La cannabis esiste da molto più tempo di noi e, come coltivatori, possiamo solo provare a replicare le condizioni ambientali a cui si è abituata. In natura, esistono una miriade di fattori che influiscono sulla crescita di piante sane e forti. Ma quando stiamo coltivando piante medicinali per persone che potrebbero averne bisogno per sopravvivere, non possiamo permettere che la natura faccia liberamente il suo corso.

Per questo motivo, cerchiamo di controllare ogni aspetto di una Grow Room, al punto tale da adottare misure non sempre necessarie. Aspetti come questo possono diventare lunghi ed estenuanti, offuscando l'amore e il divertimento che si possono invece provare coltivando questa pianta. Ed ecco che abbiamo deciso di proporvi qualche trucco naturale da adottare nelle vostre piantagioni, permettendovi di dedicare più tempo ad altre cose di vostro gradimento.

COS'È LA PACCIAMATURA?

Il suolo è costituito da diversi strati. Alcuni sono più ricchi in minerali, altri contengono maggiori quantità di materia organica. Il pacciame è il primo strato superficiale. Quando camminate in un bosco, il pacciame è tutto ciò che vedete depositato sul terreno attorno a voi. Copre il suolo e lo protegge.

Esistono diversi tipi di pacciame con funzioni diverse a seconda del materiale usato. Spetta a voi analizzarli e giudicare ciò che funziona meglio per la vostra coltura. Vogliamo comunque aiutarvi per dare il via alla vostra ricerca.

La pacciamatura aiuta a sostenere la vita microbica del terreno. Il pacciame verde è perfetto per concimare le piante con tutti i batteri "benefici" necessari per la loro crescita. Questo tipo di pacciamatura è molto attraente per questi tipi di batteri ed è principalmente costituito da foglie morte e insetti. In questo modo il pH del terreno rimane bilanciato in modo naturale e l'assimilazione delle sostanze nutritive nelle zone radicali delle piante può migliorare. I batteri amano il pH neutro.

Il pacciame marrone, invece, è composto da materia vegetale morta, come trucioli di legno e ramoscelli. Questo tipo di pacciamatura non si mescola bene con il terreno, ma in alcuni casi può essere un vantaggio. Il pacciame marrone offre un ambiente molto accogliente per i funghi, e i funghi amano gli ambienti più acidi. Pertanto, per mantenere un pH ottimale bisogna bilanciare correttamente il materiale usato per la pacciamatura.

Tipi Di Pacciame Per La Coltivazione Di Cannabis

COME FUNZIONA LA PACCIAMATURA

Per comprendere la funzione della pacciamatura, bisogna prima di tutto capire un importante concetto: il ciclo di vita di una pianta. Per tutta la durata della sua vita, una pianta assimila sostanze nutritive dal terreno per poter crescere, svilupparsi e sostenere le sue necessità. Tuttavia, quando la pianta muore e si decompone, tutte le sostanze nutritive da lei assunte vengono nuovamente restituite al terreno. La coltivazione della cannabis finalizzata alla sua successiva raccolta priva essenzialmente il terreno di queste sostanze nutrizionali in modo permanente.

Per cui, grazie alla pacciamatura potrete restituire al vostro terreno tutto ciò di cui hanno bisogno le vostre piante. Non solo, ricreerete anche quell'importante strato superficiale che aiuta a mantenere più sane le condizioni del terreno. Questo volume extra di materiale vegetale manterrà inoltre più fresco ed umido il suolo sottostante. Con uno strato di pacciame, l'acqua non evapora più così facilmente. Inoltre, consentirete alle radici delle piante di svilupparsi anche nelle zone più superficiali. Queste aree che prima venivano evitate perché troppo asciutte, calde ed esposte al sole, possono essere adesso completamente esplorate dalle radici delle piante.

USARE LA PACCIAMATURA PER LA CANNABIS

Ora che sapete cosa può fare il pacciame in una coltura, impariamo ad usarlo correttamente per la nostra dolce Mary Jane. Considerando il modo in cui influisce sul pH del terreno, usare impropriamente il pacciame può dare più problemi che vantaggi.

Durante la fase vegetativa, il pacciame verde sarà la scelta migliore. Portate il pH ad un valore di 6,7 per contribuire ad aumentare la crescita batterica, molto importante per le sostanze nutritive di cui ha ora bisogno la pianta per sviluppare la sua fase vegetativa. Ma non esagerate. Sono sufficienti 5cm di pacciame. Quando invece passerete alla fase di fioritura, dovreste abbassare il pH, rendendolo più acido con valori di 6,4. In questo caso il pacciame marrone migliorerà l'assunzione di macro e micronutrienti. Ed è proprio questo ciò a cui dovrete ambire per ottenere quelle cime così succose.

Un'ultima cosa che dovreste prendere in considerazione è la composizione del vostro pacciame. Che lo stiate facendo da soli o lo abbiate acquistato in un negozio specializzato, sappiate che alla fine fumerete ciò di cui è composto. State lontani dai prodotti ottenuti da boschi trattati con prodotti chimici, così come da tutto ciò che non è organico (in caso doveste decidere di farvelo da soli).

Pacciamatura E Niente Pacciamatura Nella Coltivazione Della Cannabis

PACCIAMATURA CON PLASTICA

Esiste però un'eccezione: la pacciamatura con materiali plastici. Ad alcuni di voi potrebbe sembrare contraddittorio, ma l'uso della plastica in agricoltura non è certo una novità ed ha addirittura un nome: plasticoltura. La plastica viene spesso usata per coprire le serre. Si tratta di un materiale molto più economico del vetro e può essere anche più efficace. L'uso di un solo strato di plastica può isolare meglio le colture dal calore.

Ma quando si tratta di pacciamatura, la versione in plastica consiste semplicemente nel coprire il terreno che circonda le piante con teli di plastica. Analogamente ad una serra, coprire il suolo con la plastica consente di trattenere più umidità, grazie alla sua capacità di schermare la terra dalla luce solare diretta e di evitare che l'acqua evaporata venga rilasciata all'esterno.

I coltivatori possono usare teli di plastica di colore diverso a seconda delle esigenze. La plastica nera rimane quella più comunemente usata. Il suo unico scopo è quello di mantenere al massimo l'umidità. Contrariamente al pacciame organico, il pacciame di plastica, come probabilmente avrete già intuito, non fornirà al vostro terreno un apporto supplementare di sostanze nutritive. Non è un sostituto di qualcosa, ma piuttosto una soluzione molto pratica se il problema principale è la ritenzione idrica del suolo. Quando le sostanze nutritive e il pH sono bilanciati, potreste non voler più usare materiali organici e rischiare di incasinare le cose.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out