molte altre sostanze nutritive. Può, ad esempio, aumentare l'assorbimento dello zinco.

3. Il silicio può proteggere le piante dai metalli tossici

Il silicio può aiutare a proteggere le piante dalla tossicità di alcuni metalli come alluminio, manganese e ferro. Se la concentrazione di questi elementi essenziali diventa troppo elevata, ci sono buone probabilità che i metalli inizino a diventare tossici per le piante e, di conseguenza, la qualità e la quantità del prodotto finale saranno inferiori. Il silicio, tuttavia, ha la capacità di entrare in competizione con questi metalli quando si trova in una soluzione nutritiva, aiutando a prevenire un repentino aumento delle loro concentrazioni.

4. Un apporto supplementare di silicio rende le piante più forti e le cellule più robuste

Questa è una delle ragioni principali per cui si apporta silicio in una coltivazione. Quando una pianta dispone di concentrazioni elevate di silicio all'interno delle proprie cellule mostra evidenti miglioramenti a livello generale.

Le piante di Cannabis tendono ad assumere un aspetto molto più sano, con gambo e ramificazioni decisamente più robusti. Se a questo aggiungiamo anche una buona circolazione dell'aria, anch'essa in grado di irrobustire la struttura delle cellule vegetali, allora ci saranno le condizioni ideali per ottenere una Cannabis sana e forte.

Inoltre, le ramificazioni più spesse e larghe permettono di aumentare il flusso di sostanze nutritive. Questo avrà la possibilità di scorrere con maggiore efficienza in una pianta grande e forte, il che si tradurrà in una crescita più accelerata ed esuberante.

5. Il silicio può aumentare la resistenza a parassiti e malattie

Non c'è nulla di peggio nella vita di un coltivatore di Cannabis di dover affrontare un'infestazione di parassiti all'interno della propria piantagione. Bisogna sempre evitare di spruzzare pesticidi e fungicidi sulle piante, soprattutto quando si vuole coltivare in modo biologico. Il silicio può essere una valida alternativa. Agisce in diversi modi:

Le superfici più esterne delle piante tendono ad indurirsi per le alte concentrazioni di silicio nelle pareti cellulari. Ciò significa che insetti e patogeni dovranno sforzarsi molto di più per penetrare attraverso uno strato superficiale più forte e sano.

La Cannabis ha anche la capacità di sfruttare il silicio per creare difese anti-fungine, aiutando a prevenire diversi pericoli presenti nell'ambiente circostante, tra cui l'oidio.

6. Conclusione: Il Silicio aumenta le rese produttive

Piante forti e sane, dotate di ramificazioni più spesse e robuste, in grado di resistere ai costante attacchi dell'ambiente circostante, sono più propense a produrre una grande quantità di cime.

A questo punto risultano piuttosto ovvie le ragioni per cui le rese produttive tenderanno ad essere maggiori. Inoltre, il silicio ha anche la capacità di rendere più scure le foglie. Questa variazione cromatica aumenta il processo di fotosintesi, il motore della crescita di piante sane e forti.

Come si può aggiungere silicio in un normale piano di concimazione?

Se state pensando di procurarvi qualche integratore a base di silicio con cui realizzare qualche esperimento sulla vostra coltivazione indoor, allora sarete felici di sapere che è una strada facile da percorrere. Gli stimolatori per piante a base di silicio sono facilmente acquistabili on-line e si possono integrare a qualsiasi piano di fertilizzazione.

Ultime parole sul silicio

Alla fine dei conti, ognuno di noi è libero di apportare o meno silicio alle proprie piante. Molti coltivatori preferiscono continuare a fare le cose nel modo più semplice possibile, evitando di usare troppi integratori supplementari. Tuttavia, il silicio sembrerebbe offrire vantaggi reali. Anche coloro che coltivano biologicamente usano spesso prodotti a base di silicio, adatti anche per la coltivazione Bio. Il silicio non è una sostanza chimica sviluppata da un gruppo di scienziati avidi di nuove fonti di guadagno. Si tratta di un elemento che si trova in natura, disponibile per tutte le piante del pianeta. Quando si apporta una quantità supplementare di silicio si sta semplicemente aumentando la sua disponibilità nei confronti di una pianta.

Il silicio è uno degli elementi presente in maggiori concentrazioni sulla superficie del nostro pianeta e, di conseguenza, può essere vantaggiosa la sua applicazione, anche per i coltivatori più propensi ad usare tecniche colturali sostenibili. Mantenere piante sane e forti è il principale obiettivo di qualsiasi coltivatore interessato ad ottimizzare le rese produttive e i sapori delle cime. Se il silicio funziona, perché non provarlo?