Il governo portoghese ha dato il via libera alla prima ed unica medicina a base di cannabis di tutto il Paese. L’Agenzia Nazionale per la Sicurezza dei Medicinali e dei Prodotti Sanitari ha approvato il prodotto per trattare ed alleviare i sintomi di alcune patologie refrattarie alle terapie convenzionali.

Rita Barata, direttrice del Tilray Portugal, ha dichiarato al settimanale The Portugal News[1] che: “Questa è la prima ed unica preparazione o sostanza a base di cannabis consentita per scopi medicinali nel nostro Paese e stiamo pianificando nel prossimo futuro di rendere accessibili ai pazienti portoghesi anche altri prodotti”.

Tilray, leader mondiale nella ricerca e nella coltivazione della cannabis, distribuisce attualmente i suoi prodotti in altre 15 nazioni. A seguito dell’approvazione del governo portoghese, la società prevede una maggiore distribuzione di medicinali a base di cannabis all’interno del Paese.

Cannabis Terapeutica in Portogallo: Un Nuovo Leader di Mercato?

Si spera che il traguardo raggiunto dal Portogallo segni l’inizio di un nuovo mercato, consentendo a molte altre aziende di distribuire prodotti a base di cannabis. Man mano che l’industria della marijuana continua a crescere negli Stati Uniti, le grandi società e le piccole imprese artigiane si stanno muovendo per creare nuovi ed esclusivi prodotti per i consumatori ricreativi e terapeutici.

Molte di queste aziende si stanno allontanando dal paradigma “una molecola, un recettore” e si stanno invece concentrando sui numerosi cannabinoidi, terpeni e flavonoidi presenti nella pianta di cannabis, sostanze chimiche che agiscono in sinergia per creare il cosiddetto “effetto entourage”.

Il mercato del CBD sta diventando sempre più florido in molte altre nazioni europee, rendendo questo cannabinoide più accessibile ai consumatori terapeutici. Alcuni Paesi, tra cui Regno Unito ed Irlanda, prescrivono il Sativex (una miscela composta da THCCBD in proporzioni uguali) per trattare determinate patologie.

Cannabis Terapeutica in Portogallo: Un Nuovo Leader di Mercato?

Tuttavia, i medicinali a base di cannabis autorizzati in Portogallo sono incentrati su preparati di THC. Si tratta di una misura progressista ed unica nel suo genere. Sebbene il THC sia alla base degli effetti psicotropi della cannabis, può risultare molto efficace contro una serie di problemi di salute.

Inoltre, buona parte della produzione di medicinali a base di cannabis avverrà all’interno dei confini del Portogallo. Questo pone le basi per un modello che si spera che a breve venga adottato anche da altri Paesi. Ad esempio, in Spagna è quasi impossibile ottenere una licenza per produrre articoli a base di CBD.

L’uomo ha usato la cannabis con scopi farmacologici per migliaia di anni[2] e la ricerca moderna[3] supporta l’applicazione della pianta in questo contesto. Il Portogallo ha compiuto i primi passi verso l’adozione della cannabis a fini terapeutici e ci auguriamo che continui in questa direzione.

La Marijuana È Legale in Portogallo? — Strategie Basate su Esperienze Passate

L’approvazione del primo farmaco alla cannabis si basa sulle fondamenta delle leggi portoghesi più tolleranti in materia di droghe, un modello condiviso dagli attivisti della politica antiproibizionista in tutto il mondo[4]. La cannabis rimane illegale nel Paese, ma la depenalizzazione significa che i cittadini non verranno più perseguiti penalmente per il possesso di cannabis ed altre droghe per uso personale.

Questa posizione pone il Portogallo tra i Paesi europei più tolleranti in questo ambito, insieme a Spagna e Paesi Bassi, ed anni luce davanti a nazioni come Germania e Regno Unito, dove le sanzioni sono ancora all’ordine del giorno. Questa posizione più tollerante risale al 2001, quando il Portogallo decise di depenalizzare il consumo di droghe. Da allora, i problemi derivanti dall'uso di sostanze stupefacenti, le pene detentive e le morti per overdose di droghe pesanti sono precipitati[5].

L’approvazione del primo farmaco a base di cannabis segna anche il compimento di un disegno di legge del 2018, un atto legislativo grazie al quale si approvò l’uso[6] della cannabis in Portogallo per scopi terapeutici dando il via al mercato interno.

Olio di CBD 10% (1000mg)
THC: 0.2%
CBD: 10%
CBD per goccia: 5 Mg
Vettore: Olive Oil

Acquista Olio di CBD 10% (1000mg)

Quali Conseguenze Avrà per la Coltivazione della Cannabis?

Purtroppo, l’autoproduzione domestica di cannabis per i cittadini portoghesi continua ad essere esclusa dalle leggi sulla depenalizzazione della cannabis. Nel 2018, alcune forze politiche cercarono di spingere per la legalizzazione della coltivazione domestica per uso terapeutico, ma i loro sforzi furono inutili.

Questo episodio fu alquanto deludente considerando il clima favorevole del Paese e la sua lunga stagione colturale. Per ora, i coltivatori dovranno aspettare per praticare il loro hobby senza lo stress derivante dal proibizionismo. Molti coltivatori ed attivisti pro-cannabis non nascondono una certa preoccupazione per il futuro delle medicine a base di cannabis, che potrebbero entrare in un rigido regime di monopolio ed escludere del tutto la coltivazione domestica. Preoccupazioni più che fondate.

External Resources:
  1. First cannabis-based substance for medicinal purposes approved - The Portugal News https://www.theportugalnews.com
  2. Medicinal Cannabis: History, Pharmacology, And Implications for the Acute Care Setting https://www.ncbi.nlm.nih.gov
  3. Cannabinoids As Therapeutic Agents - Google Books https://books.google.co.uk
  4. Congress Needs to Decriminalize All Drugs – drcarlhart https://drcarlhart.com
  5. Drug Decriminalization in Portugal https://drugpolicy.org
  6. Portugal passes medical cannabis law, opens domestic market https://mjbizdaily.com
Liberatoria:
Questo contenuto è solo per scopi didattici. Le informazioni fornite sono state tratte da fonti esterne.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.