DEFINIZIONE DI COLTIVAZIONE BIOLOGICA

Il posto migliore per iniziare la nostra esplorazione della possibilità che le coltivazioni idroponiche possano mai essere considerate biologiche è la definizione di “coltivazione biologica”. Secondo il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), “le normative sul biologico richiedono che il piano di rotazione delle colture mantenga o migliori la materia organica del terreno”. La parola chiave qui è, ovviamente, “terreno”. In idroponica, qualsiasi supporto per la coltivazione è considerato inerte. Come tale, i nutrienti vengono forniti direttamente alle radici attraverso una soluzione ricca di ossigeno che circonda il sistema radicale.

Questo rende la domanda facile da rispondere? La mancanza di terreno nella coltivazione idroponica significa che non aderisce alla rigida normativa sulla coltivazione biologica. Il dibattito sull'idroponica è alimentato dal grado fino al quale possiamo coltivare in modo biologico, ma in realtà la coltivazione biologica non riguarda solo il substrato che usi.

L'idea di coltivare in modo biologico cerca di considerare l'impatto sull'ambiente in generale, di operare in modo sostenibile e di incoraggiare i processi naturali. La catena alimentare nelle coltivazioni in terra può supportare un ecosistema naturale e l'illuminazione artificiale può essere utilizzata per integrare la mancanza di luce solare. Se consideri la coltivazione biologica come una serie di requisiti piuttosto che di regole rigide, all'improvviso l'idroponica potrebbe essere considerata biologica.

In Europa, la legge europea per la produzione biologica ha un approccio più ampio. I requisiti comprendono "sistemi di coltivazione sostenibili", "maggiore attenzione alla biodiversità" e "maggior enfasi sulla protezione ambientale". In tutti questi scenari è possibile modificare il tipico sistema idroponico per diventare più "biologico". L'approccio non è privo di difficoltà, ma in linea di principio è del tutto possibile.

 Sistema di cannabis idroponico

COME POTREBBE L’IDROPONICA ENTRARE NELLA CATEGORIA "BIOLOGICA"?

Se utilizziamo le definizioni delineate dall'UE, l'idroponica rientra nei parametri della coltivazione biologica in molti modi.

  • Sistemi  di coltivazione  sostenibili

Le coltivazioni idroponiche utilizzano circa il 10% dell'acqua necessaria per l'agricoltura su terra. L'acqua è una risorsa preziosa e non infinita. Con l'idroponica si può risparmiare acqua e portare grandi benefici agli ecosistemi locali.

L'illuminazione è leggermente più impegnativa da trasformare in biologica. Ma non è impossibile. Nei climi che rendono convenienti i pannelli solari, il sole può essere utilizzato per ridurre il consumo e i costi dell’energia elettrica.

  • Grande enfasi sulla protezione ambientale

Il modo in cui le coltivazioni idroponiche utilizzano lo spazio è un altro vantaggio sostanziale per l'ambiente. La coltivazione biologica su suolo richiede molti ettari di terra per ottenere un rendimento considerevole. Lo stesso spazio replicato in uno scenario idroponico potrebbe produrre fino a 10 volte in più. Gli habitat naturali sono preservati perché più cannabis può essere coltivata su un'area più piccola. Una coltivazione idroponica può anche essere installata in aree urbane inutilizzate, riducendo ulteriormente l'impatto ambientale.

Sistema idroponico

  • Maggiore attenzione alla biodiversità

Sebbene ne tratteremo solo brevemente i dettagli, l'acquaponica è una variante dell'idroponica che utilizza i pesci per fornire i nutrienti necessari per la coltivazione. In tal modo, i pesci vivono in un habitat che contiene microbi benefici che possono essere utilizzati come fonte di cibo una volta completata la coltivazione.

QUALI SONO LE TUE OPZIONI PER LA COLTIVAZIONE BIOLOGICA?

La coltivazione idroponica biologica richiede diversi aggiustamenti per essere in grado di soddisfare le linee guida di sostenibilità. Acquaponica e bioponica rappresentano due delle opzioni più praticabili. Non possiamo usare soluzioni nutritive di sintesi perché non sono biologiche, quindi dobbiamo essere creativi nei nostri metodi.

  • Acquaponica

Come abbiamo accennato, la coltivazione acquaponica usa la natura ricca di sostanze nutritive degli escrementi di pesce per fornire nutrimento alle piante. Si usano diversi contenitori e uno di essi ospita pesci insieme ad un biofiltro. Il biofiltro suddivide le grandi particelle nutritive in pezzi più gestibili utilizzando ossigeno e catalizzatori biologici. Senza un biofiltro i nutrienti si accumulano nella soluzione liquida e si corre il rischio di incoraggiare microbi patogeni, alghe e tutti i tipi di cose cattive che non vuoi.

L'acquaponica può funzionare anche senza un biofiltro, ma ha bisogno di un altro serbatoio con un substrato in grado di riprodurre la necessaria popolazione di microbi. La responsabilità di degradare le grandi molecole nutritive ricade su di loro, più o meno come nella coltivazione in terra.

Solo la soluzione filtrata viene usata per alimentare le piante prima che l'acqua venga nuovamente fatta ricircolare. È del tutto possibile coltivare piante di cannabis sane con questo metodo, ma è necessario attendere il tempo necessario per la stabilizzazione dei batteri e della popolazione ittica.

Acquaponica

  • Bioponia

Sviluppata da William Texier, la bioponia utilizza un concetto simile a quello dell'acquaponia. La differenza è che questa volta non abbiamo bisogno del pesce per fornire nutrienti perché vengono utilizzati nutrienti completamente solubili. La cannabis, ovviamente, non sarebbe in grado di assorbire questi nutrienti nella loro forma completa, quindi è necessario utilizzare un biofiltro. Il biofiltro ospita la vita microbica che svolge perfettamente questo ruolo.

Mantenuti in un serbatoio separato, ricco di ossigeno, i nutrienti trasformati possono essere rapidamente pompati verso le piante di cannabis. La bioponia ha il vantaggio di non aver bisogno di tanto tempo per fornire grandi volumi di soluzione ricca di sostanze nutritive.

 Coltivazione di cannabis bioponica

QUALI PROBLEMI SI DEVONO AFFRONTARE?

L'idroponica organica suona bene, ma se fosse così facile ogni installazione funzionerebbe allo stesso modo. Ci sono diversi fattori da considerare quando si effettua il passaggio. Il primo è la maggiore manutenzione necessaria.

Quelle sostanze nutrienti organiche che abbiamo menzionato prima? Quelle che sono difficili da assorbire per la tua cannabis nel loro stato complesso? Beh, sono note per causare blocchi e accumuli nelle intricate tubature dei sistemi idroponici. Accanto ai microbi necessari per abbattere i nutrienti, il rischio di sedimenti e sostanze appiccicose che ostruiscono tubi e pompe è elevato.

Un altro aspetto negativo è che la popolazione di microbi necessaria per biodegradare le concentrazioni di nutrienti richiede tempo per stabilirsi. Senza una pronta disponibilità di nutrienti, la velocità e l'efficacia della coltivazione idroponica vengono meno. Il rovescio della medaglia è che una volta che i batteri e i nutrienti iniziano ad accumularsi, possono rapidamente diventare il problema piuttosto che la soluzione. Cercare di bilanciare l'ossigeno necessario per tutte le parti coinvolte nella coltivazione idroponica biologica può determinare l'insorgenza di microbi patogeni.

L'ultimo ostacolo è, ovviamente, quello di avere l'esperienza per creare un efficiente sistema idroponico biologico. Con opinioni diverse su ciò che costituisce “biologico”, lo sviluppo di questi sistemi non sempre viene spiegato come dovrebbe. Se sei un coltivatore domestico, aspettati una quantità considerevole di tentativi ed errori per imparare a bilanciare i nutrienti delle tue piante di cannabis. Le complicazioni aggiunte della coltivazione bioponica e acquaponica rappresentano una grande sfida tecnica per gli inesperti.

Radici idroponiche di cannabis

IL DIBATTITO CONTINUA

Ora che conosciamo la logistica della coltivazione idroponica biologica, torniamo al punto di partenza della nostra domanda. Con le informazioni che abbiamo ora, possiamo dire che è possibile coltivare la cannabis in modo sostenibile utilizzando un sistema idroponico. È la forma più pura di coltivazione biologica? Agli occhi dei coltivatori tradizionali, molti direbbero no.

A parte le definizioni personali di coltivazione biologica, l'idroponica rappresenta un'altra area di coltivazione della cannabis che può essere utilizzata per avere un impatto positivo sull'ambiente. Con diverse possibilità disponibili, lo sviluppo di questo approccio di nicchia dovrebbe essere incoraggiato con tutto il cuore, indipendentemente da quale parte del recinto tu ti trovi.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.