C'è un buon motivo se la maggior parte dei coltivatori mantiene le piante maschio lontane da quelle femmina: le piante di sesso maschile impollinano quelle femminili portandole a sviluppare semi. Di conseguenza, le femmine concentrano le loro energie nella produzione di semi piuttosto che nella crescita di cime di alta qualità. Questo sfortunato prodotto finale pieno di semi può essere facilmente evitato implementando alcune tecniche di base.

Ovviamente, a nessuno piace fumare una marijuana piena di semi. Se coltivate cannabis saprete che bisogna sempre identificare le piante maschio e i primi segnali d'allarme di una possibile impollinazione, rimuovendo prontamente questa minaccia per salvare le femmine restanti. Allo stesso modo, riconoscere in anticipo una pianta femmina impollinata consente di ricominciare prima che sia troppo tardi, piuttosto di portare avanti una coltura che si tradurrà in un raccolto di scarsa qualità.

Pianta Di Cannabis Impollinata

COME SAPERE SE UNA PIANTA FEMMINA È STATA IMPOLLINATA

Tra i primi segni espressi da una pianta femmina impollinata c'è l'ingrossamento delle brattee dei fiori, piccole strutture a forma di foglia che proteggono le parti riproduttive delle femmine. Questi sono i siti da cui si sviluppano le infiorescenze vere e proprie, da non confondere con i calici.

Un valido test per verificare se le brattee si sono ingrossate è asportarne una con un paio di pinzette e aprirla. Se al suo interno c'è un seme allora la pianta è stata impollinata.

Un altro indizio di possibile impollinazione è il colore dei pistilli. Quando una pianta femmina viene impollinata, i peletti che prima erano bianchi si ritraggono, diventando più scuri.

Pistils Della Pianta Della Cannabis Del Polline

COME EVITARE L'IMPOLLINAZIONE DELLE PIANTE FEMMINA

L'impollinazione richiede la presenza di piante di sesso maschile o intersessuali (ermafrodite, ovvero piante femmina che producono anche polline). La prima cosa che dovrete fare per ridurre al minimo il rischio di impollinazione è rimuovere il maggior numero possibile di piante maschio o ermafrodite. Soprattutto durante le prime tre settimane di fioritura sarà importante controllare con frequenza la comparsa di eventuali esemplari maschio all'interno della coltura.

Normalmente, un coltivatore di cannabis non ha motivi per tenere in vita i maschi, che saranno estirpati non appena verranno identificati. Tuttavia, un breeder potrebbe essere invece interessato a coltivare piante sia maschio che femmina, nonostante cercherà di separarle per evitare qualsiasi impollinazione accidentale. Normalmente, i maschi crescono in un ambiente e le femmine in un altro. Quando vengono coltivati all'aria aperta, come in un giardino, i maschi vengono spesso isolati nell'angolo più remoto dell'area di coltivazione, il più lontano possibile dalle femmine. Tuttavia, all'aperto ci sarà sempre il rischio di un'impollinazione accidentale, in quanto una folata di vento sarà sufficiente per trasportare il polline.

Calmati E Calici Pistilli Di Stimmi

COME RICONOSCERE UNA PIANTA MASCHIO

Per determinare il sesso di una pianta di cannabis bisogna aspettare fino alla fase di pre-fioritura, quando le piante iniziano a convogliare energie per riprodursi. Le piante di cannabis femmina mostrano il loro sesso con qualche giorno di ritardo rispetto ai maschi. Nelle zone dove si andranno a sviluppare le infiorescenze (ovvero i nodi tra gambo e ramificazione laterale), compaiono i primi ciuffi di peletti bianchi.

Le piante maschio non svilupperanno mai peletti all'altezza di questi nodi, bensì sacche polliniche, con l'aspetto di piccole palline. Possono apparire da sole o in gruppi, a seconda di quanto sarà avanzata la fase di pre-fioritura della pianta. Quando lo stadio di sviluppo è avanzato, le sacche si aprono spargendo il loro polline nelle zone circostanti e impollinando le eventuali piante femmina.

Bratta Femminile Maschio Della Cannabis

COME COMPORTARSI QUANDO UNA FEMMINA VIENE IMPOLLINATA?

Individuare in anticipo le piante di cannabis maschio e quelle femmina ormai impollinate può farvi risparmiare tempo e sforzi per seguire inutilmente una coltura che non potrà mai andare a buon fine. La maggior parte delle volte, la migliore cosa da fare è eliminare i maschi e le femmine ormai impollinate ed avviare subito una nuova coltura.

COME EVITARE IL PROBLEMA DELL'IMPOLLINAZIONE

Ovviamente, esiste un modo per evitare qualsiasi rischio di impollinazione in una coltura domestica. Grazie all'innovazione dell'industria moderna della cannabis, i semi femminizzati sono ampiamente disponibili in una vasta selezione di nuove e leggendarie varietà. A differenza dei semi regolari, da tenere sotto controllo per identificare o separare i maschi durante la crescita, dai semi femminizzati prodotti dalle migliori seedbank si svilupperanno sempre e solo piante dalle squisite infiorescenze. Una volta valutata questa possibilità, spetta solo a voi decidere quale varietà si adatta meglio ai vostri parametri colturali e ai vostri obiettivi personali come coltivatori.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out