Moe Szyslak, il barista dei Simpsons, una volta disse: “Una grande soddisfazione lavorativa e la solidarietà familiare sono veleno per un venditore di sostanze intossicanti come me”. Qui, nel XXI secolo il tasso dei matrimoni è in declino ed è diffusa la mancanza di sicurezza nel lavoro, quindi penserai che è l’apice per il mercato dell’alcool. Tuttavia, c’è una nuova concorrenza per l’industria dell’alcool sotto la forma di cannabis,. La cannabis è per molti un’alternativa più attraente dell’alcool. Ora che si sta espandendo la legalizzazione della cannabis, che impatto avrà sull’industria dell’alcool?

PERCHÈ LE PERSONE STANNO PASSANDO ALLA CANNABIS?

La cannabis ha meno effetti negativi comparata all’alcool. Viene persino prescritta per curare alcune malattie in diverse parti del mondo. Solitamente l’impatto che ha può essere rilassante o energico, che fa tornare l’entusiasmo. L’alcool può scatenare tutti i tipi di reazioni emozionali per via dell’abbassamento dell’inibizione. Può anche mettere in pericolo i suoi consumatori. Questo contrasto fu evidenziato anche da un punto di vista sociale nella campagna storica per la legalizzazione della cannabis in Colorado. È doppiamente bizzarro che la proibizione della cannabis sia continuata così a lungo, mentre l’uso dell’alcool è cosi diffuso. Anni fa, Bill Hicks con la sua chiarezza distintiva ha puntualizzato questa cosa.

COMPETERE CON LA CANNABIS

Con molte giurisdizioni che si stanno rendono conto della follia della proibizione della cannabis, molti paesi stanno cominciando a ripristinare la sua legalità. Tuttavia, l’industria è nei primi stadi di accettazione da parte delle persone tradizionaliste. Molte banche e borse non processano la finanza dell’industria della cannabis per via della poca chiarezza sulla sua legalità. Questo fa in modo che molte industrie della cannabis facciano affari in contanti o criptovalute. Anche se la cannabis deve essere ancora normalizzata, c’è già un enorme investimento dietro, con molti in attesa di investire quando le leggi diventeranno più chiare.

Quest’anno, il Canada diventerà la seconda nazione a legalizzare i prodotti della cannabis per uso ricreazionale. La banca canadese CIBC ha predetto che entro due anni l’industria della cannabis avrà il valore di 6,5 miliardi di dollari. Al contrario, nel 2017 i canadesi hanno speso 5,1 miliardi di dollari negli alcolici. Negli anni a venire, la cannabis avrà un enorme vantaggio sull’alcool. Siamo tutti abituati ai prodotti alcolici. Le innovazioni che ci aspettano dagli investimenti nell’industria della cannabis saranno nuove. La cannabis ha molti più utilizzi dell’alcool che si focalizza solamente nell’utilizzo ricreazionale. La cannabis ha un mercato ricreazionale, ma anche altri mercati come il settore medicinale, delle costruzioni, tessile, l’agricoltura ed alimentare.

In aggiunta, il consumo dell’alcool potrebbe essere in declino. Uno studio del 2014 del Washington Post ha riportato che il 30% degli americani bevono l’alcool solamente nelle occasioni speciali. Un altro 30% non beve proprio, per via di svariati fattori come la consapevolezza per la salute, il reddito basso ed i motivi religiosi. L’aumento della cannabis legale, specialmente negli anni a venire, potrebbe essere un altro fattore significativo. La University of Connecticut e State University of Georgia hanno pubblicato uno studio sulla comparazione della vendita di alcool e cannabis nelle regioni in cui era disponibile la cannabis medicinale. Hanno scoperto che, in queste regioni, tra il 2006 e 2015 le vendite di alcool sono crollate del 13%. Questo suggerisce che le persone evitano l’alcool quando la cannabis è disponibile e questo potrebbe essere aggravato dalla legalizzazione della marijuana ricreazionale.

L’ALCOOL E LA CANNABIS LAVORANO INSIEME?

Quindi, cosa può fare l’industria dell’alcool? L’industria dell’alcool prospererà sempre, ma c’è un vero rischio della riduzione della loro quota di mercato. Molte giurisdizioni che permettono alcune forme di vendita di cannabis, le separano in modo rigoroso dalle vendite di alcool. La provincia canadese di Terranova e Labrador potrebbe interrompere questa abitudine permettendo la vendita della cannabis negli stessi negozio dove viene venduto l’alcool. Questo renderà la cannabis molto più accessibile, senza che i clienti debbano andare verso i negozio specializzati per poterla acquistare. Possono letteralmente decidere tra la cannabis e l’alcool in negozio.

L’industria dell’alcool dovrà vendersi in modo da rinforzare l’associazione positiva ai suoi prodotti. Si può dire questo di tutte le attività commerciali. Il problema è che il US Centers for Disease Control and Prevention segnala oltre 90.000 morti all’anno per causa dell’alcool. Quest’industria non è mai stata messa a confronto con il suo ruolo nella cattiva salute come è stato fatto con l’industria del tabacco. Detto questo, oggi le persone sembrano più consapevoli degli effetti negativi dell'alcool sulla salute.

La miglior opzione che l’industria dell’alcool ha in questo momento è il coinvolgimento con la cannabis e lo sanno. La possibilità dell’industria dell’alcool di collaborare con il business della cannabis è stata già realizzata. La Molson Coors sta investendo nei coltivatori canadesi Aurora Cannabis. Constellation Brands, che è proprietaria di Corona, ha un una partecipazione minoritaria in Canopy Growth del valore stimato di 6,6 miliardi di dollari americani o 8,8 miliardi di dollari canadesi. L’industria dell’alcool potrebbe anche utilizzare la sua perspicacia nella compravendita per vendere “l’esperienza” della cannabis. In cambio, l’industria della cannabis sta già sostenendo lo sviluppo di birre artigianali infuse con la cannabis. Nel futuro, è probabile che grandi marche di birre di cannabis diventino normali, se continua la tendenza attuale sugli investimenti.

Vino Di Cannabis

COME REGOLAMENTARE LA CANNABIS

Quindi, anche se sembra che la cannabis possa essere una vera minaccia per l’industria della cannabis, entrambe si stanno già adattando non solamente per coesistere, ma anche per far lavorare insieme le loro industrie. Questo potrebbe essere un motivo di preoccupazione per alcuni attivisti della cannabis. In Canada, le loro riforme sono state già criticate dal prominente attivista ed imprenditore Marc Emery. Tornando al raduno 4/20 del 2018 a Dublino, in Irlanda, Emery disse: “mi hanno tradito con la parola legalizzazione”. Ha sostenuto che le leggi canadesi danno troppo potere ai monopoli e al governo. Quello di cui hanno paura alcuni difensori ed opponenti della cannabis legale è una replica della commercializzazione aggressiva che è accaduta con l’industria dell’alcool.

Detto questo, la scena della birra artigianale sta fiorendo nonostante la dominanza del mercato da parte dei marchi grandi. Molti coltivatori di cannabis rimarranno fedeli alla produzione di cannabis di alta qualità. Emery solleva una questione valida su come il tipo di regolamentazione della cannabis possa influenzare tanto l’industria e il suo impatto sociale. Le giurisdizioni come l’Uruguay e la Catalonia hanno optato per l’accesso alla cannabis attraverso i cannabis club ad iscrizione obbligatoria e senza profitto. Altri posti che sono più capitalistici, tipo gli Stati Uniti, potrebbero vedere l’aumento della “Grande Cannabis”. Dato che molti paesi stanno sperimentando modelli differenti, il risultato sembra lo stesso. L’industria dell’alcool affronterà una concorrenza dura, ma sembra che ci sia già un adattamento.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out