L'umidità relativa è una variabile fondamentale nella coltivazione della cannabis. Talvolta, i principianti hanno qualche difficoltà a gestire questo parametro e ad ottenere raccolti soddisfacenti. Le piante di cannabis prediligono le temperature calde (e l'aria calda trattiene una maggiore quantità di umidità rispetto a quella fredda), pertanto è importante misurare e controllare regolarmente il tasso di umidità nella grow room, in modo da creare un ambiente ottimale per gli esemplari.

In questo articolo, scopriremo come tenere sotto controllo l'umidità relativa all'interno dello spazio di coltivazione utilizzando un deumidificatore.

Cos'è un Deumidificatore?

Come si può intuire dal nome, un deumidificatore è un apparecchio progettato per ridurre l'umidità una determinata area. Molte persone usano i deumidificatori per tenere sotto controllo i livelli di umidità all'interno delle loro abitazioni e prevenire la formazione di funghi e muffe (agenti patogeni che proliferano in ambienti umidi). Ad ogni modo, i deumidificatori vengono usati anche in ambito commerciale ed industriale, ad esempio per abbassare i tassi di umidità in piscine indoor, palestre, piste di pattinaggio su ghiaccio, magazzini di stoccaggio ed altro.

Come Funziona un Deumidificatore?

In commercio esistono due principali tipologie di deumidificatori:

  • Deumidificatori refrigeranti: Questi dispositivi aspirano l'aria dall'ambiente circostante, convogliandola in una ventola refrigerata. L'acqua presente nell'aria si condensa sulla serpentina e defluisce in un vassoio o serbatoio di raccolta, per essere successivamente smaltita o riciclata.
Come Funziona un Deumidificatore?
  • Deumidificatori essiccanti: Questi deumidificatori aspirano l'aria dall'ambiente attraverso un rotore coperto di materiale essiccante (sostanza capace di assorbire l'acqua, ad esempio il gel di silice). Invece di gocciolare in un vassoio, l'acqua catturata da un deumidificatore ad adsorbimento viene eliminata durante la fase di rigenerazione, che consente l'evaporazione dell'umidità trattenuta dal materiale essiccante tramite un flusso di aria calda. L'aria ora umida condensa su una lastra di metallo, dove l'acqua sgocciola in un serbatoio di raccolta.
Come Funziona un Deumidificatore?

Come Scegliere il Deumidificatore Ideale per Coltivare Cannabis

Che siate coltivatori esperti o abbiate appena avviato la vostra prima piantagione, probabilmente avrete bisogno di un deumidificatore per controllare i livelli di umidità nella grow room. Di seguito, esamineremo i principali fattori da tenere in considerazione al momento di scegliere un deumidificatore per una grow room indoor.

  • Il Vostro Budget

Il budget a vostra disposizione avrà un notevole impatto sulla scelta del deumidificatore da acquistare. Purtroppo, l'assenza di questo apparecchio spesso comporta lo sviluppo di muffe e parassiti, potenzialmente capaci di distruggere un'intera piantagione. Di conseguenza, ricordatevi di valutare in anticipo i costi legati all'acquisto e all'attivazione di un deumidificatore, e stabilite un budget adeguato. Non vale mai la pena lesinare su questo genere di attrezzatura.

  • Umidificatori Portatili vs Fissi

I deumidificatori portatili raccolgono l'acqua all'interno di un apposito serbatoio, che andrà svuotato regolarmente. I deumidificatori fissi, invece, sono dotati di tubi di drenaggio che convogliano l'acqua in uno scarico, o in recipienti più grandi (dai quali potrà essere prelevata e riutilizzata).

Sia i deumidificatori portatili che quelli fissi presentano degli aspetti positivi e negativi. I modelli portatili, ad esempio, hanno il vantaggio di poter essere trasportati ovunque. Potrete quindi trasferirli in vari punti della grow room o collocarli in un nuovo ambiente di coltivazione (qualora doveste trasferirvi).

I deumidificatori fissi, d'altro canto, hanno bisogno di meno interventi manuali, poiché lasciano defluire automaticamente l'acqua estratta dall'aria. Tuttavia, risultano anche più difficili da installare e sono adatti principalmente per le grow room permanenti, di ampie dimensioni.

  • Capienza del Serbatoio

Questo è un altro aspetto importante da considerare prima di scegliere un deumidificatore per la vostra grow room. Ovviamente, i deumidificatori con serbatoi grandi possono essere svuotati con minor frequenza, ma di solito sono anche molto più ingombranti e costosi.

Se state coltivando in una piccola stanza o tenda, potreste scegliere di utilizzare un deumidificatore compatto, che andrà vuotato più spesso, ma occuperà meno spazio. Viceversa, se lo spazio e il budget non rappresentano un problema (oppure se la grow room resta incustodita per lunghi periodi di tempo), potreste optare per un deumidificatore con un serbatoio più grande.

  • Dimensioni della Grow Room

Quasi tutti i deumidificatori attualmente presenti sul mercato sono piuttosto efficienti, e riescono a mantenere il tasso di umidità relativa a livelli ottimali nelle piccole grow room o tende. Ad ogni modo, se siete coltivatori esperti, e possedete un impianto di coltivazione su larga scala, dovrete scegliere un modello di deumidificatore sufficientemente grande, che possa eliminare l'umidità in eccesso nella vostra grow room.

Come Scegliere il Deumidificatore Ideale per Coltivare Cannabis

Come Realizzare un Deumidificatore Fai-Da-Te per Coltivare Cannabis

Se avete un budget molto limitato, potete comunque costruire un deumidificatore con le vostre mani. Anche se non resisterà a lungo, e non potrà mai essere paragonato ai deumidificatori in commercio, un deumidificatore artigianale rappresenta comunque una valida alternativa per chi ha un budget ristretto.

Occorrente

  • 2 secchi da 20l
  • Grosso sacco di sale da cucina
  • Trapano

Istruzioni

  1. Realizzate con il trapano alcuni fori di drenaggio sul fondo e sulle pareti di uno dei secchi.
  2. Sistemate il secchio forato all'interno del secchio integro.
  3. Versate il sale nel secchio superiore.
  4. Sistemate il deumidificatore nella grow room, controllando quotidianamente il serbatoio.

Il concetto alla base di questo deumidificatore fai-da-te è semplicissimo: il sale nel secchio superiore assorbirà l'umidità dall'aria, che successivamente si condenserà in gocce, depositandosi nel secchio di raccolta sottostante. La quantità d'acqua catturata dal deumidificatore e la frequenza con cui sarà necessario sostituire il sale dipenderanno dal livello di umidità nella grow room.

Ricordate che questo apparecchio fai-da-te non può in alcun modo essere paragonato ad un deumidificatore commerciale per uso domestico. Tuttavia, sarà utile per tenere sotto controllo il tasso di umidità nella vostra grow room.

Altre Tipologie di Deumidificatore Fai-da-Te

Il deumidificatore con sale da cucina illustrato in precedenza non è l'unica opzione fai-da-te per gestire l'umidità nell'ambiente di coltivazione. Esistono diversi altri deumidificatori artigianali, tra cui:

  • Deumidificatori a cloruro di calcio: Come il sale da cucina e il gel di silice, anche il cloruro di calcio è un materiale essiccante efficace e facilmente reperibile. Riempite un calzino con cloruro di calcio, ed usate un pezzo di spago per appenderlo in un punto della grow room. Potrete usare una ciotola o un secchio per raccogliere l'umidità che gocciolerà dal calzino.
Altre Tipologie di Deumidificatore Fai-da-Te
  • Gel di silice: Sistemate un deumidificatore a gel di silice all'interno di un recipiente di plastica (realizzate alcuni fori nel contenitore, in modo che l'aria possa passarvi attraverso). Collocate il recipiente nella grow room, e il gel di silice assorbirà automaticamente l'umidità nell'aria.
Altre Tipologie di Deumidificatore Fai-da-Te
  • Surrogato di latte per caffè: Versate un po' di surrogato di latte per caffè in una ciotola, e sistematela all'interno della tenda o grow room. Questo ingrediente assorbirà l'umidità ma, con il passare del tempo, tenderà a solidificare. Dovrete quindi sostituirlo regolarmente.
Altre Tipologie di Deumidificatore Fai-da-Te
  • Cristalli assorbi-umidità: Questi speciali cristalli, disponibili online e nei negozi di casalinghi, riescono ad assorbire l'umidità presente nell'aria, formando una massa solida. Seguendo la stessa procedura usata con il sale da cucina, versate i cristalli in un secchio forato, dopodiché sistemate il secchio all'interno di un altro recipiente, che farà da serbatoio di raccolta. Quando si induriscono, i cristalli devono essere sostituiti.
Altre Tipologie di Deumidificatore Fai-da-Te

Tenere sotto controllo l'umidità è fondamentale per preservare la salute delle piante di cannabis, ed ottenere cime perfette. Acquistate un deumidificatore di buona qualità fin da subito, per avere il completo controllo sui livelli di umidità nella vostra tenda/grow room. Se avete poco denaro a disposizione, provate a realizzare uno dei deumidificatori fai-da-te descritti in precedenza.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.