La coltivazione della cannabis può essere un processo incredibilmente gratificante. Osservare come una coltura cresce sana e forte e dedurre dal suo sviluppo la qualità del prodotto finale è sempre motivo di grandi soddisfazioni. Tuttavia, la coltivazione della cannabis presenta alcune sfide da superare. Che stiate coltivando in un Grow Box, in campo aperto o in una serra, ad un certo punto della vostra carriera colturale vi ritroverete quasi sicuramente a dover affrontare i parassiti.

Ci sono molti organismi viventi particolarmente ghiotti di cannabis, da quelli più microscopici a quelli più grandi. Tuttavia, esistono alcuni trucchi che potrete adottare per impedire a queste fastidiose creature di attaccare troppo pesantemente o di annientare le vostre colture.

LOTTA BIOLOGICA O CHIMICA CONTRO I PARASSITI?

Alcuni coltivatori preferiscono usare i prodotti chimici di sintesi, come pesticidi e fungicidi, al fine di evitare qualsiasi attacco parassitario. Sebbene questi agenti chimici più aggressivi possano svolgere un ottimo lavoro, causano gravi danni alla salute umana e ambientale. I residui di questi prodotti possono inoltre finire nelle vostre scorte di marijuana.

Tuttavia, esistono anche molti metodi biologici e naturali altrettanto efficaci. Queste alternative non solo impediscono ai parassiti di danneggiare le piante di cannabis, ma alcune di queste possono persino contribuire a migliorare la salute generale delle piante e del suolo.

Consociazione Di Piante Cannabis

CONSOCIAZIONE DI PIANTE

La consociazione di piante consiste nella coltivazione di diverse specie vegetali benefiche nelle immediate vicinanze delle piante di cannabis. Una consociazione protegge in diversi modi le piante di cannabis dagli insetti che altrimenti attaccherebbero senza alcun ostacolo. La scelta delle specie vegetali da usare è molto ampia e gran parte di queste offrono diversi vantaggi e funzioni.

Molte delle piante usate in una consociazione hanno la funzione di scoraggiare i parassiti grazie ai loro pungenti aromi. Ad esempio, il basilico è conosciuto per respingere gli afidi, la criocera dell'asparago, le zanzare, le larve delle falene Manduca quinquemaculata e la mosca bianca. Allo stesso modo, la pungente natura della melissa è in grado di scoraggiare le zanzare e il moscerino del terriccio.

L'aneto e il coriandolo sono anche usati come piante protettive complementari e, insieme, possono aiutare a prevenire l'invasione di acari, afidi, larve di cavolaia, coreidi e dorifora della patata.

Esistono poi altre specie vegetali da usare in una consociazione di piante per attrarre gli insetti benefici e migliorare la salute generale delle vostre colture. La lavanda sprigiona uno straordinario aroma che attira gli insetti predatori di alcune larve parassitarie. Questa erba aromatica attira anche le api. La camomilla attira api e sirfidi e allo stesso tempo funge da repellente contro zanzare e mosche.

Una consociazione di piante offre enormi vantaggi ad un coltivatore di cannabis biologico. Oltre a tenere lontani i parassiti, molte di queste specie vegetali possono essere raccolte per fare infusioni e alimenti terapeutici. Inoltre, mantengono alta la biodiversità e la salute del suolo. Trovarsi davanti ad una piantagione di cannabis circondata da altre specie vegetali dalle bellissime sfumature è un qualcosa di realmente magico.

INSETTI BENEFICI

Ancora una volta, non tutti gli insetti sono dannosi per le vostre piante di cannabis. Alcune specie lavorano per proteggere la marijuana dai parassiti meno graditi. Prendeteli come pesticidi viventi che respirano e si muovono all'interno delle vostre piantagioni per migliorare la salute delle piante, invece di avvelenare l'ambiente.

Le coccinelle sono uno degli esempi più rappresentativi. Sono facili da trovare e spesso vivono già all'interno delle vostre colture formando piccole colonie. Le coccinelle sono ghiotte di acari, cocciniglie e piccoli bruchi, ma si nutrono anche di afidi, uno dei parassiti più distruttivi della cannabis (piccole creature che succhiano la linfa delle piante). Con una consociazione di piante composta da aneto, coriandolo e finocchio, le coccinelle diverranno sentinelle che sorvoleranno la zona come guardie forestali.

Ci sono anche alcune famiglie di acari che possono essere introdotte per combattere i parassiti. La parola acaro ha spesso una connotazione negativa, ma non tutte le specie sono dannose. Il Phytoseiulus persimilis, ad esempio, è un acaro rosso molto piccolo che può proteggere le vostre piante di cannabis alimentandosi di ragnetti rossi, comprese le loro larve e uova. Questo insetto può rivelarsi un vero salvavita per le vostre colture. Il ragnetto rosso può causare danni molto gravi, penetrando nelle cellule delle piante e divorando il loro contenuto.

L'Amblyseius californicus è un altro acaro che si nutre di ragnetto rosso. Questa specie resiste piuttosto bene alle alte temperature e, quindi, è molto adatto per i coltivatori che vivono nelle regioni più calde del pianeta.

Gli antocoridi appartengono ad un'altra famiglia di insetti che si nutre di parassiti nocivi, come ragnetto rosso e bruchi. Gli antocoridi attaccano le loro prede perforandole con il loro becco a tre segmenti ed iniettando nel loro corpo enzimi digestivi. Assolutamente brutale, ma molto efficace.

VESPE PARASSITOIDI

Le vespe parassitoidi vengono spesso usate come insetti benefici che si alimentano di afidi. Attaccano anche diverse famiglie di coleotteri, mosche, ragni ed insetti. Le vespe endoparassitoidi iniettano le loro uova all'interno della preda, dove si sviluppano mentre la preda continua a svolgere le sue normali funzioni. Le vespe ectoparassitoidi, invece, si sviluppano sulle parti esterne della preda e la paralizzano all'istante.

Vespe Parassitoidi Cannabis

RAGNI

I ragni sono creature molto utili all'interno di una coltura di cannabis. Tessono vere e proprie reti e non sono certo schizzinosi quando si tratta di mangiare insetti. Si nutrono infatti di una grande varietà di diversi parassiti. Le piante da fiore possono contribuire ad attirare i ragni nelle vostre piantagioni.

Ragni Cannabis Piante

SPRAY FOGLIARI

Gli spray fogliari possono essere realizzati con diverse piante benefiche e batteri efficaci per controllare le colonie di parassiti. Potete fabbricarveli da soli o acquistarli in un negozio. Alcuni prodotti biologici già pronti per l'uso contengono un batterio benefico conosciuto come Bacillus thuringiensis, un microrganismo che agisce uccidendo le larve dei moscerini del terriccio.

Anche l'olio di Neem può essere aggiunto negli spray fogliari. Il principio attivo principale dell'olio di Neem è l'azadiractina, che riduce l'appetito degli insetti e agisce come un repellente.

MICRORGANISMI BENEFICI

I microrganismi sono essenziali per la salute di qualsiasi coltura. Queste minuscole forme di vita vivono nel sottosuolo, dove svolgono tutta una serie di processi biologici. Aiutano a scomporre la materia organica trasformandola in sostanze nutritive accessibili per le piante, ma creano anche rapporti simbiotici con le radici per aiutarle ad assimilare meglio i nutrienti.

Non tutti i microrganismi sono benefici e alcuni di essi si nutrono anche di piante. Tuttavia, quando i microrganismi benefici sono ghiotti di parassiti nocivi possono fungere da linea di difesa per le vostre piante, lottando come fedeli alleati sotto la superficie del terreno.

I nematodi predatori sono una risorsa preziosa per i coltivatori di cannabis. Questi piccoli organismi pattugliano il terreno attaccando quasi tutti i parassiti, proteggendo così le piante e lasciando vivi solo i vermi benefici. I nematodi predatori si alimentano di altri nematodi parassiti che si nutrono delle radici delle piante di cannabis.

Esistono diversi tipi di nematodi predatori. I monochidi sono dotati di un solo dente di perforazione di grandi dimensioni, o di più denti di piccole dimensioni o di entrambi. La preda viene tagliata dai denti o ingoiata intera, se le dimensioni lo consentono. I nematodi predatori dorilaimidi sono invece dotati di uno stiletto cavo chiamato odontostilo, che viene usato per perforare le prede. Ci sono poi i nematodi diplogasteridi che hanno una piccola cavità orale munita di denti affilati. Infine, troviamo i nematodi dell'ordine degli afelenchidi, anch'essi dotati di uno stiletto per perforare la preda e iniettare enzimi digestivi.

Micorrize Cannabis

MICORRIZE

Alcuni funghi agiscono efficacemente nella lotta biologica contro i parassiti. Le micorrize formano un rapporto reciprocamente benefico con le radici delle piante. Aiutano a trasferire e a rendere disponibili le sostanze nutritive alle piante, in cambio di essudati zuccherini. Questi funghi formano fitte reti chiamate micelio. Il micelio è costituito da piccoli e lunghi filamenti individuali chiamati ife. Alcuni funghi hanno la capacità di usare le ife per intrappolare i nematodi. Pertanto, le micorrize possono ridurre efficacemente il numero di nematodi parassiti delle piante.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out