Uno studio congiunto di ricercatori internazionali dell'UBC e del CARB hanno analizzato le ragioni dietro al consumo di Cannabis terapeutica. Questi dati indicano che la Cannabis è l'esatto opposto di ciò che alcuni politici e ricercatori definiscono "anticamera delle droghe pesanti".

In circolazione ci sono ancora molti miti che aleggiano intorno alla Cannabis: è l' "anticamera delle droghe pesanti", conduce al consumo di altre sostanze molto più pericolose per l'organismo umano, e per la società stessa. Alcune persone sono dell'opinione che criminalizzare la Cannabis sia solo questione di logica, per evitare che le persone danneggino se stesse con droghe più pesanti. Lasciateci fare un po' di luce nelle tenebre.

DI CHE NUOVO STUDIO STIAMO PARLANDO?

Un team internazionale di ricercatori dell'Università della British Columbia, in collaborazione con l'Università del Victoria’s Centre of Addictions Research of BC (CARB - Università per la Ricerca sulle Tossicodipendenze di Victoria), ha esaminato le ragioni che stanno dietro al consumo di marijuana terapeutica da parte di 404 consumatori di Cannabis per scopi medici. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Addiction Research and Theory. Per darvi un'idea di massima sui dati emersi: più del 75% (304 su 404 consumatori di Cannabis terapeutica presi in esame) hanno dichiarato di usare la Cannabis come sostituto degli alcolici, delle medicine prescrivibili e delle droghe illegali.

Nello specifico, circa il 67,8% dei consumatori di Cannabis per scopi terapeutici intervistati ha dichiarato di usarla come sostituto dei farmaci prescrivibili; il 41% ricorre all'erba per sostituire birra e superalcolici e il 36,1% in alternativa a sostanze stupefacenti illegali (gli intervistati potevano rispondere a più opzioni). Seguendo il link sottostante potrete approfondire l'analisi dei dati e dei risultati. Ma c'è ancora molto da scoprire.

cannabis non anticamera delle droghe pesanti

COME INTERPRETARE QUESTI RISULTATI SCIENTIFICI?

Ci sono alcune cose che vale la pena ricordare in questo contesto. Prima di tutto, questi risultati scientifici sottolineano che molti di noi hanno già avuto esperienze di questo tipo, semplicemente parlando con diversi consumatori di Cannabis sia terapeutica che ricreativa. Non è una grande sorpresa scoprire che la gente consuma Cannabis come alternativa all'alcool, ai farmaci prescrivibili e, probabilmente, in alcuni casi anche a sostanze stupefacenti più pesanti.

In secondo luogo, la questione che la Cannabis sia l' "anticamera delle droghe pesanti" perde sempre più credibilità. Gli oppositori alla legalizzazione della Cannabis, ovviamente, hanno bisogno di avere diversi argomenti per cercare di convincere l'interlocutore di avere validi motivi per discuterne seriamente.

Se si cerca di star dietro alle motivazioni per cui la Cannabis sarebbe l'anticamera alle droghe pesanti, presumendo che l' "anticamera" sia intesa come il passaggio obbligato verso sostanze come l'eroina, allora ci si darebbe ragione dell'illegalità della Cannabis. Gli spacciatori sono disposti a vendere qualsiasi cosa, pur di guadagnarci. Ed è così che ci si trova nell' "anticamera" alle droghe pesanti, a causa della stessa legislazione proibizionista.

Il ragazzo normale, il cittadino amichevole, il contribuente e, probabilmente, anche il padre di famiglia, prima o poi avranno la possibilità di procurarsi droghe illegali come eroina, cocaina o anfetamine, durante la ricerca di un po' d'erba, preferendola magari al consumo di grandi quantità di alcolici. Diventa così evidente come la Cannabis, in realtà, sia piuttosto la "via d'uscita" dalle droghe, o anche semplicemente un "riduttore di pericolosità" delle sostanze più pericolose. Per riassumere il concetto di "anticamera delle droghe": Un fallimento colossale!

Se analizziamo la materia inerente la Cannabis terapeutica da un punto di vista morale, oltre che da una prospettiva economica, potrebbero sorgere diversi dubbi sul reale ruolo della Cannabis nella nostra società, tenendo in considerazione i dati a nostra disposizione.

Questa pianta è in grado di aiutare le persone con un problema a controllare il proprio consumo di sostanze legali o illegali, sempre che questi soggetti non vengano criminalizzati o stigmatizzati per utilizzare al posto di altre sostanze stupefacenti una pianta naturale, famosa per essere meno pericolosa per l'organismo umano. Se le vere, migliori intenzioni fossero una corretta gestione della situazione sanitaria della società, allora la legalizzazione della Cannabis non verrebbe vista come qualcosa di assolutamente irrazionale.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out