🇺🇸 USA, We are coming soon ⏤ 🌱 Be the first to know

By Adam Parsons

Adottare la tecnica Monster Cropping per aumentare le rese e l’efficienza.

Indice:

Se coltivate cannabis, la seguente situazione dovrebbe risultarvi familiare: l'armadio di coltivazione è pieno zeppo di piante con il fine di garantire loro tutta la luce possibile. Alcune piante sono ancora in fase vegetativa, altre in fioritura e potrebbe addirittura esserci una pianta madre gigantesca che occupa molto spazio, energia ed aria. In questi casi, bisognerebbe intervenire e il Monster Cropping può venirci in aiuto.

CHE COS’È IL MONSTER CROPPING?

Il Monster Cropping è una tecnica di training per piante di cannabis che può aiutarvi a coltivare in modo più efficiente. In sostanza, consiste nel prendere dei cloni in fioritura e riportarli alla fase vegetativa per trarre vantaggi da una crescita più folta e cespugliosa.

Con questa tecnica, non è necessario mantenere una pianta madre per assicurarsi dei raccolti continui. Inoltre, quando la si combina con altre tecniche di training, come lo ScrOG, può contribuire ad aumentare ulteriormente le rese finali riducendo i costi energetici. Il Monster Cropping può essere eseguito indoor, outdoor ed in serra.

CHE EFFETTO PRODUCE SULLA CANNABIS IL MONSTER CROPPING?

Il principio alla base di quasi tutte le tecniche di training per piante di cannabis è lo stress. Se fatto correttamente, può dare risultati eccellenti. Lo stress applicato sulle piante in modo controllato può promuovere le caratteristiche di crescita desiderate. Ad esempio, può far crescere le piante in una certa forma o può stimolarle a sviluppare più siti per le infiorescenze. Lo stress applicato su una pianta di cannabis incoraggia le sue difese naturali ad agire. Entrano in “modalità turbo” con la massima produzione di terpeni, dando come risultato un prodotto finale più aromatico.

Le tecniche di training che comportano danni alle piante, come la potatura o il taleaggio (prelevamento di talee), provocano un forte stress e, di conseguenza, le piante avranno bisogno di tempo per riprendersi. Per questo motivo, tecniche come il Monster Cropping sono applicate solo su varietà di cannabis fotoperiodiche.

Il Monster Cropping differisce dalle altre tecniche ad alto stress in un aspetto importante: non influisce direttamente sulla crescita delle piante in via di sviluppo. Si tratta piuttosto di prelevare dei cloni da piante adulte in piena fioritura, che vengono poi riportati in fase vegetativa.

X

VALE DAVVERO LA PENA ADOTTARE IL MONSTER CROPPING?

Tuttavia, non è detto che il Monster Cropping sia la tecnica più adatta per voi. Tutto dipende dal vostro impianto di coltivazione, dalle varietà che coltivate e dalla vostra esperienza. Ad esempio, non funziona con le autofiorenti ed è poco consigliato per le varietà che crescono poco o troppo lentamente. Per aiutarvi a capire se nel vostro caso può davvero valer la pena adottare il Monster Cropping, ecco alcuni pro e contro.

VANTAGGI DEL MONSTER CROPPING

Raccolti continui e nessuna necessità di mantenere delle piante madri

Con il Monster Cropping non è necessario tenere in vita una pianta madre per ottenere raccolti continui. Il vostro obiettivo sarà prelevare cloni da piante in fioritura. Potete semplicemente avviare la fase di fioritura di un’intera coltura come siete soliti fare, prendendo la successiva generazione di cloni da queste piante. Senza la necessità di destinare una stanza alle piante madri, potrete sfruttare meglio gli spazi di coltivazione, la luce e l’aria.

Massimizza le rese

Quando un clone in fioritura ri-vegeta, la sua crescita diventa “mostruosa”! Le vostre piante ri-vegetate diventeranno estremamente cespugliose, con un maggior numero di rami laterali. Più rami con più cime esposte alla luce significano maggiori rese finali! La crescita cespugliosa vi consentirà inoltre di occupare con maggior efficacia il vostro spazio di coltivazione.

È complementare con altre tecniche di training

Per migliorare ulteriormente i risultati, potete combinare il Monster Cropping con altre tecniche di training, come la cimatura, il Fimming, il Lollipopping o l’LST. In questo modo, potrete facilmente riempire un piccolo armadio di coltivazione con un solo “mostro” di dimensioni enormi. Se poi volete puntare ai migliori risultati in assoluto, allora combinatelo con uno ScrOG (di cui riparleremo più avanti).

SVANTAGGI DEL MONSTER CROPPING

Non funziona con le autofiorenti

Le autofiorenti non possono ri-vegetare, il che significa che il Monster Cropping non è viabile con queste varietà. Allo stesso modo, questa tecnica non è consigliata se i cloni vengono prelevati da varietà fotoperiodiche piccole o lente.

Non tutte le talee andranno a buon fine

Rispetto ai cloni presi da piante in crescita vegetativa, i cloni prelevati da piante in fioritura hanno un tasso di successo inferiore. Dal momento che non tutte attecchiranno, è sempre meglio prendere qualche talea in più. Anche i coltivatori più esperti hanno difficoltà a far attecchire tutti i loro cloni in fioritura. Per cui, aspettatevi qualche perdita.

Richiede tempo

Tagliare le talee, aspettare che attecchiscano e poi farle ri-vegetare durante alcune settimane significa che dovrete aspettare un po’ più di tempo prima di poter raccogliere le vostre piante. Per cui, se avete poco tempo, il Monster Cropping potrebbe non essere la tecnica più adatta per voi.

IN CHE MODO IL MONSTER CROPPING MIGLIORA LE RESE?

È difficile dare una cifra esatta dell'incremento produttivo indotto dal Monster Cropping, siccome si basa su diversi fattori e la vostra esperienza è uno di questi. Alcuni coltivatori consigliano di lasciare crescere le talee in fase vegetativa fino a farle diventare dei grandi cespugli, stimolando la loro crescita laterale con ripetute cimature/Super Cropping e, successivamente, posizionandole sotto uno ScrOG. Nonostante possa risultare impegnativo, consente ai coltivatori di manipolare i cloni con il fine di ottenere i migliori raccolti possibili.

Ma non guardiamo solo i numeri! Non dimentichiamoci che il Monster Cropping offre anche un altro vantaggio: vi consente di raccogliere più volte consecutivamente! Un argomento di per sé già abbastanza convincente.

X

QUANTO TEMPO RICHIEDE IL MONSTER CROPPING?

È sempre meglio prelevare i cloni tra la 2ª e la 3ª settimana di fioritura.

Una volta presi i cloni in fioritura, ci vorrà in media una settimana prima che attecchiscano. Successivamente, la ri-vegetazione dei cloni richiederà (almeno) altre 2–3 settimane. Una volta conclusa questa prima parte, aspettatevi almeno altre 3 settimane durante le quali le vostre piante dovranno crescere, senza tenere conto delle ulteriori operazioni di cimatura e training. Per ogni potatura delle piante, aggiungete circa una settimana in più alla vostra coltura.

COME APPLICARE IL MONSTER CROPPING INDOOR

Lasciamo da parte la teoria e passiamo alla pratica. Ecco come si applica il Monster Cropping nelle colture indoor.

STRUMENTI ED ATTREZZATURE

• Forbici, coltellino o bisturi molto affilati
• Salviette imbevute d'alcol (per disinfettare gli strumenti)
• Un bicchiere o un contenitore con acqua (dove immergere le talee)
• Gel radicante (opzionale)
• Cubetti di lana di roccia, perlite (opzionale)

1° PASSO: SELEZIONATE LA VOSTRA MIGLIORE PIANTA DI CANNABIS

Verso la seconda settimana di fioritura, individuate l’esemplare migliore, uno che sia cresciuto bene raggiungendo una buona altezza. Se avete più varietà, potete selezionare diverse talee da ciascuna pianta per vedere quali saranno le migliori. Assicuratevi che le piante da cui prelevate i cloni siano sane e non mostrino alcun segno di malattia o carenze.

Tecnica Monster Cropping: Guida Passo-Passo

2° PASSO: PRELEVATE LE TALEE

Prendete le forbici o i bisturi e date loro una rapida strofinata con l'alcol per disinfettarli. La pulizia aumenterà di molto le vostre possibilità di successo nella clonazione! Avvicinatevi alla pianta in fioritura prescelta e selezionate uno dei rami più bassi. Di solito attecchiscono più velocemente rispetto ai rami superiori. Tagliate in diagonale il ramo per asportare la talea. Il taglio in diagonale aumenta l’area superficiale della talea, consentendole di assorbire meglio acqua e sostanze nutritive e, quindi, la stimola a sviluppare le radici.

Vi ricordiamo di prelevare sempre più talee del necessario. Dovete prevedere che almeno un 25% dei cloni non attecchirà. Prima di ogni taglio, disinfettate gli strumenti.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.