Trova la tua varietà ideale con il nostro Seedfinder

Usare Tutte le Parti della Pianta di Cannabis per Fare Hashish

Potete raccogliere e ottenere kief dalle foglie di cannabis per farne hashish, seguendo vari metodi differenti.

Usare Tutte le Parti della Pianta di Cannabis per Fare Hashish

RACCOGLIERE LE INFIORESCENZE È SOLO IL PRIMO PASSO

Dopo mesi passati ad occuparvi delle vostre piante di cannabis, avete finalmente un po' di buoni fiori fatti crescere con le vostre stesse mani. E siamo onesti, cosa ci potrebbe essere di più bello che tirar fuori le tronchesine e raccogliere tutti quei bellissimi fiori intrisi di resina? Ma il divertimento non finisce lì! In aggiunta ai fiori, potete raccogliere anche altre parti della pianta per estrarne cannabinoidi e terpeni. Non c'è ragione per lasciare che qualcosa vada sprecato!

COSA È IL KIEF?

Il kief (o kif) è una polvere sottile, composta dei tricomi resinosi della cannabis. Il kief contiene alte concentrazioni di THC e può essere fumato in una canna o in un braciere, o pressato per fare hashish. La parte migliore: raccogliere il kief e fare hashish è facile ed efficace.

QUANDO RACCOGLIERE IL KIEF

Le infiorescenze che avete raccolto sono ora ordinatamente messe da parte per farle seccare, e le cime più piccole potrebbero addirittura essere abbastanza secche da fare una fumata di prova. Da qui a due settimane, sentirete che le vostre infiorescenze sono secche esternamente ma all'interno non si sono ancora completamente seccate.

Le infiorescenze più grosse avranno bisogno di ancora un po' di tempo. Lasciatele seccarsi tutte lentamente in una stanza buia sufficientemente grande (o attrezzata con un ventilatore), in modo tale che l'umidità dei fiori possa liberarsi. Dal momento che i ramoscelli delle cime si spezzano, potete riunirle per la concia. Non preoccupatevi se la vostra erba ha ancora un odore un po' “verde” per il primo paio di settimane; certe varietà potrebbero aver bisogno di un pochino più di tempo per sviluppare il tipico e caratteristico profumo di cannabis. Ora, mentre i vostri fiori stanno conciando, è il momento di raccogliere il kief dal fogliame per fare l'hashish!

SCEGLIERE IL MATERIALE FOGLIARE

Il segreto per ottenere un bel carico di kief per fare l'hashish è quello di mettere da parte il fogliame delle vostre piante! Potete conservare le foglie e lasciarle seccare, proprio come fate con i fiori.

A seconda della varietà, potete ritrovarvi con all'incirca la stessa quantità di foglie e di fiori secchi. Quindi se dalle vostre piante avrete 500 grammi di fiori secchi, potreste avere anche 500 grammi di residui. Ovviamente, tale quantità può variare, ma avete afferrato l'idea. Sebbene questo fogliame non sia potente come i fiori, una volta concentrato, la sua potenza aumenta in misura significativa.

COSA RICERCARE NELLE FOGLIE

• Verificate la presenza di tricomi

Prima di ogni altra cosa, assicuratevi di raccogliere tutte le cosiddette “sugar leaves”, o “foglioline resinose”. Come indica il nome, sono quelle foglioline ricoperte di una spolverata di tricomi e, dopo i fiori, sono la parte che contiene più cannabinoidi. Pertanto, un buon mucchietto di queste foglioline, una volta lavorato, può produrre una discreta quantità di hashish. Se vi interessa avere una miglior visione dei tricomi, usate una lente per ispezionare le foglioline resinose più da vicino. Noterete delle minuscole ghiandole a forma di fungo, con delle scintillanti “bollicine” cristalline. Questi sono i tricomi.

SCEGLIERE IL MATERIALE FOGLIARE

• Mettete da parte le foglie a ventaglio

Dovreste conservare anche le foglie più grandi, quelle a ventaglio. Sebbene contengano molti meno tricomi rispetto ai fiori e alle foglioline resinose, hanno comunque un certo contenuto di cannabinoidi e possono essere utilizzate per altri scopi oltre l'hashish. Comunque sia, in questo caso, le teniamo separate dal nostro mucchietto di foglioline resinose.

Mischiare le foglie dei due mucchi ha poco senso, dato che questo non farà che aumentare la quantità di materiale che occorre lavorare per ottenerne dell'hashish potente. Le foglioline resinose, ricche in THC, già contengono meno THC rispetto ai fiori; non ci conviene “tagliare” ancora di più il nostro hashish.

• Lasciate che il vostro materiale fogliare si secchi per bene

In ogni caso, la cosa importante è che lasciate seccare completamente i residui della potatura prima di fare l'hashish. Tenete presente che potrebbe occorrere più tempo per far seccare le foglie che i fiori! Il materiale fogliare dovrebbe essere tanto secco da sbriciolarsi quando lo sfregate fra le dita.

Più secche sono meglio sarà, e tanto maggiore il rendimento in hashish che vi potete aspettare dal vostro fogliame. La ragione di questo è che i cristalli di THC vengono via molto più facilmente quando sono molto secchi.

Questa polvere giallo dorata ha un effetto leggermente differente se fumata pura, e certi fumatori preferiscono lo sballo dolce e gli effetti dell'hashish rispetto all'effetto più stonato dei fiori.

RACCOGLIERE KIEF CON UN GRINDER A TRE PARTI

Il modo più semplice per raccogliere kief col passare del tempo è un grinder a tre parti. Questo tipo di grinder è dotato di uno speciale scompartimento sul fondo, con una retina nella parte superiore per raccogliere il kief: il raccogli-kief, appunto. In questo modo, quando state macinando la vostra erba, non state sprecando quella che molti considerano la parte migliore.

Suggerimento: quando macinate l'erba, scuotete e sbattete un po' il grinder, per agitare e raccogliere ancora più kief.

Se volete, potete fumare il kief che avete raccolto così com'è, in una canna o un braciere. Potete anche spolverare un po' di kief sui vostri fiori per dar loro una carica in più o mischiarlo con del tabacco.

Ma ci potete fare cose ancora più fighe: usarlo per infusioni al THC, canna-burro o perfino godervelo nel vaporizzatore. Mettetene semplicemente un po' nel caricatore del vaporizzatore e potrete apprezzare un tutt'altro livello di vaporizzazione. Fate attenzione però: il kief è molto potente e perciò probabilmente ve ne basterà una quantità molto piccola per sballarvi come pazzi!

RACCOGLIERE IL KIEF PER FARE L'HASHISH

Ma il divertimento vero comincia quando fate l'hashish con il kief. Andiamo a vedere tre semplici e potenti modi per fare hashish con il kief che avete raccolto.

RACCOGLIERE IL KIEF PER FARE L'HASHISH

POLLINATOR

Un grinder a tre parti può fungere allo scopo se volete raccogliere kief da una piccola quantità di materiale fogliare, ma se avete intenzione di metterne insieme molto di più per farci dell'hashish, avrete bisogno di andarci un po' più pesante. Ed ecco a voi il Pollinator. Sostanzialmente si tratta di un ampio cestello rotante con setaccio, che separa i cristalli e li raccoglie al di sotto.

Ecco come si usa il Pollinator:

• Preparate il vostro fogliame

Dato che il materiale fogliare deve essere molto secco, può essere opportuno fargli prima trascorrere una notte nel congelatore. Ciò risulta particolarmente utile quando avete intenzione di adoperare un Pollinator. Il freddo gelido fa sì che i cristalli di THC siano più fragili e si rompano più facilmente. Assicuratevi di utilizzare un recipiente a chiusura ermetica per mettere il vostro kief nel congelatore.

Allo stesso modo, assicuratevi di spezzettare tutto il materiale che avete intenzione di usare. Questo garantisce che dal vostro materiale possa liberarsi la massima quantità possibile di tricomi, e farà aumentare drasticamente il vostro rendimento in hashish. Fate anche in modo che non vi siano rametti, o che ve ne sia il meno possibile, dato che questi possono danneggiare il setaccio. Un setaccio può costare parecchio denaro e perciò è meglio evitare di danneggiarlo con rametti ed altri elementi voluminosi.

• Mettete il vostro materiale nel Pollinator

Mettete il materiale fogliare nel cestello e accendete. Entrerà in funzione un motorino che farà girare le vostre foglie, distaccando meccanicamente i tricomi. Dopo circa 30–40 minuti di rotazione, potete fermare il Pollinator e raschiar via e ammucchiare la polvere di hashish.

• Pressate il kief che avete raccolto per fare l'hashish

Per fare un ottimo hashish, pressate la polvere (la polvere pressata è chiamata skuff) e conservatela per almeno un anno per lasciarla maturare. La ragione per cui pressiamo la polvere è che così facendo si migliorano sapore e profumo. Ciò la rende anche più agevole da gestire e trasportare: un pezzo di hashish pressato è più facile da condividere con qualcuno rispetto ad un mucchio di polvere appiccicosa. In ogni caso, quanto migliore la qualità, tanto meno è necessario che la pressa sia potente; con del kief di scarsa qualità vi occorre una pressa che possa esercitare una pressione maggiore. Ciò si deve al fatto che vi è più materia vegetale mischiata ai cristalli, e perciò questi non si aggregano altrettanto bene.

Pollinator

Pollinator

I PRO
• Può lavorare una grossa quantità di materiale fogliare
• Raccoglie una buona quantità di kief
• Molto facile da usare
I CONTRO
• Abbastanza costoso
• Vale la pena solo se avete materiale in quantità sufficiente
 

BUBBLE HASH

Fare il bubble hash (o “hashish ad acqua”) funziona secondo gli stessi principi del Pollinator, ma per separare i cristalli si usa acqua ghiacciata. Fare il bubble hash è relativamente più laborioso, ma la qualità che si ottiene è un qualcosa di speciale.

Ecco come si fa:

• Procuratevi un secchio grande e delle “bubble bag”

Vi occorre un secchio grande, di capacità attorno ai 20 litri, in cui metterete degli speciali sacchetti filtranti per hashish. Questo elemento consiste in due o più borse di tessuto, con maglia di diverse dimensioni. Un filtro lascia passare i cristalli e le altre a maglia più fine catturano e trattengono i cristalli con purezza sempre maggiore. Procurandovi dei set di bubble bag composti da diversi sacchetti filtranti, potete raccogliere differenti livelli di hashish. Il sacchetto con la maglia più larga conterrà la maggior quantità di materia vegetale, mentre la maglia più fine conterrà l'hashish più puro.

• Riempite il secchio con acqua ghiacciata

Per avviare le operazioni, riempite il secchio con acqua ghiacciata. Più fredda è meglio è, perché questo farà sì che i cristalli si distacchino più facilmente. Consiglio extra: prima di cominciare a preparare il vostro bubble hash, mettete nel congelatore alcune bottiglie d'acqua da 1–2 litri; però non aspettate che diventi ghiaccio, ma solo che sia il più gelida possibile. In questo modo sarà perfetta per la preparazione di un buon hashish ad acqua.

• Mettete le bubble bag nel secchio

Mettete i sacchetti da bubble hash nel secchio con l'acqua ghiacciata, assicurandovi che il sacchetto più in fondo sia quello con la maglia più fine.

Bubble Hash

• Mettete un mixer a frusta nel secchio insieme al vostro materiale

Mettete un mixer a frusta nel secchio con il materiale fogliare e azionatelo. Mentre il mixer è in funzione e agita l'acqua, la sua azione farà liberare i cristalli. Non usate il mixer a velocità massima, perché non bisogna ridurre in poltiglia il materiale fogliare! Ciò darebbe soltanto un prodotto finale di qualità più scadente. Come con il Pollinator, potete ottenere i migliori risultati se prima di dare inizio al procedimento lasciate i vostri residui di potatura una notte nel congelatore. Allo stesso modo, può essere una buona idea aggiungere dei cubetti di ghiaccio all'acqua nel secchio.

Il modo più semplice di fare hashish ad acqua è quello di programmare il mixer con un timer, in modo tale da farlo andare per 20 minuti, poi fare una pausa di 5 minuti prima di riprendere con un ciclo di 20 minuti. Ripetete per un'ora e mezza circa.

Importante: assicuratevi che il mixer sia ben fissato al suo posto, in modo che non si sganci e mandi in rovina tutta l'operazione ed i vostri sacchetti. Non usate delle lame affilate, perché non state facendo un frullato di marijuana! Il materiale dovrebbe venir agitato delicatamente nell'acqua gelida; questo dovrebbe essere sufficiente a far distaccare i cristalli di THC.

Quando l'acqua è diventata di un colore giallo, bruno dorato, sapete che contiene una quantità decente di cristalli. Poiché per l'hashish state eseguendo l'estrazione ad acqua, non vi sono rischi di contaminazione da solvente e ciò aumenta purezza e qualità. Ora è il momento di tirare i sacchetti fuori dal secchio. Lasciate sgocciolare e scuoteteli bene avanti e indietro prima di aprirli, e vi resterà un mucchietto di cristalli gialli!

I pro

• Funziona meglio con materiale secco, ma anche fresco va bene
• Non richiede tanta attrezzatura, né tanto sofisticata, quanto il Pollinator
• Utilizza acqua come solvente non contaminante
• Se ne ottiene una buona qualità di hashish

I contro

• Non è la maniera più semplice per fare hashish
• Richiede un certo tempo
• Occorre più materiale che per il Pollinator
• Certe varietà perdono un po' del loro aroma con questo metodo

BUBBLEATOR

La stessa azienda che produce il Pollinator produce anche il Bubbleator, un ingegnoso apparecchio con cui fare bubble hash è un gioco da ragazzi! L'apparecchio ha l'aria di una piccola lavatrice ed elimina la seccatura di dover usare secchio e mixer. È semplicissimo da adoperare e dà ottimi risultati.

Ecco come usare il Bubbleator per fare un meraviglioso bubble hash:

• Mettete il vostro materiale nel sacchetto filtrante del Bubbleator

Mettete il materiale nell'ampio sacchetto filtrante in dotazione al Bubbleator. Mettete il sacchetto dentro il Bubbleator e riempitelo di acqua gelida. Potete aggiungere anche dei cubetti di ghiaccio.

• Accendete il Bubbleator

Girate l'interruttore del Bubbleator e l'apparecchio vi farà dell'hashish in 15 rapidissimi minuti! Lasciate semplicemente il Bubbleator fare il suo lavoro, ed avrete il vostro agognato mucchietto di cristalli in men che non si dica. È pratico, perché non dovrete mettervi a cercare un mixer adeguato, e non occorre più un'ora di rimescolio per fare il vostro hashish! Bubbleator è dotato di sacchetti filtranti, termometro e sacchetto per gli scarti.

Bubbleator

Bubbleator

I PRO
• Rapido
• Pratico
• Facile da usare
I CONTRO
• Più costoso
• Produce una sola qualità di hashish
  

CONSIGLI DA PRO PER FARE HASHISH CON IL KIEF

Che stiate utilizzando il Pollinator, il Bubbleator o stiate facendo bubble hash col metodo tradizionale, potete in teoria godervi il vostro hashish immediatamente. Ma il vero intenditore di hashish lascerà la sua riserva a stagionare per almeno un anno. A prima vista questa potrebbe sembrare una seccatura; dopotutto, chi ha voglia di aspettare per godersi un fantastico hashish? Ma se state coltivando cannabis e fate hashish ogni anno, presto metterete insieme una riserva illimitata di hashish di qualità!

NON SOLO INFIORESCENZE DI CANNABIS

Succose infiorescenze di cannabis e foglioline resinose ricche di THC sono solo l'inizio. Ebbene sì, c'è ancora altro che potete fare con le vostre piante di cannabis, perché non una singola parte vada sprecata! Che diamine, potete perfino usare i rami per fare del tè o liquore di marijuana. Consultate il nostro blog Come Riutilizzare i Rami delle Piante di Cannabis per maggiori informazioni! E naturalmente, ci sono tantissime altre cose che potete fare con le foglioline resinose ricche di tricomi, come delle preparazioni edibili o vaporizzarle insieme ai vostri fiori.