Scoprite come indurre la fioritura nelle piante di cannabis coltivate outdoor.


Probabilmente, il modo migliore per coltivare ganja è all'aperto, alla luce del sole. Sfortunatamente, però, può essere complicato coltivare outdoor nelle regioni nordiche o nei climi equatoriali. Ad ogni modo, alcune difficoltà possono essere superate stimolando le piante a fiorire in anticipo. In questo articolo scopriremo come applicare questa procedura per avere maggior controllo su una piantagione di cannabis outdoor.

Quando Fiorisce la Cannabis Coltivata all'Aperto?

Le piante di cannabis fotoperiodiche iniziano a fiorire verso la fine dell'estate (dopo il solstizio d'estate), ovvero quando le giornate si accorciano e le ore di oscurità aumentano. Ovviamente, la latitudine influisce notevolmente sul periodo di fioritura della ganja, poiché esso è correlato alle ore di luce che la pianta riceve durante la giornata.

Tuttavia, le piante di cannabis generalmente avviano la fioritura dopo il solstizio di giugno (il 20 o il 21 giugno, a seconda degli anni) nell'Emisfero Nord, e dopo il solstizio di dicembre (il 20 o 21 dicembre) nell'Emisfero Sud. Tenete presente che l'inizio della fioritura in ambienti outdoor è molto più graduale, poiché le ore di luce diminuiscono di pochi minuti ogni giorno.

Quanto Dura la Fase di Fioritura?

La durata della fioritura di una pianta coltivata outdoor dipende dal patrimonio genetico e dall'ambiente circostante. In generale, le piante di cannabis giungono a maturazione tra settembre e novembre nell'Emisfero Nord, e tra marzo e maggio nell'Emisfero Sud.

Perché Indurre la Fioritura nella Cannabis?

Quando pensiamo ad una coltivazione outdoor, crediamo di non avere alcun controllo sul ciclo di illuminazione a cui le piante sono esposte. Ma non deve essere necessariamente così. Anche se è bello lasciare che la natura segua il suo corso, talvolta un piccolo intervento umano consente di ottenere rendimenti molto più abbondanti.

Vantaggi di una Fioritura Indotta nelle Piante di Cannabis Outdoor

Di seguito, indichiamo i vantaggi offerti da una fioritura indotta nelle piante di cannabis outdoor:

Evita le Gelate

Le zone più a nord o a sud dell'equatore sono caratterizzate da inverni lunghi e rigidi, che iniziano in anticipo rispetto ad altre aree del pianeta. Se state coltivando outdoor nell'Europa settentrionale, o in Argentina ad esempio, potreste indurre le piante a fiorire con un po' di anticipo, in modo da evitare che le gelate invernali o la pioggia distruggano il vostro raccolto.

Contiene le Dimensioni

Se vivete vicino all'equatore, invece, potreste indurre le vostre piante a fiorire in anticipo per limitare le loro dimensioni finali. In queste zone, le piante fotoperiodiche sono esposte alla luce solare per molte ore al giorno durante tutto l'arco dell'anno. Di conseguenza, possono impiegare parecchio tempo per fiorire spontaneamente e, avendo molto spazio a disposizione, tendono a raggiungere dimensioni imponenti.

X

Raccolta Perpetua

Anche se non vivete nella Terra del Fuoco o ad Oslo, potete comunque trarre vantaggio da una fioritura anticipata delle vostre piante coltivate outdoor. Infatti, molti coltivatori scelgono di indurre la fioritura in modo da ottenere molteplici raccolti nel corso dell'anno. I più esperti riescono persino a raccogliere ogni due settimane circa durante la stagione di coltivazione.

Quando è Possibile Indurre la Fioritura nella Cannabis Coltivata Outdoor?

Se vivete in una zona dal clima fresco e temperato (come Regno Unito, Europa settentrionale o la parte più a sud dell'America meridionale), dovrete affrontare degli autunni freddi e umidi, ed inverni anticipati che coincidono con la fase finale di fioritura delle piante. Per evitare che queste condizioni atmosferiche compromettano la qualità e la quantità del vostro raccolto, consigliamo di stimolare una fioritura precoce nelle piante di cannabis coltivate all'aperto verso la metà di giugno o i primi di luglio se abitate nell'Emisfero Settentrionale, e a metà gennaio o inizio febbraio se vivete nell'Emisfero Meridionale.

Nel Regno Unito, ad esempio, le piante di cannabis outdoor iniziano a fiorire a settembre (approssimativamente). Per evitare le piogge battenti e i freddi venti autunnali, consigliamo a chi coltiva all'aperto nel Regno Unito di indurre le piante a fiorire a metà giugno o nei primi giorni di luglio. Inoltre, poiché in questa regione anche il clima primaverile è piuttosto rigido, è preferibile far germogliare gli esemplari indoor.

Se vivete vicino all'equatore o ai tropici potreste coltivare outdoor per tutto l'anno. In queste condizioni climatiche, sarete in grado di indurre la fioritura in qualsiasi momento (meteo locale permettendo, ovviamente).

Come Indurre la Fioritura nelle Piante di Cannabis Outdoor

Il principio alla base della fioritura forzata delle piante outdoor è semplice: ridurre la quantità di luce ricevuta dalle piante. I metodi per eseguire questa operazione, tuttavia, dipendono dal numero di esemplari nella propria piantagione e dalle condizioni atmosferiche della zona.

Se state coltivando poche piante in un balcone o un terrazzo, e non dovete preoccuparvi di temperature estreme o piogge frequenti, potete installare un semplice telone oscurante sorretto da un telaio in legno o PVC. Sistemate le piante sotto il telone durante la notte e lasciatele nella totale oscurità per 12 ore consecutive per indurle a fiorire.

In alternativa, potete trasferire le piante in un garage, una cantina o un capanno durante la notte. Ricordate che gli esemplari devono restare completamente al buio per iniziare a fiorire correttamente.

Se la vostra piantagione è piuttosto estesa, probabilmente non avrete tempo e voglia di spostare tutte le piante. In questo caso, potete provare ad installare un tendone a svolgimento automatizzato. Usate un timer in modo da coprire le piante ogni giorno alla stessa ora, senza bisogno di trasferire manualmente ogni vaso.

Se il clima autunnale nella vostra zona non è particolarmente mite, potete acquistare un piccolo armadio da coltivazione indoor dotato di lampade e ventole. Dopo che le piante hanno completato la fase vegetativa all'aperto, spostatele all'interno dell'armadio per indurre la fioritura senza dovervi preoccupare di freddo, vento o pioggia.

Come Indurre la Fioritura nelle Piante di Cannabis Outdoor

Fioritura Indotta: Fattori da Considerare Prima di Coprire le Piante

Indurre la fioritura è piuttosto semplice, ma per essere certi che l'intera procedura si svolga senza contrattempi, è opportuno tenere in considerazione alcuni importanti fattori.

Circolazione dell'Aria

Quando spostate le piante sotto il telone, dovrete innanzitutto controllare che vi sia un adeguato ricircolo dell'aria. L'aria stagnante può causare un aumento della temperatura e dell'umidità relativa attorno alla pianta, e favorire la proliferazione di batteri, funghi e parassiti. Che stiate utilizzando un telo oscurante o un armadio da coltivazione indoor, assicuratevi che gli esemplari ricevano costantemente aria fresca e pulita.

Programmare gli Orari

In seguito, dovrete stabilire degli orari e rispettarli scrupolosamente. Le varietà fotoperiodiche sono molto sensibili alle variazioni nei cicli di illuminazione. Un piccolo errore, commesso mentre viene indotta la fioritura, può invertire il processo e riattivare la fase vegetativa o stimolare tratti ermafroditi nelle piante. Per risultati ottimali, pianificate con cura la fase di fioritura, ricordandovi di esporre le piante alla luce e successivamente coprirle, ogni giorno alla stessa ora.

A Prova di Luce!

Per finire, controllate che la struttura che ospiterà le vostre piante durante la fioritura sia oscurante al 100%. Il minimo raggio di luce può causare un enorme stress alle piante ed interrompere il loro ciclo di fioritura. Indipendentemente da dove avete sistemato gli esemplari, assicuratevi che siano completamente al buio durante la notte.

Non Volete Indurre la Fioritura? Provate le Varietà Autofiorenti o a Fioritura Rapida

Invece di indurre la fioritura nelle piante coltivate outdoor, vi consigliamo di cercare varietà con tempi di fioritura adatti al clima della vostra zona.

Le nostre varietà a fioritura rapida, ad esempio, sono state allevate appositamente per completare la fioritura nel giro di 40 giorni. I nostri esperti breeder hanno creato queste genetiche per chi desidera raccogliere in tempi brevi o ottenere molteplici raccolti ad ogni stagione.

Anche le varietà autofiorenti rappresentano un'ottima alternativa, soprattutto per chi abita nelle regioni tropicali o equatoriali. A differenza delle varietà regolari o femminizzate, le genetiche autofiorenti contengono geni ruderalis e fioriscono automaticamente in base all'età, indipendentemente dal ciclo di illuminazione a cui vengono esposte. Se desiderate ottenere molteplici raccolti nel corso dell'anno, le nostre autofiorenti sono perfette per voi.

Di seguito elenchiamo alcune delle nostre varietà autofiorenti e a fioritura rapida preferite:

Candy Kush Express

Candy Kush Express nasce dall'incrocio tra Sweet Special e Royal Kush. È un ibrido equilibrato, dagli effetti intensi e con deliziosi aromi dolci di agrumi. Discendente diretta di un ceppo Afghan Kush, Candy Kush Express genera uno sballo profondo e frastornante, che inchioda al divano per ore. Questa varietà fiorisce nel giro di 7–9 settimane, una tempistica che poche altre genetiche fotoperiodiche e femminizzate riescono ad eguagliare.

Candy Kush

Candy Kush Express (Fast Flowering)
Sweet Special x O.G. Kush
475 - 525 gr/m2
60 - 100 cm
7 - 9 Settimane
THC: 18%
Sativa 40% Indica 60%
450 - 500 gr/plant
100 - 170 cm
All'inizio di settembre
Stoned (effetto fisico)

Acquista Candy Kush Express (Fast Flowering)

Honey Cream

Honey Cream è stata ottenuta incrociando ceppi BlueBlack, Maple Leaf Indica e White Rhino. Questa splendida pianta femminizzata cresce molto rapidamente e sprigiona un aroma zuccherino, quasi di caramello. Le cime grandi e corpose producono un effetto rilassante, perfetto per concludere una giornata lavorativa. Grazie al patrimonio genetico a prevalenza indica, Honey Cream può essere raccolta dopo appena 6–7 settimane di fioritura.

Honey Cream

Honey Cream (Fast Flowering)
BlueBlack x Maple Leaf Indica x White Rhino
500 - 550 gr/m2
100 - 160 cm
6 - 7 Settimane
THC: 16%
Sativa 35% Indica 65%
625-675 gr/plant
180 - 250 cm
Inizio Ottobre
High psichedelico

Acquista Honey Cream (Fast Flowering)

Royal Dwarf

Royal Dwarf è una delle nostre varietà autofiorenti più apprezzate. Questa pianta, bassa e tozza, raggiunge i 40–60cm di altezza, ed è perfetta per chi desidera coltivare con la massima discrezione. Ma non lasciatevi ingannare dalle dimensioni compatte: Royal Dwarf produce cime dense e massicce, mediamente potenti, caratterizzate da un aroma dolce e agrumato. Royal Dwarf passa dal seme alla maturazione nel giro di 8–9 settimane e produce fino a 80g/pianta.

Royal Dwarf

Royal Dwarf
Skunk x Ruderalis
150 - 200 gr/m2
40 - 70 cm
6 - 7 Settimane
THC: 13%
Sativa 60% Indica 10% Ruderalis 30%
30 - 80 gr/plant
50 - 90 cm
8-9 settimane dopo semina
Sensazione motivante ed esaltante

Acquista Royal Dwarf

Sweet ZZ Auto

Sweet ZZ Auto sviluppa il 18% di THC e racchiude tutta la potenza di un ceppo fotoperiodico in un formato compatto, discreto e a fioritura rapida. Le sue cime emanano un aroma di agrumi e generano uno sballo che dura a lungo. La varietà è pronta per essere raccolta nel giro di 10–11 settimane e produce fino a 160g/pianta. Con le sue eccellenti caratteristiche, Sweet ZZ Auto mette definitivamente a tacere i pettegolezzi che circondano le varietà autofiorenti.

Sweet ZZ Auto

Sweet ZZ Automatic
Sweet ZZ x Diesel Auto
350 - 400 gr/m2
70-120
6 - 7 Settimane
THC: 18%
Sativa 35% Indica 60% Ruderalis 5%
90 - 175g/plant
100 - 120 cm
8-9 settimane dopo semina
Stoned

Acquista Sweet ZZ Automatic

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.