Malgrado il fatto che l'erba legale stia guadagnando terreno in maniera considerevole, ciò non significa che dei lavoratori dipendenti non rimangano regolarmente incastrati da test antidroga. I test salivari sono abbastanza recenti, e molto diversi dai tradizionali test delle urine. Alcuni ritengono che siano più accurati, ma altri sostengono che sono molto più facili da passare. In ogni caso, è un metodo di analisi veloce, facile, ed economico, così che vi potete aspettare di vederne di più sui posti di lavoro. Ecco perché è più importante che mai sapere in che modo funzionano questi test, e ciò che potete fare per minimizzare le probabilità di non passarli.

COME FUNZIONANO I TEST SALIVARI?

Una delle differenze più notevoli fra i test antidroga salivari ed i test standard sulle urine è che ciascuno di questi due metodi esegue l'analisi per rilevare la presenza nell'organismo di sostanze differenti. I test delle urine ricercano lo 11-nor-9-carbossi-delta-9-tetraidrocannabinolo (THC-COOH), un metabolita che viene prodotto quando il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) viene scomposto nell'organismo. A seconda del vostro tipo fisico, il THC-COOH può essere scoperto oltre 30 giorni dopo il consumo.

Un test salivare invece va alla ricerca proprio del THC, o delta-9-tetraidrocannabinolo. Dopo che fumate, il THC riveste l'interno della vostra bocca, prima che ci sia la possibilità che venga metabolizzato dall'organismo. I sostenitori di questo metodo d'analisi ritengono che sia più accurato, ma in tanti son riusciti a passare indenni attraverso il test. L'accuratezza dei test antidroga in generale è un tema oggetto di accesi dibattiti.

Rapporto sul test antidroga

PER QUANTO TEMPO PUÒ VENIR SCOPERTO IL THC NELLA SALIVA?

Per la maggior parte, i test salivari possono accertare la presenza di THC per circa 24 ore dopo l'ultima volta che si è fumato. Ma non è sempre così al 100%. Vi sono certi test che possono trovare il THC nella vostra saliva fino a 72 ore più tardi, ed altri affermano di poter funzionare fino a una settimana dopo il consumo.

Perciò, se siete fumatori assidui, vi converrebbe forse astenervi dal fumare per una settimana circa prima del test, tanto per stare più tranquilli. Se fumate soltanto occasionalmente, 3 giorni dovrebbero essere sufficienti per farvi ottenere un test salivare bello pulito. Se vi capita di venir colti inaspettatamente con un test a sorpresa, da un datore di lavoro o da un agente di polizia, c'è da sperare che le probabilità giochino in vostro favore.

E PER QUANTO RIGUARDA IL CBD?

Grazie al cielo, il cannabidiolo (CBD) non viene neppure fatto oggetto di test, tanto in Europa come negli Stati Uniti, dato che è una componente non psicoattiva. Non esistono attualmente degli standard per misurare le quantità di CBD nell'organismo. Inoltre, i prodotti al CBD a base di canapa disponibili sul mercato per legge non dovrebbero in ogni caso contenere più dello 0,3% di THC. Sarebbe perciò molto improbabile che un test antidroga rilevasse del THC nel vostro sistema, se siete consumatori unicamente di CBD.

Se però state fumando una varietà ricca in CBD, la quantità di THC in queste varietà può differire grandemente. A seconda di quanto fumate (insieme a molte altre considerazioni), è possibile fallire un test delle urine per il THC, ed eventualmente perfino uno salivare. Semplicemente non sono ancora disponibili abbastanza studi, o prove aneddotiche, per saperlo con certezza.

Test di rilevamento dei farmaci THC in urina

ALTRI FATTORI DA TENERE IN CONSIDERAZIONE RIGUARDO AI TEST SULLA CANNABIS

Esistono molti fattori da tenere a mente quando ci si sottomette a un test antidroga. Dovete prendere in considerazione i limiti di demarcazione di uno specifico test, la vostra massa corporea, l'età, il tasso metabolico, il livello di attività fisica, lo stato di salute generale, quanto avete fumato e da quanto tempo, la potenza della varietà consumata, ed il vostro livello di idratazione.

Per esempio, poiché il THC viene immagazzinato nelle cellule lipidiche del corpo umano, una persona che sia sovrappeso e fumi regolarmente avrebbe bisogno di molto più tempo per ripulire il proprio sistema rispetto a qualcuno che sia magro e fumi soltanto occasionalmente. L'attività fisica è un altro fattore di grande impatto. Uno studio ha mostrato che i livelli di THC (nelle urine) erano notevolmente più bassi se il test veniva effettuato immediatamente dopo l'attività fisica.  

Ora, concentriamoci su quei parametri di demarcazione che abbiamo menzionato prima. Negli Stati Uniti, gran parte dei datori di lavoro aderisce alle linee guida ed ai limiti di demarcazione dei test antidroga previsti dalla Substance Abuse and Mental Health Services Administration (dipartimento dell'amministrazione dedicato all'abuso di sostanze ed ai servizi di salute mentale, SAMHSA). Ciò significa che un tipico test delle urine impiega un limite di demarcazione di 50ng/ml di THC-COOH nell'organismo. Purtroppo, non esiste un test di demarcazione per il test salivare, visto che è così recente. Solo il tempo, insieme ad un po' di tentativi ed errori, darà come risultato degli standard per questo metodo di analisi.

COME POTETE RIPULIRVI VELOCEMENTE?

Non esiste un metodo infallibile per ingannare un test antidroga, ma ci sono metodi differenti, che funzionano per persone differenti. Perciò provarne almeno uno, o magari una combinazione di suggerimenti, potrebbe esservi d'aiuto. Se si avvicina per voi il momento di un test annunciato, la prima cosa da fare è smettere di fumare. È anche utile lavarsi i denti accuratamente, tre volte al giorno, per un paio di giorni prima del test, e prestando particolare attenzione alle gengive, le guance, e la lingua. E badate a rimanere idratati: vi farà bene a prescindere dal fatto che abbiate o meno un test antidroga in vista.

Se vi manca il tempo, provate a mangiare un pasto abbondante con cibi molto grassi. Ricordate, le cellule grasse assorbono ed immagazzinano il THC. Quindi, poco prima del test, potete provare a sciacquarvi la bocca con succo di limone, aceto, o una soluzione di perossido di idrogeno (0,3%). Esistono in commercio anche dei prodotti che si possono acquistare e che mascherano il THC nella vostra saliva, ma sono efficaci soltanto per un massimo di 30 minuti. La speranza è che questo sia tutto il tempo che vi occorre, ma è decisamente qualcosa che vale la pena di sottolineare.

Dieta per disintossicare il corpo del THC

CONSIDERAZIONI FINALI

Anche se questi nuovi test salivari sono in certo modo un territorio inesplorato, potete stare sicuri che sono più facili da passare dei tradizionali test delle urine. E siccome questi test sono ancora miseramente inaffidabili, è possibile che passiate un'analisi della saliva solo poche ore dopo aver fumato (sì, è già successo). Se capita che non lo passiate, potreste perfino aver la possibilità di negoziare l'esecuzione di un nuovo test, con la motivazione che questo metodo non è ancora molto ben messo a punto.

Vi siete imbattuti in un test salivare, che sia sul lavoro o ad un posto di blocco della polizia? Come vi è andata? Ci piacerebbe molto sentire qual è stata la vostra esperienza!

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.