Fino ad ora, sono stati identificati nella cannabis oltre 480 composti attivi. Queste sostanze comprendono principalmente cannabinoidi, terpeni e flavonoidi. In quest'articolo, daremo uno sguardo più approfondito ai flavonoidi della cannabis: cosa sono ed in che modo contribuiscono agli effetti unici della pianta di cannabis.

COSA SONO I FLAVONOIDI E COSA FANNO?

I flavonoidi appartengono ad un gruppo di sostanze chimiche vegetali, note come fitonutrienti. Sono presenti in quasi tutta la frutta e le verdure, e sono di solito responsabili dei loro vibranti ed attraenti colori.

I flavonoidi svolgono una parte importante nelle piante, specialmente riguardo alla colorazione dei fiori, con la produzione di pigmentazione gialla, blu e rossa, in fiori e frutti che attraggono così, in maniera naturale, animali impollinatori come le api.

Esistono oltre 6000 differenti tipi di flavonoidi, che si è soliti suddividere in 12 distinte categorie. Antocianidine, flavan-3-oli, flavonoli, flavoni, flavanoni, e isoflavoni sono i flavonoidi di maggior importanza alimentare.

Anthocyanidins, Flavan 3 Ols, Flavonols, Flavones, Flavanones, Isoflavones

CHE EFFETTI HANNO I FLAVONOIDI SUGLI UMANI?

Un recente studio suggerisce che i flavonoidi potrebbero essere in parte responsabili dei molti benefici, per la dieta e la salute, del mangiare frutta e verdura.

La ricerca, del Linus Pauling Institute (istituto di ricerca dell'università di Oregon State), indica che i flavonoidi presentano un'ampia gamma di benefici per la salute. Per esempio, i flavonoidi delle piante sono ritenuti possedere effetti antiinfiammatori, antitrombogeni, antidiabetici, anticancerosi, e neuroprotettivi.

Lo studio del Linus Pauling Institute fa riferimento ad altre prove, che mostrano come i flavonoidi possano migliorare la salute cardiovascolare e metabolica. Gli studi indicano anche che certi flavonoidi potrebbero essere d'aiuto ai pazienti diabetici nel controllo della glicemia.

I FLAVONOIDI NELLA MEDICINA ANTICA

I flavonoidi appartengono ad un gruppo di fitonutrienti chiamati polifenoli. Nelle antiche medicine cinese e ayurvedica, i polifenoli venivano comunemente impiegati per favorire la protezione della pelle, le funzioni cerebrali, il normale livello di zuccheri nel sangue ed una corretta pressione sanguigna. I polifenoli erano noti anche per le loro proprietà antinfiammatorie ed antiossidanti.

Oggi, le ricerche indicano che i flavonoidi possono essere benefici anche per quanto riguarda:

  • Longevità
  • Controllo del peso
  • Malattie cardiovascolari
  • Diabete
  • Cancro
  • Neurodegenerazione

I flavonoidi si possono procurare agevolmente sotto forma di integratori. Questi integratori di flavonoidi possono però, secondo il Linus Pauling Institute, provocare effetti secondari come nausea, vomiti, tremori e capogiro.

Si ritiene che molti flavonoidi siano concentrati nella buccia di frutta e verdura. Sono anche dei composti molto fragili, e tendono ad essere eliminati da gran parte dei procedimenti di cottura. Le diete basate su frutta e verdura cruda sono perciò considerate quelle che traggono dai flavonoidi i maggiori benefici.

Flavonoidi Dello Spettro Delle Piante Di Cannabis

QUALI FLAVONOIDI SI POSSONO TROVARE NELLA CANNABIS?

La cannabis contiene flavonoidi proprio come tante altre piante. Di fatto, gli intensi aromi, colori, e gusti, che potete attribuire ad una certa varietà, sono solitamente prodotti dai flavonoidi (e terpeni) di quella particolare pianta.

I fiori di cannabis sono pieni di ogni tipo di colori, comprese sfumature di verde, giallo, arancione, rosso, e talvolta perfino blu e porpora. Questi flavonoidi vengono espressi nel corso di tutto il ciclo vitale della pianta, e svolgono dei ruoli chiave nel filtrare la luce ultravioletta, come anche nel tenere lontano parassiti e malattie.

Purtroppo, a causa del proibizionismo, non si è svolta molta ricerca per identificare, classificare, e studiare i flavonoidi presenti nella cannabis. Per ora, sappiamo che la cannabis contiene una certa quantità dei seguenti flavonoidi:

  • Cannaflavine A, B, e C
  • β-sitosterolo
  • Vitexina
  • Isovitexina
  • Apigenina
  • Campferolo
  • Quercetina
  • Luteolina
  • Orientina

La gamma di flavonoidi presenti nelle piante di cannabis varia a seconda della genetica e delle condizioni di coltura di una data pianta. Per il momento, le nostre conoscenze sui flavonoidi nella cannabis, ed il loro ruolo, sono limitate. Ma con ulteriori ricerche, siamo fiduciosi che presto scopriremo in che modo contribuiscono agli effetti unici della cannabis, in tutte le sue forme.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out