VPD è l'acronimo di Vapour Pressure Deficit. È un modo per calcolare l'esatta combinazione di temperatura e umidità relativa per ottenere prestazioni assolutamente eccezionali da una pianta. Se si assicurano le giuste condizioni ambientali e si è in grado di mantenerle, i risultati sono a dir poco stupefacenti.

Se sei in grado di calibrare le giuste temperature e umidità nella tua grow room, questa è una lettura obbligata.

Il VPD è noto da un po' di tempo, ma non viene utilizzato dai circuiti di agro-orticoltura perché le operazioni su larga scala si basano sul clima naturale, al contrario della coltivazione indoor. Solo più recentemente, con l'avvento della coltivazione indoor e con l'aumento del numero di coltivatori di cannabis per hobby, è diventato possibile controllare le condizioni ambientali con sempre maggiore precisione, in modo da fare un uso efficace e pratico del VPD.

Vapour Pressure Deficit

Ciò che una volta era possibile solo per gli scienziati universitari può essere ora ottenuto da chiunque, ovunque!

Tutto ciò di cui hai bisogno è una pistola a termometro a infrarossi economica e un misuratore di umidità relativa (che dovresti già possedere), inizia a puntare la pistola sul tuo tappeto fogliare, leggi la temperatura delle foglie e regola la temperatura o l'umidità relativa (UR%), a seconda di quale sia più comoda.

È molto semplice in termini pratici. Ma la teoria completa può diventare molto confusa e molto rapidamente.

LA TEORIA ALLA BASE DEL VPD

Cercheremo di mantenerla il più semplice possibile. La matematica alla base di questo concetto è piuttosto complessa, ma non abbiamo bisogno di approfondire. Per fortuna ci sono molti grafici che renderanno i tuoi calcoli semplici come incrociare due numeri insieme: temperatura x umidità relativa.

Ma... per essere precisi, VPD è la differenza (o il deficit) tra la quantità di acqua che l’aria può contenere, rispetto a quanto effettivamente sta trattenendo in quel dato momento. Questa differenza è espressa in kilopascal, una unità di misura della pressione. Maggiore è la temperatura ambiente, maggiore concentrazione di molecole d'acqua può essere mantenuta nell'aria. Questo fino a quando l'umidità relativa raggiunge il 100% e si verifica la condensazione. Per questo, al variare della temperatura e dell'umidità relativa, il deficit può essere notevolmente aumentato o diminuito.

Foglia Anatomia Cannabis

HO DAVVERO BISOGNO DI USARE IL VPD?

Niente affatto. Dipende da quanto apprezzi un significativo aumento delle rese produttive finali.

Il principio alla base della crescita delle piante è questo: luce, cibo e acqua. Come forse sai, le piante consumano CO₂ (anidride carbonica) ed espellono O₂ (ossigeno). Prendono acqua e sostanze nutritive principalmente attraverso le radici e le trasportano alle foglie, dove la luce interviene a dare energia ai processi metabolici della pianta in via di sviluppo. Con il VPD, puoi controllare (e, si spera, aumentare) la velocità con cui questi processi metabolici avvengono, anche se tecnicamente in modo indiretto.

Sotto le foglie ci sono piccole strutture chiamate stomi. Si tratta di aperture che mediano l'ingresso di molecole di acqua e di anidride carbonica, oltre a servire da punto di uscita per le molecole di ossigeno e acqua.

Gli stomi sono sensibili all'ambiente. Possono "leggere" la quantità di umidità presente nell'aria e la pressione della colonna d'aria. Se necessario, possono trasportare acqua attraverso le foglie. Buone notizie per gli avidi spruzzatori fogliari.

Foglie Di Stomata Cannabis

Al contrario, se la temperatura è troppo alta, la pianta cercherà di traspirare più acqua possibile come modo di raffreddarsi. Come facciamo noi.

Il problema è che quando la temperatura e l'umidità relativa sono troppo alte o troppo basse, ad esempio se la temperatura della stanza è troppo alta e l'umidità relativa è troppo alta, le foglie non sono in grado di traspirare. Quando questo accade, il tasso di produttività della cannabis diminuisce.

Maggiore è la temperatura ambiente, maggiore è la quantità di molecole d'acqua che la pianta può assorbire. Questa temperatura aumenta la pressione dell'aria circostante. Ed è questa pressione dell'aria che costringe gli stomi ad aprirsi. Faranno del loro meglio, ma non saranno altrettanto efficienti, e saranno ben lontani dal lavorare al massimo delle loro prestazioni.

Potresti pensare di aver sistemato tutto perfettamente nella tua grow room, ma in pratica c'è probabilmente un grande margine di miglioramento. Ha senso usare il VPD per arrivare a condizioni perfette solo se si è in grado di impostare con precisione dei valori precisi di temperatura e umidità. In termini pratici, la maggior parte delle volte si regola semplicemente la temperatura.

MA LA MIA GROW ROOM È SEMPRE A LIVELLI OTTIMALI!

Più esperto diventi, più raffinati saranno i dettagli che curi, e maggiori saranno le ricompense. Le grow room diventano sempre più intelligenti con l'abbassamento dei prezzi della tecnologia. Solo pochi anni fa, un kit completo di sensori sarebbe stato eccessivamente costoso. Oggi puoi ottenere letture continue dalla tua grow room direttamente sul tuo smartphone, senza spendere soldi.

Certo, tutti sanno che durante la fioritura vorrai mantenere le temperature intorno ai 25 °C e sotto il 55-65% di umidità relativa per evitare la muffa. Sotto il 35% di umidità relativa potrebbe essere troppo stressante per la pianta. Se si immette anche la CO₂ è possibile gestire in modo sicuro temperature e livelli di umidità più elevati.

Ma cosa succederebbe se si aumentasse significativamente la resa finale semplicemente sapendo con assoluta certezza l'esatta combinazione di temperatura e UR per aumentare l'efficienza degli stomi? Questo è il potere di VPD.

Infrarot-thermometer Pistole Eine Feuchtigkeitskontrolletermometro A Infrarossi Gun Un Controllo Di Umidità

COME FUNZIONA IN PRATICA?

Inizia prendendo una pistola termometro a infrarossi. Questi dispositivi possono essere trovati abbastanza a buon mercato con tolleranze di precisione basse, ma sono abbastanza buoni per portare a termine il lavoro e ti permettono di vedere in prima persona quanto sia efficace il VPD. Oppure, per curiosità, per vedere quanto sei lontano dalle prestazioni ottimali.

Si inizia puntando il laser della pistola sopra il tappeto fogliare superiore e si prendono le letture della temperatura superficiale delle foglie. Queste possono variare fra le singole piante, quindi prendi alcune misure nelle regioni più produttive. Media questi valori per ottenere una lettura finale della temperatura, quindi prendi nota del tuo livello attuale di UR%.

Basta fare un riferimento incrociato a questi numeri in un grafico come questo, e saprai dove ti trovi con il VPD. Il meglio: non sono necessari calcoli.

Se, prevedibilmente, sei troppo lontano dai livelli ottimali, guarda l'opzione più vicina e più praticabile (temperatura o UR%) e modifica di conseguenza i valori ambientali della tua grow room.

Questo è ciò che devi fare in pratica. Fallo continuamente per mantenere un buon VPD e preparati a rimanere stupito. Se pensavi di conoscere bene le tue varietà, potresti trovarti in una piacevole sorpresa.

Per ottenere davvero un livello del tutto nuovo prendi in considerazione l'acquisto di un'unità di misurazione continua e osserva come la temperatura e l'UR% variano durante un ciclo completo giorno-notte, consentendo di regolare i parametri per avere prestazioni a livelli eccezionali.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out