Alla Royal Queen Seeds siamo alla costante ricerca delle migliori informazioni e conoscenze sulla cannabis. Nelle nostre interviste abbiamo l'occasione di parlare con figure provenienti da tutti i settori dell'industria cannabica. Oggi, abbiamo il piacere di parlare con Henry Saiz.

Ho iniziato a coltivare quando avevo circa 20 anni e lo faccio con più conoscenza e dedizione negli ultimi 5–6 anni.

Buzz 3: Henry Saiz, Mixare Musica e Cannabis  -
RQS Interviews (PodCast -Spanish.)

1. Qual è il rapporto tra cannabis e musica per te?

Per me è una relazione così stretta che trovo difficile capire l'una senza l'altra.

2. Alcune persone pensano che la musica suoni meglio sotto l'influenza della cannabis. Sei d'accordo?

Assolutamente sì. La cannabis è un grande potenziatore sensoriale. Sia ascoltare la musica, sia scriverla sotto la sua influenza è una cosa meravigliosa per me. A seconda delle caratteristiche di ciascuna varietà di cannabis, si crea un'esperienza di ascolto diversa. Ad esempio, quando compongo preferisco una sativa che mi aiuti ad ascoltare più chiaramente e a concentrarmi su cose che altrimenti possono passare inosservate. Ma quando ascolto musica preferisco un ibrido o una indica per rilassarmi e perdermi nel sound.

3. Quale influenza pensi che la cannabis abbia avuto sulla musica e sull'arte, e come ha influito sulla produzione dei tuoi progetti?

L'influenza della cannabis sulla musica e sull'arte in generale è un fatto innegabile e conosciuto da tutti. Fondamentalmente, la grande maggioranza degli album classici della musica moderna (e anche molto più indietro nel tempo) sono stati ispirati dall'uso di droghe di qualche tipo, e più specificamente dalla cannabis. Direttamente dall'artista o da qualcuno nel processo creativo, come il produttore. E oggi, con la legalizzazione in molti stati del Nord America e la rinascita della cultura della cannabis, la sua influenza sulla musica è infinita. Nel mio caso, come ho detto, è qualcosa di inseparabile. Uso la cannabis per ascoltare e fare musica, e la sua influenza sulla mia percezione è evidente quando ascolti i miei dischi.

4. Cosa pensi degli stereotipi sui musicisti che fumano cannabis? Ti disturbano?

Gli umani creano stereotipi su tutto, e ovviamente ci sono stereotipi sui musicisti che usano la cannabis. Davvero non mi interessano. Uno dei miei obiettivi da artista è servire come esempio di come puoi fare un uso intelligente e funzionale della cannabis come musicista, senza necessariamente cadere nelle voci che di solito sono associate alla marijuana. Adoro il reggae e il dub, ma ci sono molti altri modi per rendere omaggio alla pianta e trasformare i suoi effetti in musica.

5. Hai mai pensato di smettere di usare o coltivare la cannabis ad un certo punto della tua vita? Perché?

Onestamente non ci ho pensato nemmeno 10–15 anni fa quando c'erano tutti i tipi di miti sui presunti effetti negativi della cannabis. È sempre stato così bello (soprattutto da quando la fumo pura, senza tabacco), che in un certo senso sapevo che quello che stavo facendo era giusto e non poteva essere così negativo. La scienza ora concorda con chi di noi usa cannabis quotidianamente. È qualcosa che vorrei fare fino alla fine dei miei giorni: usarla per rendere la vita più interessante, coltivarla, mescolare, sperimentare e imparare dalla biologia e dalla genetica. È affascinante. Non riesco a pensare a motivi per smettere di farlo, nemmeno gli aspetti legali.

6. Ti esibisci in festival e spettacoli in tutto il mondo. Lavori sotto l'influenza della cannabis?

Ogni volta che ne ho la possibilità, come ti ho detto, tutto è più divertente con la cannabis! :)
Fortunatamente, ho un lavoro creativo che mi permette di farlo.

7. Usi ancora cannabis quando viaggi? In quale modo?

Sì, tranne nei paesi in cui il divieto comporta sanzioni molto gravi. Non mi piace che una legge assurda creata nell'interesse di alcune persone tagli la mia libertà, ma non sono stupido e non corro rischi quando viaggio in questi paesi. Invece quando vado in Canada, California, Denver, Seattle ho l'obiettivo di provare quante più nuove varietà possibili e vedere come sta andando l'industria.

8. Cosa ne pensi del consumo di cannabis nei festival?

Dovrebbe essere legale e venduta proprio lì. Farebbero un po’ di soldi e la gente potrebbe godere di musica e cannabis senza avere paura di ripercussioni. Inoltre, l'atmosfera sarebbe molto più amichevole e tranquilla rispetto all'alcol, una droga legale che fa del male a milioni di persone.

9. Quando hai deciso di iniziare a coltivare cannabis? Perché?

Quando senti quell'amore per la pianta e sei curioso, finisci per voler sapere di più, e questo ti porta a volerla coltivare, incrociare… e poi nulla ha un sapore migliore dell'erba che hai coltivato con amore per mesi, guardandola crescere e svilupparsi. Io non uso mai prodotti chimici, quindi capisco quando invece sono stati utilizzati. E so che gli spacciatori di solito non ci mettono tanto amore quanto te. :)

10. Credi nel suonare musica per le tue piante?

Sono interessato, anche se non ci sono studi chiari al riguardo. Se un giorno scopriranno che la musica influisce sulle piante, mi piacerebbe sicuramente fare musica per loro ed esplorare queste tecniche.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.