PRODURRE SEMI FEMMINILI

La coltivazione della cannabis vuole fiori resinosi, tanti tricomi e ricchi profili di cannabinoidi. Queste splendide caratteristiche si possono trovare solo sui fiori femminili. Avere giardini pieni di femmine sinsemilla robuste e non impollinate significa barattoli pieni di boccioli croccanti e gustosi per il corpo e per la mente.

L'unico inconveniente, a meno che non si coltivi da cloni, è che la cannabis è programmata per produrre circa il 50% di maschi e il 50% di femmine. È solo la natura della bestia.

Non sarebbe meglio se fosse possibile far crescere dai semi solo le femmine, ogni volta?

Bene, è qui che entra in gioco la tecnica femminizzatrice: due metodi di manipolazione della pianta di cannabis per produrre dai semi solo femmine, ogni volta. Ad essere sinceri, non è ogni volta. Ma il 99% delle volte è un numero abbastanza buono, e potrebbe essere considerato del tutto privo di rischio.

La pratica generale che sta dietro la femminizzazione è che le piante femminili sono costrette a produrre polline, il quale a sua volta è usato per impollinare altre piante femminili. Il risultato? I semi risultanti saranno femminizzati, senza il rischio di un'ulteriore impollinazione.

PERCHÉ FEMMINIZZARE?

I semi femminizzati sono super efficienti per coltivatori indoor e all’aperto. Non si deve dare spazio, tempo e risorse a piante che verranno gettate via due settimane dopo il cambio delle luci a 12-12. Allo stesso modo, all'aperto dove una grande pianta può consumare un sacco di tempo e risorse per la manutenzione prima dello spettacolo autunnale dei fiori, le piante femminizzate sono anche un buon modo per ridurre l'impollinazione nelle coltivazioni guerrilla. Non c'è niente di peggio che andare a cercare una coltivazione ben nascosta solo per trovare un maschio o due che hanno impollinato ogni pianta femmina.

INIBIRE QUELL’ETILENE

"Le applicazioni che riducono il livello di etilene nei tessuti o antagonizzano l'azione dell'etilene provocano la formazione di fiori maschili invece di quelli femminili" - Parafrasando Byers et al., 1972.

Esistono numerose soluzioni che possono essere spruzzate sulle piante femminili per creare sacche di polline maschile: benzotiadiazolo, acido gibberellico, argento tiosolfato, nitrato d'argento e argento colloidale.

L'argento colloidale è di gran lunga il più facile da trovare o da produrre. Non è tossico, non è caustico e può essere acquistato facilmente online o in una farmacia. Le altre soluzioni possono essere pericolose, difficili da reperire e costose, ad eccezione dell'acido gibberellico, che può essere trovato nei vivai, ma non è efficace come l'argento colloidale. Se però vuoi vedere qualche strana crescita delle piante solo per il gusto di farlo, prova l'acido gibberellico. È uno stimolante della crescita che rende le piante molto allungate.

Make Feminized Seeds

TECNICA 1: ARGENTO COLLOIDALE

L'argento colloidale è una soluzione in acqua distillata nella quale sono sospese particelle microscopiche di argento. La natura dei colloidi significa che le particelle non si depositeranno mai e non possono essere rimosse con un normale filtraggio. L'argento colloidale è disponibile in commercio, oppure puoi produrlo da solo se vuoi fare il "nerd" (vedi la sezione istruzioni alla fine). Ha anche numerosi usi come medicina alternativa. Ad esempio, viene usato per lenire le ustioni, come antisettico e come digestivo, oltre che come controllo dei funghi in orticoltura.

Assicurati che la concentrazione sia di almeno 15ppm, preferibilmente 30ppm. Meno di 15ppm produce sacche maschili con poco polline vitale.

Per cominciare, seleziona una pianta che abbia le caratteristiche che vuoi preservare. I cloni femminzzati sono la pratica abituale in quanto le caratteristiche di crescita, fioritura e resina della madre sono già note. Non è necessario alcun tempo di vegetazione una volta che un clone è ben radicato. Basta mettere il clone in un vaso, dargli un giorno o due per riprendersi e iniziare subito un ciclo di luce 12–12. Una pianta coltivata per produrre polline può essere piccola perché la cannabis ne produce in abbondanti quantità.

Suggerimento: crea due cloni una volta selezionata una pianta, una da femminizzare e una da lasciare per l'impollinazione. In questo modo si crea uno spazio di riproduzione separato e si evita l’impollinazione accidentale di altre piante, o uno starnuto che impollina una intera grow room.

Le piante possono essere indotte a sviluppare organi sessuali maschili fino a quattro settimane dall’inizio della fioritura. Per i cloni è consigliabile spruzzare una settimana prima del cambio di luce. Se si utilizza una pianta cresciuta da seme, attendi fino a quando la pianta non ha sviluppato il sesso prima di spruzzare, in modo da essere sicuro che sia femmina.

Spruzza le piante da femminizzare con argento colloidale ogni giorno e tre volte al giorno se riesci. Bagnale bene. Fallo per due settimane, poi lascia che le piante crescano normalmente. Alcuni coltivatori riferiscono di aver ottenuto risultati dopo l'irrorazione in soli 5–10 giorni.

Quando inizia lo sviluppo del sesso, si svilupperanno sacche di polline maschili invece di calici e pistilli femminili. Le piante maschili maturano molto più velocemente delle femmine e il polline vitale si può produrre entro 3–4 settimane dopo che la pianta ha sviluppato il sesso. Alcuni coltivatori spruzzeranno fino a quando la pianta non mostrerà una decisa crescita sessuale solo per assicurarsi che il metodo abbia funzionato. Assicurati che queste piante siano ben isolate da qualsiasi femmina in fiore. Una singola sacca può rilasciare milioni di spore di polline e richiede solo una spora per pistillo per creare un seme.

NON FUMARLE

Una volta che le piante sono state spruzzate con argento colloidale e il polline è stato raccolto, sono da eliminare e non le devi fumare. Dare loro un risciacquo completo non funzionerà. L'argento colloidale è un trattamento sistemico assorbito dalla pianta attraverso il fogliame e non un'applicazione topica. Stai al sicuro e buttale via.

PRE-FIORI MASCHILI / FEMMINILI

TECNICA 2: RODIATURA

La sinsemilla è uno stato innaturale per la cannabis. Senza l'intervento umano sarebbe raro trovare in natura una femmina non impollinata, a meno che non fosse sterile. Quando le piante di sinsemilla vengono lasciate andare oltre la loro desiderabile fase di maturazione per un certo numero di settimane, la pianta, attraverso un incredibile processo che l'evoluzione le ha elargito, capisce che non è stata impollinata. Come ultimo tentativo di propagazione produrrà quindi sacchi di polline maschili nello sforzo di auto-impollinarsi.

Questo non è il risultato di ermafroditismo genetico o indotto dallo stress. Sono autentiche banane maschili con cromosomi XX. Con tutte le informazioni genetiche dal cromosoma femminile e non Y, l'uso di polline rodiato crea semi solo femminili, anche se, come con l'argento colloidale, può occasionalmente apparire un maschio.

RACCOLTA DI POLLINE E POLLINAZIONE

Esistono numerosi metodi di raccolta utilizzati per catturare il polline.

  • Coprire la parte superiore del vaso con plastica o cartoncino per raccogliere il polline mentre cade, o modificare un bicchiere di plastica per proteggere la pianta e catturare il polline che cade.
  • Fissare un sacchetto di plastica trasparente, perforato nella parte superiore per lo scambio d'aria, attorno all'intera pianta.
  • Un occhio esperto rimuoverà ogni baccello prima che si spalanchi completamente per essere sicuro di catturare ogni spora.
  • Impollinare una femmina è facile. A seconda del numero di semi che vuoi creare, ci sono un paio di metodi che possono essere usati.
  • Usando un pennello morbido, o anche un cotton fioc, immergilo nel tuo raccolto di polline e applicalo delicatamente sul fiore che hai scelto. Anche se ci saranno migliaia di spore vitali all'estremità del pennello, abbastanza per impollinare un'intera pianta, i tricomi sulla superficie dei pistilli incolleranno avidamente tutto ciò che offri loro. Quindi immergi il pennello nel tuo contenitore di polline un paio di volte quando spenelli il fiore.
  • Per produrre molti semi, mettere il polline in un sacchetto e posizionarlo sopra un ramo o una pianta intera, agitare bene e lasciare per ventiquattro ore.
  • È possibile impollinare diversi rami con pollini diversi e disporre di una pianta madre che contiene 1, 2 o 15 incroci diversi.
  • È anche possibile autoimpollinare la pianta da cui sono state create le parti maschili. Questo non produrrà tanti semi quanto l'impollinazione di una pianta separata perché vengono prodotti meno fiori femminili e molti sono non vitali a causa del processo di femminizzazione.

COLTIVARE PIANTE FEMMINIZZATE

Tratta i semi femminizzati come faresti con qualsiasi altro seme, dalla germinazione alla vegetativa, e poi alla fioritura. Ora l’osservazione diventa importante perché vuoi le migliori piante per il tuo giardino. Idealmente, la predisposizione di spazi separati per vegetativa e fioritura in cui è possibile coltivare un certo numero di piante consente ad una normale stanza di coltivazione una produzione ininterrotta.

Le piante selezionate usando la femminizzazione sono omozigoti. Questo può avere due effetti che non possono essere valutati fino a quando i semi non sono germinati. Il gene omozigote aumenterà i tratti dominanti o recessivi del genitore nella progenie, quindi le caratteristiche che vuoi e che non vuoi possono essere amplificate. La genetica è una cosa strana.

Proprio come per gli incroci standard da maschio a femmina, che è un processo eterozigote, sarà necessario coltivare un certo numero di piante e scegliere le migliori per le piante madri e per la futura riproduzione. Con spazio sufficiente si possono coltivare centinaia, se non migliaia, di nuove piante per selezionare il meglio dei fenotipi.

Feminized Cannabis

I FEMBOT COMANDANO

Pensando un po' in anticipo è possibile impostare un efficace programma di femminizzazione selettiva e avere sempre a portata di mano semi femminili dei tuoi fenotipi preferiti. Non si sa mai, potresti scoprire la prossima grande cosa!

CREA IL TUO PERSONALE ARGENTO COLLOIDALE

Il modo più semplice e relativamente poco costoso, considerando quanto denaro è potenzialmente risparmiato evitando di perdere tempo a coltivare maschi, è quello di acquistare un generatore di argento colloidale, che è la scelta più rapida e senza fronzoli. Oppure puoi creare il tuo argento, cosa abbastanza semplice e che non richiede alcuna abilità speciale.

L'argento colloidale si produce facendo passare corrente elettrica da un elettrodo d'argento puro attraverso acqua distillata. Questa semplice elettrolisi è tutto ciò che c'è da fare. Sebbene l'acqua distillata non conduca molto bene l'elettricità a causa della sua mancanza di minerali, ne passa abbastanza da creare micro particelle ionizzate d'argento. Sembra molto tecnico, ma in realtà non lo è.

COSA TI SERVE

  • Un alimentatore: 9–12 volt è l'ideale, oppure una batteria da 9 volt. È possibile utilizzare tensioni più elevate, ma è necessario sapere esattamente cosa si sta facendo in modo da non essere fulminati.
  • Cavo elettrico. Un pezzo per il positivo e uno per il negativo.
  • Acqua distillata. Questa è facile da trovare al supermercato. Non usare l'acqua del rubinetto poiché contiene troppe impurità che possono danneggiare il processo.
  • Argento puro, almeno al 99%. Le monete d'argento sono ideali e relativamente economiche. Sono disponibili su eBay o dai commercianti di monete. Anche con il filo d'argento si ottengono risultati, e alcuni rapporti indicano che anche le leghe d'argento funzionano, ma non si può sapere esattamente quale potrebbe essere il comportamento degli altri metalli presenti in queste leghe. Usare una fonte di argento puro è il metodo più sicuro.
  • Piccole pinzette di metallo a molla per tenere l'argento.
  • Un misuratore di ppm.

COME FARE

  1. Assicurati che l’alimentatore sia impostato su 9–12 volt.
  2. Togli l’isolante a ogni estremità dei fili usando forbici o spelafili.
  3. Collega saldamente le pinzette all'estremità di ciascun filo per garantire un buon flusso di corrente. Una saldatura è la cosa migliore.
  4. Fissare i fili ai terminali positivo (rosso) e negativo (nero) sull’alimentatore ancora scollegato, o alla batteria.
  5. Metti un pezzo di argento in ogni pinzetta. Non farle toccare fra di loro. Riempi a ¾ un barattolo o un bicchiere di vetro con l'acqua distillata. 500ml faranno facilmente due piante.
  6. Sospendi ogni pinzetta nell'acqua sui lati opposti del contenitore.
  7. Collega e accendi l'alimentatore. Se si utilizza una batteria, il processo ha avuto inizio nel momento in cui gli elettrodi sono stati immersi nell'acqua.
  8. Dopo 20 minuti, rimuovi gli elettrodi e testa il liquido con il misuratore di ppm. 15ppm (0.5) e oltre è il tuo obiettivo. La soluzione dovrebbe diventare di un colore oro pallido.
  9. Al termine, pulisci l'ossido d'argento nero dagli elettrodi d'argento e metti via il kit per la prossima volta.
  10. Conserva l'argento colloidale in una bottiglia scura e in un luogo fresco. È sensibile alla luce e alla temperatura, ma non metterlo in frigorifero.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.