E così hai nutrito la tua pianta con tutte le sostanze necessarie. Ti sei impegnato a irrigare in modo corretto e le tue luci sono alla distanza ideale dalle piante. Se nonostante tutto questo le tue piante sono tristi e pallide, con segni di scolorimento nel fogliame, potresti trovarti di fronte ad un blocco dei nutrienti. Questa condizione ha effetti visivi simili a una carenza di nutrienti, ed essenzialmente è proprio quello che sta succedendo. I minerali necessari alla pianta non vengono assorbiti poiché la zona radicale sta "bloccando fuori" i nutrienti.

Se sei sicuro che il tuo mix di fertilizzanti non sia il problema, continua a leggere qui.

CHE COS'È E COME AVVIENE UN BLOCCO

Il blocco dei nutrienti accade quando gli elementi nutritivi come il magnesio, lo zinco, il ferro e il potassio sono presenti nella zona delle radici, ma la tua pianta non può assorbirli. Può accadere in tutti i substrati di crescita, ma è più probabile che si verifichi in terra, cocco o lana di roccia.

Il blocco dei nutrienti potrebbe essere dovuto a una saturazione di fertilizzanti chimici ad alto contenuto di sali. A volte, l'eccesso di una sostanza nutritiva può bloccare l’assorbimento delle altre. Questo è un problema comune che molti coltivatori si trovano ad affrontare.

Un altro problema molto diffuso che porta al blocco dei nutrienti è il livello di pH sbagliato nel substrato di coltivazione. Un terreno estremamente acido o alcalino blocca l’assorbimento dei nutrienti. Assicurati quindi che il livello del pH nel terreno sia compreso tra 6,0 e 6,5.

Quando le tue piante sono in uno stato di blocco dei nutrienti devi agire rapidamente. È importante invertire il processo in tempo per liberare le sostanze nutritive. Se non viene risolto, il blocco dei nutrienti si trasformerà in una carenza nutritiva che alla fine può uccidere la tua pianta.

Per evitarlo devi sapere come identificare il blocco e come trattarlo. Se non hai questo problema, ancora meglio. Leggi qui per sapere come prevenirlo in futuro.

DENTIFICARE IL BLOCCO

Cannabis deficiency
Cannabis deficiency

Identificare il blocco dei nutrienti può essere difficile. Le tue piante di cannabis possono sembrare denutrite quando il problema è in realtà qualcosa di diverso. Potrebbe essere un eccesso di illuminazione, una serie di fluttuazioni nel livello del pH o altri fattori di stress che influenzano negativamente la zona radicale della pianta. Le piante di cannabis sono molto fragili e richiedono cure quotidiane per ottenere una resa adeguata. Essere interessato e preoccupato per le tue piante è già metà della battaglia nell’identificazione di un blocco nutritivo.

Questo problema farà apparire le piante deboli. La crescita sembra rallentata e le foglie si ingialliscono. Se il blocco non viene risolto, questo giallo diventerà marrone, le foglie si arricceranno e sembreranno bruciate.

RISOLVERE UN BLOCCO DEI NUTRIENTI

PH Water
PH Water

Una delle prime cose da fare è controllare se stai dosando correttamente le tue sostanze nutritive. Prima di qualsiasi altra cosa, assicurati di utilizzare le giuste quantità e la giusta combinazione di sostanze fertilizzanti.

Questo fenomeno è più comune con i concimi minerali a base di sali, in quanto i sali tendono ad accumularsi modificando il pH del tuo substrato. Questo è il motivo per cui aggiungere altre sostanze nutritive quando hai identificato un blocco nutritivo non ti può aiutare.

Se hai verificato che la tua miscela nutritiva è perfetta, il passo successivo è la verifica che anche il pH sia al livello giusto. Per far questo, dovrai eseguire un risciacquo del substrato di coltivazione.

Fai lo sforzo supplementare di abbassare l'umidità nella tua stanza di coltivazione fino al 49% il giorno in cui fai questo lavoro. Il risciacquo inonda la zona radicale, e questo può danneggiare le radici. Fai questo una volta in un ciclo di buio e una volta in un ciclo di luce.

Utilizza acqua fresca con pH bilanciato per risciacquare il terreno. In una coltivazione idroponica è sufficiente immettere una soluzione nuova nel sistema di irrigazione.

Questo eccesso di acqua che attraversa il tuo substrato aiuta a dissolvere l'accumulo di sali, facilitando il successivo assorbimento dei nutrienti. Una volta che questo processo è completato, si dovrebbe dare immediatamente alla pianta la sua giusta dose di sostanze nutritive e acqua. Prima di tutto, assicurati di lasciare asciugare il substrato, in modo che la zona radicale possa respirare ed evitare quindi il marciume.

È anche possibile tentare con una soluzione di regolazione del pH. Questi prodotti funzionano bene anche in una situazione di blocco dei nutrienti, ma non eliminano gli accumuli di sale. Consigliamo quindi di eseguire comunque un risciacquo completo perché questa operazione funzionerà meglio nel lungo periodo, impedendo la ricomparsa di questo problema in seguito.

PREVENZIONE PER IL FUTURO

Flushing cannabis
Flushing cannabis"

Quando affronti un problema con la tua pianta di cannabis, è sempre importante imparare dall'esperienza. Che tu sia stato in grado di risolverlo o meno, almeno sapere come impedire un blocco in futuro è ciò che distingue i principianti dai coltivatori adulti.

Per mantenere le piante in un ottimo stato di salute ti consigliamo dei risciacqui ripetuti. Almeno una volta quando si entra nella fase di fioritura e ancora una volta circa a metà del ciclo di fioritura.

È importante notare che le piante potate richiederanno meno sostanze nutritive. Questo ha senso, ma non è qualcosa che ogni coltivatore si ricorda. Con meno foglie, la pianta ha meno massa da nutrire. Prendi in considerazione anche questo quando poti e poi fertilizzzi le tue piante di marijuana.

Se stai pensando di cambiare il tuo regime di nutrienti o di illuminazione, fallo gradualmente. Non fare mai dei cambiamenti drastici per evitare stress alle piante. Spesso quando si tenta di risolvere un problema si finisce per crearne un altro.

Le piante di cannabis hanno bisogno di tempo per adattarsi adeguatamente ai nuovi parametri ambientali. In natura è poco probabile che si verifichi un cambiamento climatico improvviso. Quando si passa dalla fase di vegetazione a quella di fioritura, la transizione nel ciclo di illuminazione dovrebbe durare almeno una settimana.

Non cambiare i livelli di nutrienti quando sposti le piante nella stanza di fioritura, poiché questo rallenta la crescita della pianta proprio in un momento cruciale.

USA PRODOTTI DI ALTA QUALITÀ

Quality Fertilizers
Quality Fertilizers

Infine, qualcosa che è sempre utile ricordare è l’importanza di utilizzare sostanze nutritive di qualità e fertilizzanti organici. Come accennato in precedenza, i concimi a base di sali minerali si accumulano nella zona delle radici.

I sali, in modo molto simile a ciò che fanno sugli esseri umani, disidratano la pianta, impedendole di assimilare nutrienti utili. L’utilizzo di fertilizzanti organici non rende impossibile un blocco dei nutrienti ma lo rende meno probabile.

Ora che sei più informato, prova queste raccomandazioni sulla tua coltivazione. Scoprirai che alcuni consigli funzionano meglio, o sono più facili da eseguire rispetto ad altri. Solo tu sarai in grado di valutare cosa funziona meglio per le tue piante.

Ci auguriamo che questo articolo ti possa aiutare a restare tranquillo in una situazione di blocco dei nutrienti, perché non è irreversibile.

Buona fortuna con il tuo raccolto!

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out