Una panoramica su come coltivare la cannabis indoor.


“Forse, dovrei coltivare la mia erba!”

Se ami la cannabis, probabilmente l’hai detto o pensato in almeno una o due occasioni. Se sei finalmente pronto a sporcarti le mani ed immergerti nel ricco mondo della coltivazione della cannabis, sei nel posto giusto.

Di seguito, troverai una panoramica completa di tutti i concetti di base relativi alla coltivazione di ottime piante di cannabis indoor.

PERCHÉ COLTIVARE LA CANNABIS INDOOR?

La coltivazione di cannabis indoor ha molti vantaggi:

• Possibilità di raccogliere durante tutto l'anno
• Raccolti regolari
• Controllo sull'ambiente di coltivazione
• Controllo della fioritura (per le varietà a fotoperiodo)
• Privacy
• Meno parassiti

DI QUALI STRUMENTI E ATTREZZATURE HAI BISOGNO PER COLTIVARE CANNABIS INDOOR?

Per coltivare l’erba indoor, avrai bisogno di quanto segue:

UNO SPAZIO DI COLTIVAZIONE

Questo può essere una stanza inutilizzata, una tenda fai-da-te, uno sgabuzzino, un mobile rinnovato o persino un vecchio frigorifero!

DESIGNATED GROW SPACE

TERMOMETRO/IGROMETRO

Li utilizzerai per tenere traccia della temperatura e dell'umidità del tuo spazio di coltivazione.

THERMOMETER/HYGROMETER

FORBICI E CESOIE

Tagliare, applicare tecniche di training e manipolare le varietà di cannabis può davvero aiutarle a prosperare e produrre fiori più grandi, più densi e più potenti.

SCISSORS AND SHEARS

MISURATORI DI PH ED EC

Questi strumenti ti aiuteranno a monitorare il pH e la conduttività elettrica del tuo substrato per garantire che le tue piante possano accedere a tutti i nutrienti che stai somministrando.

PH AND PPM METERS

LUXMETRO

Le piante di cannabis adorano la luce e i misuratori di lux ti aiutano a misurare ed ottimizzare la luce nella tua stanza di coltivazione.

LUX METER

TIMER

Per automatizzare il ciclo di luce.

TIMERS

CORDA

Per legare le tue piante durante il training. Ti consigliamo di utilizzare filo da giardinaggio appropriato o qualcosa di simile per evitare di danneggiare le tue piante.

STRING

SECCHI/MISURINO

Per misurare i tuoi nutrienti.

BUCKETS/MEASURING CUP

LENTE DI INGRANDIMENTO

Per ispezionare i tricomi delle tue piante mentre fioriscono e per ispezionare il fogliame per eventuali parassiti o altri problemi.

JEWELLER'S LOUPE

PALETTI DA GIARDINO

Per sostenere rami pesanti durante la fioritura.

GARDEN STAKES

NUTRIENTI

Questi possono presentarsi in diverse forme, ma le tue piante richiedono nutrienti sufficienti per sfornare un raccolto produttivo.

NUTRIENTS

CONTENITORI

Vasi in plastica bianca da 11 litri tendono ad essere la norma per la maggior parte dei coltivatori indoor. Tuttavia, è possibile utilizzare anche vasi in tessuto e altri vasi tecnologici. Puoi inserire circa nove vasi da 11 litri per m².

CONTAINERS

STARTER KIT PER PIANTINE

I nostri Starter Kit sono dotati di semi femminizzati o autofiorenti e di un propagatore, che semplifica la creazione dell'ambiente perfetto per le tue piantine.

SEEDLING STARTER KIT

SCEGLIERE IL POSTO MIGLIORE DOVE COLTIVARE INDOOR

I coltivatori dispongono di un ampio ventaglio di scelte quando si tratta di allestire un'area di coltivazione. Dai un'occhiata qui di seguito ai migliori posti dove avviare la tua coltura e ai vantaggi di ciascuno.

  • SEMINTERRATI

Situati sotto il livello del suolo, i seminterrati o le cantine forniscono un rifugio sicuro dove nascondere una coltivazione di cannabis. Sono solitamente privi di finestre, il che significa che non hanno problemi di infiltrazioni di luce e, quindi, sono ideali per i coltivatori di varietà fotoperiodiche. Inoltre, i seminterrati sono generalmente ampi ed offrono spazio più che sufficiente per ottenere raccolti abbondanti. Scoprirai che un seminterrato riesce a mantenere una temperatura abbastanza uniforme tutto l'anno e i suoi parametri ambientali sono facili da regolare utilizzando le stesse impostazioni automatiche indoor, indipendentemente dalla stagione.

La maggior parte degli scantinati dispone di condotti di ventilazione per espellere l'aria stagnante verso l'esterno. Bisogna però fare molta attenzione a dove finiscono questi condotti. Non è raccomandabile soffiare una nuvola di terpeni verso la finestra dei vicini. Se fosse necessario affrontare questa sfida, un filtro ai carboni attivi di buona qualità eliminerà gli odori sospetti.

  • GARAGE

A meno che non venga usato per parcheggiare una macchina, è molto probabile che il tuo garage serva solo da deposito per oggetti casuali ed attrezzature da giardinaggio. I garage sono generalmente freschi d'estate e relativamente caldi d'inverno, il che rende estremamente facile regolare i loro parametri ambientali. Inoltre, un armadio di coltivazione ha un aspetto molto più innocente in un garage rispetto a vederlo ergersi alto e sospettoso in una camera da letto o un soggiorno.

Di solito, i garage non sono ben isolati come il resto della casa. Assicurati di coprire eventuali spazi vuoti e correnti d'aria che potrebbero diffondere gli odori delle tue piante per strada. Se non usi un grow box o un armadio riadattato, oscura le finestre. La vista di una luce brillante con LED viola e blu desterà sicuramente sospetti se non cercherai di nasconderla.

  • SOFFITTA

Le soffitte sono uno dei posti più sicuri dove coltivare cannabis. Gli ospiti non hanno motivo di entrare e spesso sono accessibili solo tramite una scala a pioli. Le soffitte sono quasi sempre completamente al buio e non ricevono infiltrazioni di luce (che potrebbero riportare le piante alla fase vegetativa).

È probabile che la tua soffitta non abbia prese di corrente e far penzolare una prolunga dal sottotetto potrebbe sembrare fuori luogo. Quindi, considera l'installazione di alcune prese per una maggiore discrezione e facilità. A meno che tu non stia utilizzando delle luci a LED, potrebbe essere una buona idea posizionare qualche ventilatore per mantenere più fresco l'ambiente.

  • GROW BOX

Con i grow box si può letteralmente coltivare cannabis ovunque all'interno di una casa. Con pochi materiali di base, come un tubo in PVC, nastro adesivo, una sega a mano, una buona luce ed un ventilatore, avrai tutto il necessario per costruire un grow box personalizzato. Puoi cambiare le dimensioni di un grow box per adattarle a qualsiasi angolo della casa.

SCEGLIERE IL POSTO MIGLIORE DOVE COLTIVARE INDOOR

  • RIPOSTIGLI O PICCOLI SPAZI

Non preoccuparti se non hai a disposizione una soffitta, un garage o una cantina. Puoi ancora ottenere ottimi raccolti in spazi sorprendentemente piccoli. Sfrutta il principio della micro-coltivazione per coltivare piante compatte adatte a piccoli armadi, scatole e ripostigli riadattati.

  • ALLESTIRE UNA GROW ROOM

Hai spazio, tempo e risorse per costruire una grow room? Se è così, te la consigliamo vivamente! Invece di coltivare in un armadio o una piccola scatola, puoi allestire una stanza chiusa e solida dove far crescere la tua cannabis, fatta semplicemente in legno, PVC e simili. Dovrai ovviamente procurarti un impianto di illuminazione, di ventilazione ecc. prima di poterla usare per far crescere delle piante di cannabis di qualità superiore.

OTTIMIZZARE L'AMBIENTE DI COLTIVAZIONE

Ovunque tu preveda di coltivare, assicurati di tenere presente le seguenti variabili quando prepari il tuo spazio di coltivazione:

Odore: Notizia flash—durante la fioriture, le piante di cannabis puzzano per davvero! Se sei preoccupato che le persone sappiano delle tue piante, assicurati di investire in un sistema di estrazione d'aria con filtro ai carboni attivi.

OTTIMIZZARE L'AMBIENTE DI COLTIVAZIONE

Rumore: I reattori, le ventole e gli estrattori fanno rumore mentre sono in funzione. Se sei preoccupato di mantenere segreta la tua coltivazione, investi in ventilatori ed estrattori di qualità e chiudi la tua stanza di coltivazione.

OTTIMIZZARE L'AMBIENTE DI COLTIVAZIONE

Ventilazione: L’aria stagnante è un vero problema per i coltivatori di cannabis indoor in quanto può aumentare i livelli di temperatura e umidità nella grow room, che a sua volta può attirare parassiti, muffe ed ogni sorta di altri problemi.

OTTIMIZZARE L'AMBIENTE DI COLTIVAZIONE

CO₂: L’integrazione di livelli di CO₂ nella tua stanza di coltivazione durante la fioritura può avere un impatto positivo sulle dimensioni e sulla qualità della resa. Se hai un budget, considera di investire in un generatore di CO₂ per aiutare le tue piante a produrre il miglior prodotto possibile.

OTTIMIZZARE L'AMBIENTE DI COLTIVAZIONE

Illuminazione: Esistono innumerevoli lampade di coltivazione differenti sul mercato e sapere quale marca/modello acquistare può diventare complicato per un principiante. Le lampade HPS sono probabilmente le più comuni sul mercato, anche se le luci a LED stanno diventando sempre più popolari. Dovrai assicurarti che ci sia spazio sufficiente tra la chioma e le tue luci per evitare di bruciare le tue piante. In spazi super piccoli, considera di illuminare la tua coltivazione tramite i lati.

OTTIMIZZARE L'AMBIENTE DI COLTIVAZIONE

SCEGLIERE UN SUBSTRATO DI COLTIVAZIONE

Generalmente, esistono due diversi metodi/substrati che puoi usare per coltivare la cannabis indoor:

Terreno: Coltivare nel terreno è senza dubbio il modo più semplice per crescere l’erba, specialmente per i principianti. Investi in un terreno di qualità già pronto o prova a creare il tuo super suolo di cannabis.

Idroponica: la coltivazione idroponica utilizza l'acqua o configurazioni senza terreno (torba, il cocco e qualche altra miscela di sostanze inerti) come principale mezzo di coltivazione e le piante vengono fertilizzate con sostanze nutritive solubili in acqua direttamente attraverso le radici. Ciò offre al coltivatore un controllo molto maggiore sull'assunzione dei nutrienti da parte delle sue piante, in quanto non c’è il terreno a tamponare l'alimentazione. Per i coltivatori esperti, questo ulteriore livello di controllo può portare a raccolti più grandi e migliori, poiché le loro piante sono in grado di assorbire una maggior quantità di nutrienti in modo più veloce.

COMPRENDERE LE BASI DELLA COLTIVAZIONE DI CANNABIS INDOOR

Ora che abbiamo trattato le basi dell’installazione di una tenda di coltivazione e dell'attrezzatura su cui dovrai investire, è arrivato il tempo di esaminare alcune delle basi della coltivazione della cannabis.

Di seguito, troverai una panoramica generale di cosa aspettarsi quando si coltiva erba indoor. Ciò include il processo di selezione della genetica, la regolazione della temperatura e dell'umidità, la germinazione dei semi, la fase vegetativa, la fase di fioritura, la raccolta ed altro ancora.

SCEGLIERE LA VARIETÀ GIUSTA

Esistono innumerevoli varietà di cannabis sul mercato ed i breeder dedicano molto studio, tempo e risorse per perfezionare e creare costantemente nuove varietà di questa pianta secolare. Quindi, come principiante, come fai a sapere se coltivare la Blueberry o la Super Silver Haze?

Generalmente, ai coltivatori principianti raccomandiamo le varietà a predominanza indica. Fioriscono più velocemente, sono più compatte e producono risultati spettacolari. Anche se adoriamo le sativa, la loro altezza ed il tempo di fioritura possono renderle un po' più difficili da gestire, soprattutto se non hai molti raccolti sotto la cintura o molte risorse per iniziare.

Se non riesci ad accontentarti di una singola varietà, non è assolutamente un problema coltivare più varietà di cannabis nello stesso box o stanza. Basta che tieni a mente che avrai a che fare con piante di altezze e tempi di raccolta differenti, il che può essere una sfida se non hai molta esperienza.

GERMINARE I TUOI SEMI DI CANNABIS

Esistono diversi modi per germinare i semi di cannabis. Tuttavia, la maggior parte dei coltivatori avvolge i loro semi in un tovagliolo di carta umido e li tiene in un armadio buio per 2–3 giorni, fino a quando non avviene l'apertura.

Per ottenere i migliori risultati nella germinazione dei semi, utilizza uno dei nostri Starter Kit. Completi di un propagatore, vasetti per piantine Easy Start e tre semi (femminizzati o auto), questi kit rendono super semplice la germinazione e la crescita di plantule sane. Le plantule amano alti livelli di umidità (65–70%) e temperature di 20–25°C.

Video id: 484382081

MANTENERE TEMPERATURA ED UMIDITÀ OTTIMALI

Come qualsiasi altra pianta, la cannabis prospera in condizioni ambientali specifiche. La temperatura e l'umidità sono probabilmente i più grandi fattori esterni che influenzano la salute e la crescita delle piante.

Durante la fase vegetativa, le temperature diurne (o a luci accese) devono essere mantenute tra i 22–28°C, mentre l'umidità relativa dovrebbe essere compresa tra il 40–70%. Le varietà sativa possono tollerare condizioni leggermente più calde e più umide rispetto alle indica. Le temperature a luci spente durante la fase vegetativa dovrebbero essere comprese tra i 18–23°C.

Durante la fase di fioritura, dovrai mantenere la temperatura della tua stanza tra i 20–26°C. L’umidità non dovrebbe superare il 50% per evitare il marciume delle cime ed altri problemi fungini durante questo periodo critico. Nelle ultime 2 settimane di fioritura (durante il risciacquo delle tue piante), considera di abbassare ulteriormente le temperature a 18–24°C, con livelli di umidità del 30–40%.

LA FASE VEGETATIVA

Le piante di cannabis entrano nella fase vegetativa dopo circa 2 settimane dalla germinazione. La durata di questa fase dipende da te (con le piante a fotoperiodo). Tuttavia, la maggior parte dei coltivatori avvia la fioritura dopo 4 settimane per evitare che le piante diventino troppo grandi.

Durante la fase vegetativa, le tue piante avranno bisogno di molto azoto e potassio per sviluppare un fogliame sano e delle radici forti. Un programma NPK comune per le piante in vegetativa è:

4:2:3 durante la prima settimana di vegetativa
10:5:7 durante la seconda e terza settimana
7:7:7 durante la quarta settimana

La fase vegetativa è anche il periodo in cui potrai utilizzare qualsiasi metodo di training come LSTScrOG o defogliazione per aiutare a controllare la forma delle tue piante e migliorare la penetrazione di luce. Una volta che sei soddisfatto dell'aspetto delle tue piante, sarai pronto a cambiare il loro ciclo di luce e passare alla fase di fioritura.

LA FASE DI FIORITURA

La fase di fioritura è un momento entusiasmante per i coltivatori. Per le prime due settimane di questa fase, le tue piante attraverseranno un periodo di crescita accelerata o “allungamento”. Entro la seconda settimana di fioritura, le tue piante dovrebbero mostrare il loro sesso (tieni d'occhio le sacche di polline maschili per evitare l'impollinazione) ed iniziare a sviluppare i loro fiori. Il tempo di maturazione di una pianta varia in base alla varietà: alcune indica sono pronte per essere raccolte dopo 7–8 settimane, mentre alcune sativa possono richiedere più di 12 settimane per raggiungere la maturità.

Durante la fioritura, dovrai fertilizzare le tue piante con più fosforo per sostenere la crescita e la densità dei loro fiori. Nuovamente, ogni coltivatore ha il proprio modo di fertilizzare le proprie piante, tuttavia un programma NPK comune potrebbe assomigliare a questo:

5:10:7 durante l’inizio della fioritura (prima e seconda settimana)
6:15:10 a metà fioritura (terza e quarta settimana)
4:10:7 a tarda fioritura (quinta e sesta settimana)

Durante questa fase, non puoi trapiantare o fare molto training alle tue piante. Una leggera defogliazione può andar bene, tuttavia arrivato a questo punto qualsiasi stress importante che infliggerai interferirà con la loro capacità di produrre fiori.

Notizia Collegata
La fase di fioritura

RISCIACQUO E RACCOLTA

Il risciacquo è un passaggio estremamente importante nella preparazione per il raccolto. Implica il blocco di tutti i nutrienti e la somministrazione di acqua a pH controllato per le ultime 1–2 settimane prima della raccolta. Ciò costringe la pianta a consumare tutti i nutrienti, producendo un fumo più pulito e dal sapore migliore.

Mentre risciacqui le piante, tieni d'occhio i loro tricomi usando la lente di ingrandimento. Saprai che le tue piante sono pronte per essere raccolte quando circa il 70% dei tricomi diventa opaco, mentre il resto è marrone chiaro ambrato.

Per una fornitura costante di cime ottime è possibile utilizzare il metodo di raccolta perpetua. Questo, implica mantenere due stanze di crescita, una per la vegetativa e l’altra per la fioritura, facendo fiorire le nuove piante subito dopo aver raccolto quelle mature. Anche se può sembrare impegnativo, è il modo perfetto per non rimanere mai senza cime.

RICORDA: MANTIENI SEMPRE LE COSE PULITE!

Congratulazioni! Hai appena raccolto il tuo primo lotto di Kush coltivata indoor. Ora, ricorda di pulire la tua stanza di coltivazione e sarai pronto a piantare il tuo prossimo lotto di semi. Nell’operazione di coltivazione, la pulizia è sacrosanta e garantisce che il tuo prodotto sia sempre della miglior qualità possibile!

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.