I coffeeshop olandesi attirano gli appassionati di cannabis di tutto il mondo fin dagli anni '70. I dispensari, invece, hanno iniziato ad emergere in Canada e negli Stati Uniti solo recentemente. Ma l'età non è l'unico fattore che distingue queste due strutture. In questo articolo vi mostreremo la differenza tra dispensari e coffeeshop, e cosa si può trovare in entrambi.

COFFEESHOP: IL NUCLEO DEL TURISMO OLANDESE

I celebri coffeeshop olandesi sono nati negli anni '70, dopo che il governo dei Paesi Bassi comprese che era impossibile creare una società completamente priva di droghe. Pertanto, il governo decise di adottare un approccio più tollerante verso le sostanze stupefacenti concentrandosi sulla riduzione dei danni, piuttosto che criminalizzare i consumatori di droga e incentivare la nascita di un mercato nero delle droghe leggere come cannabis e hashish.

Seguendo questa nuova politica di tolleranza (o "gedoogbeleid"), il governo olandese legalizzò la vendita di cannabis e hashish tramite coffeeshop autorizzati. Oggi, questi negozi rappresentano il cuore del settore turistico olandese, attirando ogni anno milioni di visitatori ad Amsterdam e nelle altre principali città dell'Olanda.

I coffeeshop possono essere locali piccoli e angusti o strutture appariscenti come il Bulldog nel Red Light District di Amsterdam. I coffeeshop nel centro di Amsterdam tendono ovviamente ad attirare un maggior numero di turisti, mentre quelli situati nelle aree periferiche sono frequentati soprattutto da gente del posto. Alcuni negozi, come Boerejongens, offrono un ambiente lussuoso e vendono prodotti esclusivi (come la linea completa dell'Amsterdam Genetics). Ma in sostanza, il concetto alla base di ogni coffeeshop è sempre lo stesso: chiunque può entrarvi ed acquistare una piccola dose di cannabis.

La qualità della ganja varia a seconda del coffeeshop. Come sempre, alcuni locali puntano sui turisti, offrendo cannabis di qualità inferiore, a prezzi gonfiati. Pertanto, è preferibile chiedere consiglio a qualche residente per capire quali sono i migliori coffeeshop della zona. In generale, i coffeeshop olandesi offrono un vasto assortimento di cannabis di buona qualità, canne pre-rollate, hashish ed edibili. Vale la pena notare che la ganja olandese è molto potente, quindi è meglio non esagerare.

Per legge, i coffeeshop non possono vendere né alcol né sigarette. Inoltre, non possono vendere ad un singolo cliente più di 5g di cannabis al giorno, pubblicizzare la vendita di droghe, o vendere a persone di età inferiore ai 18 anni. Un buon coffeeshop olandese mette anche a disposizione succhi di frutta, snack o dolci, caffè, tè e altre bibite. In alcuni coffeeshop si respira un'aria di festa, mentre in altri regna un'atmosfera più rilassante, perfetta per leggere un libro, ascoltare musica o conversare con gli amici.

Se non siete cittadini europei, tenete presente questo elemento importante: gli europei tendono a fumare cannabis mescolata al tabacco. Pertanto, quasi tutti gli spinelli pre-rollati disponibili nei coffeeshop olandesi contengono del tabacco. Se preferite fumare solo cannabis, rivolgetevi ad un coffeeshop della vostra zona.

Per maggiori informazioni, consultate la lista dei nostri coffeeshop di Amsterdam preferiti:

I Coffeeshop E I Dispensari

DISPENSARI: I NEGOZI DI CANNABIS STATUNITENSI

I dispensari di cannabis rappresentano una novità emersa dopo la legalizzazione della cannabis in stati americani come California, Colorado, Washington, Nevada e altri. Questi negozi sono soggetti a particolari normative e vendono prodotti molto diversi rispetto ai coffeeshop olandesi.

Quasi tutti i dispensari operano come una farmacia: il cliente entra, viene servito dal budtender e porta via i suoi acquisti in un sacchetto. In alcuni dispensari della California, gli avventori sono autorizzati a consumare cannabis all'interno del locale, ma sono solo eccezioni. In gran parte degli stati degli USA in cui la ganja è legale (come Colorado, Nevada e Washington), è proibito consumare cannabis nei luoghi pubblici.

Come nei coffeeshop, anche nei dispensari è possibile trovare diversi tipi di atmosfere, servizi, prezzi e prodotti. Alcuni dispensari sono concepiti appositamente per i consumatori a scopo terapeutico e pertanto offrono servizi diversi rispetto ai dispensari che si rivolgono unicamente a consumatori a scopo ricreativo. Esistono poi strutture che riforniscono entrambe le tipologie di clienti ed utilizzano punti vendita separati per i prodotti a scopo terapeutico e quelli a scopo ricreativo.

A differenza dei coffeeshop olandesi, i dispensari non sempre vendono cannabis a qualsiasi adulto. Alcuni sono autorizzati a vendere cannabis esclusivamente a chi risiede nello Stato, oppure soltanto a pazienti registrati o consumatori a scopo terapeutico. Talvolta è possibile completare la registrazione direttamente sul posto, oppure prima di procedere all'acquisto di prodotti. Tutto dipende dalle leggi in vigore nello Stato.

Un buon dispensario offrirà dei servizi personalizzati per aiutare il cliente a trovare il prodotto contenente cannabis più adatto alle sue esigenze. I dispensari devono essere puliti ed ordinati, il budtender deve accogliere gli avventori con professionalità e gestire i prodotti con altrettanta competenza. L'assortimento di prodotti in un dispensario può variare. Tuttavia, ciascun locale dovrebbe sempre offrire un'ampia selezione di fiori, concentrati, vaporizzatori a penna ed edibili. Qualche struttura vende anche cloni, attrezzature per la coltivazione e semi.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.