🇺🇸 USA, We are coming soon ⏤ 🌱 Be the first to know

By Marguerite Arnold


Uno degli elementi che rendono la cannabis così interessante è il gran numero di varietà esistenti. Ma come mai ci sono così tanti ceppi diversi, con differenti caratteristiche e patrimoni genetici? Il merito è della cannabis autoctona. La ganja autoctona cresce allo stato selvatico e non è contaminata da altre varietà.

Gli ibridi moderni potranno fornire uno sballo “migliore” o racchiudere sapori ed effetti ottimali, ma possiedono un DNA più “diluito”. Questo è uno dei motivi per cui è importante preservare i ceppi di cannabis autoctoni e continuare a cercarne di nuovi. Poi, ovviamente, è fondamentale proteggere la diversità in generale. Come dimenticare il destino della banana, piantagione esotica trasformata sostanzialmente in una monocoltura quasi ovunque?

Le varietà autoctone stanno quindi diventando molto preziose nel settore della cannabis. Di fatto, man mano che le coltivazioni di marijuana si diffondono sul pianeta, le genetiche originali acquisiscono maggiore importanza.

Di seguito, scopriremo tutte le informazioni utili riguardo la marijuana autoctona, i motivi della sua importanza per il settore e le differenze rispetto ad altre cultivar. Inoltre, esamineremo alcune varietà autoctone provenienti da diverse parti del mondo.

Cos'è la cannabis autoctona?

Cercando “cannabis autoctona” su Google, emergono tantissime definizioni confuse e contraddittorie. Secondo alcuni, la ganja autoctona è quella originaria o nativa di una specifica regione, ma ciò non è del tutto esatto. Si ritiene che la pianta di cannabis sia stata addomesticata per la prima volta[1] nell'era neolitica in Asia (i ricercatori non hanno ancora stabilito se la zona specifica possa essere est, sud o nord), per poi diffondersi in altre zone del pianeta.

Pertanto, i ceppi autoctoni sono esemplari di cannabis addomesticati, adattatisi nel corso di molti anni alle diverse aree geografiche, da quelle fredde e buie alle più calde e soleggiate. Ciò che rende uniche queste varietà è il fatto che esse non siano state stabilizzate né incrociate con ceppi lontani, risultando estremamente preziose per le operazioni di ibridazione della cannabis.

Selezionando piante autoctone ed incrociandole con altri ceppi in condizioni controllate, i breeder possono introdurre una maggiore diversità nei patrimoni genetici ed aggiungere nuovi tratti espressi da varietà tradizionali provenienti da ogni parte del mondo.

Cos'è la cannabis autoctona?
  • Autoctona vs Cultivar

È essenziale comprendere che i ceppi autoctoni, sebbene addomesticati, sono diversi dalle cultivar, varietà coltivate e selezionate affinché esibiscano specifiche caratteristiche. In questa categoria rientra anche la cosiddetta “cannabis cimelio”. Pur non essendo state incrociate con ceppi diversi, le varietà cimelio sono state coltivate lontano dalla loro area geografica originaria, pertanto sono diverse da quelle autoctone.

Detto questo, molte genetiche cimelio provengono da ceppi autoctoni e consentono a breeder e coltivatori di isolare e tramandare le migliori virtù di una determinata pianta, stabilizzandole attraverso operazioni di inincrocio. Ad esempio, la Angola Red è una varietà cimelio sviluppata partendo da un ceppo autoctono africano.

La cannabis autoctona si distingue dalle cultivar presenti in commercio per dimensioni delle foglie, colore e produzione di composti fitochimici. Talvolta, i suoi tratti sono meno stabili e consistenti rispetto a quelli dei ceppi ibridi, ma variabilità ed instabilità sono fondamentali per la salvaguardia della specie. Infatti, molte delle varietà classiche che oggi conosciamo ed apprezziamo contengono genetiche autoctone. Questo è uno dei motivi per cui sono diventate così famose nel corso degli anni.

Inoltre, le “sottospecie” di Cannabis ruderalis autoctone sono essenziali per infondere proprietà autofiorenti nelle genetiche moderne. Questi ceppi incontaminati, originari dell'Asia centrale, si sono adattati alle estati brevi e rigide della regione, riuscendo a fiorire in base all'età indipendentemente dalla quantità di luce ricevuta. In altre parole, se non ci fossero i ceppi autoctoni, non avremmo le varietà autofiorenti!

Quante varietà autoctone esistono in natura?

Dalla Cina, sua terra di origine, la cannabis si è diffusa progressivamente in varie parti del mondo. Negli anni ’60 e ’70, l'aumento dei viaggi in aree remote del pianeta consentì ad Europa e Nord America di avere accesso ad alcuni ceppi autoctoni. Di conseguenza, oggi i fan della cannabis conoscono moltissime varietà autoctone. Tuttavia, alcune di esse sono a rischio, e per questo è fondamentale preservarle.

Nessuno sa con certezza se i breeder abbiano scoperto tutte le genetiche autoctone presenti in natura. Per questo esistono i cosiddetti “cacciatori di varietà”.

Quali sono le varietà autoctone originali?

Anche le varietà di cannabis possiedono un albero genealogico. I nuovi ceppi nascono dall'unione tra una pianta di cannabis maschio ed una femmina, pertanto è possibile risalire alle loro origini, proprio come avviene con il patrimonio genetico umano. Le varietà autoctone sono le antenate nell'albero genealogico della marijuana. Varietà autoctone come Afghan, Hindu Kush, Durban Poison e Red Congolese costituiscono anche la base genetica di tanti ibridi famosi. Per questo vengono spesso impiegate nei moderni progetti di ibridazione.

A parte ciò, è importante ricordare che la cannabis è una pianta in continua evoluzione. Un ceppo autoctono, trasferito in un ambiente diverso, inizierà ad adattarsi, sviluppando nel contempo nuove caratteristiche. Questo significa che le genetiche “autoctone”, coltivate in ambienti diversi da quelli originali, diventeranno varietà nuove o, più precisamente, varietà cimelio.

Di seguito, elenchiamo alcune delle varietà autoctone più famose provenienti da varie aree geografiche e le relative caratteristiche.

Cos'è la cannabis autoctona?
  • Medio Oriente

I nomi di queste varietà sono ormai celebri in tutto il mondo, anche se “solo” per aver contribuito alla nascita di numerosi ibridi contemporanei.

Afghan/Afghani
Questa varietà a netta dominanza indica è originaria della remota catena montuosa Hindu Kush, che attraversa Afghanistan, India e Pakistan. La marijuana afghana è rinomata per l'abbondante produzione di resina ed i terpeni dagli effetti frastornanti.
Hindu Kush
Qualsiasi fumatore di ganja avrà sicuramente sentito parlare di questa genetica. La Hindu Kush, diffusa nella stessa area geografica dell'Afghan, produce grandi quantità di tricomi per proteggersi dal freddo. Questo ceppo viene utilizzato anche per la produzione di hashish in India, Pakistan ed Afghanistan.
Mazar I Sharif & Lashkar
Anche queste genetiche provengono dalle suddette regioni e sono caratterizzate dall'abbondanza di tricomi, ideali per la produzione di hashish.
  • Asia

Le varietà autoctone dell'Asia non vanno sottovalutate. I ceppi elencati di seguito sono gli antenati di alcuni degli ibridi moderni più popolari.

Acah/Atjeh
Questa varietà autoctona sativa è originaria della regione Aceh dell'Indonesia. È famosa per i sapori fruttati, accentuati da sfumature di terra.
Thai
Questa sativa è famosa fin dagli anni ’70, epoca in cui venne esportata e si diffuse in tutto il Nord America. Tuttavia, essendo una varietà molto sensibile, non può essere coltivata outdoor in questo ambiente (tranne nelle regioni più umide ed afose). La Thai è il ceppo parentale di ibridi famosi, come Blueberry e Haze.
Chocolate Thai
Questo ceppo dal nome invitante e dai sapori deliziosi discende dalla Thai. Sprigiona aromi eccezionali di caffè e cioccolato, che incantano i consumatori di ogni coffeeshop olandese.
  • America Centrale & Meridionale

In America Centrale e Meridionale sono presenti varietà autoctone leggendarie.

Acapulco Gold
Questa sativa pura proviene dal Messico. La varietà, caratterizzata da pistilli color ambra e foglie dorate/violacee, è sempre più difficile da reperire nella sua forma originale, poiché è stata incrociata con molti altri ceppi.
Colombian Gold
La Colombian Gold è una delle genetiche più apprezzate in assoluto dai fan della cannabis. È originaria della Sierra Nevada de Santa Marta, dislocata nella nazione dell'America Centrale da cui prende il nome. Questa varietà genera uno sballo euforizzante che risolleva il tono dell'umore ed offre sapori dolci e pungenti.
Panama Red
Questa varietà autoctona proviene dal Sud America. Qui è stata riscoperta negli ’60 ed in seguito esportata negli USA per essere consumata.
  • Africa

Durban Poison
Questa genetica, originaria del Sud Africa, è una delle poche piante di cannabis ancora reperibili in forma incontaminata. Di fatto, offre aromi dolci e speziati ed effetti confortanti. Che senso ha manipolare una genetica praticamente perfetta? La sua resina viene utilizzata come base per la produzione di concentrati.
Kilimanjaro
Originaria delle montagne della Tanzania, Kilimanjaro è una varietà che racchiude un profondo significato spirituale per le popolazioni locali. Si distingue dalle altre genetiche per le sue note fruttate di agrumi.
Swazi Gold
Questo ceppo è famoso per gli aromi dolci e la capacità di sopravvivere in condizioni avverse.
  • Giamaica

Lambsbread
Varietà emblematica, nota soprattutto per essere stata una delle preferite di Bob Marley. Lambsbread è un ceppo sativa dalla consistenza appiccicosa e dai sapori erbacei e di agrumi.

È possibile acquistare varietà di cannabis autoctone pure?

Le varietà autoctone scoperte dagli occidentali negli anni ’60 e ’70 non vengono coltivate su larga scala ovunque, anche nei luoghi in cui la cannabis è ormai legale. Ad ogni modo, alcune di esse sono diventate talmente popolari da restare stabilmente sul mercato. Oggi, possono essere definite “varietà cimelio”.

Detto questo, si tratta di genetiche relativamente rare, poiché i coltivatori di cannabis tendono a selezionare con estrema accuratezza i tratti più desiderabili. Gli ibridi saporiti e potentissimi, attualmente sul mercato, hanno sicuramente plasmato le preferenze e le papille gustative dei consumatori. Per finire, c'è semplicemente uno scarso interesse nel coltivare varietà autoctone per via delle loro caratteristiche volubili ed instabili o dei lunghi tempi di fioritura.

I ceppi autoctoni sono migliori?

L'unica vera differenza tra ceppi autoctoni e varietà di cannabis è che i primi vengono impollinati in modo naturale, mentre le altre sono manipolate e ibridate dall'uomo.

Il modo migliore per individuare la vostra varietà preferita è assaggiarne diverse. Se siete tanto fortunati da riuscire a procurarvi semi di una varietà autoctona, piantateli nel terreno ed osservateli crescere! Ricordate solo di dedicare tempo e spazio a sufficienza alle vostre piante di cannabis e sarete protagonisti di un'esperienza di coltivazione unica.

External Resources:
  1. Large-scale whole-genome resequencing unravels the domestication history of Cannabis sativa https://www.science.org
Liberatoria:
Questo contenuto è solo per scopi didattici. Le informazioni fornite sono state tratte da fonti esterne.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.