IL BLACK FRIDAY PROSEGUE - SCONTI FINO AL 60% SU VARIETÀ SELEZIONATE ACQUISTA ORA


La coltivazione della cannabis comporta una serie di vantaggi. Il semplice atto di prendersi cura di una pianta determina uno stato di pace interiore e fumare una marijuana autoprodotta offre sempre grandi soddisfazioni. Ma non fraintendeteci, coltivare cannabis significa anche affrontare una serie di sfide, comprese le infestazioni di parassiti. Gli afidi delle radici sono una delle minacce più pericolose per le piante di cannabis e possono intrufolarsi in qualsiasi ambiente di coltivazione. Questi parassiti sottraggono i nutrienti alle radici delle piante di cannabis, un componente anatomico vitale ed indispensabile per l’assorbimento di nutrienti ed acqua. Nonostante le loro piccole dimensioni ed il loro aspetto apparentemente poco minaccioso, queste creature possono causare molti danni e, in definitiva, ridurre i raccolti.

Per affrontare gli afidi delle radici, vi consigliamo di seguire i consigli dell’antico generale cinese Sun Tzu che notoriamente consigliava agli strateghi: “Se conosci il nemico, la tua vittoria è sicura”. Qui di seguito imparerete tutto ciò che c’è da sapere sugli afidi delle radici: come rilevare la loro presenza, come trattare le piante colpite e come prevenire efficacemente gli attacchi.

Cosa sono gli afidi delle radici?

Se avete già coltivato cannabis, o qualsiasi altra pianta, vi sarete probabilmente imbattuti negli afidi. Queste fameliche creature sono particolarmente ghiotte di foglie e rami dei cavoli di Bruxelles, delle verze e di altre verdure. Tuttavia, questi parassiti comuni differiscono leggermente dagli afidi delle radici, che invece vivono nel sottosuolo e si nutrono della linfa delle radici della cannabis e di altre piante coltivate a scopo alimentare.

Gli afidi radicicoli Rhopalosiphum rufiabdominalis possono rivelarsi molto problematici per le piante di cannabis. Questa specie ha un colore verde scuro, la forma del corpo è tondeggiante e l’aspetto è quasi identico agli afidi che colonizzano fuori terra. Tuttavia, il loro colore più scuro e le zampe e le antenne più corte ne facilitano l'identificazione.

Gli afidi delle radici iniziano la loro vita senza ali e molti di loro non arrivano nemmeno a svilupparle. Tuttavia, quando la colonia diventa troppo numerosa e la pianta inizia a morire, i membri sviluppano le ali per migrare su un’altra pianta ospite dove gettare le basi per una nuova colonia.

Questa specie attacca frequentemente le piante di cannabis e negli Stati Uniti molti entomologi ricevono ogni giorno numerose domande[1] su questi parassiti. Ma gli afidi delle radici non si limitano ad attaccare la cannabis. Potreste accorgervi della loro presenza anche sulle piante di zucca e peperone.

Non bisogna confonderli con le “larve di radice”, che sono piccoli vermi biancastri che si cibano delle radici delle piante di cannabis compromettendo la loro salute.

Come rilevare i danni degli afidi delle radici

Adesso sapete che questi afidi vivono sotto terra nella zona delle radici, ma cosa fanno esattamente? In poche parole, se la spassano alla grande! Questi parassiti possiedono un apparato boccale specializzato che consente loro di penetrare nelle radici per succhiare la linfa ricca di zuccheri.

Come già sapete, le piante dipendono dalle loro radici per sopravvivere. Questi filamenti lavorano per assorbire sostanze nutritive ed acqua vitali per la sopravvivenza della pianta. Agiscono anche come interfaccia con la biologia benefica all’interno del suolo. Le radici delle piante di cannabis formano relazioni con diverse specie di batteri e funghi. Questi organismi forniscono nutrienti di facile assimilazione per le piante che, in cambio, danno loro zuccheri. Tuttavia, un’invasione di afidi delle radici interrompe questi importanti processi.

Riescono ad infliggere danni in pochissimo tempo. Le colonie di afidi radicicoli Rhopalosiphum rufiabdominalis possono raddoppiare di numero ogni 1,6 giorni (in condizioni ottimali). Inoltre, gli afidi delle radici non si nascondono solo nel terreno. Possono migrare su numerose piante ospiti e si trovano spesso anche sulle radici delle piante di cannabis coltivate in sistemi idroponici ed aeroponici, sia indoor che outdoor.

Che aspetto ha un’invasione di afidi delle radici? I primi segni rivelatori sono le foglie gialle e la crescita rallentata, sintomi che suggeriscono che le piante non stanno ricevendo dal terreno tutti i nutrienti di cui hanno bisogno. Se notate questi segni e avete verificato che il programma di concimazione e il pH siano corretti, vi consigliamo di dare un’occhiata più da vicino alla zona delle radici.

Scavate delicatamente nel terreno vicino al gambo fino a scoprire la parte iniziale dell’apparato radicale. Se le vostre piante sono state attaccate, noterete una copertura bianca e cerosa sulle radici, un classico segno della presenza di questi organismi. Potreste anche osservare un gran numero di formiche in frenetica attività vicino alla base delle piante, intente a nutrirsi della melata che gli afidi delle radici espellono.

Se notate segni di infestazione da afide delle radici, non temete! Scoprite come trattare le piante per impedire che questi piccoli organismi attacchino di nuovo in futuro.

Root Aphids

Come trattare un’infestazione da afidi delle radici

Gli afidi delle radici possono causare diversi problemi in una coltura outdoor o in una grow room. Fortunatamente, ci sono diversi metodi per trattare con successo le infestazioni. Se vi state chiedendo come uccidere gli afidi delle radici, date un’occhiata ad alcune delle tecniche più efficaci qui di seguito.

  • Pesticidi convenzionali: Ne vale la pena?

Alcuni coltivatori preferiscono usare direttamente un flacone di pesticida per eliminare gli afidi delle radici. D’altronde, questi prodotti sono appositamente progettati per uccidere insetti. I neonicotinoidi come l'imidacloprid attaccano il sistema nervoso centrale degli insetti e fanno indubbiamente un buon lavoro per eliminarli. I regolatori di crescita degli insetti che contengono fenoxicarb bloccano gli insetti nella loro fase giovanile ed impediscono loro di svilupparsi.

Sebbene efficaci, questi metodi non sono naturali. Queste sostanze chimiche possono penetrare nel prodotto finito, danneggiare la vita degli insetti benefici presenti nel vostro giardino e diffondersi nell’ambiente circostante. Alla Royal Queen Seeds preferiamo l’approccio biologico a vantaggio del coltivatore e dell’ambiente. Date un’occhiata qui di seguito ad alcune alternative rispettose della natura.

  • Nematodi

Avete mai sentito parlare dei nematodi? Queste creature simili a vermi aiutano a formare la rete alimentare del suolo. I ricercatori ritengono che ci siano oltre 25.000 diverse specie di nematodi. Mentre alcuni di questi attaccano le radici delle piante, altri cacciano ed uccidono attivamente i parassiti delle zone radicali. Conosciuti come nematodi entomopatogeni, questi alleati microscopici uccidono insetti come gli afidi radicali penetrando nelle viscere delle larve. Potete acquistare questi assassini per afidi delle radici nella maggior parte dei negozi di piante e centri di giardinaggio. 

Root Aphids
  • Funghi

Alcune famiglie di funghi sono ghiotti di insetti. La specie Beauveria bassiana cresce spontanea in diverse parti del mondo ed impedisce a determinate popolazioni di insetti di crescere senza controllo. Prende di mira gli artropodi parassiti come gli afidi e causa la malattia della muscardina bianca. Potete acquistare alcuni preparati da giardino che presentano questo fungo come ingrediente attivo.

Root Aphids
  • Olio di neem

Il fidato olio di neem serve anche come arma contro gli afidi delle radici. Contiene il pesticida naturale azadiractina che svolge un'azione fagorepellente (“antifeedant”), deterrente e regolatrice della crescita degli insetti. 

Root Aphids

Come prevenire i danni causati dall’afide delle radici nelle colture di cannabis

Gli afidi delle radici possono colpire praticamente ovunque, dalle colture idroponiche indoor alle aiuole rialzate in una coltura outdoor. Sebbene i trattamenti possano essere efficaci quando si affronta un’infestazione, ci sono alcuni passaggi che potete adottare per prevenire del tutto questo parassita. 

  • Mantenete puliti i vostri strumenti e l’ambiente

Assicuratevi di sterilizzare le vostre attrezzature da giardinaggio e i contenitori che riutilizzerete e mantenete immacolato l’ambiente di coltivazione. Evitate sempre la contaminazione incrociata proveniente da altre piante, soprattutto se notate qualche esemplare malato nelle vicinanze. 

  • Misure preventive

I funghi entomopatogeni e i nematodi funzionano molto bene per abbattere le larve di afidi delle radici. Se pensate che le vostre piante siano a rischio, perché non aggiungere semplicemente queste forme di vita al vostro terreno? In questo modo introdurrete dei microscopici agenti che pattuglieranno la zona aiutando a respingere l’invasione. 

  • Trappole adesive

Le trappole adesive gialle possono aiutare ad identificare i primi segni di un problema di afide delle radici. Distribuitele nel vostro giardino o nella vostra grow room e controllatele regolarmente. Se notate degli afidi delle radici attaccati alle trappole, procedete con i trattamenti elencati in precedenza il prima possibile per ridurre al minimo gli eventuali danni.

  • Il segreto è giocare d'anticipo

La vigilanza è fondamentale! Controllate di tanto in tanto le radici delle piante per eventuali segni di afidi delle radici. In questo modo potreste eliminare un’infestazione prima che faccia danni visibili.

External Resources:
  1. Rice Root Aphid: An Insect Surprise on Indoor-Grown Cannabis https://entomologytoday.org
Liberatoria:
Questo contenuto è solo per scopi didattici. Le informazioni fornite sono state tratte da fonti esterne.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.