Scegliere i Semi da Coltivare Outdoor Secondo il Clima

Juanita la Lagrimosa

I risultati di una coltura outdoor sono direttamente influenzati dalla varietà di cannabis coltivata e dal luogo dove verranno piantati i semi. La nostra classificazione delle migliori varietà per ogni zona climatica vi aiuterà a coltivare un'ottima marijuana dalla primavera all'autunno.

GENETICA: IL FATTORE PIÙ IMPORTANTE NELLA COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS

Cannabis Genetics
Cannabis Genetics

La genetica è la chiave per spingere al limite il potenziale dei semi di cannabis. E questo è un dato di fatto. Non importa quale formula miracolosa stiate usando per concimare le vostre piante o l'attenzione che rivolgiate alla loro crescita, i risultati dipenderanno soprattutto dalla genetica. Dai semi di scarsa qualità e di dubbia provenienza non si potranno mai ottenere alte rese di un prodotto di prima qualità. Solo selezionando i migliori semi femminizzati si possono evitare gli scarsi risultati di una genetica poco affidabile. La coltivazione outdoor della cannabis richiede un processo di selezione ancora più rigoroso.

Oggi, la grande maggioranza delle varietà di cannabis presenti sul mercato è stata specificamente adattata ed ibridata per le colture indoor. Certo, teoricamente la marijuana può crescere ovunque, ma in pratica non tutte le varietà rispettano tale principio. La maggior parte delle piante di cannabis predilige i climi più meridionali e soleggiati. Tuttavia, esistono varietà altrettanto eccezionali e resistenti capaci di crescere anche alle latitudini più fredde e settentrionali.

È giunto il momento di mettere le mani su alcune varietà di marijuana "old-school" da coltivare all'aperto. Selezionare la migliore cannabis da coltivare outdoor secondo il clima della zona è il primo passo per ottenere ottimi raccolti di prima qualità.

ZONE CLIMATICHE: QUANTO SOLE DEVE RICEVERE LA MIA PIANTAGIONE

Climate zones
Climate zones

Il primo punto da stabilire sono le ore di luce solare giornaliera che ricevono le piante di cannabis durante l'intera stagione colturale. Una volta valutati i tempi potrete iniziare a considerare quali possono essere le migliori varietà da coltivare. Tenete d'occhio le previsioni meteo e fate un po' di ricerca su internet. Cercate i dati precisi sulle ore di luce solare giornaliera, l'ora in cui sorge il sole e quando tramonta, le temperature diurne e notturne, i venti dominanti e la frequenza delle precipitazioni.

Se vivete in una regione climatica mediterranea, potrete permettervi di coltivare anche le sativa dalla fioritura più tardiva, da aprile a ottobre. Se invece coltivate nell'Europa settentrionale, caratterizzata da una breve primavera/estate di 8-10 settimane, potreste optare per le più robuste ruderalis. Se invece le vostre condizioni ambientali fossero una via di mezzo tra quelle appena descritte, allora potreste usare gli ibridi più versatili da coltivare nei mesi estivi.

LE FREDDE LATITUDINI SETTENTRIONALI

Cold temperature colored cannabis
Cold temperature colored cannabis

I coltivatori dell'Europa settentrionale, dalla costa occidentale dell'Irlanda alla Polonia orientale, sono soliti coltivare varietà di cannabis capaci di sopravvivere alle condizioni meno favorevoli. Le varietà fotoperiodiche e autofiorenti appositamente ibridate per reggere meglio i climi più freddi possono produrre raccolti di una qualità eccelsa, quando hanno la possibilità di completare correttamente il loro ciclo di sviluppo. Nessuna varietà di marijuana è invincibile.

Ricordatevi di far sempre riferimento ai dati meteo prima di scegliere i semi da coltivare. Se doveste vivere in una zona climatica con meno di 3 mesi di stagione favorevole alla coltivazione della cannabis, avrete solo il tempo di coltivare piante del calibro di Quick One o Easy Bud, tra la primavera e l'estate. Coltivate in vaso in modo da poter spostare le piante in un ambiente chiuso e protetto se il tempo dovesse peggiorare. Le precipitazioni sono piuttosto frequenti durante tutto l'anno in queste zone.

HOT, DRY INTERIOR CLIMATE

Small, private grow in California
Small, private grow in California

I coltivatori dell'Europa meridionale hanno un enorme vantaggio in più rispetto ai coltivatori del nord. Queste zone sono caratterizzate da un clima caldo e soleggiato che contribuisce ad allungare la stagione colturale, che può andare da marzo a novembre. Le possibilità sono infinite. Con queste condizioni dovrete solo scegliere la varietà di marijuana più di vostro gradimento.

I coltivatori principianti possono acquisire esperienza coltivando pregiate varietà autofiorenti nei climi caldi. Gli ibridi autofiorenti di nuova generazione della RQS sono una straordinaria opzione anche per i coltivatori più esperti interessati ad ottenere più raccolti in una sola stagione. Le prime varietà che ci vengono in mente sono la Royal Haze Automatic e la Northern Light Automatic, le più degne rappresentanti della coltivazione outdoor con climi caldi. L'unica cosa che dovrete fare è decidere se ottenere un raccolto di piante a predominanza indica o sativa.

Sarebbe un vero peccato non dilettarsi nella coltivazione outdoor di pregiate piante fotoperiodiche vivendo in una zona climatica calda. Una OG Kush o una Sour Diesel coltivate biologicamente in terra possono inebriare i vostri giardini con deliziosi sapori. Ovviamente, gli alberi giganti di ganja che possono superare i 2m d'altezza saranno sempre i più produttivi, per cui perché non scegliere varietà disposte a dare il meglio di se stesse sotto il sole? In questi casi potrebbe essere necessaria una struttura ombreggiante piuttosto di una tettoia di protezione contro la pioggia. Assicuratevi di controllare sempre i dati meteo e attenzione alle ondate di calore.

CLIMA CALDO-UMIDO DELLE ZONE COSTIERE

Warm climate cannabis
Warm climate cannabis

Sole, mare e sinsemilla coltivata all'aperto. Se vivete in una zona climatica mediterranea avete l'imbarazzo della scelta. Tuttavia, è sempre consigliabile coltivare varietà di cannabis resistenti alle muffe, soprattutto se siete coltivatori principianti. Purtroppo, le cime più compatte e dense non vanno d'accordo con i tassi d'umidità elevati.

In questi casi consigliamo sempre le genetiche a predominanza sativa, dove le migliori rappresentanti sono le Haze come la Amnesia Haze o la Shining Silver Haze. Le infiorescenze meno compatte e più ariose e la maggiore tolleranza verso l'umidità rendono gli ibridi sativa o le autofiorenti a predominanza sativa la scelta perfetta per i coltivatori costieri. Certo, la genetica sativa richiede qualche settimana di fioritura in più, anche nel caso degli ibridi autofiorenti, ma le piante possono crescere da aprile ad ottobre. Potreste sfruttare al meglio questo margine di tempo per produrre una marijuana di primissima qualità.

Fate comunque attenzione alle genetiche sativa, dato che anche loro possono essere attaccate da muffe e funghi. Controllate sempre i dati meteo e tenetevi pronti a raccogliere da settembre in poi se le piogge dovessero arrivare in anticipo.