Coltivare le piante di cannabis richiede una certa maestria, ma aggiungere i fiori di ganja nelle ricette per creare cibi alla marijuana è una vera e propria arte. Esiste un numero infinito di ricette e praticamente ogni piatto, sia dolce che salato, può essere arricchito con cannabinoidi per scopi terapeutici o ricreativi. Realizzare degli alimenti contenenti cannabis non è sempre facile, soprattutto per gli appassionati di ganja che non sono particolarmente abili ai fornelli. Esistono tanti modi per arricchire piatti e ricette. Altri elementi come sapore, consistenza e presentazione possono essere perfezionati per ottenere un alimento alla cannabis gustoso, che offra un'esperienza divertente e memorabile. Un ingrediente segreto utile per cucinare con la ganja è la lecitina. Questa sostanza può migliorare enormemente la struttura e la compattezza di un alimento alla cannabis, favorendo al tempo stesso l'assorbimento dei preziosi cannabinoidi in esso contenuti.

lecitina fosfolipide uova avocado soia

COS'È LA LECITINA?

La lecitina è un fosfolipide, ovvero un tipo di grasso, spesso usato come additivo nella preparazione di ricette. Essa aiuta ad amalgamare e fondere insieme ingredienti che solitamente non si mescolano tra loro. La lecitina è presente nel tuorlo d'uovo. Per questo le uova vengono usate molto spesso per dare volume alle salse e agli impasti di molte ricette. Alcune fonti vegane di lecitina sono avocado, soia e girasole. La lecitina svolge un ruolo fondamentale all'interno dell'organismo. Infatti, contribuisce alla creazione della membrana cellulare - la barriera protettiva che separa l'interno della cellula dall'esterno. Esistono prove concrete che la lecitina sia utile in caso di malattie a carico del fegato e della cistifellea. Alcune persone la utilizzano persino per trattare deficit cognitivi, secchezza della pelle, e vari altri disturbi.

Oltre ad essere impiegata come integratore alimentare per il benessere, la lecitina ricopre un ruolo molto importante in cucina, durante la preparazione degli alimenti. Agisce come additivo e agente emulsionante per stabilizzare i cibi confezionati. La lecitina aiuta a miscelare gli ingredienti che di solito non si amalgamano. Ad esempio, se aggiungete un cucchiaio di olio di cocco in una tazza di caffè, l'olio salirà in superficie, restando separato dal liquido. Queste due sostanze non si mescolano insieme. Aggiungendo invece un emulsionante come la lecitina, i due ingredienti si fondono e restano amalgamati, creando così una bevanda molto più gustosa. È dunque facile comprendere perché la lecitina sia così importante e così ampiamente utilizzata nelle preparazioni alimentari che contengono oli e acqua. In pratica la lecitina aiuta gli ingredienti oleosi ad interagire e miscelarsi con gli elementi a base acquosa.

PERCHÉ AGGIUNGERE LA LECITINA AI VOSTRI EDIBILI

Esistono tantissime ragioni per usare la lecitina mentre si preparano degli alimenti psicoattivi contenenti cannabis. Come citato in precedenza, la lecitina innanzitutto è perfetta per migliorare la consistenza degli alimenti. Quando si aggiunge la lecitina ad un composto prima di cuocerlo, le particelle dei vari ingredienti si legano insieme con più facilità, invece di respingersi ed allontanarsi. Ad esempio, quando preparate i brownies o le torte al cioccolato, la lecitina aiuta a mantenere lo zucchero e il cacao uniti al burro di cannabis. Zucchero e cacao si mescolano bene all'acqua, ma il burro di cannabis no. In questo caso la lecitina può essere d'aiuto. Inoltre, aggiungendo lecitina ai vostri alimenti contenenti cannabis, prolungherete la loro durata di conservazione, evitando la separazione tra le particelle di grassi e quelle di acqua. In questo modo si previene la formazione della muffa, che può distruggere la vostra preziosa opera.

Gli appassionati di cannabis saranno ancora più entusiasti di conoscere un ulteriore e valido motivo per aggiungere la lecitina agli alimenti preparati con la cannabis. Questo agente emulsionante infatti può aumentare la potenza dei cibi alla ganja in vari modi, permettendo ai consumatori di ottenere il massimo rendimento dalla loro erba. Infatti, il vostro organismo potrebbe digerire più facilmente gli ingredienti miscelati grazie alla lecitina. Anche il THC e gli altri cannabinoidi potrebbero essere assimilati più agevolmente. La lecitina è anche un noto tensioattivo, ovvero un composto che diminuisce la tensione superficiale di una sostanza. Ciò significa che favorisce la distribuzione omogenea di THC e cannabinoidi.

lecitina fosfolipide uova avocado soia

COME AGGIUNGERE LA LECITINA ALLE RICETTE

Ora che abbiamo capito cos'è la lecitina e perché aiuta a migliorare la consistenza dei piatti a base di cannabis, possiamo iniziare a cucinare. Aggiungere la lecitina agli alimenti contenenti cannabis è molto semplice. Per migliorare la consistenza dell'impasto, usate 1 cucchiaino circa di lecitina per ogni tazza di farina indicata nella ricetta. Poi, sciogliete la lecitina negli ingredienti liquidi. Cuocete gli ingredienti seguendo le indicazioni della ricetta. Quando il piatto è pronto, potete procedere all'assaggio. Se la consistenza non è ancora ottimale, aggiungete un po' più di lecitina nell'impasto successivo. Se invece notate un retrogusto troppo intenso, riducetene la quantità.

Per quanto riguarda le opzioni vegane e i preparati senza uova, la procedura è leggermente diversa. Mescolate 1 ½ cucchiaio di lecitina granulare in 2 cucchiaini di acqua per ogni tuorlo d'uovo necessario nelle ricetta originale. Poi, aggiungete i grassi, gli aromi e le sostanze leganti necessarie, ed infornate. Dal momento che le uova offrono un buon effetto legante, le preparazioni vegane avranno bisogno di questi ingredienti aggiuntivi.

LE MIGLIORI FONTI DI LECITINA

Le uova probabilmente sono la migliore fonte di lecitina. Sono ideali per la preparazione di cibi contenenti cannabis. Tuttavia, non sono adatte alla cucina vegana. La lecitina di soia viene usata molto spesso negli alimenti confezionati, ma c'è ancora un ampio dibattito relativo ai suoi reali effetti sulla salute. La lecitina di soia viene notoriamente sottoposta a complesse lavorazioni, e spesso i produttori usano dei solventi per estrarla. Pertanto, al suo posto si consiglia di utilizzare la lecitina di girasole. È opportuno anche sottolineare che la lecitina estratta da uova e girasole è superiore a livello qualitativo, ma è anche più difficile da reperire. La lecitina di soia in forma granulare invece è molto commercializzata.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out